sabato 25 giugno 2022

7 dei titoli energetici più in voga da acquistare quest'estate

Non ci vuole un dottorato in economia per sapere che i prezzi dell’energia – e le scorte energetiche – stanno tornando forti. Questo è direttamente collegato alla ripresa post-pandemia e sarà una tendenza significativa mentre andiamo avanti.

Quando il mondo si riapre, ci sono diverse forze in gioco nella patch energetica. La Russia sta usando nuovamente le sue esportazioni di gas naturale come strumento politico. La Cina sta cercando le proprie soluzioni energetiche e il Medio Oriente sta facendo le proprie scommesse mentre cerca i suoi migliori clienti nel prossimo decennio e oltre.

Inoltre, le rinnovabili sono diventate un grosso problema. C’è il movimento ESG (ambientale, sociale, di governance) che incoraggia a pensare (e fare) più verde. C’è più interesse per i veicoli elettrici (EV) e l’idrogeno come alternative meno dense di carbonio al carburante.

Ma il fatto è che, in questo momento, il mondo è alimentato dal petrolio. Potrebbe cambiare, ma non è come accendere un interruttore della luce. Durante la transizione, le aziende nella zona petrolifera hanno ancora gambe. E questi sono i sette titoli più interessanti della patch energetica ora:

Continental Resources (NYSE: CNR) Risorse naturali canadesi (NYSE: CNQ) Devon Energy (NYSE: DVN) Diamondback Energy (NASDAQ: ZANNA) Hess Corp (NYSE: LUI È ) Imperial Oil (NYSEAMERICAN: IMO) PetroChina (NYSE : PTR) Scorte Energetiche: Risorse Continentali (CNR) Questo è un buon momento per le società di esplorazione e produzione (E&P). Sono loro che stanno effettivamente trovando e producendo il petrolio e il gas naturale da spedire al mercato.

Le imprese di E&P vivono un’esistenza ciclica. Quando la domanda è forte, le loro attività esplodono. Quando la domanda è bassa, faticano a produrre energia al di sopra del pareggio. La domanda è alta ora e il CNR è uno stock energetico rinato.

Il CNR spedisce petrolio e gas naturale da alcune delle zone energetiche più produttive negli Stati Uniti Ha circa 58/40 mix tra petrolio e gas naturale.

La società esiste da

, quindi ha visto la sua giusta quota di mercati energetici selvaggi. E ha continuato a prosperare.

In questo momento, le scorte sono aumentate 144% dall’inizio dell’anno, ma ha ancora molto spazio per crescere prima di avvicinarsi al suo 2019 alti.

Contiene un Portfolio Grader Classificazione ‘B’.

Risorse naturali canadesi (CNQ) Un’altra azienda di E&P con sede in Oklahoma, DVN ha proprietà negli Stati Uniti, in alcuni dei bacini più ricchi di energia degli Stati Uniti È nel settore energetico da 2007, quindi è anche un veterano che ha imparato a gestire gli alti e i bassi dei titoli energetici.

DVN rimane ben lontano dal suo 2019 alti, quindi è 95% da inizio anno la performance è impressionante, ma mostra anche quanto in basso il titolo sia stato scambiato in un ene debole mercato rgia. Con quasi $20 capitalizzazione di mercato di miliardi, DVN ha le dimensioni per sopportare tempi difficili e la capacità di crescere rapidamente in tempi buoni.

Contiene un Portfolio Grader Classificazione ‘B’.

Diamondback Energy (FANG) In dicembre 2007, FANG ha acquistato più di 4, 000 acri di terra nel petrolio -ricco bacino del Permiano. Quello era l’inizio. Da allora ha ampliato il proprio portafoglio con acquisizioni di nuovi immobili e società nel bacino.

Possiede anche un business midstream. Gestisce oleodotti nei bacini del Midland e del Delaware. Questo è un grande aumento delle entrate, specialmente quando la domanda di energia è in crescita.

