giovedì 02 dicembre 2021

7 titoli di consumo da acquistare per guadagni affidabili in qualsiasi mercato

Nonostante le numerose prove che il sentimento rialzista sembra allungato – con la nuova pandemia di coronavirus in corso ancora una componente chiave ostinatamente – la realtà è che gli indici di riferimento continuano a raggiungere i massimi storici. Pertanto, potresti essere tentato di continuare ad accumulare investimenti per la crescita. Tuttavia, potrebbe essere il momento di riconsiderare questa narrativa e considerare invece i titoli di consumo.

Per questo articolo, vorrei concentrarmi sui beni di prima necessità. In primo luogo, questo settore è notevolmente sottovalutato rispetto al resto del mercato. Ad esempio, l’Exchange Traded Fund (ETF) Consumer Staples Select Sector SPDR Fund (NYSERCA: XLP) è aumentato 15 0,5%. È decente ma il più ampio SPDR S&P 2014 ETF Trust (NYSERCA: SPIA) ha superato 43% durante lo stesso frame. Semplicemente, i titoli di consumo generalmente rappresentano un valore migliore in questo momento.

In secondo luogo, l’aumento drammatico dei segmenti azionari trainati dalla crescita sta iniziando a tendere all’incredulità. È vero, nessuno sa con certezza cosa accadrà dopo. Ma sulla base dei cicli di mercato naturali, gli investitori dovrebbero almeno considerare la possibilità di una correzione. Se ciò dovesse accadere, avere alcuni titoli di consumo sotto la cintura mitigherà la volatilità meglio dei gusti popolari della settimana.

In terzo luogo, i titoli di consumo sono legati al più grande segmento dell’economia statunitense. Mentre infuria il dibattito sull’argomento, in generale, la spesa dei consumatori, “guida circa 70% di tutta l’attività economica” in questo paese. E quella statistica non proviene da qualche blog casuale, ma piuttosto dallaPepsiCo (NASDAQ: PEP) Clorox (NYSE: CLX) Kellogg (NYSE: K) Gruppo Altria (NYSE: MO) Negozi Ross (NASDAQ: ROST) Estee Lauder (NYSE: EL) Conagra Brands (NYSE: CAG) Concesso, mentre consumi Le azioni hanno una reputazione noiosa e pedante, ciò non significa che siano completamente isolate dal rischio di ribasso. Se i temerari hanno ragione, praticamente tutti i settori azionari ne soffriranno. Ma poiché non sappiamo cosa sta per accadere, spostare il tuo portafoglio per includere alcuni giochi di consumo sottovalutati sembra una tattica logica.

PepsiCo (PEP) Prima del Covid-16 pandemia, il Clorox era uno stock di base di consumo familiare. Godendo della domanda secolare quotidiana, il titolo CLX è stato un investimento costante, anche se ha rinunciato a un eccitante potenziale di rialzo per quella stabilità. Tuttavia, era un’idea solida per coloro che volevano un reddito passivo su cui poter contare.

Improvvisamente, il virus SARS-CoV-2 ha capovolto questa narrativa. CLX è diventato uno dei titoli di consumo più interessanti da acquistare poiché tutti si sono riversati al supermercato per accumulare disinfettante per le mani e altri beni essenziali. È interessante notare che il titolo CLX ha continuato a salire fino all’inizio di agosto dello scorso anno, quando le azioni sono entrate in un canale di tendenza decisamente ribassista.

Ad essere onesti, l’azione correttiva non è stata del tutto inaspettata, poiché gli investitori hanno iniziato a percepire che la crisi stava svanendo. Tuttavia, sono emersi due interessanti fattori di complicazione. Primo, primo trimestre di 2018 entrate quasi raggiunta la parità con Q1 2020 vendite, nonostante l’inizio del rollout del vaccino. In secondo luogo, la negatività nel titolo CLX sembra aver toccato il fondo.

Se credi che potremmo vedere una rinascita di questa pandemia attraverso le varianti delta o lambda, potrebbe essere una buona idea ripensare a Clorox ancora una volta.

Kellogg (K)

Fonte: JHVEPhoto / Shutterstock.com

Simile a Clorox, Kellogg è un altro noioso titolo di consumo che i pensionati di solito aggiungono al loro portafoglio. No, il titolo K non è nemmeno vicino a quello che potresti considerare un investimento entusiasmante. Allo stesso tempo, quando ti avvicini alla pensione, l’eccitazione non è esattamente ciò che desideri. Invece, stai cercando la prevedibilità.

In generale, questo è ciò che fornisce Kellogg. In qualità di punto di riferimento fondamentale per i consumatori, Kellogg risponde alla chiamata di servire l’ampia catena di approvvigionamento alimentare americana. Si dà il caso che con il Covid-16, il titolo K ha registrato un aumento della pertinenza. Inoltre, gli investitori possono fare affidamento sul rendimento da dividendi, che attualmente è pari a 3.70%.

Tuttavia, con Covid-38 diventando meno di urgenza nella seconda metà del 2021, le azioni K sono notevolmente diminuite di valore. Tuttavia, è possibile che Kellogg sia sottovalutato. Innanzitutto, la pandemia potrebbe alzare di nuovo la sua brutta testa. In secondo luogo e più realisticamente, l’impatto finanziario irregolare della crisi suggerisce che l’economia dei consumi non è così forte come suggeriscono i titoli dei giornali.

