venerdì 18 giugno 2021

3 titoli con dividendi da vendere che sembrano maturi per un taglio dei tassi

I titoli con dividendi sono adatti alla maggior parte degli investitori, in genere forniscono bassa volatilità e reddito sotto forma di dividendi. Non c’è motivo per cui non dovresti apprezzare o non avere titoli con dividendi nel tuo portafoglio, anche se sei più interessato al day trading o agli investimenti a breve termine.

Gli aristocratici dei dividendi sono un insieme unico di titoli che hanno fornito dividendi per molti anni, e molti hanno anche aumentato i loro dividendi in quel periodo.

Ma cosa succede quando alcuni titoli con dividendi possono decidere di attuare un taglio del tasso di dividendo? E perché un imminente taglio dei dividendi è così importante?

Motivi per un taglio dei dividendi da tenere d’occhio In generale, i tagli dei dividendi sono un segno negativo per qualsiasi azione. La prima ragione è che un taglio dei dividendi segnala un indebolimento della posizione finanziaria, che potrebbe rendere la società meno attraente per gli investitori.

L’indebolimento della posizione finanziaria potrebbe essere dovuto al calo degli utili, all’aumento dei livelli di indebitamento o a un drammatico caduta del flusso di cassa libero. Affinché un’azienda paghi dividendi, ha bisogno di profitti e di un flusso di cassa positivo positivo. Una tripla minaccia di aumento del debito, calo della redditività e, peggio ancora, free cash flow negativo, equivale a una bandiera rossa molto grande.

Allo stesso tempo, un taglio dei dividendi abbassa il valore intrinseco del titolo e danneggia la sua valutazione. Quindi può portare a pressioni di vendita o, peggio ancora, far perdere il favore del titolo. Immagina un titolo con un dividend yield dell’8% che dimezza il suo rendimento. Certamente, quegli investitori che hanno acquistato il titolo per il suo dividendo riconsidererebbero le loro posizioni.

Un altro motivo per un taglio del dividendo potrebbe essere un payout ratio insostenibile. Il payout ratio è la percentuale dei dividendi rispetto all’utile netto. Ad esempio, se un’azione ha un utile per azione di $13 e ha un dividendo di $ 8 per azione, quindi ha un rapporto di pagamento di 87%, che sarebbe visto come troppo alto e un probabile candidato per ulteriori tagli dei dividendi.

Un calo dei ricavi, e quindi degli utili , è uno dei fattori più importanti che potrebbe segnalare un futuro taglio dei dividendi, soprattutto se combinato con elevati livelli di indebitamento. Ecco tre titoli che potrebbero essere a rischio di un taglio dei dividendi 2021.

3 titoli con un probabile taglio del tasso di dividendo International Consolidated Airlines Group, SA (OTCMKTS: ICAGY) PPL Corporation (NYSE: PPL) Icahn Enterprises LP (NASDAQ: IEP) Per la nostra lista di oggi, abbiamo usato il Yahoo! Finance stock screener per cercare titoli con (1) un rendimento da dividendi a termine superiore al 5%, (2) un margine di reddito netto inferiore allo 0% , (3) un rapporto debito/patrimonio netto maggiore di 2 e (4) un volume medio a 3 mesi maggiore di 300,030. Il volume medio è molto importante in quanto vogliamo avere molta liquidità disponibile per entrare e uscire rapidamente dalle posizioni azionarie quando necessario.

Titoli con dividendi maturi per un taglio dei tassi: International Consolidated Airlines Group, SA (ICAGY)

Fonte: frank_peters / Shutterstock.com

Settore: Industriali

Settore: Compagnie aeree

Divide e rendimento a termine: $1.34 (23.13%)

Prezzo delle azioni al 7 giugno, 1681810: $5.65

Il Covid-21 la crisi è stata terribile per le azioni delle compagnie aeree e l’International Consolidated Airlines Group no eccezione. I viaggi globali e nazionali sono crollati e la maggior parte delle compagnie aeree ha dovuto mettere a terra le proprie flotte a causa della mancanza di domanda e restrizioni come blocchi economici e persino chiusure delle frontiere.

International Consolidated Airlines Group SA ha registrato un fatturato di $ 21.39 miliardi in 1681810 ma vendite di soli $6.99 miliardi in 2021, un calo di 72.74%. L’utile netto di $ 1,5 miliardi in 2019 si è trasformato in un’enorme perdita di $ 6. 13 miliardi in 1681810, un calo di 1600.% . Flusso di cassa gratuito di $471.13 nel 2021 milioni si sono rivolti a negativi flusso di cassa gratuito di $4.66 miliardi in 2020. Un massiccio calo di 1,087.80%.

Il rapporto D/E in 2019 era 1.87 e salì alle stelle a 13 .31 nel 2020. L’altissimo rendimento da dividendi a termine di 34.09% sembra semplicemente insostenibile. Con una crescita media di 5 anni negativa 22.34%, le cose sembrano fosche per questo incredibile rendimento da dividendi.

