giovedì 25 febbraio 2021

409: La dieta di ripristino della tiroide per risolvere i problemi della tiroide con il dottor Alan Christianson

Bambino: Benvenuto nel podcast di mia mamma.

Questo podcast è sponsorizzato da Four Sigmatic, la mia fonte di funghi funzionali come Lion’s Mane, chaga, cordyceps e altri. Di recente, mi sono davvero goduto le loro proteine in polvere: è nuovo ed è delizioso! ha 18 g di proteine vegetali pure, 7 funghi funzionali e adattogeni, vaniglia organica e non un solo grano, gomma o grammo di stevia. Adoro aggiungere la vaniglia a un frullato con alcuni frutti di bosco per un pasto facile (e anche i miei bambini lo adorano). Il sapore del burro di arachidi mescolato con un po ‘di cacao e latte di macadamia rende un ottimo pomeriggio ricco di proteine. Se non hai provato Four Sigmatic, adoro anche il loro caffè con criniera di leone al mattino e i pacchetti di elisir di reishi la sera! Vai su foursigmatic.com/wellnessmama e il codice wellnessmama ti offre il 10% di sconto.

Questo podcast è sponsorizzato da Wellnesse, l’azienda di cura della persona che ho fondato per affrontare alcuni dei peggiori trasgressori nel mondo della cura della persona! Sapevi che molti prodotti per la cura dei capelli contengono detergenti aggressivi? Ma i tuoi capelli non sono panni sporchi e non hanno bisogno di essere trattati come se fossero! Invece, abbiamo creato prodotti “hair food” nutrienti e naturali che supportano il naturale equilibrio e la forza dei capelli nel tempo per renderli più forti e più sani! Per aiutarti a vedere e sentire la differenza, stiamo organizzando una sfida di disintossicazione dei capelli! Provalo per 30 giorni e mostraci la differenza tra i tuoi capelli! Scatta una foto e taggaci su qualsiasi social media. Per renderlo ancora più semplice, puoi risparmiare 15% su tutti i nostri prodotti per la cura dei capelli con il codice hairdetox 15 su wellnesse.com.

Katie: Ciao e benvenuta a “The Wellness Mama Podcast”. Sono Katie di wellnessmama.com e wellnesse.com. È la mia nuova linea per la cura della persona, il benessere con la E alla fine.

Sono qui oggi con la prima persona che mi ha davvero aiutato nel mio percorso di guarigione dalla malattia della tiroide. E ora posso dire di essere in piena remissione da Hashimoto. Sono qui con il dottor Alan Christianson, che è recentemente l’autore di “The Thyroid Reset Diet”, di cui parliamo oggi, e in particolare alcune cose molto specifiche che sono estremamente vitali per far guarire la tiroide da sola. Egli sostiene con forza il fatto che la malattia della tiroide spesso non deve durare per tutta la vita, ma che gran parte dei consigli convenzionali che ci vengono dati sulla malattia della tiroide può effettivamente essere controproducente per la guarigione a lungo termine.

Se non hai familiarità con il dottor Christianson, è un endocrinologo naturopatico specializzato in malattie della tiroide, in particolare Hashimoto, ipotiroidismo e morbo di Graves. È anche il mio specialista quando si tratta di problemi specifici della tiroide, anche se attualmente non ho problemi specifici della tiroide. Ed è stato il primo in grado di diagnosticare con precisione Hashimoto e aiutarmi a capire come sarebbe stato il mio percorso verso il recupero. Sono sempre così felice di condividerlo con voi ragazzi. E penso che molte delle nuove informazioni che presenta in questo episodio siano davvero, davvero utili per chiunque abbia problemi di tiroide. E anche il suo nuovo libro, “The Thyroid Reset Diet” è molto importante. Quindi, se hai qualsiasi tipo di problema relativo alla tiroide, lo consiglio vivamente. Il collegamento ad esso sarà nelle note dello spettacolo insieme ai collegamenti a molte delle cose di cui parliamo in questo episodio. Penso che imparerai molto e soprattutto come ho detto, alcuni punti molto importanti che spesso vengono presentati in modo errato anche da altri esperti di tiroide. Quindi so che imparerai molto. E senza ulteriori indugi, facciamo un salto. Dottor Christianson, bentornato.

Dott. Christianson: Ehi, Katie, felice di essere qui con te.

Katie: È sempre un tale piacere parlare con te. Ho così tanta gratitudine personale per te. Mi hai aiutato nel mio viaggio con il superamento della malattia della tiroide. Sei stato il primo che davvero, prima di tutto, l’hai riconosciuto, mi ha aiutato a ottenere una diagnosi e poi a iniziare il recupero. Quindi te ne sarò per sempre grato. E so che hai aiutato molte migliaia di persone a fare la stessa cosa. E mi piace riaverti. Una notevole quantità di ascoltatori ha una qualche forma di malattia della tiroide, Hashimoto è molto comune. E so che sei uno dei massimi esperti al mondo su questo. E quindi è sempre una tale gioia poterti condividere su questo podcast. So che stai lavorando a un nuovo libro davvero completo che penso sia davvero, davvero importante per chiunque abbia qualsiasi tipo di lotta alla tiroide, ma soprattutto quella di Hashimoto. E voglio approfondire alcune delle cose di cui parli oggi. Ma per iniziare in senso ampio, penso che sia anche importante assicurarsi di avere una sorta di definizione dei termini e anche una comprensione di dove stiamo andando quando abbiamo conversazioni come questa. Perché per fortuna, non ho avuto questa esperienza, perché ho lavorato con te, ma ho sentito da molti ascoltatori quando viene diagnosticato che le loro condizioni non miglioreranno. Probabilmente peggiorerà e durerà per tutta la vita. Quindi mi piacerebbe iniziare da lì e parlare della malattia della tiroide dal punto di vista di ciò che sta accadendo nel corpo e possiamo supportare il corpo nell’annullarlo?

Dr. Christianson: Sì. Sì, grazie mille. E ottimi punti per inquadrare questo. In generale, ci sono due cose importanti. C’è l’incapacità delle ghiandole tiroidee di produrre abbastanza ormoni e il corpo non risponde adeguatamente a quell’ormone. Quindi quelle cose vanno insieme. E fino al recente passato, la medicina pensava che questo fosse progressivo, persistente e non reversibile. Ma la nuova prova che sto condividendo è che questo può migliorare. Per molte persone, ciò significa che risponderanno in modo diverso agli ormoni tiroidei. Possono chiarire i loro sintomi in modi che non avevano prima. E per alcuni, significherà che non avranno più bisogno di cure tiroidee in corso. Sai, la loro ghiandola può letteralmente ricrescere nuove cellule e iniziare di nuovo a produrre ormoni in modo più efficace. Quindi questa è la parte eccitante.

