Entra in contatto con noi

Lifestyle

Raffreddore: lo scolo nasale è una delle patologie più comuni

Pubblicato

il

Il naso che cola è una malattia di origine virale. Non è grave, ma è piuttosto fastidioso ed è un problema con cui lottiamo più volte all’anno. Si tratta di un’infiammazione che colpisce le vie respiratorie e quindi si manifesta con congestione nasale, naso che cola e starnuti. Questi sintomi possono essere associati a mal di gola, tosse, mal di testa, dolori muscolari e febbre.

Più spesso in inverno, è molto contagiosa, soprattutto nei primi 2 o 3 giorni, poi di solito cessa dopo una settimana. Di solito va via da solo in pochi giorni. I rimedi naturali e quelli della nonna sono molto efficaci, così come riposare e bere molta acqua.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Anche i farmaci da banco (spray nasali, pastiglie per la gola) che riducono la congestione nasale e aiutano ad alleviare i sintomi e ti fanno sentire meglio possono essere d’aiuto.

Anche i raffreddori nei neonati sono abbastanza comuni e, con un trattamento adeguato, non rappresentano un pericolo per il bambino. Inoltre, i raffreddori durante la gravidanza, sebbene frequenti, non sono pericolosi. Molto spesso va via da solo, ma il trattamento più efficace è la prevenzione.

Cos’è un raffreddore?

Lo scolo nasale è una delle patologie più comuni, soprattutto durante i mesi invernali e con l’arrivo dei primi freddi. Ma sebbene sia altamente contagioso, non è una malattia grave. È causata da un’infezione virale che colpisce prevalentemente le prime vie respiratorie (naso, gola, trachea).

Advertisement

Ogni anno milioni di persone prendono il raffreddore: in Italia ne soffre circa il 46% della popolazione sopra i 14 anni. Sebbene il comune raffreddore sia un disturbo così comune, solo il 55% di coloro che si ammalano guarisce.

Infezione: come si trasmette il comune raffreddore

Si trasmette principalmente in due modi:

Per via aerea: per inalazione di aria contaminata. Una persona fredda può diffondere il virus nell’aria attraverso le più piccole goccioline d’acqua rilasciate da starnuti e tosse.
Per contatto diretto: con oggetti contaminati che tocchiamo quotidianamente, soprattutto con le mani.
I virus, microrganismi molto piccoli, devono invadere altre cellule e utilizzare le loro fonti di energia per riprodursi.

Il corpo si protegge producendo anticorpi che lo rendono immune da possibili ricadute. Ma, essendo mutevoli, i virus del raffreddore riescono comunque a eludere le difese: ecco perché i raffreddori continuano a colpire, e perché è impossibile produrre un vaccino.

Advertisement

Raffreddori nei bambini

I raffreddori nei neonati sono abbastanza comuni e, con un trattamento adeguato, non rappresentano un pericolo per il bambino. Il più delle volte nel terzo o quarto mese di vita. La causa è sempre un virus, ei sintomi sono tipici: naso che cola, febbre, starnuti, tosse, difficoltà a dormire.

Normalmente non vengono somministrati farmaci, salvo casi particolari. Basta infatti dare acqua da bere al bambino, sciacquargli il naso e lasciarlo riposare, questo non può certo essere trascurato, onde evitare complicazioni. Tuttavia, un raffreddore, stranamente, fa bene ai bambini piccoli. Li aiuta infatti a entrare in contatto con agenti infettivi per sviluppare e rafforzare il sistema immunitario.

Quando chiamare il pediatra?

Si consiglia di rivolgersi immediatamente a un medico se il neonato ha meno di tre mesi e/o se il raffreddore peggiora o si sviluppano complicanze. Vediamo quindi in quali casi è opportuna una valutazione medica:

Difficoltà a respirare o respiro sibilante.
Tosse persistente, anche grave.
Occhi rossi.
Alta temperatura (più di 38 °).
Irritabilità e pianto frequente.
Secrezione purulenta dal naso.
Colore delle labbra bluastro.
La presenza di tracce di sangue nell’espettorato.
Bambini e raffreddori.
L’autunno e l’inverno possono essere mesi difficili per i bambini che combattono raffreddori, mal di gola e tosse. Disturbi che, se un adulto riesce a passare in pochi giorni, nei bambini possono durare fino a 2-3 settimane.

Advertisement

La conseguenza per loro è stanchezza, vertigini, mancanza di attenzione e scarso rendimento scolastico anche per lunghe assenze.

Cosa si può fare per prevenire il raffreddore nei bambini o aiutarli a riprendersi?

Un raffreddore durante la gravidanza è una condizione abbastanza comune, ma non pericolosa. Infatti, molto spesso si risolve da solo. È sempre importante evitare possibili complicazioni, ma il trattamento più efficace è la prevenzione. I raffreddori durante la gravidanza sono abbastanza comuni, anche perché durante questo periodo la donna va incontro a cambiamenti del sistema immunitario associati all’azione degli ormoni. In effetti, per questo motivo, un raffreddore di solito dura un po’ più a lungo del solito, ma questo non significa che sia più pericoloso.

Advertisement

Trending