Entra in contatto con noi

Mercati americani

Ally Financial (ALLY) Q4 2022 Earnings Call Transcript

Pubblicato

il

Fonte immagine: The Motley Fool.

alleato finanziario (ALLEATO 19,76%)
Chiamata sugli utili del quarto trimestre 2022
20 gennaio 2023, 9:00 ET

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Contenuti:

  • Osservazioni preparate
  • Domande e risposte
  • Chiama i partecipanti

Osservazioni preparate:

Operatore

Buona giornata e grazie per essere stato a disposizione. Benvenuti alla teleconferenza sugli utili di Ally Financial Inc. del quarto trimestre. In questo momento, tutti i partecipanti sono in modalità di solo ascolto.

Dopo la presentazione dei relatori, ci sarà una sessione di domande e risposte. [Operator instructions] Vi informiamo che la conferenza di oggi è in fase di registrazione. Vorrei ora affidare la conferenza al signor Sean Leary, responsabile delle relazioni con gli investitori.

Advertisement

Per favore prosegui.

Sean Leary — Responsabile delle relazioni con gli investitori

Grazie Carmen. Buongiorno e benvenuti alla chiamata sugli utili del quarto trimestre e dell’intero anno 2022 di Ally Financial. Questa mattina, il nostro CEO, Jeff Brown, e il nostro CFO ad interim, Brad Brown, esamineranno i risultati di Ally prima di porre domande. La presentazione a cui faremo riferimento può essere trovata nella sezione Investor Relations del nostro sito Web, ally.com.

Le dichiarazioni previsionali e il linguaggio dei fattori di rischio che regolano la chiamata di oggi sono nella diapositiva 2. Le misure GAAP e non GAAP relative alla nostra performance operativa e ai risultati del capitale sono nelle diapositive 3 e 4. Come promemoria, le metriche non GAAP o fondamentali sono supplementari e non sostituiscono le misure US GAAP.

Advertisement

10 azioni che ci piacciono di più di Ally Financial
Quando oil nostro pluripremiato team di analisti ha una mancia azionaria, può pagare per ascoltare. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni per gli investitori da acquistare in questo momento… e Ally Financial non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Vedi i 10 titoli

*Stock Advisor torna a partire dal 9 gennaio 2023

Advertisement

Definizioni e riconciliazioni si trovano in appendice. E con questo, passerò la chiamata a JB

Jeff Brown — Amministratore delegato

Grazie, Sean, e buongiorno. Apprezziamo che tu ti sia unito a noi per rivedere i nostri risultati del quarto trimestre e dell’intero anno. Inizierò dalla pagina numero 5. L’EPS rettificato per l’intero anno di $ 6,06, il ROTCE core del 20,5% e i ricavi di 8,7 miliardi riflettono un altro anno di solidi risultati finanziari.

Il ROTCE era di circa il 16%, escludendo l’impatto dell’OCI. Abbiamo completato 1,7 miliardi di riacquisti di azioni nel corso dell’anno e questa settimana il nostro consiglio di amministrazione ha approvato un dividendo comune per il primo trimestre 2023 di 0,30 dollari per azione. Abbiamo creato aziende agili e in grado di ruotare su uno sfondo fluido. Manteniamo buoni livelli di capitale, riserve e liquidità, che ci posizionano bene per questo ambiente dinamico.

Advertisement

Nell’ambito della finanza automobilistica, le origini dei consumatori per 46 miliardi sono state ottenute da 12,5 milioni di applicazioni in oltre 23.000 rapporti con i concessionari. Il rendimento medio originato di 824 punti base è aumentato di 114 punti base su base annua. In totale, abbiamo immesso sul mercato quasi 400 punti base di prezzo, in gran parte in linea con le variazioni del tasso sui Fed funds. Le vendite di veicoli del settore rimangono al di sotto dei livelli pre-pandemia, ma la nostra capacità di generare forti origini mostra i vantaggi della nostra portata e profondità del flusso di applicazioni.

Gli addebiti netti nel settore auto al dettaglio sono stati di 97 punti base per l’anno. Nel quarto trimestre, gli addebiti netti sono aumentati a 166 punti base poiché abbiamo assistito a una normalizzazione accelerata all’interno del trimestre. Brad coprirà le perdite in modo più dettagliato, così come il nostro pensiero attuale per quest’anno. Nell’ambito assicurativo, la raccolta ha superato ancora il miliardo, trainata da solide relazioni con 4.600 dealer.

Il nostro team assicurativo rimane concentrato sullo sfruttamento delle sinergie con il team di vendita della finanza automobilistica e rimaniamo ottimisti sulle opportunità di crescita organica per questo business in futuro. Rivolgendosi ad Ally Bank. I saldi dei depositi al dettaglio sono aumentati di 3 miliardi anno su anno, finendo a quasi 138 miliardi. Abbiamo generato 7 miliardi di crescita dei depositi al dettaglio nella seconda metà dell’anno, pur mantenendo un approccio molto equilibrato ai prezzi.

Continuiamo a vedere un forte slancio nella crescita dei clienti di deposito al dettaglio e abbiamo chiuso l’anno con 2,7 milioni di clienti, in crescita dell’8% su base annua. Abbiamo assistito a un aumento del coinvolgimento dei consumatori e delle tendenze di adozione in altre offerte di prodotti di Ally Bank. Le originazioni di Ally Home, pari a 3,3 miliardi, sono diminuite anno su anno, riflettendo condizioni più ampie del mercato dei mutui. Le tendenze del mercato azionario hanno portato a un calo delle attività di Ally Invest, mentre i conti attivi sono aumentati a 518.000.

Advertisement

Ally Lending ha generato un volume di origination di 2,1 miliardi in quanto abbiamo aggiunto relazioni con i commercianti nei settori del miglioramento della casa e della sanità. Ally Credit Card ha raggiunto 1,6 miliardi di saldi di prestiti da oltre 1 milione di titolari di carte attivi. Il team delle carte ha anche raggiunto un traguardo chiave nel quarto trimestre quando abbiamo lanciato una gamma di carte di credito con marchio Ally. Sono orgoglioso di ciò che abbiamo realizzato sull’integrazione negli ultimi 12 mesi ed entusiasta delle continue opportunità che ci attendono.

Corporate Finance continua a generare una crescita costante dei prestiti con il portafoglio detenuto per investimenti che raggiunge i 10 miliardi con una crescita proveniente principalmente dai prestiti basati su attività. Passando alla diapositiva numero 6. Le nostre priorità strategiche a lungo termine rimangono invariate anche mentre navighiamo in questo ambiente dinamico. I nostri compagni di squadra sono ben preparati a gestire le sfide a breve termine pur rimanendo concentrati sulla creazione di valore a lungo termine.

La nostra cultura è la forza trainante dietro tutto ciò che facciamo come azienda, e ne parlerò di più nella prossima pagina. Dal lancio di Ally Bank, ci siamo impegnati a fornire prodotti differenziati e senza attriti sul mercato. Le preferenze dei consumatori si sono evolute negli ultimi dieci anni e abbiamo sempre cercato di offrire esperienze digitali all’avanguardia che ci permettessero di essere un alleato per i nostri clienti. Le nostre posizioni dominanti nell’auto e nei depositi continuano ad alimentare gli utili consolidati oggi e vediamo opportunità di crescita in tutta l’azienda, che guideranno la continua diversificazione delle attività e dei ricavi man mano che ridimensioniamo ulteriormente le nostre nuove attività.

Al centro di tutti i nostri prodotti di prestito c’è un approccio disciplinato al rischio di credito e la nostra visione [Technical difficulty] sottoscrivere e gestire il rischio come nostra competenza chiave più critica. Infine, l’impiego disciplinato del capitale è un aspetto fondamentale della nostra strategia per offrire forti rendimenti e aggiungere valore a tutte le parti interessate. Passando alla diapositiva numero 7. La costruzione, la cura e il nutrimento della nostra cultura è ciò che mi ha dato la più grande gioia nel guidare la nostra azienda negli ultimi otto anni e rimane una priorità enorme per me.

