domenica 07 marzo 2021

414: Genitori ancestrali, norme biologiche, cibo selvatico e foraggiamento con Arthur Haines

Bambino: Benvenuto nel podcast di mia mamma.

Questo podcast è sponsorizzato da Olipop… deliziosa soda che in realtà fa bene. Sapevi che la maggior parte degli americani consuma più della dose giornaliera raccomandata di zucchero, molto? E le bevande zuccherate come la soda sono la principale fonte di zucchero extra. E anche la maggior parte di noi non riceve abbastanza fibra! Ho trovato una deliziosa risposta a entrambi questi problemi e si chiama Olipop. Ero così entusiasta di trovare un’alternativa veramente sana alla soda! Olipop utilizza ingredienti funzionali che combinano i benefici dei prebiotici, delle fibre vegetali e dei prodotti botanici per sostenere il tuo microbioma e favorire la salute dell’apparato digerente … e che sa di soda senza la spazzatura! Olipop è molto (molto) più basso di zucchero rispetto alle bibite convenzionali con solo 2-5 grammi di zucchero da fonti naturali. La loro Vintage Cola ha solo due grammi di zucchero rispetto a una normale cola che ha 39 g di zucchero. Abbiamo elaborato un accordo esclusivo per gli ascoltatori del podcast Wellness Mama. Ricevi 20% di sconto e spedizione gratuita sul loro pacchetto di varietà più venduto. Questo è un ottimo modo per provare tutti i loro deliziosi sapori. Vai su drinkolipop.com/wellnessmama o usa il codice WELLNESSMAMA al momento del pagamento per richiedere questo accordo. Questo sconto è valido solo per il loro pacchetto di varietà. Olipop può anche essere trovato in oltre 3 negozi 000 in tutto il paese, inclusi Whole Foods, Sprouts, Kroger, Wegman’s ed Erewhon.

Questo episodio ti è stato offerto da Wellnesse. Questo è Wellnesse con la E alla fine, la mia nuova azienda. Produciamo prodotti per la cura personale che vanno ben oltre la semplice non tossicità per essere effettivamente benefici per te dall’esterno verso l’interno. Anni fa mi sono reso conto che anche alcuni dei miei amici e familiari più naturali che hanno fatto uno sforzo per mangiare cibo biologico e essere veramente consapevoli di ciò che hanno portato nelle loro case stavano ancora utilizzando determinati prodotti per la cura personale, principalmente la cura dei capelli e l’igiene orale. E il motivo era che non erano disposti a sacrificare il loro aspetto e la loro sensazione solo per utilizzare prodotti naturali. E nessuno dei prodotti naturali che stavano trovando era davvero all’altezza dei prodotti convenzionali per quanto fossero efficaci. Quindi, ho deciso di cambiare questo e ho capito che avevo cose che ho fatto nella mia cucina per anni che funzionavano altrettanto bene e che potevo condividere con altre famiglie, e così è nato Wellnesse. Probabilmente hai sentito che ciò che accade nel nostro corpo entra nel nostro corpo e che molte delle sostanze chimiche che incontriamo finiscono nel nostro flusso sanguigno. Per me, questo significa che non tossico e sicuro dovrebbe essere la linea di base minima assoluta per tutti i prodotti che sono nelle nostre vite. Ma volevo fare un ulteriore passo avanti. Volevo che usasse questo a nostro vantaggio per mettere effettivamente ingredienti benefici nella nostra cura dei capelli, dentifricio, prodotti per la cura personale in modo che potessimo beneficiare il nostro corpo dall’esterno verso l’interno. Perché non usare quella meravigliosa barriera cutanea a nostro vantaggio? La nostra cura dei capelli è ricca di ingredienti come l’ortica, che aiuta i capelli a diventare più spessi nel tempo. Il nostro shampoo a secco contiene prodotti che promuovono il cuoio capelluto che aiutano davvero i follicoli a rimanere forti. E il nostro dentifricio, ad esempio, ha un minerale naturale chiamato idrossiapatite, che è il minerale esatto che si trova sui nostri denti e che è presente nello smalto forte. Quindi sono tutti progettati per funzionare con il corpo, non contro di esso per aiutarti ad avere capelli e denti più forti e più sani. Ora abbiamo un disinfettante per le mani che non secca le mani come fanno molti disinfettanti per le mani. Sarei onorato se lo verificassi e mi piacerebbe sentire il tuo feedback. Puoi trovare tutti i nostri prodotti su wellnesse.com.

Katie: Ciao e benvenuta a “The Wellness Mama Podcast”. Sono Katie di wellnessmama.com e wellnesse.com. Questo è benessere con una E alla fine. Assicurati di controllare. È la mia nuova linea di prodotti dall’esterno per la cura della persona come shampoo, balsamo, shampoo a secco e dentifricio.

Questo episodio entra in un argomento davvero divertente di cui non avevo parlato molto. Sono qui con Arthur Haines, che è un raccoglitore e un educatore di abilità ancestrali, un autore e un ricercatore botanico. E vive nel Maine ed è noto per la sua conoscenza di cose come il monitoraggio, il foraggiamento, le piante selvatiche e le pratiche ancestrali. E il motivo per cui ero davvero curioso di averlo su è stato di parlare fondamentalmente di ciò che possiamo imparare dalle diverse tribù in tutto il mondo, dai nostri antenati, quali punti in comune hanno e come applicarli alla vita moderna, anche senza … Ovviamente, la maggior parte di noi non tornerà a un’esistenza tipo cacciatore-raccoglitore e vivrà nei boschi, sebbene imiti molte di queste cose nella sua vita moderna. Ma andiamo in profondità su come possiamo in qualche modo 80 / 20 questa idea e applicare alcuni di questi benefici che sono incorporati nella nostra biologia e nelle nostre norme biologiche nella vita moderna per ottenere il vantaggio. Andiamo anche abbastanza in profondità sull’idea della genitorialità ancestrale e su come queste tribù hanno interagito con i loro figli in un modo così diverso da come interagiamo con i nostri, e cosa possiamo imparare da questo. Nel complesso, un episodio molto, molto affascinante. Ho preso molti appunti e ho alcune cose che implementerò nella mia vita ora andando avanti. Penso che otterrai davvero molto anche da questo. Allora, facciamo un salto. Arthur, benvenuto. Grazie mille per essere qui.

Arthur: Grazie, Katie, per avermi invitato sul tuo podcast.

Katie: Sono così entusiasta di chattare con te. Questo è sicuramente un argomento di cui non ho ancora parlato molto. E penso che stia diventando sempre più importante. E questa è una specie di idea di un ritorno alla natura, ma in un modo diverso da come molte persone, penso, spesso ci pensano. E abbiamo così tante direzioni che voglio andare oggi. Ma prima, dato che questo è un argomento nuovo e le persone potrebbero non avere già familiarità con il tuo lavoro, mi piacerebbe sentire un po ‘del tuo background e di come sei entrato in questo mondo e sei diventato un esperto di fama mondiale.

Arthur: Beh, è una lunga storia. Quindi cercherò di renderlo davvero breve. Sono stata davvero fortunata, Katie, a crescere in una parte rurale e selvaggia del Maine occidentale. È una zona montuosa dove passa l’Appalachian Trail, solo per dare un po ‘di ambientazione. E sono stato fortunato ad avere sempre, sai, un’esposizione alla natura e un legame con la foresta e i fiumi qui sin dalla prima infanzia. Ma mentre passavo attraverso i miei, sai, studio universitario, biologo della fauna selvatica e, sai, un tassonomista delle piante, che è qualcuno che studia l’identificazione e la classificazione delle piante, ho scoperto che potevo usare quelle abilità per alcune cose davvero interessanti, che include il foraggiamento, sai, per piante commestibili e anche per erboristeria. Ed è probabilmente quello che molte persone mi conoscono come, come raccoglitore e in una certa misura, come qualcuno che promuove rimedi naturali, piuttosto che medicine occidentali potenzialmente dannose e molto forti che a volte non sono necessarie per alcuni degli elementi che potremmo avere a che fare. con in casa.

E sì, sono diventato un po ‘conosciuto come quello, e poi ho continuato a cercare di aiutare le persone a capire fondamentalmente che gli esseri umani hanno norme biologiche. Sai, potremmo parlare di alimentazione, sonno, movimento, esperienze in comune, voglio dire, anche i modelli di assistenza all’infanzia sono diversi da ciò che vediamo in tutto il mondo con i nostri antenati cacciatori-raccoglitori, rispetto a quello che osserviamo qui, diciamo , una società industrializzata. E quindi, questo è probabilmente uno dei miei argomenti preferiti per aiutare le persone a capire è che ogni volta che proviamo a trascendere cosa significa essere umani, a volte ci sono conseguenze o insidie di cui dobbiamo essere consapevoli e cercare di navigare.

Katie: È così affascinante. E sicuramente, voglio tornare a quelle norme biologiche. Ma mi piace che tu abbia menzionato il foraggiamento e una specie di idea di wildcrafting perché ho molti rimedi naturali su “Wellness Mama” che erano lì da anni. E molte persone che ascoltano sono molto ben informate sui rimedi naturali. E questa sarà la loro prima linea di difesa nella maggior parte delle situazioni. Ma penso che l’idea di raccogliere oggetti selvatici lo porti a un livello così nuovo. Ed è così affascinante. E certamente è un’area di cui non so nemmeno molto. C’è un buon punto di partenza, che si tratti del tuo sito web o delle risorse che potresti menzionare per farci iniziare a imparare come foraggiare nelle nostre singole aree?

Arthur: Sì, penso che ci siano alcuni posti davvero carini per iniziare. E penso che per la maggior parte delle persone, sai, soprattutto dato che gran parte della popolazione degli Stati Uniti vive in aree urbane e suburbane, non abbiamo avuto la possibilità di interagire necessariamente con queste cose su base quotidiana per tutta la vita. E quindi abbiamo alcune preoccupazioni sull’assicurarci di raccogliere, sai, le cose corrette in modo da non portare potenzialmente qualcosa di tossico in casa. E capisco queste preoccupazioni. E così, l’identificazione delle piante diventa davvero importante. Tutto ciò che stai per ingerire, devi sapere di cosa si tratta. E quindi vuoi assicurarti di avere a che fare con le persone, sia che tu abbia a che fare con un raccoglitore o un erborista che promuove la raccolta selvaggia, qualcuno che ha un’elevata competenza nell’identificazione, in modo che possano semplicemente assicurarsi che tu sappia esattamente quale specie che raccogli per la tua casa.

Ovviamente, non voglio solo auto-promuovermi interamente qui. Ho una serie di libri chiamata “Piante ancestrali” che si concentrano sull’identificazione e quindi su come queste piante possono essere utilizzate per il cibo, per la medicina e l’utilità. Ci sono molti raccoglitori che amo e rispetto in tutto il paese. Sam Fair è un altro che ha una serie di libri. E fa anche un ottimo lavoro con l’identificazione in modo che tu possa, ancora una volta, avere la certezza di sapere quale specie stai guardando perché è davvero fondamentale. Se sei nervoso all’idea di raccoglierle potenzialmente, sai, queste piante che vuoi usare come cibo o come medicina, sarà un grosso ostacolo per te. E sono davvero un grande sostenitore dell’eliminazione di questo tipo di ostacoli psicologici in modo che le persone siano libere di immergersi davvero in questi cibi molto nutrienti.

Katie: Lo adoro. Penso che spesso le persone non ci pensino nemmeno nel mondo di oggi, che ci siano ancora posti e modi per farlo nelle nostre aree. E come molte persone che ascoltano hanno giardini o hanno trovato dei modi per avere cibo locale. Ma sento che c’è un elemento completamente diverso in questo quando si tratta di cibo selvatico. Quindi per le persone che lo sono, questo è un nuovo concetto, come possiamo iniziare a incorporarne di più nella nostra vita quotidiana, specialmente quelli di noi che provengono da un paradigma completamente diverso e devono tornare a quello?

Arthur: Beh, ci sono un paio di cose lì per me, Katie, che penso siano davvero importanti. Uno è che le persone devono sapere dove possono andare per accedervi. E a volte le stesse erbacce che crescono nel nostro giardino sono una fonte di piante selvatiche che a volte stiamo rimuovendo quando, in realtà, sono un grande contributo al tavolo della cucina. Ma penso anche che l’ispirazione sia davvero importante. Se le persone considerano semplicemente le piante selvatiche e quelle coltivate come una cosa sola, non c’è sempre l’impulso, se vuoi, di dire: “Beh, perché dovrei preoccuparmi di andare a prendere quelle piante, sai, dal campo, dal foresta, dalla riva del lago, dai parchi che permettono la raccolta perché posso semplicemente comprarli al mercato degli agricoltori, sai, o al supermercato? ” Ma la cosa davvero interessante che penso che i tuoi ascoltatori saranno, sai, piuttosto entusiasti è il fatto che le piante selvatiche, ora c’è un enorme corpo di letteratura che dimostra che sono in realtà più nutrienti della maggior parte dei frutti coltivati che noi, sai, comunemente hanno sul tavolo.

Ora, questo non vuol dire che i prodotti coltivati coscienziosamente non siano salutari. È solo che le piante selvatiche hanno spesso un contenuto di minerali ancora maggiore, una quantità molto maggiore di sostanze fitochimiche benefiche che possono funzionare come, sai, immunomodulatori, antinfiammatori, antiossidanti e così via. Spesso hanno un rapporto di acidi grassi più vantaggioso, parlando, sai, di rapporti tra Omega-6 e Omega-3. E abbiamo anche cose che hanno più fibre e meno zuccheri semplici frequentemente. E così, finisci con questi cibi che sono, ancora una volta, profondamente nutrienti e anche ciò che il nostro corpo si è evoluto per mangiare. Quindi per me, un punto di partenza è spesso convincere le persone ad avere un maggiore livello di ispirazione sul motivo per cui questi alimenti dovrebbero essere sulla tavola, soprattutto quando si tratta di sviluppare gli esseri umani nella nostra casa. Ogni volta che abbiamo raduni o incontri e cose di quella natura, dove abbiamo un gruppo di persone qui, sono sempre i bambini e le mamme che allattano al seno che iniziano ad andare per primi. Sono quelli che ottengono le porzioni grandi perché sono quelli che hanno più bisogno di quel nutrimento per i loro corpi in via di sviluppo.

Katie: È così affascinante. E hai menzionato le norme biologiche che derivano da tutti questi anni, anni e anni di storia. E mi piacerebbe approfondire questo punto per punto perché penso che ci sia così tanta confusione e così tante idee e opzioni diverse su come dovremmo mangiare nel mondo moderno. E molto tende a diventare estremamente dogmatico in una direzione o nell’altra. E quindi mi piacerebbe davvero esplorare, sai, cos’è la natura? Cosa ci dicono i nostri corpi su queste norme biologiche sull’essere umani e cosa possiamo imparare da questo? Quindi hai menzionato le diverse aree, alimentazione, sonno, movimento, comunità e cura dei bambini. Prendiamoli uno per uno. Quindi, tipo, cosa ci insegna la natura sulle norme biologiche della nutrizione e cosa possiamo imparare da questo?

Arthur: Certo. C’è una lunga lista se volessimo entrarci. Forse sarebbe un bene per me condividere solo alcuni esempi. Quando guardiamo i cacciatori-raccoglitori di tutto il mondo, penso che spesso le persone si concentrino sulle differenze, diciamo, di come mangiano i popoli dell’estremo nord come gli Inuit, rispetto, sai, diciamo, le persone che sono più vicine all’equatore. E, sai, potresti vedere solo cibi individuali molto diversi, singole piante e specie animali che vengono mangiate. Ma quando raccogliamo tutte queste informazioni da tutto il mondo, ci sono in realtà notevoli somiglianze tra tutti questi gruppi. Sai, per esempio, uno di quelli veramente pertinenti è che ogni gruppo che sia mai stato osservato, sai, di popolazioni indigene, ancora una volta, ciò da cui tutti proveniamo, ciò che abbiamo tutti una storia evolutiva come essere, siamo tutti onnivori, consumano cibi sia vegetali che animali.

E questo non deve essere un giudizio contro le persone che vogliono praticare, sai, una dieta tutta carnivora o tutta a base vegetale, ma che noi provengono da persone che hanno mangiato e ricevuto i benefici sia dalle piante che dagli animali. Quindi è importante sapere che andando avanti, quindi, ancora una volta, puoi riconoscere le insidie che potrebbero derivare da un tipo di dieta specializzato che è completamente nuovo per noi. Un altro esempio, guardi le popolazioni indigene di tutto il mondo e hanno mangiato un mix di cibi cotti e crudi. In nessuna parte del mondo consumavano esclusivamente cibi crudi e, allo stesso modo, in nessuna parte del mondo consumavano esclusivamente cibi cotti. E sappiamo che, sai, da studi nutrizionali più moderni, che ci sono alcune vitamine che sono semplicemente indenni dal calore. Ci sono alcune vitamine che sono danneggiate dal calore e sono le migliori per superare i cibi crudi. La vitamina C potrebbe essere un esempio.

E sappiamo che ci sono alcuni nutrienti per noi davvero benefici, che in realtà sono resi più biodisponibili dalla cottura, come il licopene che possiamo ottenere nei pomodori, angurie, rosa canina e olive autunnali e cose del genere. Quindi, sai, un’altra somiglianza potrebbe essere la diversità del cibo. Sai, anche nell’Alto Artico, le persone Iñupiat che sono state studiate in un’opera davvero meravigliosa chiamata Piante che mangiamo, hanno dimostrato di consumare una maggiore diversità di piante dal loro paesaggio, anche se hanno meno specie tra cui scegliere rispetto alla maggior parte Gli americani consumano in un anno. E quindi la diversità alimentare era davvero importante perché tutte queste diverse piante, ad esempio, da tutte queste diverse famiglie di piante offrono quantità diverse di varie cose.

Quindi, questa offre più di questo macronutriente . Questo è più di quel micronutriente, più minerali qui, più di questo tipo di composto vegetale là. E così, alla fine, i loro corpi sono stati in grado di ottenere tutte le cose di cui avevano bisogno per una vita sana, specialmente per trasmettere la salute attraverso le generazioni a causa di quella diversità alimentare. E questo è qualcosa che spesso manca nella dieta americana. Ma questi sono solo alcuni degli esempi di come veniamo come specie e di come dobbiamo cercare di imitare quelli del mondo di oggi, per assicurarci che, ancora una volta, viviamo in modo sano.

Katie: Questo ha senso. Anche questo è così interessante. E penso che ci sia così tanto da imparare in molte aree quando ci concentriamo sulle somiglianze e non sulla differenza. Ma sembra che la natura umana si concentri su quel, come, dal 3% al 7% su cui spesso non siamo d’accordo rispetto alle cose su cui siamo d’accordo.

Arthur: Sì.

Katie: Un’altra area di cui hai parlato era il sonno. E penso … sono sicuro che ci sia così tanto da imparare qui perché ho parlato di luce blu, ad esempio, e di evitare la luce artificiale la sera, così come di cose come la ricerca davvero drammatica sull’esposizione alla luce del mattino e su come uscire , e anche se è una giornata nuvolosa, ma solo quella mattina l’esposizione alla luce e quanto profondamente influisce sugli ormoni. Quindi la mia ipotesi è che se questi tipi di piccoli cambiamenti possono avere una differenza ormonale così misurabile, che c’è di più che possiamo imparare dalla natura quando si tratta di modelli di sonno. Quindi, sulla base delle tue ricerche e del tuo lavoro, cosa possiamo imparare dalle tribù indigene e dalla storia quando si tratta di migliorare il sonno?

Arthur: Beh, penso, Katie, tu ne abbia delle cose veramente importanti lì, il riconoscimento … Sai, c’è stato un tempo in cui la gente pensava che la luce blu fosse cattiva perché è ciò che stimola la vigilanza la sera, ma come hai parlato di quelle esposizioni mattutine a, sai, illuminazione naturale, dove questo stimola la vigilanza, che è quello che vuoi. Il tuo corpo ha bisogno di quei parametri di riferimento per capire: “Questo è quando sono sveglio e questo è quando vado a dormire”, sai, capendo che se hai bisogno di essere attivo, sai, nelle ore buie, che andare per quelli lunghezze d’onda della luce che sono più vicine alla luce del fuoco, sai, quelle rosse, arancioni e gialle, stimolano la vigilanza molto meno in modo che tu possa tornare a dormire.

Sono qualcuno che cerca di seguire molti di questi diversi modelli ancestrali. E ragazzo, quando visito la casa di qualcun altro adesso, dove ci sono tutti i tipi di elettronica e gadget, sono alzati fino a tardi, guardano schermi che non sono stati regolati, sai, verso quelle lunghezze d’onda rosse e arancioni, io Quella notte non sarei letteralmente mai tornato a dormire. Sono davvero sconvolto da questo ora. Non ho molta capacità di tollerarlo. Penso che ci sia più della semplice luce che si accende con questi schemi di sonno. Ci sono anche le posizioni che sono state utilizzate dalle popolazioni indigene che promuovevano una flessibilità mentre dormivano. E, sai, una delle aree che mi piace condividere con le persone è la temperatura perché se guardi essenzialmente, sai, in tutto il mondo, per gran parte della stagione, se non per l’intera stagione, la temperatura scende in serata. E questo risulta essere un’altra di quelle cose in cui il nostro corpo può indovinare, per aiutare a promuovere un buon sonno. Quindi, ho avuto madri che stavano attraversando un periodo davvero difficile con i loro bambini e convincendoli ad andare a dormire.

E parte del problema era che entrambi non ricevevano abbastanza tempo all’aria aperta in modo che i loro bambini sono stati esposti a quello spettro completo di luce, che stava dicendo: “Oh, dovrei essere sveglio adesso.” Ma poi, anche se stavano cercando di creare un ambiente buio di notte, la casa potrebbe essere stata troppo calda. E inducendoli ad abbassare un po ‘la temperatura, per iniziare a stimolare quel tipo di preparazione serale per il corpo, sono stati in grado di favorire un sonno un po’ migliore nel loro bambino, il che ovviamente li ha aiutati a dormire molto meglio. Quindi lo studio degli indigeni offre a tutti noi un intero spettro di cose su cui concentrarci che va oltre, sai, alcune delle cose veramente importanti che, come hai detto, la luce a cui siamo esposti, ma anche come quando mangiare di notte e la temperatura, e così via.

Katie: È affascinante. So che non è la stessa cosa che stare all’aperto ma sono diventato un grande fan del chiliPAD per questo motivo di poter rinfrescare l’ambiente del sonno.

Arthur: Oh, sì. Sì.

Katie: Sì. E penso che sia la bellezza di questo è … E da quello che so del tuo approccio, è come se non saremo tutti in grado di tornare indietro a un tempo in cui si viveva interamente nella natura, ma è quanto più possibile che possiamo farlo e trarne vantaggio, e quindi anche essere in grado di utilizzare alcuni dei vantaggi del mondo moderno per ottenere lo stesso vantaggio o almeno parte dello stesso vantaggio. Anche questo è davvero affascinante. Va bene. Quindi hai menzionato la posizione. Puoi andare un po ‘più a fondo su questo? Tipo, cosa possiamo imparare sul modo migliore sulla postura del sonno?

Arthur: Beh, c’è un articolo che ho che forse potrei inviarti ma mostra alcune varie posizioni che indosso davvero Non vedo persone che dormono molto spesso, che aiutano con la colonna vertebrale, essenzialmente, e si assicurano che non si stia solo irrigidendo durante la notte, che stia ottenendo un po ‘di trazione se vuoi. È davvero interessante. È un articolo abbastanza breve. Ma ancora una volta, esamina essenzialmente non solo gli umani selvaggi, ma altri esseri selvaggi e le posizioni in cui dormono e come possono promuovere spine sane. E posso provare a inoltrare questo insieme a te che potrebbe essere utile per un tipo di cosa, Katie, è davvero, molto visivo e difficile per me da descrivere solo a parole.

Katie: Sì, quello sarebbe bello. E posso includerlo nelle note dello spettacolo per tutti coloro che ascoltano su wellnessmama.fm. È così affascinante. So di aver visto uno studio qualche tempo fa su come anche solo una settimana di campeggio lontano dalla luce artificiale ed essendo nella natura, avesse la capacità di resettare totalmente la biologia circadiana di qualcuno, che penso, come, sia così affascinante che anche solo così un breve lasso di tempo può avere un impatto così drastico. E penso che questo sia davvero indicativo di come possiamo usare alcune di queste cose a nostro vantaggio, anche se non possiamo farle tutte ogni giorno, un po ‘essere in grado di 80 / 20 e ottenere il vantaggio anche nella vita moderna. E hai menzionato la posizione del sonno. Ma anche nella tua lista di norme biologiche hai menzionato il movimento. E sappiamo che questa è un’area che è un punto di caduta per gran parte del mondo moderno e molti di noi semplicemente non si muovono abbastanza o stiamo ripetendo gli stessi schemi di movimento. Allora, cosa ci insegnano la storia e la biologia sui modelli di movimento?

Arthur: Questa è davvero una bella domanda. Ed è abbastanza chiaro. Ovunque tu vada nel mondo, le persone hanno più movimento di noi. E non voglio che quel movimento sia sempre visto come un esercizio rigoroso perché non lo è stato sempre. E, sai, ci sono molte forme di movimento. Ci può essere davvero divertente e benefico per noi che includono la danza. Ma la parte davvero importante del movimento che mi piace sottolineare è la diversità del movimento. Oggi, sai, quando, diciamo, camminiamo per una strada cittadina che può essere asfaltata o cemento, possiamo semplicemente fare lo stesso identico movimento ancora e ancora e ancora, che non ha il valore di, diciamo, scendere- sentiero per coloro che hanno accesso ad alcune aree o anche su sentieri che potrebbero avere un po ‘di terreno che, sai, scende in questa valle o su questa collina in modo da dover fare diversi tipi di passaggi. Devi bilanciarti. Le tue mani si muovono in modo diverso. A volte le tue mani cercano l’equilibrio e questo genere di cose perché è molto diverso.

È un po ‘come la differenza forse tra pesi liberi e pesi della macchina, dove il peso della macchina ti fa fare il lo stesso movimento ogni singola volta, ma non necessariamente ottieni il massimo beneficio dal movimento quando non devi fare l’equilibrio e utilizzare tutti quei gruppi di master più piccoli che stanno contribuendo al tutto. Penso anche ad altri modi per ottenere quella diversità è sbarazzarsi dei gadget in casa. E quello che intendo è, sai, maciniamo farina, per esempio. Quindi abbiamo un mulino per cereali. E lo facciamo a mano. È solo un mulino per cereali a manovella. Mangiamo molte ghiande. Quindi, quando li maciniamo, lo facciamo a mano. Quando pestiamo medicine, ad esempio, usiamo mortaio e pestello, e stiamo letteralmente cercando di recuperare alcuni di quei movimenti, quel tipo di macchine moderne ci ha portato via. È difficile da fare in tutte le case, lo riconosco. Ma essenzialmente, ovunque posso riprendere il movimento, aumenta la mia diversità di movimento durante il giorno, il che è utile per una serie di cose, non solo per il mio condizionamento cardiovascolare, ma per il movimento degli arti e una serie di cose di cui potremmo discutere, Katie.

Katie: È affascinante. E penso che tu abbia ragione. Penso, in un certo senso, che questo sia uno dei, spero, traguardi positivi che si ottengono quest’anno con la chiusura di molte palestre e le cose che le persone avrebbero usato tipicamente per l’esercizio non essendo disponibili per un po ‘, siamo vedere così tante persone uscire e allenarsi da casa o provare schemi di movimento umano più normali. Ma penso che uno dei più grandi cambiamenti che ho avuto nell’ultimo anno sia stato smettere di pensare a quelle cose come esercizi e inclinarmi al movimento, e anche imparare dai miei figli l’idea del gioco e da quanti bei movimenti derivano che, contro questa idea che dobbiamo passare attraverso un sistema ripetitivo in una palestra. Ed è più cose come sollevare cose pesanti e muoversi nello spazio, arrampicarsi su cose e la bellezza di quel tipo di movimenti. Ma come possiamo iniziare a incorporare più di questi schemi di movimento? Non avevo nemmeno pensato agli utensili da cucina che rendessero anche quella parte della vita quotidiana. Amo questa idea. Ma quali sono altri modi in cui possiamo iniziare a costruire sui movimenti?

Arthur: Beh, se torniamo all’idea, sai, di iniziare a imparare sul foraggiamento, e il foraggiamento può essere ovviamente questo argomento travolgente, ma prendi ogni pianta una per una, non devi imparare 150, sai, diverse specie che puoi mangiare nel primo anno. Impara solo uno o due. Vacci piano e costruisci la tua fiducia. Ma non appena hai lasciato la superficie pavimentata per andare a cercare alcune di quelle piante, potrebbero essere piante di bacche come lamponi e more che molte persone potrebbero conoscere. Potrebbero essere verdure selvatiche di specie diverse, alcune delle quali potrebbero essere nel tuo giardino. Il fatto è che, non appena esci da quello che io chiamo ambiente costruito ed entri in un paesaggio più naturale, devi chinarti sotto le cose, scavalcare le cose, accovacciarti per raggiungere le cose. E questo ti dà istantaneamente tutta quella diversità di movimento che ti manca nella vita al chiuso. E stai anche portando quel cibo ricco di nutrienti in modo da poter impilare queste due cose l’una sull’altra e uccidere due piccioni con una fava.

Katie: Lo adoro. È stato divertente a casa nostra quest’anno, essere tutti a casa di più ei bambini hanno più tempo per stare fuori, cosa che ho adorato. Ad esempio, molte delle loro attività sono state cancellate e sono solo … Scherziamo sul fatto che sono un po ‘selvaggi, ma lo adoro. Sono fuori tutto il tempo. E hanno portato tutti i tipi di piante. E ho dovuto controllare e assicurarmi che potessimo effettivamente mangiarle prima di farlo o uno dei miei figli ha trovato uova di formica e ha deciso di cucinarle e un po ‘di grasso d’anatra in modo che mangiassero uova di formica, e ci sono stati vermi che hanno mangiato. E più di recente, ora hanno iniziato a cacciare lo scoiattolo nei boschi vicino a casa nostra.

Quindi abbiamo avuto uno scoiattolo selvatico ed è stato davvero divertente guardare i bambini appoggiarsi a quel tipo di proprio ed esplorare. Penso che i bambini forse siano naturalmente più in sintonia con questo di quanto molti di noi siano adulti. Un’altra area che hai menzionato quando si trattava di norme biologiche, e in realtà, queste ultime due penso siano quelle con cui sono più entusiasta di approfondire davvero te, la prima è la comunità. Questo è qualcosa che chiunque abbia ascoltato prima mi abbia sentito parlare dell’importanza della comunità. E una delle mie teorie è che questo è in realtà il fattore più importante in queste zone blu quando iniziamo a studiarle che è correlato alla longevità, alla qualità delle relazioni e alla forza della loro comunità. Ma sono davvero curioso di sentire dalle tue ricerche e da tutto ciò che hai imparato, cosa possiamo imparare sulla comunità in queste tribù indigene e nel corso della storia e trarre vantaggio da oggi.

Arthur: Katie, comunità sarà una delle cose più difficili da acquisire per le persone in questo, sai, mondo contemporaneo in cui ci troviamo a vivere. E quando guardiamo ai nostri modelli ancestrali di comunità, sono solo nettamente diversi da come viviamo adesso. E ancora, ci sono un insensibile er di questi e posso citarne alcuni, sai, solo per aiutare le persone a capire quanto siamo diversi. Lascia che te ne dia solo alcuni. Ne ho scritto in “New Path”, in modo che le persone possano trovarne un elenco se lo desiderano. Uno di questi era il luogo e i commenti. E ciò che intendo con questo è che le persone vivevano in un luogo molto specifico e si erano adattate a quel luogo. Non si poteva prendere qualcuno che viveva nell’estremo nord e metterlo in un deserto, e viceversa perché mancavano non solo gli adattamenti fisici, ma gli adattamenti culturali che permettevano loro di essere in quei luoghi.

Così tanto come, diciamo, le specie animali che potremmo conoscere, non ci aspetteremmo mai di trovare, sai, una certa specie di uccello che potrebbe essere un uccello acquatico, come una specie di anatra. Non ci aspetteremmo mai di trovarlo in una foresta di alta montagna. Non è solo il luogo in cui ha vissuto. Ed era lo stesso. Questo era vero per le persone che storicamente vivevano qui. Vivevano in una regione molto particolare ed erano definiti da quella regione. Consumavano solo cibi di quella regione. Bevevano l’acqua di quella regione. Sono stati esposti solo al suolo di quella regione. Sono stati definiti da quel luogo. E ovviamente, oggi, non è proprio così. Gli homosapiens non sono definiti dal loro posto. Ci muoviamo in tutto il paese, sempre. E in un certo senso, perdiamo quegli adattamenti basati sul luogo che costruiamo nei nostri corpi. Vivevamo in piccoli gruppi, cosa che oggi, sai, non è una possibilità per molte persone.

Sai, ci siamo limitati a 30 a 50 persone nella maggior parte dei gruppi. E infatti, la densità di popolazione, che ci crediate o no, era di circa una persona per chilometro quadrato per molti gruppi indigeni. Oggi, sai, viviamo molto più in alto di così, a volte centinaia di persone per chilometro quadrato se lo guardiamo a livello statale.

Avevamo una struttura politica molto diversa. Sapete, ovviamente, veniamo da comunità prive di burocrazie politiche. Non c’era una struttura gerarchica. In altre parole, tutti nel gruppo erano sovrani, compresi i bambini. Quindi, non era che gli uomini governassero le donne o gli anziani governassero nessuno, spesso pensiamo che questi gruppi avessero leader e capi. Ma in molti casi, ciò che le culture indigene avevano erano gli anziani. E gli anziani non definivano ciò che le persone facevano. Hanno semplicemente aggiustato il consenso fornendo informazioni su cui il gruppo poteva prendere una decisione.

L’equa distribuzione della ricchezza era qualcosa che abbiamo visto anche noi, qualcosa che non si sarebbe mai verificato oggi. E un’enorme quantità di condivisione che deriva da quella distribuzione equa della ricchezza è in particolare la condivisione del raccolto di quegli alimenti che sono stati portati dal campo, dove sono stati distribuiti, in alcuni casi, secondo schemi diversi, a seconda del gruppo che potremmo esaminare , sono stati distribuiti tra i membri in modo che tutti fossero provvisti. Ogni volta che c’era successo sul campo nell’assicurarsi il cibo, la maggior parte dei membri della comunità avrebbe sperimentato quel successo. Sai, adesso viviamo in una società altamente competitiva. E abbiamo sperimentato delle gerarchie davvero serie che a volte possono essere frustranti.

Sai, avevano una coesione, una forte coesione per una serie di ragioni che semplicemente non abbiamo oggi. E ho una definizione di comunità che ti leggerò e poi confronterò ciò che accade oggi. Quindi, il nostro modello ancestrale di una comunità è un piccolo gruppo di persone che a volte risiedono liberamente in un dato paesaggio. Condividono risorse comuni, sperimentano l’uguaglianza e una simile ricchezza tra i sessi, anche se ciascuno di loro può svolgere compiti diversi e può operare con decisioni consensuali, a causa di somiglianze e convinzioni a vantaggio del gruppo per riuscire a vivere al loro posto. E penso che se qualcuno esaminasse la vita che abbiamo vissuto oggi, potremmo avere amici e familiari che danno e condividono molto con noi, la nostra società nel suo insieme, forse sarebbe meglio descritta come un grande gruppo di persone che spesso competono uno contro l’altro. E sperimentiamo alcune disuguaglianze piuttosto significative e disparità di ricchezza, il che crea molti problemi ad operare, sai, in modo consensuale per noi per emanare cose, sia che si tratti di legislazione o di politiche guida, che sarebbero davvero vantaggiose per tutte le persone .