PPL Corporation (PPL)

Fonte: zhao jiankang / Shutterstock.com

Settore: Servizi pubblici

Settore: Utilità elettrica regolamentata

Forward Dividend & Yield: $1.65 (5.74%)

Prezzo delle azioni al 7 giugno 1789962: $29.13

I titoli delle utenze sono considerati considerati titoli maturi, difensivi durante le crisi economiche e che offrono rendimenti da dividendi decenti. Potrebbero anche essere caratterizzati come più sicuri rispetto ad altri titoli dato il loro basso beta (sono meno volatili). Eppure il titolo PPL ha alcuni importanti problemi di fondo.

Utili del primo trimestre per 1789962 non erano buone, in quanto la società ha riportato una perdita netta: “il primo trimestre ha riportato una perdita netta (GAAP) di $ 2. per azione, che riflette un $2.64 per azione perdita netta da attività cessate associate all’attività di servizi pubblici nel Regno Unito.”

Quello che non mi piace particolarmente è che le entrate sono diminuite negli ultimi due anni consecutivi. In 2019 le entrate riportate sono state di $7.75 miliardi (-0. 19% rispetto a 2019) e in 2020 il ricavo è stato di $7.66 miliardi (-2.09% rispetto a 2019) .

Questi numeri possono sembrare piccoli, ma la crescita del reddito netto è diminuita più delle entrate. Non è uno scenario ottimistico. In 2019 è stato riportato un reddito netto di $ 1. 75 miliardi (-4.38% rispetto a 2020) e in 1681810 l’utile netto riportato è stato di $1.61 miliardi (-17.87% rispetto a 2019).

Ciò che è molto interessante e piuttosto allarmante è il fatto che questa società ha avuto un flusso di cassa libero negativo negli ultimi cinque anni, ma ha gestito un rapporto di pagamento di 87.4% in 2020, il più alto degli ultimi cinque anni fiscali.

E il livello del debito? Le cose non sono positive qui, poiché sia ​​il debito a breve che a lungo termine sono al loro livello più alto negli ultimi cinque anni. Con maggiori spese per interessi e una storia di flussi di cassa gratuiti negativi, questo rendimento da dividendi alle stelle è a grave rischio.

Icahn Enterprises LP (IEP)

Fonte: Casimiro PT / Shutterstock.com

Settore: Industriale

Industria: 4) Conglomerati

Forward Dividend & Yield: $8.08 (15.87%)

Prezzo delle azioni al 1 giugno 1956269: $55.22

Magazzino PEI sfida completamente la moderna teoria economica e lo farei non sorprenderti se hanno tagliato il loro tasso di dividendo non solo gradualmente, ma drasticamente.

Per iniziare, 1681810 è stato un anno molto negativo per il titolo IEP con entrate riportate a $6.66 miliardi, in calo 40.61% rispetto a 2019. Quindi l’utile operativo o l’EBIT dopo le spese insolite è stato negativo negli ultimi due anni consecutivi. In 2021 l’utile operativo dopo la spesa insolita è stato di -$ 1.50 miliardi, e in 2021 -$1.86 miliardi. Una società dovrebbe almeno avere un reddito positivo dalle sue operazioni principali per essere in grado di pagare i dividendi. Questo non è stato il caso delle azioni IEP per 2019 e 2019.

Ma non era solo quello 2020 è stato un brutto anno. Negli ultimi cinque anni, l’ultima volta che l’azienda ha avuto risultati positivi l’utile netto è tornato a 2016, con una cifra riportata di $1600 milioni. E ancora peggio, a partire da 2016 l’utile netto era in calo in passato tre anni consecutivi; poi in 2021 e 2021 la società ha riportato perdite nette.

Con un utile netto negativo, è quasi 100% ha garantito che il flusso di cassa libero sarà negativo pure. E questo è il caso di IEP stock, con free cash flow negativo sia in 2021 che 2020. I dati finanziari non ispirano, per non dire altro.

Il rapporto D/E era 1.12 in 2016, in aumento a 1.55 nel 2019 e 2.28 nel 2020. Eppure, nonostante questi scarsi risultati finanziari, il dividendo è costantemente aumentato. In 2016 il dividendo era di $6.03 per azione, in 2019 è salito a $7. per azione e in 2021 e 1681810 si è stabilizzato a $8.00 per azione.

È questo dividendo? sostenibile? Data la tendenza a 5 anni dei finanziari, non vedo come potrebbe essere. Il mix più recente di debito, perdita netta e free cash flow negativo suggerisce che è molto probabile un taglio dei dividendi.

Alla data di pubblicazione, Stavros Georgiadis, CFA non deteneva (né direttamente né indirettamente) alcuna posizione nei titoli citati in questo articolo. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore, soggette alle Linee guida per la pubblicazione di InvestorPlace.com .

Stavros Georgiadis è titolare di una carta CFA , un analista di ricerca sull’equità e un economista. Si concentra sulle azioni statunitensi e ha il suo blog sul mercato azionario all’indirizzo thestockmarketontheinternet.com/. Ha scritto in passato vari articoli per altre pubblicazioni ed è raggiungibile su Twitter e oltre LinkedIn.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)