mercoledì 21 aprile 2021

5 azioni Robinhood da tenere sotto osservazione se l’espansione continua

Il broker online Robinhood ha cambiato le regole del gioco per gli investimenti, rendendo più facile per gli investitori, anche giovanissimi, partecipare alle dinamiche dei mercati azionari.

Lanciata nel 2015, la sua app di trading ha guadagnato una notevole popolarità dall’inizio della pandemia, lanciando diversi titoli Robinhood per acquistare più in alto man mano che la piattaforma si espande.

Una recente ricerca di Michael S.Pagano della Villanova University, Pennsylvania, conclude: “Utilizzando i dati sulle azioni detenute da singoli investitori presso la società di intermediazione al dettaglio Robinhood, documentiamo che questi investitori sono attivamente impegnati sia in strategie di trading momentum che contrarian”.

Il broker è noto per offrire scambi “gratuiti”, ma genera entrate tramite il pagamento per il flusso degli ordini. In sostanza, quando una persona fa trading sull’app, Robinhood invia tale operazione a un’entità più grande, che è in grado di sfruttare migliaia di ordini contemporaneamente per un leggero vantaggio. L’entità più grande quindi compensa Robinhood per gli ordini. ” Oltre a questa struttura del flusso di pagamento per ordine, il broker guadagna entrate attraverso commissioni di margine e interessi sul saldo di cassa.

È probabile che Robinhood continuerà a fare notizia nel 2021 poiché gli investitori al dettaglio trasferiscono il proprio capitale sulla piattaforma. Con queste informazioni, ecco 5 titoli Robinhood da tenere d’occhio nei prossimi mesi:

  • ETF Global X Lithium & Battery Tech (NYSEARCA: LIT)
  • Nvidia (NASDAQ: NVDA)
  • Plug Power (NASDAQ: PLUG)
  • Starbucks (NASDAQ: SBUX)
  • Tilray (NASDAQ: TLRY)

La volatilità del mercato e l’aumento dell’interesse del retail per gli investimenti e il trading hanno visto il business di Robinhood aumentare in modo significativo. All’inizio di febbraio, la società ha annunciato di aver raccolto 3,4 miliardi di dollari di finanziamenti. La sua valutazione si sta avvicinando rapidamente a $ 40 miliardi. Il gamechanger è qui per restare.

Global X Lithium & Battery Tech ETF (LIT)

L’ETF Global X Lithium & Battery Tech investe in attività incentrate sull’intera catena di fornitura del litio, ovvero dall’estrazione e raffinazione del metallo fino alla produzione di batterie. LIT, che replica il Solactive Global Lithium Index, ha 40 partecipazioni in azioni e dal suo inizio nel luglio 2010, il patrimonio netto ha raggiunto i 3 miliardi di dollari.

Il 2020 ha visto un immenso interesse di consumatori e investitori per i veicoli elettrici (EV) e le fonti di energia alternative. Poiché il litio è preferito alle batterie al piombo-acido, le scorte di litio hanno beneficiato in modo significativo nell’ultimo anno. Ad esempio: “La ricarica di una batteria al piombo può richiedere più di 10 ore, mentre le batterie agli ioni di litio possono impiegare da 3 ore a pochi minuti per caricarsi, a seconda delle dimensioni della batteria.”

Per quanto riguarda i settori, i fondi sono distribuiti tra Materiali (42,7%), Industriali (28,5%), Beni voluttuari (16,3%) e Information Technology (11,3%), tra gli altri. Oltre il 60% delle partecipazioni è tra i primi dieci titoli. Le imprese cinesi rappresentano il 43,9% delle partecipazioni, seguite da azioni statunitensi (21,8%), Corea del Sud (12,0%), Giappone (6,6%) e altri. I nomi principali del fondo sono Albemarle (NYSE: ALB), Ganfeng Lithium (OTCMKTS: GNENF), Byd (OTCMKTS: BYODY), Samsung ed Eve Energy.

Dato il significativo aumento del prezzo, è probabile che LIT subisca pressioni nelle prossime settimane. Tuttavia, gli investitori buy and hold dovrebbero considerare i cali di prezzo come un’opportunità per il fondo.

Nvidia (NVDA)

Nvidia, la beniamina dei chip con sede in California, si concentra sulla grafica dei personal computer (PC), sulle unità di elaborazione grafica (GPU) e sull’intelligenza artificiale (AI). Il gruppo opera attraverso due segmenti: GPU e Tegra Processor.

I suoi marchi di prodotti GPU si rivolgono a mercati specializzati, tra cui GeForce per i giocatori; Quadro per i progettisti; Tesla e DGX per ricercatori di AI e big data; e GRID per utenti di visual computing basati su cloud. In altre parole, l’azienda dispone di un forte portafoglio di prodotti, che è stato il catalizzatore della recente crescita delle vendite.

Nvidia ha registrato un fatturato record di 4,73 miliardi di dollari per il terzo trimestre, in crescita del 57% rispetto ai 3,01 miliardi di dollari dell’anno precedente. L’utile netto non GAAP è stato di $ 1,83 miliardi, con un aumento del 66% su base annua. L’utile non GAAP per azione diluita è stato di $ 2,91, in aumento del 63% rispetto a $ 1,78 dell’anno precedente. Il flusso di cassa libero è stato di $ 806 milioni, in calo del 48% su base annua.

Il CEO Jensen Huang ha dichiarato: “NVIDIA sta facendo tutto il possibile, raggiungendo ricavi record nel settore dei giochi, dei data center e in generale. Stiamo continuando ad alzare il livello con NVIDIA AI. Abbiamo analizzato il benchmark dell’inferenza dell’intelligenza artificiale del settore e i nostri clienti stanno trasferendo alcuni dei servizi di intelligenza artificiale più famosi al mondo in produzione, basati sulla tecnologia NVIDIA “.

I rapporti P / E e P / S delle azioni NVDA sono rispettivamente 48,08 e 22,98, indicando un livello di valutazione schiumoso. Un potenziale calo verso il livello di 525 dollari migliorerebbe il margine di sicurezza. Il lavoro da casa trend m

Fate una pausa mentre l’economia si apre ulteriormente. Tuttavia, Nvidia rimane uno dei nomi di chip più importanti che appartengono a un portafoglio in crescita.

Plug Power (PLUG)

Plug Power sviluppa sistemi di celle a combustibile a idrogeno per il mercato industriale. Negli ultimi mesi è cresciuto l’entusiasmo per l’idrogeno come “un combustibile pulito che, se consumato in una cella a combustibile, produce solo acqua, elettricità e calore. L’idrogeno e le celle a combustibile possono svolgere un ruolo importante nella nostra strategia energetica nazionale, con il potenziale per l’utilizzo in un’ampia gamma di applicazioni, praticamente in tutti i settori: trasporti, commerciale, industriale, residenziale e portatile “.

Una parte importante dei ricavi di Plug Power proviene dalla vendita di celle a combustibile per carrelli elevatori utilizzati nei magazzini dai giganti della vendita al dettaglio Amazon (NASDAQ: AMZN) e Walmart (NYSE: WMT). Secondo i risultati trimestrali più recenti, i ricavi netti sono stati di 83,5 milioni di dollari, rispetto ai 38,9 milioni di dollari di un anno fa. La perdita netta GAAP è aumentata a $ 39,4 milioni, rispetto a $ 18,1 milioni nel terzo trimestre del 2019. La perdita netta GAAP per azione è stata di 11 centesimi. Un anno prima era di 8 centesimi. La liquidità e gli equivalenti erano $ 731,4 milioni, rispetto a $ 198,3 milioni un anno prima.

Il CEO Andy Marsh ha dichiarato: “Vorrei sottolineare la nostra performance operativa. L’azienda ha ottenuto 126 milioni di dollari di fatturazione lorda. Ciò rappresenta un aumento del 106% rispetto al terzo trimestre del 2019. Questo trimestre è una forte convalida del nostro modello di business negli anni a venire “.

I rapporti P / B e P / S delle azioni PLUG sono rispettivamente 42,09 e 49,50. In caso di prese di profitto a breve termine, gli investitori buy-and-hold potrebbero trovare un valore migliore intorno a $ 42,50. La società spera di raggiungere $ 1,2 miliardi di vendite annuali entro il 2024. Sebbene si tratti di un numero ambizioso che potrebbe rivelarsi difficile da raggiungere in un paio d’anni, Plug Power ha venti favorevoli a lungo termine per sostenere il prezzo delle azioni.

Starbucks (SBUX)

Il rivenditore di caffè speciali Starbucks ha bisogno di poche presentazioni. SBUX serve i clienti con le sue sedi di proprietà dell’azienda e autorizzate, sia negli Stati Uniti che nel mondo. Tuttavia, le chiusure dei negozi a causa della pandemia hanno influenzato negativamente il traffico pedonale e le vendite.

Alla fine di gennaio, i guadagni del primo trimestre di Starbucks sono stati pubblicati. I ricavi sono stati di $ 6,7 miliardi, con un calo del 5% su base annua. La direzione ha principalmente puntato il dito contro Covid-19 per il declino. D’altro canto, gli analisti sono stati lieti che il gruppo abbia aperto 278 nuovi negozi netti nel primo trimestre FY21, una crescita del 4% su base annua. Gli utili sono stati di $ 622,2 milioni, con un calo del 29,8% rispetto all’anno precedente. L’utile per azione non GAAP è sceso da 79 centesimi a 61 centesimi.

Il CEO Kevin Johnson ha affermato: “Gli investimenti nei nostri partner, nell’innovazione delle bevande e nelle relazioni con i clienti digitali hanno continuato ad alimentare la nostra ripresa e posizionare Starbucks per una crescita sostenibile a lungo termine”.

I rapporti prezzo-utili e prezzo di vendita delle azioni SBUX sono rispettivamente di 36,4 e 4,12. Poiché le economie in tutto il mondo continuano ad aprirsi, mi aspetto che Starbucks torni i suoi clienti e le vendite a rimbalzare. Gli investitori a lungo termine potrebbero acquistare i cali.

Tilray (TLRY)

Il produttore di cannabis con sede in Canada Tilray ha fatto notizia nelle ultime settimane. A metà dicembre, il gruppo ha annunciato un’imminente fusione con un’altra azienda canadese di marijuana in erba, Aphria (NASDAQ: APHA). La nuova entità diventerà la più grande azienda di pentole al mondo, sulla base dei ricavi pro forma. A seguito della notizia, le azioni TLRY hanno toccato un massimo di 52 settimane di $ 67 a febbraio. Tuttavia, da allora, la presa di profitto ha dato il via e le azioni ora sono intorno ai $ 26.

Tilray ha annunciato i risultati finanziari del quarto trimestre e della fine del 2020 il 17 febbraio. Di conseguenza, i ricavi totali sono aumentati a $ 56,6 milioni, in aumento del 20,5% rispetto al quarto trimestre del 2019. La perdita netta è stata di $ 3,0 milioni, o 2 centesimi per azione. Un anno fa, i numeri comparabili erano una perdita netta di $ 219,8 milioni e perdite di $ 2,14 per azione.

Sebbene le metriche abbiano mostrato un aumento delle entrate nel segmento della cannabis della società, gli analisti concordano sul fatto che né il segmento ricreativo / adulto canadese né i segmenti medici internazionali o canadesi sono abbastanza grandi da fornire un ulteriore supporto sostenuto al prezzo delle azioni. In effetti, gli investitori hanno deciso di premere il pulsante “vendi” dopo i risultati.

Dopo le elezioni presidenziali statunitensi di novembre, le azioni di marijuana sono state al centro della scena, contribuendo al rapido aumento del prezzo. Ora la volatilità sembra essere tornata per il settore mentre il mercato si chiede se la legalizzazione degli Stati Uniti sia davvero presto nelle carte. Pertanto, è probabile che vedremo oscillazioni selvagge dei prezzi nella maggior parte dei nomi di marijuana, comprese le azioni TLRY. Gli investitori interessati dovrebbero considerare i ribassi verso $ 20 o inferiori come punti di ingresso migliori.