Advertisement

La nostra cultura non riguarda la cultura del CEO. È una cultura che sfrutta il vero potere di oltre 11.500 compagni di squadra e consente a tutti di fare la differenza. Credo fermamente che una cultura forte sia essenziale per offrire ai nostri clienti, comunità e parti interessate, e che tutto inizi con la cura dei nostri dipendenti. Abbiamo costantemente dato la priorità agli investimenti nelle nostre persone e nella nostra cultura e le nostre azioni nel 2022 riflettono tale impegno.

Negli ultimi 12 mesi, abbiamo aumentato il nostro salario minimo del 15% a $ 23 l’ora, il che fa una differenza significativa per migliaia di nostri compagni di squadra. Di recente abbiamo annunciato un altro anno del nostro programma del marchio OwnIt, che fornisce a ogni dipendente 100 azioni di Ally e li autorizza ad agire come proprietari dell’azienda. Quest’anno abbiamo ampliato i benefici per la salute mentale per i dipendenti e le loro famiglie e ampliato i nostri benefici per i nuovi genitori. Gli investimenti che abbiamo fatto e la nostra deliberata attenzione alla cultura hanno portato a una forza lavoro altamente impegnata.

Siamo nel 10% delle migliori aziende in termini di coinvolgimento dei dipendenti e ben al di sopra della media del settore. I nostri gruppi di risorse per i dipendenti, o ERG, sono stati lanciati cinque anni fa mentre ampliavamo le nostre iniziative DE&I. E sono orgoglioso di dire che oltre il 50% della nostra forza lavoro fa volontariato ed è attivo in almeno un ERG. La creazione di una forza lavoro impegnata che abbraccia il nostro approccio corretto migliora ogni aspetto della nostra attività mentre serviamo la nostra base di clienti in crescita, ora forte di 11 milioni.

I livelli di fidelizzazione presso Ally Bank rimangono leader del settore, insieme a interessanti tassi di soddisfazione dei clienti. Ci siamo costantemente mobilitati attorno a iniziative che ci aiutano a migliorare i nostri clienti e guidare il cambiamento del settore. E i nostri compagni di squadra continuano a investire nelle comunità in cui viviamo e lavoriamo. Lavoriamo duramente per coltivare questa cultura in tutta l’azienda e sono fiducioso che sarà un elemento di differenziazione per Ally ora più che mai.

Advertisement

Passiamo alla diapositiva numero 8. Prima di immergerci nei dettagli del quarto trimestre, vorrei evidenziare la trasformazione strategica e finanziaria pluriennale di Ally, che dimostra l’esecuzione costante e la forte performance su un obiettivo più lungo di un trimestre o due. In quasi 10 anni come società quotata in borsa, abbiamo costantemente lavorato per rimanere un disgregatore ed eseguire le nostre priorità a lungo termine, il che ha portato a miglioramenti sostenuti nei risultati operativi e finanziari. Nell’ambito del settore auto e assicurazioni, siamo passati da una società finanziaria captive a un prestatore diversificato leader di mercato con 23.000 rapporti con i concessionari, in aumento di circa il 50%, mentre il flusso di domande di quasi 13 milioni è aumentato di quasi il 40%.

Ally Bank rimane la più grande banca completamente digitale negli Stati Uniti Mentre il settore del direct banking era in gran parte non provato quando abbiamo lanciato Ally Bank, la nostra crescita costante fino a 138 miliardi di depositi al dettaglio e 4 milioni di clienti chiarisce che il nostro modello e il nostro marchio risuonano con i consumatori . Il nostro bilancio si è evoluto attraverso l’ottimizzazione all’interno della finanza automobilistica, insieme all’espansione in altri verticali di prestito al consumo. Complessivamente, le attività di guadagno sono aumentate di 44 miliardi dalla nostra IPO e che include 28 miliardi di crescita dei prestiti non automobilistici.

Questa crescita ha generato 3,7 miliardi di espansione dei ricavi. Questa evoluzione ha creato un’azienda strutturalmente più redditizia. Il NIM del 3,88% è aumentato di 134 punti base rispetto a dove eravamo nel 2014 ed è guidato dall’ottimizzazione su entrambi i lati del bilancio. Durante questa trasformazione, rimaniamo disciplinati sull’allocazione del capitale e ci assicuriamo di essere adeguatamente riservati.

Le azioni in circolazione sono diminuite del 38%. Il valore contabile, escludendo il temporaneo vento contrario da OCI, è effettivamente raddoppiato e manteniamo una riserva per perdite su prestiti di $ 3,7 miliardi. Queste metriche riflettono anni di esecuzione costante e mi danno fiducia nella nostra capacità di fornire risultati negli anni a venire. La diapositiva numero 9 riflette la nostra attenzione alla crescita e al coinvolgimento della base clienti.

Advertisement

Ora serviamo 11 milioni di clienti in tutte le nostre attività, il che rappresenta un aumento del 58% dal 2014. I clienti di Ally Bank sono più che quadruplicati in questo lasso di tempo mentre ci siamo evoluti, ampliati e migliorati le nostre capacità digitali. I nostri prodotti di prestito al consumo stanno risuonando e i clienti vogliono approfondire il loro rapporto con Ally, come dimostra la crescita significativa dei clienti multiprodotto mostrata in fondo alla pagina. Nel settore automobilistico e assicurativo, abbiamo aggiunto 500.000 clienti poiché abbiamo sfruttato la nostra forza e la nostra portata nel mercato come principale prestatore indipendente a spettro completo.

Questa espansione del prodotto e la crescita dei clienti si sono tradotte in una migliore composizione del bilancio e in un aumento degli utili, che tratterò nelle prossime pagine. Passando alla diapositiva numero 10. Dal 2014, abbiamo trasformato in modo significativo il nostro bilancio ottimizzando l’auto e ampliando le offerte aggiuntive per i consumatori. Prestiti e leasing sono aumentati di 31 miliardi, o del 26%, dal 2014 grazie a un’espansione disciplinata di tutti i nostri prodotti di prestito.

Le attività automobilistiche sono state relativamente stabili poiché la crescita delle attività al dettaglio ad alto rendimento è stata compensata da un calo dei saldi dei piani. Anche se non si riflette nei grafici, il profilo di rendimento del settore della finanza automobilistica è notevolmente migliorato poiché ci siamo spostati strategicamente nell’intersezione tra prime e usato. I prodotti di consumo e commerciali di Ally Bank sono cresciuti di 6 volte dal 2014 e ora costituiscono 33 miliardi di saldi. Ed è importante tenere presente che mentre abbiamo recentemente aggiunto funzionalità di prestito al punto vendita e carta di credito, il nostro bilancio rimane protetto al 95%.

Nella diapositiva numero 11, tu possiamo vedere che abbiamo ottenuto un margine di interesse netto sostanzialmente più elevato data l’ottimizzazione su entrambi i lati del nostro bilancio. Il NIM è aumentato di 134 punti base rispetto al 2014 grazie all’aumento dei rendimenti delle attività di guadagno e al miglioramento della struttura delle passività. L’ottimizzazione all’interno dell’auto ha aumentato i rendimenti, mentre l’espansione delle offerte di prestiti al consumo ha fornito ulteriori vantaggi. Il nostro stack di responsabilità mostra progressi altrettanto significativi.

