lunedì 08 marzo 2021

Acquistare o non acquistare azioni Bank of America, questo è il problema

Come nella migliore tradizione Shakespeariana, il quesito che attanaglia molti investitori riguarda Bank of America e le sue azioni

Ci sono molte ragioni per cui quest’anno il settore dei servizi finanziari è in fermento. Bank of America (BAC) non è immune da questa tendenza. Da inizio anno, le azioni BAC sono scese di circa il 27% mentre l’S&P 500 è aumentato del 3,53%.

I bassi tassi di interesse sono un freno per le azioni bancarie perché sopprimono i margini di interesse netti delle banche. In soldoni, i servizi finanziari sono un settore che storicamente si comporta bene quando la Federal Reserve restringe e non allenta.

Ulteriore afflizione del settore è il motivo per cui la Fed ha portato i tassi quasi a zero. Il colpevole è, ovviamente, la nuova pandemia di coronavirus. L’economia statunitense si è rapidamente deteriorata nel primo trimestre, spingendo la Fed a portare i tassi ai minimi storici. I tassi più bassi erano già abbastanza negativi per le azioni bancarie, ma l’economia debole era peggiore perché ha costretto le banche a mettere da parte più liquidità per coprire i crediti inesigibili.

Nel primo trimestre, la Bank of America ha stanziato $ 4,76 miliardi per coprire i prestiti scadenti, il totale più alto della società per tale utilizzo in un decennio. Questa cifra è salita a $ 5 miliardi nel trimestre di giugno.

Acquistare o non acquistare, questo è il problema

Gli investitori, quindi, sono confusi sulle grandi banche. L’accantonamento per perdite su prestiti del secondo trimestre di Bank of America, sebbene leggermente superiore al livello del primo trimestre, era ben al di sotto dei rivali JPMorgan (JPM) e Wells Fargo (WFC). Coloro che hanno bisogno di essere convincenti in tal senso dovrebbero considerare che Berkshire Hathaway (BRK.B)di Warren Buffett  sta tagliando la sua quota di Wells Fargo aumentando l’esposizione a BAC.

Gli investitori che considerano le azioni bancarie oggi devono capire che la Fed sta chiarendo che è improbabile che i tassi di interesse aumentino prima del 2023. Quindi un catalizzatore basato su tassi più elevati è fuori discussione per gli anni a venire per questo settore.

Di conseguenza un eventuale BUY su Bank of America non si baserebbe tanto sulla politica monetaria quanto sull’economia vera e propria degli Stati Uniti. Poiché il tasso di disoccupazione e il numero di casi e fatalità Covid-19 diminuiscono, le azioni bancarie dovrebbero trarne vantaggio, in particolare se le società possono convertire le riserve per perdite su prestiti in guadagni