Katie: Questo è davvero incoraggiante, soprattutto perché come ho detto, non è necessariamente presentata come informazione comune. Perché pensi che non sia realmente conosciuto nello standard di cura in questo momento? Ci sono parti dell’approccio che ci mancano o che forse mancherebbe solo il trattamento convenzionale che lo rendono impossibile?

Dr. Christianson: Sì. Quindi la cosa che è venuta fuori che ha reso evidente questa prospettiva sono nuove informazioni. È degli ultimi, degli ultimi anni. E c’è sempre un grande ritardo tra la creazione dei dati e la consegna dei dati, sai, che vengono utilizzati e che influenzano la pratica. Quindi, questo è solo il momento per iniziare a uscire, ma queste sono nuove scoperte che non erano disponibili per nessun medico, anche solo diversi anni fa.

Katie: Wow. Va bene. Quindi, spiegaci alcuni di questi perché so, lavorando con te, che cose come l’ormone tiroideo possono essere utili e persino necessarie, specialmente nella prima parte di esso. Ma che aspetto ha quel tipo di arco di recupero e come farebbe qualcuno a sapere, ad esempio, se sarebbe stato possibile per loro?

Dr. Christianson: Beh, questa è una bella domanda. E non è sempre chiaro se qualcuno ricrescerà le proprie cellule. Ma chiunque può prevedere di poter fare di meglio in termini di risposta all’ormone. Quindi, l’arco di recupero è che le persone in genere possono avere una diagnosi nei primi anni o alcuni, può essere ritardato, alcuni, può essere un decennio o più fuori. E alcuni non stanno ancora assumendo i farmaci e ci sono quelli che sono ancora imbottiti e ancora sintomatici. E così, con questo nuovo approccio, possono fare in modo che il loro sistema assuma meglio gli ormoni. Quando prendi un ormone, deve ancora essere metabolizzato e assorbito dalle cellule e rispondere adeguatamente ai mitocondri. E quelle sono tutte parti che possono essere anelli deboli della catena e ragioni per cui coloro che sono in trattamento non si sentono come se fossero. Hanno ancora gli stessi sintomi che avevano in esso. Ma queste cose possono cambiare e possono cambiare un ordine compreso tra uno e tre mesi. Per coloro a cui è stata diagnosticata la malattia e hanno avuto la malattia per quattro anni o meno, e non sono ancora in trattamento, hanno buone possibilità che le loro cellule tornino alla normalità e assumano la propria funzione da sole, e non è necessario andare in trattamento. E quel cambiamento può richiedere dai tre ai sei mesi.

Katie: È così affascinante e quindi contro quello che sono molte delle raccomandazioni. Cosa sta succedendo fisiologicamente con quello che sta succedendo? Perché certamente, il consiglio che ho ricevuto all’inizio con una diagnosi della tiroide ovviamente non è stato da te, ma prima era che se hai la tiroide bassa, devi prendere più iodio.

Dr. Christianson: Sì. E questo è qualcosa di complicato. Sai, a un livello di comprensione davvero superficiale, potrebbe sembrare logico. La tiroide ha bisogno di iodio per funzionare. Quindi puoi pensare: “Beh, se non funziona, deve essere necessario di più”. E ho pensato al modo in cui i nutrienti possono funzionare, come il modo in cui le chiavi possono funzionare per un’auto. Sai, se non hai le chiavi, l’auto non si muoverà. Ma ci sono innumerevoli problemi con l’auto che non saranno risolti da più chiavi. E potresti persino immaginare che se versassi, sai, 20, 000 chiavi all’interno dell’abitacolo al posto di guida, non si poteva nemmeno guidare correttamente. Quindi, è così che funziona. Lo iodio è qualcosa a cui la tiroide ha bisogno delle quantità più piccole. E normalmente ne circolano solo piccole quantità. Quindi, quello che fa è che lo pompa e lo concentra dentro di sé. La tiroide pompa lo iodio. Ora, poiché le quantità necessarie sono così piccole, se ne prendi troppo, la tiroide si spegne. E lo fa perché gli ormoni tiroidei sono pericolosi quando ce ne sono troppi. Possono danneggiare il cuore. Possono causare assottigliamento delle ossa. Possono causare danni al cervello. E i nostri corpi ne hanno un’idea. Quindi, invece di produrre troppi ormoni, spengono semplicemente la tiroide. Quindi, una quantità insufficiente di iodio può essere un problema, ma anche troppo. E parte della nuova grande intuizione è che il divario tra troppo poco e troppo è molto più stretto di quanto pensassimo prima, specialmente per alcune persone.

Katie: E quindi sembra che ci siano molti variazione e individualità quando si tratta della quantità che forse una persona ha bisogno?

Dr. Christianson: Beh, per essere veramente precisi, non c’è molta variazione in termini di requisiti nutrizionali per lo iodio. Non abbiamo trovato variazioni, di cui alcune persone necessitano di quantità molto più elevate di altre per la loro funzione tiroidea. Quello che troviamo è che c’è molta variazione nella tolleranza dello iodio. Quindi, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha esaminato migliaia di situazioni in cui le aree hanno acqua fortificata con iodio, e poi ha visto come questo gioca sul miglioramento e peggioramento della malattia della tiroide. E puoi parlare molto solo dei risultati della popolazione e delle fasce di popolazione. E quello che abbiamo scoperto è che quasi ogni individuo può tollerare tranquillamente fino a circa 1, 100 microgrammi di iodio per scopi a breve termine. Ma quelli che sono inclini alla malattia della tiroide e vulnerabili ad essa, quel limite superiore è probabilmente più simile a 200 microgrammi. Quindi, il limite inferiore per quasi tutti è da qualche parte intorno 50 microgrammi. Se qualcuno ottiene meno di quel lungo termine, può avere complicazioni. È leggermente diverso per fascia d’età. Questo è davvero per gli adulti e per le donne non incinte. Ma sì, gli adulti sono abbastanza costantemente circa 50 microgrammi per la loro fascia bassa. Ma coloro che sono vulnerabili alle malattie della tiroide, più superano 200 i microgrammi, anche per un breve periodo di tempo, più può causare loro danni.

Katie : E questo includerebbe anche fonti alimentari di iodio, ovviamente, non solo integratori, giusto?

Dr. Christianson: Sì, questo solleva un grande punto. Quindi lo otteniamo dagli integratori. Lo prendiamo dal cibo. Possiamo assorbirne un po ‘dai cosmetici. Ed è la somma totale di tutte quelle fonti che dobbiamo tenere a mente.

Katie: Come possiamo valutare quanto stiamo ottenendo dal cibo o quali sono alcuni cibi che vorremmo vuoi essere cauto se siamo preoccupati di consumare troppo iodio?

Dr. Christianson: Sì, quindi due buone domande, come possiamo valutare quanto stiamo ottenendo? E la cosa migliore è pensare di avere la sensazione di evitare i più grandi valori anomali. Non esistono strumenti perfetti per misurare lo iodio. Possiamo parlarne di più. Ma considerando alcuni dei quantitativi di gran lunga più alti, nella popolazione degli Stati Uniti, non sono cibi comuni, Kelp, Nori, Duelz. Coloro che li mangiano contribuiscono molto, ma non sono così comuni in un livello di popolazione come il nostro. Poi pensiamo ai latticini e ai cereali trasformati. Quindi, queste si sono rivelate le fonti principali per la maggior parte delle persone, la maggior parte delle persone con una tipica dieta americana. Entrambi hanno molto iodio, più come contaminante che come estensione naturale del cibo stesso. E poi il terzo dopo quei due sarebbe il sale. Molti tipi di sale hanno aggiunto iodio. Molti altri tipi, non è aggiunto, ma naturalmente, può ancora averne un bel po ‘.

Katie: Questo è interessante. Quindi, penso che potrebbe essere una nuova informazione per molte persone è che i latticini e i cereali trasformati possono essere una fonte relativamente sostanziale di iodio. È aggiunto o è come un sale iodato a cui vengono aggiunti chicchi lavorati o da dove viene?

Dr. Christianson: Beh, quindi il grano nello specifico, c’è qualcosa lungo il modo di lavorare e produrre che non è del tutto chiaro. Ed è cambiato ed è fluttuato. Quindi sono stati condotti molti studi di analisi del paniere di mercato. L’USDA va in quattro regioni del paese e compra cose dai supermercati e analizza centinaia di alimenti diversi per il loro contenuto di nutrienti. E questo viene fatto ogni anno. E quello che hanno scoperto è che confrontando i risultati dei primi 90 con i 2010, il contenuto di iodio è aumentato di due o tre volte per molti cibi popolari a base di cereali. E ci sono alcune cose che puoi comprare sullo scaffale che diranno, sai, pane con un balsamo per pasta iodato. E sembrerebbe logico pensare che quelli che non l’hanno detto andrebbero bene. Ma questo non è davvero confermato. Quindi, tutto ciò che ha condizionatori a base di iodio in genere ha una discreta quantità di iodio, ma alcune cose che non etichettano hanno comunque quantità maggiori. Quindi, da qualche parte lungo la strada, nella produzione di prodotti commerciali, pane, bagel, biscotti, muffin, vengono utilizzati vari composti di iodio. E qualcosa … Sai, adoro quanta enfasi hai insegnato alle persone sull’importanza degli alimenti non trasformati. Sai, gli alimenti trasformati non devono etichettare tutto ciò che va nella confezione. Ci sono molte cose che vengono utilizzate lungo il percorso che non sono considerate ingredienti di ricette di formule che sono ancora presenti. E questo è un chiaro esempio di ciò.

Katie: È così interessante. Ed ha senso che ovviamente il sale iodato contenga iodio, ma anche altre forme di sale potrebbero farlo proprio per il contenuto di minerali che avrebbero naturalmente. Come possiamo sapere …? Ad esempio, ci sono forme di sale più sicure che è meglio scegliere?

Il dott. Christianson: Ci sono. E per fortuna, questo è un esempio di una sostituzione parallela davvero facile. Quindi, sai, si può ancora essere deliberati sulla loro assunzione di sale per vari motivi. Ma non deve essere evitato su tutta la linea a causa dello iodio. Sai, semplice regola, i sali kosher sono generalmente privi di iodio. I due marchi più comuni che vedrai nei negozi sono Morton’s e Diamond Brand Kosher salt. E quelli sono entrambi privi di iodio. E ci sono anche un paio di tipi di sale marino che ho notato che sono anche relativamente privi di iodio. Sai, uno è il marchio di sale marino di Maldon. E poi il marchio celtico ha un sottotipo chiamato il loro sale grigio chiaro, che è sia macinato fine che grossolano. E questo è anche relativamente basso in iodio. Il sale rosa dell’Himalaya può essere più alto in esso. E i sali marini oltre a questi due, possono variare enormemente nel loro contenuto di iodio.

Katie: Capito. Sono un grande fan del Maldon Sea Salt. Quindi, inserirò anche un collegamento a quello. Un’altra cosa quando si tratta di iodio, e penso che ci sia qualche disinformazione qui, voglio assicurarmi di affrontarla, molte fonti raccomandano di fare un patch test di iodio sulla tua pelle come un modo per capire di quanto iodio hai bisogno. E se il patch test ti dice che hai bisogno di più iodio, dovresti prenderne di più. Puoi spiegare, A, cosa sia un patch test e, B, se è accurato nel sapere di quanto iodio abbiamo bisogno?

Il dott. Christianson: Sì. Quindi, così tante cose che lo iodio scende alla sua natura volatile come sostanza chimica. Ed è altamente reattivo. Si ossida rapidamente. Sai, puoi pensare a una specie di candeggina. Ed è simile in molti modi. Chimicamente, è lo stesso posto del cloro nella tavola periodica, la stessa riga. E quindi a causa di ciò, è casuale ed è difficile definirlo, per così dire. Quindi la logica alla base del patch test, la logica ha un senso, la logica è che, sai, il tuo corpo può assorbire alcune cose preferenzialmente in base alle tue esigenze. E questo è assolutamente vero per il ferro simile. Abbiamo una vasta gamma di attività delle nostre proteine leganti il ferro nel nostro tratto intestinale. E fluttuano riflettendo il nostro bisogno di ferro. Se siamo bassi, assorbiamo di più. Se ne abbiamo in abbondanza, assorbiremo meno. Ora, si presume che quell’idea valga per il modo in cui lo iodio agisce sulla pelle. Sappiamo che lo iodio si assorbe attraverso la pelle. I numeri variano, ma da qualche parte circa il 4,5% di iodio attraverserà la pelle e finirà nel flusso sanguigno. Quindi il patch test presume che la velocità con cui lo assorbi sia una funzione delle tue necessità. E presume anche che il colore cambi … Quindi, i composti di iodio come Betadine, sono di un ambra scuro, come un colore brunastro scuro, e li dipingi sulla tua pelle, sono abbastanza visibili. E nel tempo, questo svanisce. E quindi il presupposto è duplice. Il presupposto è che lo sbiadimento del colore sia proporzionato all’assorbimento di iodio. E la seconda ipotesi è che se lo stai assorbendo, lo assorbirai in base a quali sono le tue esigenze. Quindi lo metti insieme e fondamentalmente presumono che se dipingi lo iodio sulla pelle e se ne va rapidamente, devi averne avuto bisogno. E se non lo fa, non ne avevi bisogno. Quindi, per abbattere queste due ipotesi, la prima è solo che non ci sono esempi noti di quella regolazione in base alla quale il corpo può scegliere quanto assorbe attraverso la pelle.