Katie: È così affascinante. Ho detto spesso: “Non penso che ci voglia un villaggio, penso che ci voglia una tribù”. E ho sicuramente sentito la spinta a desiderare di più di quel tipo di tribù nella mia vita negli ultimi anni, e specialmente quest’anno, anche. E penso che alcune delle cose che mi hanno davvero colpito in ciò di cui hai appena parlato è che siamo cablati per quello più piccolo, come hai detto, 30 a 50 comunità di persone che abbiamo la capacità di aiutare, di influenzare e di creare cambiamenti positivi. E di questo ho parlato prima. Non siamo davvero programmati per conoscere ogni problema in corso in ogni società del mondo e tutte le cose globali in corso. E la nostra biologia, ancora mi sento come se rispondesse con stress a tutte queste cose, mentre noi siamo destinati a conoscere le cose che accadono nel nostro gruppo immediato e ad avere la capacità di aiutare quelle persone. E penso che ci siamo allontanati così tanto da quello. Hai detto a molte di queste tribù che c’era una sovranità anche tra i bambini. Puoi approfondire questo e cosa significa?

Arthur: Sì, è qualcosa con cui molte persone oggi avrebbero un momento molto difficile. E non ho intenzione di suggerire che, sai, i genitori dovrebbero andare a questo estremo tutto il tempo oggi con le cose, ma darò un paio di esempi. Gli antropologi che potrebbero aver vissuto con cacciatori-raccoglitori o pastori-raccoglitori relativamente intatti, foraggiatori, agricoltori, sai, una varietà di tipi di indigeni in tutto il mondo hanno notato alcune cose davvero peculiari se dovessimo confrontarlo con i genitori di oggi, che a volte è quella genitorialità in elicottero, in cui stiamo in bilico sui nostri figli, proprio lì per essere coinvolti e poi a volte interferire con tutto ciò che stanno facendo, ogni decisione che stanno prendendo. So che a volte può essere molto bello essere fortemente coinvolti nella vita dei nostri figli, ma a volte hanno bisogno di quell’esperienza per essere in grado di capire come prendere decisioni di qualità che non danneggino se stessi e non danneggino gli altri.

Quindi, ecco alcuni esempi. Un gruppo particolare che è stato esaminato, hanno notato che molti bambini avevano piccole cicatrici su di loro da ustioni, come forse sulle mani o sul braccio. E quando hanno interrogato i genitori, hanno scoperto che molti dei bambini erano effettivamente inciampati nel fuoco quando erano molto piccoli. Ora, non erano stati bruciati molto seriamente ma erano stati bruciati abbastanza da lasciare un piccolo segno sulla loro pelle. E questo perché i bambini, i più piccoli, anche quando erano intorno ai fuochi, nessuno li respingeva. Nessuno diceva: “Non puoi farlo”. È la decisione del bambino di esplorare quel particolare ambiente, che includeva il focolare. E i genitori non pensavano che dipendesse da loro in qualche modo dettare ciò che il bambino poteva fare.

Un altro antropologo e una sorta di esempio famoso è stato intervistare una mamma e il bambino che io indosso. Pensare che potrebbe anche camminare ma potrebbe tenere gli oggetti stava giocando con un machete. E il bambino lasciò cadere il machete fuori dalla loro portata e iniziò a piangere. E mentre la mamma parlava con l’antropologo senza nemmeno interrompere il contatto visivo, la mamma allungò una mano dietro di lei, prese il machete e lo restituì al bambino in modo che potessero continuare a giocarci. E oggi, semplicemente non avremmo mai permesso che queste cose accadessero. Ora, ancora una volta, non sto affermando che dovremmo vivere esattamente allo stesso modo, ma per capire, ancora una volta, che questo è ciò da cui tutti proveniamo e che i nostri figli si aspettano di avere un certo grado di autonomia sul loro vita e di non essere essenzialmente dettato in ogni singolo secondo della loro vita ciò che possono e non possono fare. Penso che ci siano molte ramificazioni per loro più avanti nella loro vita che derivano da quel tipo di genitorialità, anche se penso che sia una persona che sta cercando di fare meglio con il proprio figlio, ma rompe fortemente con i nostri schemi ancestrali.

Dunque, li riconosciamo, e spesso cerchiamo di fare è impostare modalità che permettano comunque di rispettare l’autonomia del bambino, ma senza mettere a rischio la sua vita. Sai, ad esempio, un paio di esempi che cerco di condividere con le persone, e quello famoso con cui mia moglie alza gli occhi al cielo, perché lo uso così tanto, sai, abbiamo una stufa a legna qui, e i bambini possono cadere e mettere le mani contro la stufa a legna e potrebbero ustionarli gravemente. Quindi creiamo solo una situazione in cui lasciamo che la stufa a legna si raffreddi al punto che fa molto caldo, ma non può danneggiarli. E poi li lasciamo esplorare la stufa a legna con i nostri avvertimenti su, sai, “Oh, è molto caldo. Non toccarlo. ” E poi quando lo toccano, ovviamente si tirano indietro.

Potrebbero essere spaventati da ciò che hanno vissuto in modo che li confortiamo ma non ci sono danni a lungo termine. Ma il bambino ha avuto la possibilità di apprenderlo in modo esperienziale. Non credo che tenere lezioni di, sai, neonati e bambini piccoli funzioni perché penso che abbiano bisogno di imparare in modo esperienziale. E quindi questo è un esempio di un modo in cui abbiamo creato una situazione sicura affinché loro imparassero, piuttosto che passarci sopra. E poi possiamo rilassarci perché sappiamo che sanno che la stufa a legna è calda, dove a volte, come secondo esempio, stiamo facendo escursioni, e potremmo essere in luoghi dove ci sono scogliere e affioramenti rocciosi, da dove un bambino potrebbe cadere loro. E così, do loro spazio libero per andare verso quel bordo. Ma più si avvicinano al bordo, più mi avvicino a loro, ma non davanti a loro, da dietro dove non possono nemmeno accorgersi che sono lì e la mia mano è pronta.

E ovviamente, non sto parlando, lascerò che dondolino i piedi oltre il bordo di questo alto precipizio. Non è quello che sto descrivendo. Ma sto solo cercando di dire che sto cercando di capire un modo in cui posso lasciare che quel bambino esplori, posso soddisfare i miei bisogni per la loro sicurezza, senza necessariamente interferire con la loro sovranità per gran parte della giornata. E quindi penso che questi siano un paio di esempi in cui sto cercando di capire cosa dice la nostra biologia evolutiva su come i bambini vorrebbero operare e rispettarlo il più possibile.

Katie: Questo è così affascinante. E da quello che sappiamo, che aspetto aveva nella loro indipendenza e autonomia in età diverse? Perché so che ora si sente molto parlare anche di bambini dopo l’università che non sono in grado di svolgere le abilità di base della vita o che stanno lottando per integrarsi nel mondo moderno in quel modo. In queste tribù, quali erano le cose che potevano essere esempi di ciò che i bambini erano in grado di fare in età diverse e che aspetto aveva quell’autonomia, poiché potrebbero essere colpiti come 10, o 12 o queste diverse età?

Arthur: Sì, è un’ottima domanda. Ed è un bel modo di vedere l’efficacia della gravidanza da cacciatore-raccoglitore. Sapete, naturalmente, uno dei modelli ancestrali di assistenza all’infanzia, che abbiamo appena affrontato è che c’è questa alta responsabilità di sé dei bambini. Quindi, se non ci fossero, diciamo, grandi predatori vicino al campo, perché molti di questi gruppi vivevano su paesaggi intatti, dove c’erano grandi animali che potevano danneggiare le persone, inclusi i bambini, sarebbero stati considerati liberi di esplorare. E in questa esplorazione, devono sempre prendere decisioni giudiziarie sulla loro sicurezza e sulla sicurezza dei bambini che li accompagnano.

Quindi non erano solo imparando a giudicare, ma stavano imparando le abilità di navigazione. Stavano entrando in contatto con la natura. E alla fine, vediamo … Voglio dire, potresti immaginare di vedere genitori adolescenti che sono genitori molto efficaci, che hanno avuto così tanta esposizione a non solo prendere decisioni da soli, ma ovviamente, contatti con altri bambini di varie età, quindi che potresti avere 14 e 15 – mamme di anni, che erano altamente qualificate nell’essere una competente e responsabile adulto, che è uno dei modi in cui guardo al successo del loro dare autonomia ai propri figli è, quanto erano buone le pratiche di educazione dei figli nei genitori più giovani? Ed era, ancora una volta, altamente qualificato.

Katie: È davvero affascinante. E ho parlato con poche altre persone in questo podcast, incluso l’autore del libro “How to Raise an Adult”, che ha sollevato alcuni di questi punti simili in quanto la nostra iperprotettività, sebbene ben intenzionata, in realtà sta danneggiando i nostri figli a lungo termine. E in un certo senso lo sappiamo. E penso che sia ancora un salto molto difficile per molti genitori perché, ovviamente, vogliamo tutti mantenere i nostri figli al sicuro. E penso che a volte sia difficile rendersi conto che, mentre li stai tenendo magari fisicamente al sicuro, che possono esserci anche danni a lungo termine o almeno la mancanza di un beneficio dal fatto che non siano in grado di imparare da queste conseguenze naturali , e non avere quell’autonomia all’inizio. E sicuramente non penso di aver fatto un lavoro abbastanza buono al livello di cui parli con le tribù ancestrali. Ma è stato interessante da vedere e i miei figli, abbiamo dato la priorità all’autonomia e all’autosufficienza con loro fin dalla tenera età.

E io e mio marito abbiamo un motto che non lo facciamo fare qualsiasi cosa per loro che sono in grado di fare da soli perché vogliamo che siano in grado di imparare attraverso l’esperienza. E ora il nostro più vecchio a 14, non ho dubbi che potrebbe facilmente emanciparsi e stare bene nel mondo degli adulti, se necessario. E sento che questo è un livello completamente diverso, al di sopra e al di là di quello, e un tale contrasto con ciò che stiamo vedendo in così tanti giovani adulti nella società odierna.

Questo podcast è sponsorizzato da Olipop … deliziosa soda che fa davvero bene. Sapevi che la maggior parte degli americani consuma più della dose giornaliera raccomandata di zucchero, molto? E le bevande zuccherate come la soda sono la principale fonte di zucchero extra. E anche la maggior parte di noi non riceve abbastanza fibra! Ho trovato una deliziosa risposta a entrambi questi problemi e si chiama Olipop. Ero così entusiasta di trovare un’alternativa veramente sana alla soda! Olipop utilizza ingredienti funzionali che combinano i benefici dei prebiotici, delle fibre vegetali e dei prodotti botanici per sostenere il tuo microbioma e favorire la salute dell’apparato digerente … e che sa di soda senza la spazzatura! Olipop è molto (molto) più basso di zucchero rispetto alle bibite convenzionali con solo 2-5 grammi di zucchero da fonti naturali. La loro Vintage Cola ha solo due grammi di zucchero rispetto a una normale cola che ha 39 g di zucchero. Abbiamo elaborato un accordo esclusivo per gli ascoltatori del podcast Wellness Mama. Ricevi 20% di sconto e spedizione gratuita sul loro pacchetto di varietà più venduto. Questo è un ottimo modo per provare tutti i loro deliziosi sapori. Vai su drinkolipop.com/wellnessmama o usa il codice WELLNESSMAMA al momento del pagamento per richiedere questo accordo. Questo sconto è valido solo per il loro pacchetto di varietà. Olipop può anche essere trovato in oltre 3 negozi 000 in tutto il paese, inclusi Whole Foods, Sprouts, Kroger, Wegman’s ed Erewhon.

Questo episodio ti è stato offerto da Wellnesse. Questo è Wellnesse con la E alla fine, la mia nuova azienda. Produciamo prodotti per la cura personale che vanno ben oltre la semplice non tossicità per essere effettivamente benefici per te dall’esterno verso l’interno. Anni fa mi sono reso conto che anche alcuni dei miei amici e familiari più naturali che hanno fatto uno sforzo per mangiare cibo biologico e essere veramente consapevoli di ciò che hanno portato nelle loro case stavano ancora utilizzando determinati prodotti per la cura personale, principalmente la cura dei capelli e l’igiene orale. E il motivo era che non erano disposti a sacrificare il loro aspetto e la loro sensazione solo per utilizzare prodotti naturali. E nessuno dei prodotti naturali che stavano trovando era davvero all’altezza dei prodotti convenzionali per quanto fossero efficaci. Quindi, ho deciso di cambiare questo e ho capito che avevo cose che ho fatto nella mia cucina per anni che funzionavano altrettanto bene e che potevo condividere con altre famiglie, e così è nato Wellnesse. Probabilmente hai sentito che ciò che accade nel nostro corpo entra nel nostro corpo e che molte delle sostanze chimiche che incontriamo finiscono nel nostro flusso sanguigno. Per me, questo significa che non tossico e sicuro dovrebbe essere la linea di base minima assoluta per tutti i prodotti che sono nelle nostre vite. Ma volevo fare un ulteriore passo avanti. Volevo che usasse questo a nostro vantaggio per mettere effettivamente ingredienti benefici nella nostra cura dei capelli, dentifricio, prodotti per la cura personale in modo che potessimo beneficiare il nostro corpo dall’esterno verso l’interno. Perché non usare quella meravigliosa barriera cutanea a nostro vantaggio? La nostra cura dei capelli è ricca di ingredienti come l’ortica, che aiuta i capelli a diventare più spessi nel tempo. Il nostro shampoo a secco contiene prodotti che promuovono il cuoio capelluto che aiutano davvero i follicoli a rimanere forti. E il nostro dentifricio, ad esempio, ha un minerale naturale chiamato idrossiapatite, che è il minerale esatto che si trova sui nostri denti e che è presente nello smalto forte. Quindi sono tutti progettati per funzionare con il corpo, non contro di esso per aiutarti ad avere capelli e denti più forti e più sani. Ora abbiamo un disinfettante per le mani che non secca le mani come fanno molti disinfettanti per le mani. Sarei onorato se lo verificassi e mi piacerebbe sentire il tuo feedback. Puoi trovare tutti i nostri prodotti su wellnesse.com.

Cos’altro possiamo imparare da questi modelli ancestrali di assistenza all’infanzia? Perché penso che l’altra bellezza di questo sia, come mamma, sto ascoltando questo che dice: “Beh, c’è una tale libertà nel non dover intrattenere i miei figli tutto il tempo”, o sai, se era qualcosa che ero abituato a fare, non mi sento come se fossi interamente responsabile del loro intrattenimento, lasciando loro lo spazio per esplorare ed essere curiosi da soli. Ma cos’altro possiamo imparare da queste tribù? Perché penso che tu abbia ragione, abbiamo avuto una tale deviazione dalle cose di cui stai parlando che sembra completamente estraneo, probabilmente a molte persone che ascoltano.

Arthur: Sì. Si. E ce ne sono molti altri, e li trovo tutti davvero, super interessanti e super pertinenti forse per alcune delle cose a cui assistiamo nei giovani adulti oggi, e come ciò avrebbe potuto essere mitigato. Forse se non ci concentrassimo così tanto sulla longevità e ci concentrassimo un po ‘di più sulla qualità della vita, il che a volte significa che le persone hanno bisogno di imparare in modo esperienziale, il che significa che a volte falliscono e hanno bisogno che lo facciamo riprenderli di nuovo. Ecco un’altra differenza. E raggrupperò questi due insieme.

Sappiamo che le tribù di cacciatori-raccoglitori di tutto il mondo non avevano un’istruzione formale. Non abbiamo mandato i nostri figli a scuola. Ora, non sto affermando che la scuola sia cattiva. Ma questo si collega molto bene con il prossimo, in quanto c’erano poche o nessuna istruzione diretta. In altre parole, i bambini hanno imparato osservando le persone più grandi di loro e replicando quei comportamenti. Erano consapevoli ed erano profondamente consapevoli di ciò che stava accadendo intorno a loro perché dovevano esserlo. Dovevano avere una consapevolezza di ciò che stava accadendo dagli altri membri del loro gruppo in modo che potessero imparare, dove erano i predatori? Dov’erano potenzialmente le piante che potrebbero causare dermatiti come l’edera velenosa? Che tempo faceva e così via. Quindi c’era solo una consapevolezza molto maggiore di questo.

E i nostri figli iniziano tutti così. Mia figlia Farah, che ha un anno, guarda, in particolare, quello che fa sua madre, ma guarderà anche me, e poi cerca di replicarlo. Recentemente stavamo massacrando un cervo dalla coda bianca, e lei vuole un coltello e vuole provare a tagliare la carne, cosa che è fisicamente incapace di fare ma vuole comunque provare ad abbinare ciò che stavamo facendo. Sua madre stava preparando medicine con un mortaio e un pestello, una piccola pietra ricavata da buchi di noce nera. E abbastanza sicuro, non appena ha posato il pestello, la mia giovane figlia, Farah, lo raccoglie e sta colpendo i padiglioni di noci cercando di macinarli in una medicina, proprio come ha visto fare sua madre. Quindi, sappiamo che neonati e bambini piccoli sono cablati per guardare cosa sta succedendo e cercare di replicarlo.

Il problema è che li eliminiamo mandandoli a scuola. E lì, è tutta istruzione formale ed è quasi esclusivamente lezione. E quello che succede è che le persone vengono addestrate per imparare solo quando vengono tenute lezioni. Quindi, lo vedo molto insegnare abilità di vita primitive. Se sto facendo qualcosa e tutti mi stanno guardando, ma non riesco a parlare di un passaggio in particolare, anche se lo dimostro, molti studenti non replicheranno quel passaggio cruciale in qualche elemento che potremmo costruire, loro ” Farò solo i passaggi di cui ho parlato. O per esempio, insegno anche jiu-jitsu brasiliano. Le persone hanno difficoltà a guardare un particolare movimento e a replicarlo. Di nuovo, ci hanno parlato di tutta la nostra vita. Quindi, non sono io a fornire un messaggio che dice: “Non mandare i tuoi figli a scuola”, ma forse per continuare a creare quelle opportunità di imparare guardando e molto meno parlando, in modo che rimangano addestrati a fare ciò che erano facendo da bambini, guardando il mondo che li circonda, cercando di dargli un senso e poi replicando quei comportamenti che vedevano fare ai bambini più grandi e agli adulti.

Katie: Questo è un ottimo punto. Sono così felice che tu ne abbia parlato. Ho notato che anche con i bambini piccoli, solo dal punto di vista della maternità hanno quella curiosità naturale in così giovane età, anche, come hai detto tu, a un anno, vogliono fare le cose che stiamo facendo, compreso lo scarico della lavastoviglie o qualsiasi altra cosa. E penso che spesso ci scoraggiamo quando è davvero il momento d’oro, come hai detto tu, di lasciare che non siano in grado di fare cose e lasciare che anche loro sentano le cose e imparino da loro in modo sicuro. Questo è davvero, credo, un concetto importante. E vorrei anche fare eco a quello che dici sull’istruzione. Penso che uno dei grandi vantaggi di tutte le transizioni di quest’anno sia che ora c’è una variazione molto più ampiamente accettata nell’aspetto che può avere l’istruzione.

E così tante persone sono, per impostazione predefinita, che lo voglia o no, homeschooling. Penso che ci sia molta libertà in questo, specialmente il tuo punto che l’apprendimento esperienziale rispetto al solo apprendimento su libri o lezioni e in realtà lavorando su un programma di studi perché abbiamo scoperto la stessa idea quando il nostro più grande stava per iniziare la scuola. E ci siamo posti la domanda, cosa lo prepara meglio per la vita adulta? È homeschooling? È la scuola tradizionale? E ci siamo resi conto, in realtà, nessuno di loro, nessuno di questi approcci sembra preparare in modo efficace i bambini direttamente alla vita adulta in un mondo moderno. E quindi, chiedendo loro, beh, cosa sarebbe? E quello che abbiamo capito è che stava dando la priorità a quelle innate capacità di creatività e pensiero critico del bambino, ed essere in grado di porre domande e trovare risposte. Se potessimo mantenere quelle cose, i bambini sono così naturalmente orientati verso molte delle cose di cui avranno bisogno in seguito. E non ci avevo pensato direttamente al punto, li addestriamo ad imparare solo tramite lezioni. Ma ha perfettamente senso quando lo dici in questo modo.

Mi ricorda, nella mia ricerca, per la nostra scuola domestica, di imbattermi in tutte queste persone etichettate come valori anomali, persone come Ben Franklin e Leonardo da Vinci, e persino Einstein, che guardano e dicono: “Wow, è incredibile quello che sono stati in grado di realizzare nonostante la loro educazione formale limitata”. E lo giro, poi dico: “No, guarda cosa sono stati probabilmente in grado di realizzare a causa della loro mancanza di istruzione formale”. Quindi lo adoro in questo momento, sembra che ci sia molta più accettazione di approcci educativi alternativi. E penso che questo sia il momento perfetto per iniziare a prendere alcuni di questi tipi di lezioni, come hai appena detto, e incorporarle con i nostri figli. Mi piacerebbe sapere di più su come voi ragazzi fate questo con i vostri figli e in modi in cui possiamo dare la priorità a questo nella genitorialità e imparare da esso. Perché penso che molte famiglie abbiano un’opportunità, un’opportunità davvero unica per farlo in questo momento. E ci vuole un tale peso anche dal lato dei genitori non sentirsi come se avessimo bisogno di averli seduti a una scrivania, intrattenerli per otto ore al giorno o insegnare loro attraverso una lezione. C’è così tanta più libertà che deriva da quella visione esperienziale. Quindi quali sono alcuni modi in cui possiamo trampolino di lancio?

Arthur: Penso che tu ne abbia persino menzionato alcuni per assicurarti di non sentirti obbligato a intrattenere il tuo bambini durante l’intera giornata. Ho due figlie e una di loro ha sette anni. E ci sono momenti in cui ci assicuriamo o trasformiamo questi cibi selvatici che abbiamo portato in casa per prepararci per l’inverno. E, sai, siamo gentili al riguardo. Siamo solo un po ‘, ma non necessariamente, ci scusiamo e diciamo semplicemente: “Ehi Samara”, questa è mia figlia di sette anni, “Dobbiamo fare questo perché questo è il nostro cibo che mangeremo e io scusa, non posso suonare in questo momento. “

E lei se ne andrà e inizierà a essere creativa. Ha letteralmente costruito un intero villaggio, se vuoi, con scatole di cartone, facendo finestre in esse, attaccando cose che, sai, erano, sai, destinate ad essere camini e porte, e ha costruito questo intero, tipo, parco giochi che lei riesce a malapena a entrare ma sua sorella minore Farah, che ha un anno e gattona dappertutto, adora entrare e giocare con lei. Ha persino costruito un lavello da cucina che ha l’acqua corrente attraverso un tubo all’interno della casa per tutte queste cose. E i bambini non hanno la libertà di poterlo fare a scuola perché ammettiamolo, stiamo imparando a leggere, scrivere e matematica. Sai, quelle sono cose importanti, ma la nostra scuola … Voglio dire, ho seguito l’intero programma scolastico della scuola pubblica, la maggior parte è stata imparare a conoscere persone in luoghi che erano nel passato o molto distanti da me che non necessariamente influiscono su come vivo oggi. Quindi, quella libertà penso sia davvero importante. Ma anche solo i tuoi figli, portali con te più che puoi.

Quando andiamo a cercare cibo, i miei figli sono con me. E imparerebbero queste piante, non nello stesso modo in cui insegnerei a un adulto, le stanno imparando perché, sai, con mia figlia, Samara, questo è il settimo anno della sua vita per cui ha foraggiato, diciamo , felci di struzzo teste di violino, o porri selvatici, o, sai, varie specie di mirtilli, che ora conosce molto bene e con competenza, non perché ha avuto una conferenza sulle differenze tra queste piante e le loro simili, ma perché ha semplicemente interagito con loro così tanto. Quindi alcune di queste sono solo espandere le nostre idee su cosa possiamo includere i nostri figli se li portiamo con sé su queste cose importanti che hanno bisogno di imparare, che si tratti di foraggiamento o qualcosa che si riferisce al mondo suburbano, che in realtà è davvero importante per le persone imparano anche lì, lo impareranno solo partecipando e non necessariamente a cui vengono tenute lezioni.

Katie: Sì, sono pienamente d’accordo con questo. Un’idea simile, spesso porto con me uno dei miei figli quando ho viaggiato per affari non tanto quest’anno, ma in passato o per riunioni di lavoro, solo perché mi sento come se fosse … Hanno imparato così tanto sull’imprenditorialità e gli affari partecipando a quelle conversazioni, molto più di quanto avrebbero potuto imparare se avessi dato loro un libro o cercato di raccontarglielo. E il villaggio di tua figlia mi ricorda, avevamo questo gruppo di famiglie, ci riunivamo con i quali tutti i genitori erano coinvolti in attività simili online. E ci vedevamo un paio di volte all’anno e portavamo tutti i nostri figli, e quindi penso che collettivamente, avevamo forse 26 bambini. C’erano parecchi bambini che correvano in giro. Eravamo tutti in riunione a lavorare l’uno sulle attività dell’altro, e abbiamo cercato di scegliere aree in cui i bambini avevano solo spazio per giocare fuori.

E la prima volta che l’abbiamo fatto davvero, è stato affascinante. Tutti i bambini sono scomparsi nel bosco per un po ‘e sono tornati più tardi quella notte non avendo mangiato molto per tutto il giorno. E abbiamo scoperto che avevano costruito questo intero villaggio nei boschi dagli alberi che erano caduti. Ad esempio, avevano spostato collettivamente enormi tronchi d’albero e costruito questi tepee e avevano chiamato il loro piccolo villaggio Terabithia. E avevano messo in atto il loro intero sistema di governo quasi simile e avevano escogitato una valuta, e avevano barattato, e si stavano aiutando a vicenda. Era semplicemente affascinante vedere come anche in così poco tempo, la loro creatività si scatenasse. E avevano quell’inclinazione naturale a farlo. È così bello da vedere. E mi sento come se fosse molto in linea con ciò di cui stai parlando, di cui non ci sentivamo affatto in colpa per non aver prestato loro attenzione perché stavano vivendo questa incredibile esperienza di cui parlano ancora di tutti l’ora.

Arthur: Sembra meraviglioso.

Katie: Quindi, mentre ci avviciniamo alla fine della nostra intervista, penso che ci sia così tanto, voglio dire, hai menzionato e mi sento come se fosse solo la punta dell’iceberg di tutte le informazioni che hai sul tuo sito. Quindi mi assicurerò che colleghiamo a quelle risorse in modo che le persone possano trovarle. Sento che l’approccio migliore, almeno per me, sarà trovare modi per bilanciare il meglio di ciò che sappiamo dalla storia e dai nostri antenati con le cose che fanno ancora parte della vita moderna poiché non possiamo allontanarsi completamente da quello. Quindi, mi piacerebbe sentire la tua opinione, se dovessi applicare il principio 80 / 20 a questo, o per le persone che tutto questo è così nuovo, e vogliono immergersi un po ‘alla volta, quali sono alcune delle lezioni e dei cambiamenti migliori che tutti possiamo iniziare a fare sulla base di questa conoscenza di queste norme biologiche e di ciò da cui possiamo imparare storia?

Arthur: Mi sento come se le persone accetteranno semplicemente, Katie, ancora una volta, che gli esseri umani hanno norme biologiche, siamo proprio come ogni altra specie del pianeta, che abbiamo situazioni e cibi, schemi di sonno e movimento, e così via a cui siamo adattati … In effetti, i nostri geni si aspettano letteralmente di sperimentare. E poi se riescono a capire quanto siamo gravemente disadattati in questo momento, con gran parte della nostra vita contemporanea, non è per affermare che tutto va male e, sai che tutte le città dovrebbero andare via. Non voglio che questo sia il messaggio che sto cercando di mostrare qui, ma che possiamo fare un lavoro migliore per capire che siamo persone selvagge dentro a cui viene data un’esperienza addomesticata. E abbiamo bisogno di un po ‘di più di quella natura selvaggia nelle nostre vite.

E c’è un modo per farlo, non importa dove vivi. Anche se vivi in un condominio nel mezzo di un’area, sai, altamente urbanizzata, puoi comunque all’interno della tua casa, fornire diversità di movimento. Puoi ancora fornire autonomia a una maggiore per accettare i tuoi figli. Puoi imparare a trovare prodotti disponibili sul mercato che si avvicinano maggiormente ai suoi progenitori selvatici. Quindi ottieni più di quella fitochimica benefica, quei composti vegetali nella tua dieta che ti proteggono dal cancro e da altre malattie croniche. In altre parole, c’è un modo per farlo, non importa dove vivi, dove puoi prendere provvedimenti per riconoscere che il tuo corpo vuole che tu sia un essere umano selvaggio.

Katie: Lo adoro. Solo quel cambiamento mentale è così divertente come la tua citazione per riformulare il fatto che siamo esseri selvaggi a cui viene data un’esperienza addomesticata. Amo questa idea. E soprattutto per i nostri figli, penso che sia un punto così importante. Sono davvero contento che abbiamo approfondito questo argomento oggi. E spero che sia un incoraggiamento per molte famiglie. Penso che ci sia così tanto vantaggio. E i bambini hanno ancora quel desiderio naturalmente più di molti di noi da adulti. E possiamo imparare così tanto da loro, come ho detto, dal gioco e dal movimento, ma anche dalla loro naturale curiosità e dal loro desiderio di fare queste cose e dal loro amore per la natura, che credo sia così radicato nei bambini. E penso che per i genitori che ascoltano, questo sia forse un punto perfetto per iniziare tutto questo come strumento di apprendimento per i tuoi figli e come una grande attività motivazionale di legame da fare insieme. E per imparare da loro tanto quanto loro imparano da noi.

Dove consiglieresti alle persone di continuare ad imparare. Sento che probabilmente dovremo fare il round 2 un giorno perché c’è molto di più che so che puoi toccare. Ma per le persone che sono nuove a questa idea e vogliono continuare ad imparare dal tuo lavoro, dove le manderesti per continuare ad imparare?

Arthur: Beh, quello che ho fatto, Katie, è che ho scritto un libro e si chiama “A New Path”. E vado letteralmente attraverso argomenti come l’alimentazione, l’acqua, il sonno e la natura, la connessione e la comunità. E io descrivo: “Questo è il nostro modello ancestrale. Questo è lo schema che stiamo sperimentando ora. Ed ecco le conseguenze sulla salute del nostro disallineamento. Ed ecco come possiamo recuperarne un po ‘. ” Sfortunatamente, il libro è appena esaurito. E quindi, lavorerò per ottenere un’altra stampa o un audiolibro. Ma se le persone sono interessate, ho cercato di mettere insieme essenzialmente un ampio compendio di osservazioni storiche di comunità indigene intatte e cosa hanno fatto, cosa suggerisce la ricerca ora con, sai, brevi citazioni in modo che le persone possano andare a trovare queste prove- ricerca basata se sono molto interessati a leggere di più su di esso. E ancora, come possiamo recuperare un po ‘di quella natura selvaggia di cui prospera davvero la nostra salute?

Ed è una delle migliori fonti perché l’ho scritta per tutte quelle persone che volevano aiutare i loro genitori o i loro amici capiscono: “Questo è il motivo per cui vivo in questo modo. Se vuoi sapere perché cammino a piedi nudi o con scarpe minimaliste, è qui. Se vuoi sapere perché sto bevendo acqua di sorgente da un bicchiere, e non l’acqua clorata, ecco perché ”, e così via, e così via. E cerco di dare alle persone alcune soluzioni, che funzioneranno, almeno alcune di loro, indipendentemente dalla loro situazione di vita. Quindi, cerca quello. Avrò di nuovo una qualche forma di esso disponibile, e forse ebook o audiolibro, qualcosa del genere a breve termine, in modo che le persone possano avere accesso a quelle informazioni.

Katie: Meraviglioso. Mi assicurerò di collegarmi con te e di ottenere quei link nelle note dello spettacolo. E so che hai così tante risorse sul tuo sito web, anche arthurhaines.com. Inserirò quel collegamento così come il tuo TED Talk è quello che abbiamo incontrato. Abbiamo una tradizione nella nostra famiglia di ogni mattina prima di entrare in qualsiasi tipo di lavoro scolastico, che è diverso dalla maggior parte dell’istruzione, guarderemo diversi discorsi TED su argomenti non correlati con l’idea che i bambini sono riconoscitori di schemi naturali. E così quando dai loro cose che non sono correlate, in realtà cercheranno di trarre schemi e conclusioni. E penso che sia fantastico per formare percorsi neurali e anche per convincerli a pensare fuori dagli schemi. E il tuo è quello che ci piace davvero. Quindi, è stato un onore parlare con te oggi. Un’altra domanda che mi piacerebbe porre alla fine delle interviste è diversa dalla tua, se c’è un libro o una serie di libri che hanno avuto un impatto drammatico sulla tua vita e, in caso affermativo, cosa sono e perché?

Arthur: Ci ho pensato a lungo perché ho dovuto leggere così tanti libri per raccogliere tutte queste informazioni nella pratica che facciamo qui alla Wilder Waters Community. È stato difficile per me restringere il campo, ma ne ho scelto uno e si chiama “The Tracker”. E questo è un libro che è stato scritto da Tom Brown Jr., che è un istruttore di abilità ancestrali. Ed è una storia sulla sua vita quando era un bambino, il suo amico Reg e un mentore indigeno, che si chiamava Stocking Wolf e direi che il libro è stato scritto per una specie di tardo medio, primo livello di scuola superiore. Ricordo di averlo letto e capito molto bene quando ero un giovane adolescente. E sto solo facendo sapere alle persone, sai, se sono una persona altamente istruita in cerca di opere profonde, questa ha storie che sono più orientate forse, sai, l’adolescente e il giovane adulto, ma erano storie di ispirazione .

E mi hanno aiutato a capire che non dovevo seguire il modello dell’industria, che andava bene uscire da quella corrente se volevo o nuotare parzialmente fuori da quella corrente , e sii la mia persona, e sii qualcuno che rimarrebbe connesso alla natura per tutta la vita. E ha cambiato la mia vita. In effetti, tutta questa serie di libri ha avuto una profonda influenza su ciò che sono oggi. Sono stati fonte d’ispirazione, li considero quasi storie bibliche. In effetti, non importa nemmeno se fossero reali o meno perché servono al loro scopo per tenermi in contatto con la natura.

Katie: Lo adoro. Questa è una nuova raccomandazione. E mi assicurerò di collegarmi a questo anche nelle note dello spettacolo. Ma come ho detto all’inizio, penso che questo sia un argomento così opportuno in questo momento e così tante lezioni importanti che possiamo imparare. Sono un grande fan del tuo lavoro ed entusiasta di continuare a imparare da te. Ma davvero, sono solo onorato che tu abbia trascorso del tempo qui oggi, insegnando a tutti noi e condividendo la tua saggezza. Quindi, grazie mille.

Arthur: Sì. E Katie, posso partire con una citazione di una delle mie eroine?

Katie: Assolutamente.

Arthur: Okay. Questo è di Ina May Gaskin, una delle persone più importanti della mia vita che mi ha influenzato. E penso che in questo momento sia molto adatto a quello che sta succedendo nel mondo, in particolare qui negli Stati Uniti. E la sua citazione che vorrei fare è questa: “Orribili storie di nascite possono ora essere inviate in tutto il mondo alla velocità della luce tramite televisione satellitare e film con il risultato che atteggiamenti disinformati, molti dei quali sono nati originariamente negli Stati Uniti che promuovono un intervento medico ancora più di routine e la nascita di donne sane minacciano di rendere l’antico modo di nascita visto come egoista o un atto irresponsabile da parte delle donne che desiderano fare questa scelta “. E volevo concludere con quella citazione perché penso che se prendi l’idea presentata in quella un po ‘più liberalmente, si adatta davvero a molte cose che vediamo oggi. Quindi, grazie mille per avermi invitato.

Katie: Lo adoro. È anche una persona che ammiro molto. E il suo lavoro è stato influente per me nelle mie esperienze di nascita e nel modo in cui abbiamo scelto di portare i nostri figli nel mondo. Mi piace che tu l’abbia cresciuta e penso che sia un posto perfetto per concludere. Grazie ancora, e grazie come sempre, ovviamente, a tutti voi per averci ascoltato per aver condiviso la vostra risorsa più preziosa, il vostro tempo, con noi oggi. E siamo entrambi molto grati che tu l’abbia fatto, e spero che ti unirai di nuovo a me nel prossimo episodio di “Wellness Mama Podcast”.

Se ti piacciono queste interviste, per favore, dedichi due minuti a lasciare una valutazione o una recensione su iTunes per me? Ciò aiuta più persone a trovare il podcast, il che significa che ancora più mamme e famiglie potrebbero trarre vantaggio dalle informazioni. Apprezzo molto il tuo tempo e grazie come sempre per l’ascolto.