FANG è in aumento 91% da inizio anno, con un dividendo dell’1,7%. Tieni presente che questo stock energetico è 61-gamma alta e bassa settimana da 20 per 95. È un’enorme oscillazione, che mostra perché la corsa durante i periodi buoni è così significativa e volatile.

Titoli energetici: Hess Corp (HES)

Fonte: rafapress / Shutterstock.com

Mentre le sue radici risalgono ai bei vecchi tempi dell’industria petrolifera globale in 2007, HES si è trasformato in passato decennio da una compagnia petrolifera e del gas integrata alla sua attuale attività E&P.

Da 2014, aveva venduto le sue raffinerie, stazioni di servizio, attività di marketing energetico e le sue divisioni di stoccaggio e terminali. Con $42 capitalizzazione di mercato di miliardi, è un grande attore nello spazio E&P e ha un pedigree significativo tra i titoli energetici.

Lo stock è in esaurimento 80% dall’inizio dell’anno e dopo tutto il trambusto degli ultimi anni, sta finalmente operando in un mercato rialzista con tutti i cilindri in funzione.

Detiene unClassificazione ‘B’.

Olio Imperiale (IMO) Quando si pensa ai titoli energetici legacy in Nord America, è una buona scommessa che l’IMO non compaia in quell’elenco.

Lanciato in 1880, Questo compagnia energetica integrata (E&P, oleodotto e raffinazione/distribuzione) è uno dei principali attori nel settore petrolifero canadese ds e E&P lavorano al di sopra del Circolo Polare Artico. È anche un’interessante scommessa secondaria su ExxonMobil (NYSE: XOM), in quanto azionista di maggioranza di IMO.

E questo non dovrebbe sorprendere, dal momento che quando l’IMO è stato lanciato era focalizzato sull’essere il Canadian Standard oil, che alla fine è diventato XOM. E ora che lo sforzo è andato al punto di partenza.

È un titolo di buone dimensioni — $20 capitalizzazione di mercato in miliardi — ecco 52% da inizio anno. E il suo azionista di maggioranza si assicurerà che abbia il supporto di cui ha bisogno ora e in futuro.

Detiene unClassificazione ‘B’.

Titoli energetici: PetroChina (PTR) L’elenco non sarebbe completo fino a quando non avremo affrontato l’ascesa della Cina domanda di energia e le sue scorte energetiche locali. La prima scelta qui è PTR, il più grande produttore asiatico di petrolio e gas naturale.

Attualmente, si concentra su E&P, raffinazione e commercializzazione di petrolio e gas naturale e dei loro derivati. Negozia nei mercati statunitensi con una ricevuta di deposito americana che rappresenta le sue azioni cinesi. E la sua attuale capitalizzazione di mercato di $300 miliardi lo rende un attore significativo nel mercato energetico globale.

Negli ultimi anni parte della sua espansione ha attirato critiche per aver trascurato i diritti civili in alcuni paesi e il crescente sentimento anti-cinese negli Stati Uniti aggiungono anche un certo livello di rischio a lungo termine.

Tuttavia, il titolo è in rialzo 58% da inizio anno, fornisce un dividendo del 4,7% e viene ancora scambiato con un rapporto prezzo/utili inferiore a 10X . Questi sono alcuni numeri piuttosto convincenti.

Contiene un Portfolio Grader Classificazione ‘B’.

On alla data di pubblicazione, Louis Navellier non ha posizioni in alcun titolo in questo articolo. Louis Navellier non aveva (né direttamente né indirettamente) altre posizioni nei titoli citati in questo articolo.

Il membro dello staff di ricerca di InvestorPlace principalmente responsabile di questo articolo non deteneva (né direttamente né indirettamente) alcuna posizione nei titoli menzionati in questo articolo. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore, soggette alle Linee guida per la pubblicazione di InvestorPlace.com.

Louis Navellier, che è stato definito “uno dei più importanti gestori di denaro del nostro tempo”, ha rotto il silenzio in questo scioccante video “racconta tutto” … esponendo uno degli eventi più sconvolgenti della storia del nostro Paese… e l’unica mossa che ogni americano deve fare oggi1896222.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)