Sai, noi aspettarsi di assumere sostanze nutritive dal nostro intestino, così possiamo aggiustare alcune cose lì. Ma il nostro corpo non è davvero pronto a prendere intenzionalmente le cose sulla pelle. Voglio dire, possiamo, ma non fa tanto parte del nostro design o adattamenti. Non abbiamo mezzi per regolare il nostro assorbimento. L’altro problema con l’idea è che il colore cambia, quindi il cambiamento di colore non significa che sia andato. Il cambiamento di colore è solo l’ossidazione dello iodio in ioduro. Quindi, i composti di iodio colorati come Betadine, hanno una miscela di ioduro e iodio. E il colore proviene esclusivamente dallo iodio. Lo ioduro è incolore. Quindi, quando è esposto all’aria, si converte da iodio a ioduro e diventa trasparente. Quindi puoi avere una quantità enorme di iodio sulla tua pelle e il cambiamento di colore è solo lo iodio stesso che cambia chimicamente. Non è così coinvolgente. E poi, se ciò non bastasse, sono stati fatti alcuni grandi studi su questo test. Ed erano fatti nei primi 30. E hanno preso persone che avevano un normale stato di iodio. Hanno preso quelli che erano carenti e hanno anche preso la pelle da persone morte. Hanno preso la pelle di un cadavere, hanno dipinto su iodio e hanno osservato i tempi di assorbimento. E hanno visto che, sì, la maggior parte dello iodio si ossida e si assorbe nell’aria. Alcuni attraversavano le barriere cutanee, ma non c’era alcuna differenza sostanziale se qualcuno avesse abbastanza iodio, troppo poco, o anche se fosse vivo o morto. Quindi sì, sfortunatamente non è uno strumento accurato.

Katie: È davvero, davvero bello saperlo perché sento che l’informazione è così comunemente usata. L’ho trovato in molti forum sulla tiroide e solo in consigli sulla tiroide online. E ha senso che ci siano così tante variazioni tra gli individui e che la pelle risponda in modo diverso rispetto a qualcosa preso internamente. Ma soprattutto con le informazioni che presenti in questo libro su quanto dobbiamo essere attenti con quel livello di iodio, sembra che certamente non sarebbe una misura abbastanza accurata per poterlo usare come indicatore. Mi piacerebbe anche approfondire alcuni degli altri inquilini di cui parli nel libro, ovviamente, lo iodio è una chiave enorme qui, ma ci sono anche molti altri fattori che contribuiscono alla guarigione dalla malattia della tiroide. E so, per me, è stato necessario molto tempo di sperimentazione personale, provare cose e ottenere un sacco di cose composte dalla salute intestinale, alla dieta, alla luce e un sacco di altri fattori intermedi. Quindi spiegaci alcuni di quei pilastri da cui qualcuno dovrebbe iniziare, ovviamente, lo iodio è una grande chiave. Ma in altri luoghi dobbiamo cercare se qualcuno ha una malattia della tiroide, in particolare quella di Hashimoto e vuole iniziare a muoversi verso la guarigione. Christianson: Sì, quindi ci sono un paio di fasi di questo. E penso che sia in tre fasi principali. Sai, il primo è, quali sono le cose che puoi fare per aiutare la tua tiroide a guarire e riparare. E di questi, lo iodio non è precedente. È proprio come in una categoria a sé stante. Quindi regolarlo è centrale. E questo dipende dalla dieta e dalle altre fonti. Poi le altre cose sono lungo la strada, quali livelli della tiroide hanno più probabilità di beneficiare i tuoi sintomi, sai, ti danno una salute migliore a lungo termine e quindi aumentano anche la possibilità di recupero della tiroide. E questo è particolarmente rilevante per coloro che stanno già assumendo farmaci per la tiroide. Anche se non lo fossero, sai, anche se uno dei loro obiettivi principali era quello di non assumere il farmaco a lungo termine, c’è ancora un pensiero su quali livelli hanno maggiori probabilità di farlo accadere. Quindi, fa parte di esso. E i laboratori di riferimento forniscono un intervallo normale, che è un buon punto di partenza per l’orientamento. Ma ci sono molti modi che possono essere personalizzati e molti modi che possono riflettere meglio la funzione ottimale. Quindi hai il primo passo per regolare lo iodio. Il secondo passo è coloro che sono in trattamento, come possono sapere quando un trattamento sta dando il suo meglio? E per fortuna, quegli obiettivi di far sentire meglio le persone, sai, ridurre i loro sintomi, l’obiettivo di aiutare la tiroide a ricrescere e l’obiettivo di essere sani a lungo termine, sono tutti sincronizzati. E si allineano tutti. Come generalizzazione, il livello di TSH, sai, l’ormone stimolante la tiroide, è il cervello che dice alla tiroide di funzionare ed è un numero arretrato. È quello che presenta la maggiore variazione tra gli intervalli normali e quali sono i livelli ottimali.

Quindi, più vicino può essere compreso tra circa la metà e due, specialmente vicino a quello che ha maggiori probabilità di risolvere i sintomi , dare alla tiroide la possibilità di guarire e anche impostare qualcuno per una buona salute a lungo termine. Quindi sì, il secondo di questi tre passaggi sarebbe ottenere i migliori livelli di tiroide. E poi la terza parte sono le altre condizioni. Quindi, questa è una cosa importante di cui anch’io sono entusiasta di parlare di più. Le persone con malattie della tiroide, spesso hanno anche qualcos’altro. E ho visto così tanti esempi in cui hanno provato davvero tanto e fatto tutte le cose giuste per aiutare la loro tiroide a lavorare meglio per ottenere i loro livelli corretti. Sai, hanno fatto diversi farmaci. Hanno cambiato la loro dieta, ma stanno solo lottando completamente perché, diciamo, sono anemici, o perché hanno una malattia iperparatiroidea, o hanno l’apnea. Quindi, ho identificato 15 condizioni, ognuna delle quali colpisce il 5% o più delle persone con malattie della tiroide. E ogni persona con una malattia della tiroide, c’è circa una 84% di possibilità che abbia una o più di queste condizioni che la colpisce. E spesso non vengono identificati e curati.

Katie: Wow. Ok, allora come può qualcuno fare … Penso che sia un punto molto importante che di solito succede qualcos’altro. Come può qualcuno cercare di individuarlo? Perché sento che questa era una cosa che… È stato così utile che tu mi guidassi in questo viaggio da solo, ma sembrava che ci fossero così tante potenziali cause profonde, opzioni e cose che possono accadere. Come può qualcuno iniziare a cercare di capirlo da solo quando all’inizio sembra un po ‘opprimente?

Dr. Christianson: Sì. E questo richiede un buon rapporto con un medico di fiducia, idealmente, qualcuno che ottiene questo concetto nel mondo della tiroide. Sai, un classico problema che può sorgere molto sono i sintomi digestivi, sai, quelli con malattie della tiroide lì. Hanno sintomi di tipo sindrome dell’intestino irritabile. Sanno che assorbono male i nutrienti o le proteine e lottano con questo. Bene, c’è una cosa chiamata gastrite autoimmune atrofica, che è stata anche chiamata sindrome gastrica tiroidea. E questo colpisce dal 30% al 40% delle persone con malattia tiroidea autoimmune. Ed è più comunemente diagnosticato dopo che è stato presente per 20 a 30 anni. Quindi è un problema enorme, enorme. Non è affatto esoterico e provoca sintomi significativi per le persone. Quindi cose come questa ti tengono a mente. E immagino che avere solo una mentalità per sapere che la trappola può essere che le persone e anche il praticante possono spesso concentrarsi solo sulla tiroide. Ed è importante. Deve essere curato. Deve essere affrontato. Ma può arrivare un punto nel viaggio verso il punto in cui è stato veramente, ma qualcuno può ancora non sentirsi bene. E troppo spesso, le persone pensano: “Beh, forse anche se i livelli vanno bene, forse devo prendere più tiroide o forse devo cambiare un farmaco, forse devo eliminare più cibi, diventare più restrittivo. ” E, sai, a volte quelle cose all’inizio possono sembrare utili o forse non lo sono affatto, ma può essere pericoloso, e poi perdere semplicemente la capacità di guarire, passare troppo tempo nelle direzioni sbagliate . Quindi sì, è capire quando quella parte è finita, cosa può fare e quali potrebbero essere le altre vere cause dietro i sintomi.

Katie: Ha senso. E con quella condizione intestinale molto specifica. Lo so, in generale, sembra che ci sia un’incidenza molto alta di qualcosa che accade nell’intestino, che non è utile quando qualcuno ha una condizione della tiroide. So che è stato così per me e ho dovuto fare molto per affrontare la salute dell’intestino. È una cosa più o meno universale con cui iniziare se le persone hanno una malattia della tiroide è guardare l’intestino e apportare modifiche che supportano l’intestino? E se così fosse, quali sarebbero alcuni di questi cambiamenti che sarebbero benefici per l’intestino?

Il dott. Christianson: Sì, di sicuro. Può essere molto importante per alcune persone, ed è particolarmente rilevante per coloro che sanno di avere sintomi gastrointestinali, che il gas, il gonfiore, l’irregolarità e quindi anche abbastanza rilevante per coloro che hanno un malassorbimento ricorrente di sostanze nutritive, continuano a presentarsi anemico. Hanno difficoltà a processare determinati alimenti. Ottengono una gamma ristretta di alimenti che possono fare senza manifestare sintomi. Questi sono tutti grandi segni che qualcosa non va. E le cose da fare al riguardo, in termini di cura personale generale, un semplice passo estremamente potente è il momento del pasto. Quindi, essere piuttosto coerenti e regolari riguardo ai pasti. C’è questa vera e complessa interazione tra il sistema nervoso del cervello e quello dell’intestino. Sai, lo chiamiamo sistema nervoso enterico nel tratto intestinale. E se guardiamo indietro allo sviluppo umano nell’arco della storia, gli organismi che ci hanno preceduto erano fondamentalmente solo un istinto. Ad esempio, le prime versioni della vita complessa, oltre le singole cellule, la prima forma strutturale è fondamentalmente un tubo. E se andiamo avanti attraverso adattamenti e cambiamenti, tutto è stato semplicemente impilato intorno o sopra il tubo per aiutarlo a muoversi e trovare cibo, e ottenere cibo e, sai, non diventare cibo. Quindi, questa è la nostra vera parte centrale della nostra identità. E pensiamo così tanto ai modi in cui influenza i sintomi e parliamo anche delle nostre emozioni, delle cose che sentiamo nelle nostre viscere. Quindi, passaggi di azione generalizzati, quanta più varietà di cibo possibile è utile e varietà all’interno delle categorie, come molti tipi di verdure, ma anche una varietà di categorie, il trabocchetto è che se le diete diventano troppo restrittive, perdiamo sui tipi di fibre.

Quello che stiamo vedendo come una tendenza generale è che, ovviamente, la flora è importante ma la risposta a una buona flora non è solo un numero maggiore di organismi e un integratore probiotico, ma davvero più varietà e varietà più sane di molti tipi di flora che sono ben adattati e ben bilanciati. E per farlo, abbiamo identificato 16 diverse categorie di fibre nella dieta. E più categorie di alimenti qualcuno elimina, maggiori sono le difficoltà che incontra nel coprire le basi su quelle categorie di fibre. Quindi, sì, per quanto si possa mangiare in gran parte più categorie di alimenti, migliore sarà la loro flora. Ma se hanno sintomi di cattiva digestione, se malassorbono i nutrienti, allora ci vuole davvero una risoluzione dei problemi per vedere se qualcuno ha la gastrite atrofica, se ha alcune anomalie neurologiche peristaltiche, se sta trasportando infezioni croniche. Ma sì, sto davvero risolvendo il problema del tratto intestinale.

Katie: E se la varietà di fibre è importante con questo, immagino che almeno estrapoli una dieta cheto davvero hardcore che non ha molte fibra o carnivori simili probabilmente non sarebbero una buona opzione per i pazienti con tiroide. È un buon presupposto o c’è di più?

Dr. Christianson: Beh, quindi ogni volta che proviamo a rispondere alle domande, pensiamo, prima di tutto, a cosa sappiamo dagli studi sull’uomo? Ad esempio, sono stati effettivamente condotti studi interventistici? E poi se non disponiamo di quei dati e poi pensiamo: “Bene, cosa è più probabile, dati i nostri modelli di comprensione che abbiamo?” E così, le diete cheto, sono state studiate più estesamente nelle popolazioni pediatriche. Ai bambini viene somministrata una dieta chetogenica per scopi di epilessia resistente ai farmaci. E oggi hanno scoperto che le diete chetogeniche possono essere migliori delle convulsioni per i bambini che non tollerano i farmaci. In generale, quando i farmaci sono efficaci, hanno effetti collaterali inferiori per i bambini rispetto alla dieta. Ma alcuni ragazzi non rispondono. I bambini non hanno molte malattie della tiroide. Può essere un caso per 1, 000, un caso per 1, 200. È abbastanza raro che i bambini sviluppino una malattia tiroidea spontanea autoimmune. Ma negli studi sulle diete chetogeniche, circa il 20% dei bambini sviluppa malattie della tiroide. E per alcuni, questo può essere duraturo. Quindi, sappiamo che il contesto può essere controproducente. In termini di dieta dei carnivori, sì, è una dieta su cui non abbiamo dati e nessun monitoraggio reale. Ma sappiamo che le diete che producono i migliori risultati di salute a lungo termine sono diete ricche di una varietà di cibi vegetali sani. In genere non lo sono … Non sono diete prive di alimenti animali di per sé, ma certamente mostrano un’abbondanza di categorie di alimenti. Quindi sì, dato quello che sappiamo sull’importanza della flora intestinale e dato che sappiamo che la flora si nutre solo di residui che troviamo dai cibi vegetali, ci sono tutte le ragioni per pensare che sarebbe controproducente.

