Entra in contatto con noi

Mercati americani

5 takeaway dai guadagni di Netflix

Pubblicato

il

Netflix (NFLX 4,36%) ha avuto molte buone notizie per gli investitori quando ha riportato i risultati degli utili del quarto trimestre.

Il leader dello streaming ha prodotto una crescita degli abbonati molto migliore del previsto, aggiungendo 7,66 milioni di nuovi abbonati netti. Ha aggiunto abbonati in ogni regione. Questi abbonati hanno contribuito a generare entrate per 7,85 miliardi di dollari nel trimestre, in linea con le aspettative. Sebbene gli utili siano stati inferiori, in parte a causa di venti contrari valutari, gli investitori sono stati molto soddisfatti dei risultati.

Ma gli investitori devono sempre guardare avanti e ci sono molti importanti aspetti da trarre dal rapporto sugli utili. Ecco cinque dei più grandi.

1. Un nuovo co-CEO

Reed Hastings si dimette dal suo ruolo di co-CEO dopo aver guidato l’azienda per 23 anni.

Advertisement

Greg Peters, l’ex responsabile del prodotto e chief operating officer, sostituirà Hastings, co-guidando l’attività con Ted Sarandos. Sarandos è stato promosso a co-CEO nel 2020 e continua a dirigere il business dei contenuti.

Peters è stato determinante nell’alzarsi e nel lanciare il nuovo livello supportato da pubblicità di Netflix nei tre trimestri da quando la direzione ha fatto un annuncio a sorpresa durante la chiamata sugli utili del primo trimestre dell’anno scorso. Dice che gli investitori non dovrebbero aspettarsi grandi cambiamenti nel modo in cui guida l’azienda rispetto a come funzionavano le cose sotto Hastings. I tre – Peters, Sarandos e Hastings – hanno lavorato a stretto contatto per molto tempo.

La mossa dovrebbe aiutare a mantenere il talento di Peters su Netflix per un po’ di tempo.

2. $ 3 miliardi di free cash flow quest’anno

Il management prevede che il flusso di cassa libero salirà più in alto quest’anno sulla scia della solida crescita dei ricavi.

Advertisement

La società ha generato un flusso di cassa libero di 1,6 miliardi di dollari nel 2022 e prevede di raddoppiare tale importo nel 2023, raggiungendo i 3 miliardi di dollari. A guidare quel flusso di cassa libero è l’aspettativa di una riaccelerazione nella crescita dei ricavi. La direzione prevede una crescita dei ricavi solo del 4% nel primo trimestre, ma tale numero dovrebbe migliorare nel corso dell’anno.

Inoltre, la società prevede di mantenere la spesa per i contenuti in contanti allo stesso livello come negli ultimi anni, a $ 17 miliardi. Senza un aumento sostanziale dei costi dei contenuti, la sua più grande spesa in contanti, una parte maggiore di tali entrate può confluire nel bilancio di Netflix.

I piani di allocazione del capitale della società rimangono invariati e la direzione afferma che probabilmente riprenderà il suo programma di riacquisto di azioni quest’anno, restituendo parte della liquidità in eccesso che sta generando agli azionisti.

3. Aumento della prospettiva del margine operativo

Come il resto del concorrenza in streamingNetflix sta cercando di rendere la sua attività più redditizia.

Advertisement

Il management ha alzato la propria guidance per il margine operativo di 2 punti percentuali sulla base dei tassi di cambio all’inizio del 2022. Tuttavia, le fluttuazioni valutarie nel frattempo hanno portato a un nuovo outlook dal 18% al 20%, grosso modo in linea con l’outlook al inizio 2022.

Tuttavia, la guida aggiornata suggerisce una redditività migliore del previsto, forse a causa della sovraperformance dei guadagni degli abbonati nell’ultimo trimestre.

A lungo termine, Netflix prevede di poter continuare ad espandere il suo margine operativo aumentando la sua base di entrate e mantenendo le spese per i contenuti in linea con il suo obiettivo di margine. Ma con la sua massiccia base di abbonati globale, i tassi di cambio possono avere un grande impatto sul suo margine operativo.

4. La repressione della condivisione degli account potrebbe causare problemi a breve termine

Netflix inizierà a spingere più abbonati a interrompere la condivisione delle password entro la fine del trimestre.

Advertisement

Il management si aspetta un dolore a breve termine poiché deve affrontare alcune cancellazioni dalla repressione sulla base dei suoi processi in America Latina.

Alcuni telespettatori annulleranno, “simile a quello che vediamo quando alziamo i prezzi”, ha detto Peters su chiamata guadagni. “Ma poi, in generale, ciò che accade è… vedremo gente entrare come nuovi abbonati, essenzialmente mutuatari che creano i loro account o monetizzazione incrementale attraverso il membro extra che avverrà poco dopo.”

Questo è uno dei motivi per cui Netflix prevede una lenta crescita degli abbonati nel primo trimestre. Inoltre, il management si aspetta di conseguenza un modello molto diverso per la crescita degli add net a pagamento nel 2023, con una crescita degli abbonati nel secondo trimestre che supera il primo trimestre.

5. La pubblicità sta andando meglio del previsto

Netflix si è alzato in piedi e ha lanciato un livello supportato dalla pubblicità in circa sei mesi. E mentre potrebbe averlo ha sperimentato alcuni dossi nel suo lancionel complesso sta andando meglio di quanto la direzione sperasse.

Advertisement

Il coinvolgimento è coerente con abbonati simili su piani senza pubblicità. La maggior parte degli abbonati esistenti non passa nemmeno al piano supportato dalla pubblicità. Inoltre, il prezzo più basso sembra guidare la crescita incrementale degli abbonati. Con un prezzo vicino al fondo del settore, il livello supportato da pubblicità presenta molto valore per i consumatori attenti al budget.

Il management è estremamente ottimista riguardo alle sue prospettive nella pubblicità. Nel lungo periodo prevede che l’attività pubblicitaria generi più del 10% delle sue entrate. Per riferimento, le entrate ammontavano a 31,6 miliardi di dollari nel 2022.

Un grande trimestre e una grande prospettiva

Netflix si sta dirigendo verso il 2023 con grande slancio e il titolo potrebbe premiare gli investitori pazienti.

Sebbene possa affrontare un percorso accidentato per far decollare l’attività pubblicitaria e reprimere la condivisione delle password, sembra che si stia muovendo verso i suoi obiettivi a lungo termine di riaccelerando i ricavi e ampliando il proprio margine operativo. Il riacquisto di azioni proprie dovrebbe aggiungere un certo supporto anche al prezzo delle azioni e il flusso di cassa probabilmente si espanderà ulteriormente negli anni a venire.

Advertisement

Anche dopo che il titolo è salito in seguito agli utili, vale la pena dare un’occhiata alle azioni Netflix.

Adam Levi ha posizioni in Netflix. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Netflix. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending