martedì 11 maggio 2021

Allarme Assoturismo: il 2021 parte male, si rischio un crollo delle presenze

AGI – Tra coprifuoco alle 22.00 fino al 31 luglio, vaccinazioni che procedono troppo lentamente e incertezze sulla ripartenza delle imprese e del movimento delle persone, il turismo rischia di affondare anche nel 2021: senza una netta inversione di tendenza, si rischia di scendere a fine anno al di sotto delle 187 milioni di presenze (-8,2%), con un ulteriore assottigliamento dei flussi dall’estero (-14 milioni di presenze).

Uno scenario che porterebbe a oltre 220 mila le imprese del settore a rischio chiusura.

Sono le stime di Assoturismo Confesercenti, che nel dossier “Stagione Turistica 2021: sull’onda del vaccino” traccia il bilancio dell’impatto, passato e futuro, di pandemia e restrizioni sul comparto turistico italiano.

Un bilancio purtroppo gravemente in rosso: nel 2020 si sono registrate quasi 233 milioni di presenze in meno con una perdita economica di 88 miliardi. Il comparto alberghiero ha subito le perdite maggiori (-57%), quello extralberghiero si è comunque vist

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo