venerdì 07 maggio 2021

5 ragioni per cui la pandemia potrebbe migliorare gli aeroporti e il modo di volare

Si prevede che volare quest’estate sia più noioso che in passato, ma gli esperti affermano che la pandemia potrebbe spingere a cambiamenti positivi negli aeroporti.

Cosa c’è all’orizzonte? Immagina linee più brevi, attraversando posti di blocco e non toccare nulla – tranne il tuo cellulare – dalla portiera della tua auto al sedile del tuo aereo. In effetti, la tecnologia per farlo esiste già.

Ecco cosa aspettarsi dagli aeroporti del (prossimo) futuro.

1. Una folle corsa per la tecnologia “touchless”

È ampiamente previsto che gli aeroporti passeranno alla tecnologia touchless a un ritmo molto più rapido a causa della pandemia di coronavirus.

“Stiamo assistendo a cinque anni di innovazione tra cinque mesi e gran parte dell’impatto sarà permanente”, ha dichiarato Ibrahim Ibrahim, amministratore delegato di Portland Design, una società di consulenza di progettazione con sede a Londra con particolare attenzione ai centri di transito e agli aeroporti. “Vedremo un assorbimento turbo al check-in zero-touch, alla sicurezza e all’imbarco guidati dalla tecnologia.”

Per verificare l’identità dei passeggeri, le patenti di guida e i passaporti vengono sostituiti con riconoscimento e biometria a scansione dell’iride.

La biometria del riconoscimento facciale confronta i volti dei viaggiatori con i database dei passaporti governativi.

Per gentile concessione di Sita

Il primo il terminal biometrico negli Stati Uniti è stato aperto in ritardo all’aeroporto internazionale di Atlanta, Hartsfield-Jackson, in Atlanta 2018. Spettacoli di ricerca di terze parti 72% dei clienti ha preferito l’imbarco biometrico rispetto imbarco standard e meno del 2% dei clienti ha rinunciato al processo, per il sito Web di Delta.

“Delta ha esteso le sue pratiche di imbarco per il riconoscimento facciale agli aeroporti di Detroit, Minneapolis e Salt Lake City “, ha dichiarato lo stratega del design Devin Liddell, che lavora con clienti dell’aviazione e dei viaggi. “United Airlines ha programmi pilota che stanno effettuando test adesso a San Francisco, Washington Dulles e Houston.”

Lo stesso ritmo di test e distribuzione della biometria è in corso a livello internazionale negli aeroporti in Canada, Giappone, Italia , Spagna e Islanda, ha dichiarato Liddell.

Anche i telefoni cellulari svolgeranno un ruolo fondamentale, che si estende oltre le carte d’imbarco mobili (introdotte oltre un decennio fa).

“Il tuo cellulare diventerà il tuo telecomando per gestire il tuo viaggio”, ha dichiarato Andrew O’Connor, vice presidente della gestione del portafoglio presso Sita, una società di tecnologia di trasporto aereo. “Oggi, puoi interagire con un chiosco per il check-in o il bag-drop tramite il telefono, eliminando il contatto con le superfici. Tuttavia, a lungo termine vediamo la tua identità digitale essere memorizzata sul tuo cellulare.”

Sita immagina che le esperienze in aeroporto siano quelle a piedi, in cui le identità vengono verificate in pochi secondi e i passeggeri sono tenuti in costante movimento. La sua tecnologia Smart Path è utilizzata negli aeroporti di Atene, Brisbane, Doha, Muscat, Orlando, Miami e Boston.

L’aeroporto internazionale di Dubai ha un “tunnel intelligente” che utilizza la biometria per accelerare l’immigrazione controllo. Con esso, i passeggeri possono cancellare un check-in in immigrazione 15 secondi.

“L’anno scorso, più di 12 milioni di passeggeri hanno utilizzato le porte intelligenti e il tunnel biometrico per il controllo dei passaporti “, ha detto Liddell. “Altri aeroporti hanno aspirazioni simili e seguiranno l’esempio.”

Un viaggiatore passa attraverso il controllo dell’immigrazione camminando attraverso un “tunnel intelligente” all’aeroporto internazionale di Dubai.

GIUSEPPE CACACE / AFP

I checkpoint aeroportuali possono presentarsi in molte forme, dai tunnel e giardini ai passaggi automatici. E saranno più importanti che mai sulla scia di Covid – 15 come “le code di sicurezza sono l’antitesi del distanziamento fisico”, ha detto Liddell.