Katie: Capito. Va bene. Quindi, il rovescio della medaglia, ci sono cibi che in generale … so che c’è sempre un aspetto di individualità in questo, ma in generale, sembrano di supporto sia per la salute dell’intestino che per la salute della tiroide che è bene concentrarsi sul tentativo di includere?

Dott. Christianson: Beh, in realtà c’è uno studio sulle categorie di alimenti e sulla salute della tiroide. Ci sono stati pochissimi dati su questo. Una cosa divertente, Katie, ma se guardiamo agli studi sul cibo e sulla funzione tiroidea e tralasciamo lo iodio e tralasciamo la celiachia, abbiamo circa sei studi. Se inseriamo la celiachia, abbiamo circa 30 studi che dimostrano che le persone con celiachia soffrono di più malattie della tiroide. E se introduciamo iodio, abbiamo circa 40, 000 studi. Quindi questa è la grandezza dei nostri dati. Ma a parte questo, è stato fatto uno studio affascinante chiamato studio 1001 Dalmata. Non credo di averti parlato di questo prima, forse l’ho fatto. Ma così i dalmati sono anche umani. A quanto pare c’è un gruppo etnico di croati da cui deriva il nome. E questo studio ha esaminato un gruppo di loro. Sono in qualche modo inclini alle malattie della tiroide. E contrastava il loro tasso di sviluppare malattie della tiroide e lo confrontava con l’assunzione di cibo diverso per categoria. E quello che hanno visto è che le categorie di alimenti più preventive per le malattie della tiroide erano cibi ricchi di Omega-3, sai, alcuni tipi di frutti di mare, in particolare i frutti di mare a basso contenuto di iodio, e poi anche verdure, in generale, frutta, in generale, e legumi. anche su. E così, quelle le più grandi categorie che avevano una correlazione negativa con la malattia della tiroide. Più includevano quegli alimenti, meno sviluppavano malattie della tiroide. E le categorie di alimenti che erano più legate alla malattia della tiroide. L’unico era gli alimenti che erano fonti dense di grassi saturi. Quindi, il burro è entrato in quella categoria così come i grassi animali in generale. Quella era la cosa principale che era nota per aumentarlo, ma il rischio era più diminuito da cibi vegetali e poi cibi grassi Omega-3.

Katie: Qualche consiglio per l’approvvigionamento di Omega-3? Perché so che negli ultimi anni questa è stata un’area di controversia nel mondo della salute e sul potenziale di quei grassi che si irrancidiscono molto facilmente. Ad esempio, cosa fai personalmente su questo e eventuali suggerimenti per l’approvvigionamento dal cibo o dagli integratori?

Dr. Christianson: Sì, ottima domanda. Supplementi, penso anche al contenuto di iodio. Chiediamo che siano cose in quel modo. E questo è il trabocchetto degli Omega-3 animali è che molti di loro sono densi di iodio. E pensiamo anche agli Omega-3 vegetali. E ci ho pensato molto. Quindi ci sono solo due acidi grassi essenziali. Sono grassi che non possiamo produrre internamente. E questo è l’acido alfa-linoleico e l’acido linolenico. Quindi questi sono due da cui dipendiamo. E trasformiamo l’acido alfa-linoleico in EPA e DHA. Quelli sono poi secondari metabolizzano i grassi. Quindi possiamo crearli nelle giuste circostanze. E quali sono queste giuste circostanze? Bene, c’è un enzima chiamato desaturasi Delta-5 che è coinvolto nel trasformare questo grasso vegetale Omega in EPA e DHA attivi. Un paradosso divertente è che su diete molto ricche di grassi come le diete chetogeniche, la desaturasi delta-5 è sovraccarica perché deve desaturare ogni singolo grasso consumato. Quindi, agli estremi delle diete ad alto contenuto di grassi, paradossalmente, c’è il rischio maggiore di essere a basso contenuto di quei metaboliti grassi essenziali, EPA e DHA. Ma quando l’assunzione totale di grassi è più ragionevole, le persone possono consumare grassi vegetali omega-3 ed avere maggiori probabilità di ottenere ciò di cui hanno bisogno da quelli. Quindi, vediamo quelli da cose come il lino, più abbondantemente, noci, semi di canapa, semi di chia. E sì, senza che ci siano quantità super elevate di grassi nella dieta, le persone possono convertirli facilmente in EPA e DHA. E ci sono percorsi che lo fanno. Non sono perfetti. Non convertono tutto. Ma quando calcoli i numeri, in realtà non è troppo difficile ottenere abbastanza per ottenere buone quantità.

Katie: È affascinante e buono a sapersi. Sì, sento che questa è un’area di cui si è discusso un po ‘di recente, e specialmente con l’idea di oli di pesce fermentati simili, e se questi sono benefici o meno. C’è così tanto da considerare su questo.

Questo podcast è sponsorizzato da Four Sigmatic, la mia fonte di riferimento per funghi funzionali come Lion’s Mane, chaga, cordyceps e altri. Di recente, mi sono davvero goduto le loro proteine in polvere: è nuovo ed è delizioso! ha 18 g di proteine vegetali pure, 7 funghi funzionali e adattogeni, vaniglia organica e non un solo grano, gomma o grammo di stevia. Adoro aggiungere la vaniglia a un frullato con alcuni frutti di bosco per un pasto facile (e anche i miei bambini lo adorano). Il sapore del burro di arachidi mescolato con un po ‘di cacao e latte di macadamia rende un ottimo pomeriggio ricco di proteine. Se non hai provato Four Sigmatic, adoro anche il loro caffè con criniera di leone al mattino e i pacchetti di elisir di reishi la sera! Vai su foursigmatic.com/wellnessmama e il codice wellnessmama ti offre il 10% di sconto.

Questo podcast è sponsorizzato da Wellnesse, l’azienda di cura della persona che ho fondato per affrontare alcuni dei peggiori trasgressori nel mondo della cura della persona! Sapevi che molti prodotti per la cura dei capelli contengono detergenti aggressivi? Ma i tuoi capelli non sono panni sporchi e non hanno bisogno di essere trattati come se fossero! Invece, abbiamo creato prodotti “hair food” nutrienti e naturali che supportano il naturale equilibrio e la forza dei capelli nel tempo per renderli più forti e più sani! Per aiutarti a vedere e sentire la differenza, stiamo organizzando una sfida di disintossicazione dei capelli! Provalo per 30 giorni e mostraci la differenza tra i tuoi capelli! Scatta una foto e taggaci su qualsiasi social media. Per renderlo ancora più semplice, puoi risparmiare 15% su tutti i nostri prodotti per la cura dei capelli con il codice hairdetox 15 su wellnesse.com.

Che ne dici di altri cibi che sono quasi universalmente buoni da evitare? Ne hai accennati alcuni e anche, tipo, latticini trasformati e cereali lavorati? Ce ne sono altri che potrebbero essere problematici, solo da una prospettiva specifica della tiroide?

Dr. Christianson: Beh, una cosa di cui si è parlato molto è il glutine. E in quasi tutti i casi, quando qualcuno evita il glutine, evita un intero mucchio di alimenti trasformati. E probabilmente è utile. Sappiamo che molte persone hanno la celiachia. Sappiamo che esiste una sovrapposizione tra malattia della tiroide e celiachia. Nella popolazione generale, circa l’1% delle persone ha una reazione autoimmune contro una proteina che si trova nel grano. E la cosa divertente è che, se ci pensi bene, perché dovremmo chiamarlo autoimmune se è qualcosa che proviene solo dalla dieta? Sai, non chiamiamo allergie alle arachidi, allergie autoimmuni, ma il celiaco lo è. E questo perché stiamo davvero attaccando un enzima, e questo è anti-glutaminasi. E quell’enzima stesso è una parte normale del nostro corpo. Ed è ciò che usiamo per formare molti tessuti connettivi. Quindi la celiachia, è classificata come autoimmune perché stiamo attaccando una parte normale degli esseri umani. Accade solo per sovrapposizione di biochimica, che il glutine stesso è correlato all’anti-glutaminasi. Quindi, sia che consumiamo glutine o meno, abbiamo ancora anti-glutaminasi. E quelli con celiachia o senza glutine stanno molto meglio e hanno bisogno di farlo. Ma ci sono ancora problemi per la salute perché la glutaminasi fa parte degli esseri umani. Quindi vediamo che le popolazioni generali hanno questo a circa l’1%. E quelli con malattie della tiroide lo hanno a circa il 2,8%. Quindi per molti, questo può essere più comune. E poi abbiamo quelli con allergia al grano. C’è stata una domanda se coloro che non hanno la celiachia, se è importante per loro, ma hanno una malattia della tiroide, se è importante per loro evitare il glutine.

E se qualcuno evita il glutine sta solo eliminando gli alimenti trasformati, probabilmente sono più sani per questo. Ma c’è stato un grande studio in cui hanno preso persone con celiachia. E prima cosa hanno fatto … Sono stati appena diagnosticati. E prima, hanno identificato quelli che erano noti per avere malattie della tiroide e li hanno messi da parte. E dei rimanenti di quel gruppo, hanno guardato per vedere nel corso del prossimo anno, chi ha sviluppato una malattia della tiroide. E potevano anche guardare per vedere chi era conforme ai loro nuovi consigli per diventare senza glutine e chi no. In realtà ci sono marcatori del sangue che possono dimostrarlo. E così, l’aspettativa era che se il glutine fosse la causa per i celiaci, se causasse malattie della tiroide, che coloro che lo evitavano, meno di loro avrebbero sviluppato malattie della tiroide rispetto a quelli che non lo facevano. In realtà era l’opposto, non comprare una laurea. Ma in realtà c’erano poche persone in più che avevano malattie della tiroide che erano diventate prive di glutine rispetto a quelle che non lo avevano, il che è stato sorprendente per molti. Quindi sì, non c’è certamente nulla di male nell’eliminare molti alimenti trasformati. Ma non sembra che il glutine provochi malattie della tiroide per chi ha o senza celiachia. Si scopre che c’è una certa propensione all’autoimmunità, che se ne prendi uno, sei più incline a ottenere l’altro, ma uno non causa tanto l’altro.

Katie: Okay. Questa è una distinzione davvero importante, mi sembra. Un’altra cosa che voglio toccare, sento che è molto correlata alla malattia della tiroide e ad un’altra area di cui sai molto, anche se è un po ‘meno di una connessione diretta, ma è l’idea di fattori come la luce e il sonno, e stress, e come questi si riferiscono al recupero da, credo, davvero qualsiasi cosa, ma soprattutto dal punto di vista della tiroide. E so che hai scritto su come possiamo usare la luce a nostro vantaggio per molti di questi problemi di salute. E ne abbiamo già parlato prima in questo podcast. Non so se abbiamo tempo per approfondire questo argomento oggi, ma puoi darci un alto livello dal punto di vista della tiroide su come possiamo usare questi fattori a nostro vantaggio?

Dott. Christianson: Sai, un po ‘come stavo dicendo sul cibo, essere regolari sui nostri ritmi è importante. Lo sai bene come chiunque altro quanto sia fondamentale avere il giusto programma per i bambini, sai, e per funzionare bene e per sentirsi bene, e non perdiamo quel bisogno da adulti. Abbiamo ancora bisogno di ritmi regolari. E sì, l’esposizione alla luce imposta quei ritmi in grande stile. Dato che ne avremmo parlato in passato, Katie, ci sono stati alcuni aggiornamenti. Quindi, nulla è veramente cambiato con l’importanza della luce intensa al mattino. Sai, una delle cose più grandi che puoi fare è quando ti svegli, la prima ora che sei sveglio, trascorri un po ‘di tempo fuori. L’intensità della luce e le proprietà della luce all’esterno, anche nelle giornate più nuvolose, sono completamente diverse da qualsiasi cosa si trovi all’interno, anche in stanze molto luminose. Quindi, sì, esci la mattina. Può essere così semplice. Ma sì, la tua prima ora in cui sei sveglio, circa mezz’ora di luce diurna è magica. L’unico aggiornamento è che ci siamo chiesti se la luce blu fosse dannosa di notte perché è luce blu o era il contesto della luce blu, il che significa che il tuo cervello è stato stimolato guardando un computer o guardando un televisore? Era la stimolazione o era la parte della luce blu? E i dati emergenti sono che se potessi leggere un libro con un po ‘di luce blu o guardare un computer senza la luce blu, probabilmente faresti meglio a leggere il libro con la luce blu, quindi pensiamo che ora si tratti più solo del stimolazione mentale rispetto alla natura stessa della luce. Quindi sì, alla fine della giornata, la quantità totale di luce è importante, anche se si tratta di ambienti più bui, ma anche di evitare cose che sono altamente stimolanti mentalmente.

Katie: È affascinante. E io non lo sapevo. Sono nuove informazioni sulla luce blu e una buona ragione per, immagino, rivalutare perché penso che molte persone stiano usando cose come flusso o app sul proprio telefono o blocchi blu, ma stanno ancora guardando, come, film di avventura su notte.

Dott. Christianson: Esatto. E potrebbe non essere così utile. Probabilmente stai meglio, sai, ad abbassare le luci. Gli occhiali sono certamente innocui e possono essere di qualche beneficio. Ma probabilmente la cosa importante è non fare cose che ti stuzzicano il cervello prima di andare a letto.

Katie: Sì, e dal punto di vista dei genitori, probabilmente anche un buon consiglio con i bambini è per tenerli lontani da stimoli anche di notte. Un’altra cosa a cui penso abbastanza spesso da quando ho passato Hashimoto, me stesso, e ora sono in remissione, è come posso sperare che i miei figli non debbano mai affrontare questo? E penso che qualsiasi genitore che ha avuto un problema di salute ci pensi, dal punto di vista di come posso aiutare i miei figli a non dover passare attraverso la stessa cosa che ho fatto io? E certamente, penso che possiamo trarre molto dalle cose di cui abbiamo già parlato e cose da evitare che possono aiutare a migliorare davvero le loro possibilità migliorando la loro salute intestinale, assicurandoci che stiano ricevendo cibi ricchi di nutrienti e alcuni di questi cose. In particolare, abbiamo parlato di assicurarci di non dare loro troppo iodio. Ma ci sono altre cose che possiamo fare, dal punto di vista dei genitori, quando parliamo dei nostri figli o dei nostri coniugi forse che non hanno problemi alla tiroide, per aiutare, si spera, a ridurre le loro possibilità di incontrarlo?

Dott. Christianson: Di sicuro. La cosa più semplice che puoi fare è mantenere un buono stato di selenio. E la cosa eccitante è che ero cauto nel parlare troppo delle noci del Brasile come fonte di cibo per i bambini. Hanno molto selenio e sappiamo che le quantità che contengono sono generalmente sicure per gli adulti, ma è possibile che alcune forme di selenio diventino tossiche. Quindi ero cauto nell’incoraggiarlo ai bambini. Ma uno studio è stato condotto non molto tempo fa in Sud America. E, sai, se mi avessero chiesto di questo studio, avrei detto loro che probabilmente non era una buona idea perché era piuttosto estrema. Avevano bambini malnutriti che erano piccoli e hanno dato loro quantità piuttosto massicce di noci del Brasile, era circa un quarto della loro assunzione totale di cibo. E hanno misurato il selenio in molti modi diversi. E il risultato è che ora sappiamo che le forme chimiche del selenio nelle noci del Brasile sono quelle di cui i bambini possono fare buon uso e possono eliminare in modo molto sicuro se c’è un eccesso. Quindi davvero non si bioaccumula. E questo non è vero per tutte le versioni di Selenium. Quindi, sì, noci del Brasile per buoni spuntini per scopi familiari.

Tutte le cose cattive che stavo dicendo sullo iodio sono amplificate quando qualcuno è al di sotto dei loro obiettivi per il selenio. E non è difficile da fare. È piuttosto facile restare indietro con il selenio. Ma per i bambini aggiungere anche metà della noce del Brasile a una noce del Brasile al giorno, per gli adulti, da due a quattro al giorno. È una cosa così facile, e le tue probabilità di essere carente di selenio quando lo fai sono quasi nulle.

Katie: Sì, ho sentito quel suggerimento da te. E l’ho fatto da quando me ne hai parlato anni e anni fa, insieme ai germogli di broccoli che sono stati una parte importante della mia vita sin da quella prima conversazione. Per chi non ha sentito quel primo episodio, puoi anche parlare brevemente dei germogli di broccoli e di come possono essere utili?

Il dott. Christianson: Sì, sono una cosa fantastica. Quindi sono fonti dense di sulforafano. E gli ormoni tiroidei, c’è quello che abbiamo che entra nel nostro corpo producendolo o assumendo pillole. E poi ci sono solo un sacco di modi in tutto il nostro corpo che perfezioniamo, regoliamo, convertiamo, eliminiamo. E il sulforafano fa un buon lavoro aiutando tutti quei meccanismi periferici a funzionare meglio. Quindi tutti i modi in cui il tuo corpo vorrebbe mettere a punto i livelli della tiroide possono funzionare molto meglio se il sulforafano aiuta il tuo fegato. E i germogli di broccoli sono una delle fonti più dense di questo.

Katie: Fantastico. Metto i link. So che hai risorse al riguardo. E ho anche un post a riguardo. Mi assicurerò che siano collegati nelle note dello spettacolo su wellnessmama.fm, per tutti voi che ascoltate. Dr. Christianson, ovviamente, ti considero la mia principale risorsa su tutto ciò che riguarda la salute della tiroide. E penso che tu sia una delle persone più informate al mondo su questo argomento. Per le persone che stanno affrontando questo da sole e stanno cercando di capire il proprio percorso verso la guarigione, come possono connettersi con te e continuare a imparare da te e trovare più risorse?

Dr. Christianson: Sì, il mio principale hub di informazioni è drchristianson.com, drchristianson.com. Ed è lì che facciamo uscire tutte le cose.

Katie: Perfetto. E so che ci sono alcuni link speciali relativi al libro, che consiglio vivamente a tutti voi ragazzi che stanno affrontando problemi alla tiroide. Quel collegamento sarà anche nelle note dello spettacolo, su wellnessmama.fm. E credo che ci siano alcune cose speciali che vanno di pari passo con questo ora per l’ora di pranzo. È vero?

Dr. Christianson: Sì, c’è una serie di docu chiamata “Invisible Iodine”. E questo semplicemente ritrae la storia di questo cambiamento che si è verificato perché la malattia della tiroide è andata avanti per sempre. Ma negli ultimi due decenni, in particolare da 90 a 2010, le sue tariffe sono raddoppiate e triplicate. Quindi, è davvero in aumento. Non è una coincidenza che ne vediamo di più e ne parliamo di più. E questa serie di docu spiega quell’aumento, e quali sono le ragioni principali dietro questo, e quali sono alcune cose facili che puoi fare per aiutare a prevenirlo?

Katie: Fantastico. Mi assicurerò che tutti questi collegamenti siano nelle note dello spettacolo in modo che le persone possano trovarli e continuare a imparare, così come, ovviamente, il collegamento al tuo libro. E dottoressa Christianson, so quanto sei impegnato e quante persone aiuti ogni giorno e ogni settimana. Molto grato per il tuo tempo e per la condivisione di oggi.

Dr. Christianson: Sono sempre felice di stare con te, Katie. Grazie mille per avermi ospitato.

Katie: E grazie a voi ragazzi, come sempre per l’ascolto, per aver condiviso la vostra risorsa più preziosa, il vostro tempo, con entrambi oggi. Non lo prendiamo alla leggera e siamo così grati che tu l’abbia fatto. E spero che ti unirai di nuovo a me nel prossimo episodio del “Wellness Mama Podcast”.

Se ti piacciono queste interviste, ti preghiamo di dedicare due minuti per lasciare una valutazione o una recensione su iTunes per me? Ciò aiuta più persone a trovare il podcast, il che significa che ancora più mamme e famiglie potrebbero trarre vantaggio dalle informazioni. Apprezzo molto il tuo tempo e grazie come sempre per l’ascolto.