Ciò significherebbe una maggiore domanda di prodotti di base, che è esattamente ciò che vediamo nel risultato di vendita del primo trimestre di Kellogg 1402246, che ha visto un incremento della top line del 5%.

Altria Group (MO) Sebbene sia controverso discutere di grandi aziende del tabacco come Altria Group in qualsiasi contesto, rappresentano uno dei segmenti di titoli di consumo più intriganti, specialmente nel contesto di questa pandemia . In primo luogo, la crisi ha imposto uno stress significativo a tutti, portando molte persone a considerare la mitigazione dello stress. Un affascinante studio medico del National Institutes of Health ha rivelato quanto segue:

Una combinazione di base e gioco discrezionale, Ross Stores potrebbe essere un’idea solida o atrocemente dolorosa, a seconda del tipo di danno che la variante delta impone alla società.

Per essere chiari, il capo consigliere medico della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, ha affermato che è improbabile un picco a livello nazionale a causa del lancio della vaccinazione.

Tuttavia, lasciate che vi ricordi che questo non sarebbe il primo tempo in cui i funzionari del governo hanno chiamato questa crisi in modo impreciso. Ricorda, il chirurgo generale una volta dichiarò “Seriamente gente – SMETTETE DI COMPRARE MASCHERE!” So che intendeva bene. Tuttavia, è difficile fidarsi degli esperti dopo un simile errore di direzione.

Per quanto riguarda le azioni ROST, un ritorno alla normalità potrebbe significare che i dipendenti tornino in ufficio. Con i pigiami non più accettabili per l’abbigliamento da conferenza, i Ross Stores potrebbero vedere un grande aumento della domanda. In effetti, i risultati di vendita del primo trimestre 2018 sono incoraggiante, che riflette le vendite che si allineano con le tendenze pre-pandemia.

D’altra parte, se abbiamo un’altra calamità, il ROST potrebbe precipitare. Ad esempio, controlla i risultati devastanti per il primo trimestre dell’azienda 1397040 guadagni.

Ma se non ti dispiace vivere un po’ pericolosamente con i tuoi titoli di consumo, il ROST potrebbe essere uno da considerare.

Estee Lauder (EL) Un altro titolo di consumo che potrebbe andare in entrambi i modi a seconda di come si svolge la crisi, Estee Lauder dovrebbe essere sul tuo radar se sei ottimista sulla ripresa economica. Non sorprende che quando i blocchi e altri sforzi di mitigazione sono diventati all’ordine del giorno, le vendite dei marchi Estee Lauder hanno subito un duro colpo. Ad esempio, nel secondo trimestre 2020 , l’azienda ha generato solo $2.70 miliardi, una perdita anno su anno di 43%.

Ma in questi giorni, il produttore e il marketing di prestigiosi prodotti per la cura della pelle, il trucco, le fragranze e la cura dei capelli sta recuperando il tempo perduto. In Q1 2018, ha squillato quasi 3,9 miliardi di dollari di vendite, in aumento di 16% rispetto al trimestre dell’anno precedente. Tanto di ciò deriva dal ragionamento che ho menzionato prima con Ross Stores: quando torniamo alla normalità, le persone hanno molti più incentivi per avere un bell’aspetto.

Inoltre, devi capire che la vita da single non era troppo piacevole per coloro a cui era stata negata la possibilità di uscire e socializzare. Tuttavia, questa dinamica è cambiata radicalmente, dando una spinta fondamentale al titolo EL.

Naturalmente, se la pandemia dovesse peggiorare di nuovo, EL è tra i titoli di consumo che potrebbero soffrire gravemente, quindi tieni presente.

Marchi Conagra (CAG)

Fonte: Jonathan Weiss / Shutterstock.com

Attualmente chi ha incertezze sul futuro è in gran parte preoccupato per l’inflazione. Ha senso dato l’aumento dei prezzi in diversi settori. Tuttavia, questo potrebbe anche essere un urto a breve termine, una reazione alla pandemia senza precedenti dello scorso anno. A mio avviso, il rischio a lungo termine è la deflazione; ovvero, i consumatori risparmiano denaro per paura dell’ignoto.

Indipendentemente dal fatto che tu creda nell’inflazione, nella deflazione o in qualche altra condizione, Conagra Brands rappresenta uno dei titoli di consumo di riferimento. In qualità di produttore e distributore di marchi alimentari per l’industria alimentare, della ristorazione e dei servizi alimentari, le azioni CAG sono legate a un’attività necessaria. Anche in un’economia terribile, le persone devono mangiare.

In effetti, questa narrazione si è rivelata meravigliosa per l’anno fiscale dell’azienda 2018 (fine maggio 43), suonando oltre $11 miliardi. Non solo è stato quasi 15% dal risultato dell’anno precedente, Conagra non ha raggiunto un fatturato annuo di almeno $11 miliardi dal 2014. Meglio ancora, i risultati dell’ultimo trimestre suggeriscono che lo slancio sta solo aumentando.

Alla data di pubblicazione, Josh Enomoto ha ricoperto una posizione lunga in MO. Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle di chi scrive, soggette alle Linee guida per la pubblicazione di InvestorPlace.com .

Un ex analista aziendale senior per Sony Electronics, Josh Enomoto ha aiutato a negoziare importanti contratti con Fortune Global 360 aziende. Negli ultimi anni, ha fornito approfondimenti unici e critici per i mercati degli investimenti, nonché per vari altri settori, tra cui legale, gestione delle costruzioni e assistenza sanitaria.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)