Che dire del raggruppamento pre-imbarco di persone che si aggirano intorno agli agenti di gate prima che vengano chiamate le loro file o categorie? Le compagnie aeree possono utilizzare le notifiche dei telefoni cellulari per chiamare tranquillamente i clienti a bordo.

“Portiamo le persone al gate troppo presto”, ha detto Liddell. “Ciò accade perché i passeggeri non possono prevedere adeguatamente il tempo necessario per manovrare i processi di controllo di sicurezza e anche perché le compagnie aeree comunicano in modo più affidabile al gate rispetto a mezzi digitali.”

Prevede che nel post-Covid – 14 nell’era futura, ammucchiare tutti insieme al gate si sentirà “sempre più insostenibile”, costringendo gli aeroporti a trovare il modo di riunire i passeggeri appena prima dell’imbarco.

2. Modifica della linea di sicurezza

Come semplificare un processo che richiede ai passeggeri di stare spalla a spalla, posizionando scarpe e capispalla in contenitori riutilizzabili accanto a germi borse e computer portatili carichi?

La prenotazione di appuntamenti per passare attraverso la sicurezza è un modo per ridurre la folla e le lunghe file. All’aeroporto internazionale Montréal – Trudeau, i passeggeri prenotano le proprie proiezioni. Tim Hudson, leader nel settore dell’aviazione dello studio di architettura globale Gensler, ha affermato che gli aeroporti potrebbero assegnare punti simili ai “pass di facile accesso offerti dai parchi divertimenti”.

“Con l’uso della tecnologia intelligente, l’aeroporto avrebbe assegnato ai passeggeri una fascia oraria dedicata per accedere al checkpoint di sicurezza”, ha dichiarato Hudson. “Questa strategia consentirà agli aeroporti di anticipare e gestire i carichi dei passeggeri, aiutando nel contempo i passeggeri a ridurre al minimo il contatto con altri passeggeri e superfici contaminate.”

La sicurezza aeroportuale è un tripudio di problemi post-pandemia: affollamento, punti di contatto passeggeri e (occasionalmente) agenti di sicurezza che toccano le tue cose.

Robert Alexander

Programmi come Global Entry si basano su dati biometrici per zip supera le lunghe file di immigrazione e sicurezza. Il programma TSA PreCheck negli Stati Uniti – che si occupa esclusivamente di linee di sicurezza – sta testando la tecnologia biometrica (attualmente confronta manualmente i passeggeri con i loro documenti di identità con foto). Ma i passeggeri devono iscriversi e pagare per questi programmi.

“Come viaggiatori, dobbiamo optare per il processo e metterci più a nostro agio nel condividere le nostre informazioni private”, ha affermato Hudson. “Se i viaggiatori sono disposti a rinunciare a un po ‘più di dati, il processo da marciapiede a gate sarà molto più snello.”

Mentre le prenotazioni e la biometria velocizzano l’elaborazione, non controllano i bagagli o risolvere il problema del punto di contatto.

“La biometria lavora per confermare la tua identità e la validità dei tuoi documenti di viaggio, non quello che porti con te”, ha detto Liddell. “Altre tecnologie, come la tomografia computerizzata, che applica algoritmi e la creazione di immagini 3D per rilevare esplosivi e altre minacce nel bagaglio, così come altri sistemi di visione artificiale, stanno emergendo per innovare il modo in cui aeroporti e TSA affrontano il problema degli articoli proibiti.”

3. Pulizia di tutto, dai bagagli alle persone

Simpliflying, una società di strategia di marketing delle compagnie aeree, prevede che i bagagli saranno appannati e “sanitagged” sulla cintura del check-in. I bagagli a mano (così come i cassonetti) verranno disinfettati mediante l’appannamento, la luce UV o un’altra tecnica rapida nella macchina di sicurezza a raggi X.

I bagagli potrebbero non essere gli unici cosa che è sanificata. L’aeroporto internazionale di Hong Kong sta testando una cabina di disinfezione per tutto il corpo realizzata da CleanTech che disinfetta dalla testa ai piedi durante un 40 – secondo processo di sterilizzazione.

Gli aeroporti saranno puliti più spesso con enfasi sui metodi di disinfezione senza contatto. L’aeroporto Changi di Singapore raddoppia le pulizie dei terminali e ricopre i punti ad alto tocco – come corrimano, pulsanti di sollevamento e maniglie del carrello – con un disinfettante che riduce la trasmissione virale e batterica per un massimo di sei mesi. Hong Kong utilizza robot di sterilizzazione intelligenti per uccidere fino a 99. 99% di batteri e virus nell’aria.

Tre robot di sterilizzazione intelligenti sono impiegati 24 ore su 24 nell’aeroporto internazionale di Hong Kong.

Per gentile concessione dell’aeroporto internazionale di Hong Kong

l’Aeroporto Internazionale Louisville Muhammad Ali del Kentucky ha quadruplicato il numero di stazioni automatizzate per disinfettante per le mani in tutto il terminal e sostituito più di 100 distributori di sapone da bagno manuali con unità automatizzate. Solo il 5% dei distributori di asciugamani non era automatizzato e anche loro vengono sostituiti.

4. Terminali più rilassati e spaziosi

Ibrahim prevede che il check-in più regolare e le verifiche di sicurezza lasceranno i passeggeri più felici, meno stressati e più propensi a spendere soldi nelle lounge di partenza.

“Verranno introdotti sistemi di pagamento digitali che renderanno sempre più ridondanti le casse, i cassieri e i nastri trasportatori”, ha affermato. “Le code alla fine saranno un anatema nei negozi.”

Lo stand di informazioni virtuali all’aeroporto internazionale Louisville Muhammad Ali del Kentucky.

Per gentile concessione dell’aeroporto internazionale Louisville Muhammad Ali

I veicoli autonomi, i robot e l’intelligenza artificiale svolgeranno ruoli più importanti, soprattutto in modo da eliminare le linee e la folla, ha affermato Liddell. Nel frattempo, puoi ancora parlare con persone reali, anche se non sono fisicamente presenti. L’aeroporto di Louisville ha installato uno stand di informazioni virtuali in cui i passeggeri possono parlare con un rappresentante attraverso un feed video in diretta.

Le aree di ristorazione e vendita al dettaglio potrebbero eventualmente essere separate, con realtà virtuale o immagini olografiche per mostrare agli acquirenti opzioni e acquisti forniti da un bot, prevede Faith Popcorn, CEO della società di consulenza marketing BrainReserve.

“Elimineremo molti lavori a favore della tecnologia priva di germi”, ha detto.

5. Un controllo sulla malattia, piuttosto che un condotto

Mentre gli aeroporti stanno aggiungendo telecamere e sensori per combattere Covid – 19, Liddell ritiene che i mozzi aerei potrebbero alla fine diventare un luogo per rilevare e contenere la salute emergente minacce, piuttosto che il vettore involontario di malattia che sono oggi.

Etihad Airways sta testando i chioschi nell’aeroporto internazionale di Abu Dhabi che monitorano la temperatura corporea e le frequenze cardiache e respiratorie. Altre compagnie aeree si affidano a questionari sui sintomi e termocamere. Forse la scansione polmonare TC sarà implementata, come prevede Simpliflying, con risultati prodotti prima che i passeggeri possano volare.

Il personale dell’aeroporto internazionale di Hamad di Doha sta indossando elmetti di screening intelligenti che valutano la temperatura corporea usando l’imaging termico, intelligenza artificiale e realtà aumentata, ha detto l’aeroporto.

Personale presso l’aeroporto internazionale di Hamad temperatura di usura antirumore.

Per gentile concessione dell’aeroporto internazionale Hamad

Tuttavia, tali misure non sono infallibili. Come persone infette da Covid – 14 possono essere contagiosi mentre sono asintomatici o prima dell’inizio dei sintomi, i controlli aeroportuali possono sembrare più un setaccio, setacciando solo i casi più ovvi.

“Sulla base delle cifre, sembra che il coronavirus le infezioni si verificano raramente attraverso lo screening aeroportuale “, ha dichiarato Taneli Puumalainen, capo medico dell’Istituto finlandese per la salute e il benessere, in un’intervista con l’operatore aeroportuale finlandese Finavia.

L’aeroporto internazionale di Hong Kong è stato il primo aeroporto ad annunciare i test obbligatori per tutti i passeggeri in arrivo. I nuovi arrivati ​​prendono un bus navetta per l’Asia World-Expo per fornire “campioni di saliva alla gola profonda” e attendono i risultati, un processo che è stato segnalato per richiedere fino a otto ore.