martedì 28 giugno 2022

Allarme Pil Italia, il Fondo Monetario Internazionale taglia le stime sulla produzione

FMI ​​abbassa le stime di produzione per l’Italia nel 2020. Il PIL dovrebbe scendere del 12,8% quest’anno, 3,7 punti percentuali in più rispetto alla previsione del -9,1% per aprile.

Per il 2021, il PIL è stato rivisto al rialzo al + 6,3%, 1,5 punti percentuali in più del previsto ad aprile.

Il debito e il disavanzo pubblici dell’Italia aumenteranno nel 2020 a causa del coronavirus. Dopo il 134,8% nel 2019, il debito dovrebbe salire al 166,1% del PIL quest’anno, per poi scendere al 161,9% nel 2021. L’FMI ​​prevede questo, che ha rivisto le stime per il debito italiano. Si prevede che quest’anno il disavanzo raggiungerà il 12,7% del PIL (8,3% ad aprile) e 7,0% nel 2021 (3,5% ad aprile). Debito superiore al 100% anche per la Francia (125,7% nel 2020 e 123,8% nel 2021) e la Spagna (123,8% e 124,1%).

Frenata brutale per Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna nel 2020.

Secondo le stime aggiornate del FMI, la locomotiva tedesca contrarrà il 7,8% quest’anno e quindi aumenterà del 5,4% l’anno successivo. Il Fondo prevede un calo del 12,5% del PIL nel 2020 e una crescita del 7,3% nel 2021 per la Francia, mentre la Spagna prevede un -12,8% quest’anno e una crescita del 6,3%. nel 2021. Anche il PIL britannico è sceso a doppia cifra, che scenderà del 10,2% nel 2020 per aumentare del 6,3% nel 2021.

L’economia dell’area dell’euro contrarrà quest’anno il 10,2%, 2,7 punti percentuali in più rispetto alle stime di aprile. Si prevede un rimbalzo per il 2021: il PIL dovrebbe crescere del 6,0%, +1,3 punti percentuali in più rispetto ad aprile. Il Fondo prevede questo, stimando anche per gli Stati Uniti una contrazione nel 2020 maggiore del previsto, con un calo del PIL dell’8% (-2,1 punti rispetto ad aprile) e una ripresa del 4,5% nel 2021 (- 0,2 punti).

Le conseguenze post coronavirus

La crisi del coronavirus è un colpo “catastrofico” per il mercato del lavoro globale. È quanto ha affermato l’FMI, sottolineando che “alcuni paesi (soprattutto l’Europa) sono riusciti a contenere le conseguenze con efficaci piani a breve termine”. Pertanto, il Fondo cita dati dell’Organizzazione mondiale del lavoro: il calo delle ore lavorate nel primo trimestre rispetto al quarto trimestre del 2019 equivale alla perdita di 130 milioni di posti di lavoro. Il calo nel secondo trimestre equivale a 300 milioni di posti di lavoro.

L’economia mondiale si sta contraendo più del previsto quest’anno, 4,9%, 1,9 punti percentuali in più rispetto alle stime di aprile. L’FMI ​​prevede che, secondo il 2021, ci sarà un aumento del PIL del + 5,4% (-0,4 punti ad aprile). Parlando di una crisi “come nessun altro” e dell’incertezza sulle stime, l’economista capo dell’FMI Gita Gopinath osserva che le stime “implicano una perdita complessiva di oltre $ 12 trilioni per l’economia mondiale”. dollari “tra il 2020 e il 2021.