Advertisement

Nel 2014, avevamo solo il 41% di deposito finanziato rispetto all’88% di oggi. I finanziamenti basati sul mercato sono diminuiti di oltre 50 miliardi. La trasformazione del nostro profilo di finanziamento ha ridotto il costo dei fondi di quasi 30 punti base, nonostante la media dei fondi Fed fosse superiore di 160 punti base. Mentre affrontiamo pressioni sul margine a breve termine, data la nostra posizione sensibile alle passività, questa ottimizzazione su entrambi i lati del bilancio ci posiziona con un NIM molto migliorato, nonostante il rapido aumento dei tassi di interesse.

Brad condividerà di più sulle dinamiche dei margini in seguito. Passando alla diapositiva numero 12. Le entrate totali di 8,7 miliardi rappresentano un aumento del 74% dal 2014. Le entrate nette di finanziamento di 6,9 miliardi sono quasi raddoppiate grazie alla trasformazione del bilancio e al posizionamento strategico del settore della finanza automobilistica.

Anche altre entrate sono aumentate man mano che abbiamo sviluppato attività che generano commissioni come assicurazioni e aste intelligenti. I guadagni sugli investimenti fluttueranno in base alle condizioni di mercato, ma intravediamo un percorso verso un flusso annuo di oltre 2 miliardi di altre entrate. La parte inferiore della pagina evidenzia i progressi significativi nelle nostre attività di Ally Bank. I ricavi nel 2022 di 1,2 miliardi sono aumentati di oltre 1 miliardo dalla nostra IPO e sono aumentati del 75% solo negli ultimi anni.

Passando alla diapositiva numero 13. Mostriamo la costante performance creditizia del nostro bilancio ampiamente protetto e la significativa copertura delle riserve rispetto alle perdite. Su base consolidata, storni netti di 74 punti base, a fronte di un tasso di copertura del 2,72%. Nell’auto al dettaglio, gli addebiti netti di 97 punti base riflettono la normalizzazione dei minimi storici.

Advertisement

La riserva auto al dettaglio del 3,6% rimane elevata rispetto al primo giorno del CECL. Riteniamo che le nostre riserve ci posizionino bene per una varietà di ambienti poiché abbiamo costantemente adottato un approccio conservativo nella nostra metodologia di riserva. La diapositiva numero 14 aggiunge ulteriori prospettive sui livelli assoluti delle nostre riserve e del capitale in eccesso. L’indennità di $ 3,7 miliardi sul nostro bilancio è di circa 1,1 miliardi in più rispetto al primo giorno del CECL e ci posiziona bene per assorbire le perdite previste nel corso della vita sulla base delle attuali prospettive economiche.

E la nostra posizione di capitale crea un cuscinetto significativo contro perdite impreviste e volatilità. Sebbene abbiamo ampiamente normalizzato l’eccesso di capitale rispetto ai nostri obiettivi interni, continuiamo a mantenere 3,6 miliardi di CET1 al di sopra del nostro minimo regolamentare nell’ambito del quadro SCB. Il percorso finale dell’economia nel breve termine rimane fluido, ma ci sentiamo molto bene riguardo alle riserve e alla posizione patrimoniale della società. Passando alla diapositiva numero 15.

Abbiamo evidenziato la nostra costante crescita del valore contabile per azione. Alla fine dell’anno, il valore contabile per azione, escludendo l’impatto dell’OCI, era di $ 44, in aumento del 92% rispetto al 2014. Comprendiamo che l’entità dei movimenti dei tassi di interesse ha accresciuto l’attenzione sull’AOCI e il segno sul nostro portafoglio titoli, ma riteniamo che La cifra di $ 44 è una rappresentazione migliore del vero valore intrinseco della nostra azienda. Il marchio esistente si ammortizzerà completamente alla pari nel tempo e il calo dei tassi come abbiamo visto nel quarto trimestre accelererà la generazione del valore contabile.

La parte inferiore della pagina mostra i progressi che abbiamo compiuto nel riacquistare azioni a livelli inferiori al valore intrinseco della società. Dall’inizio del nostro programma di riacquisto nel 2016, le azioni in circolazione sono diminuite del 38%, creando un valore significativo per i detentori a lungo termine. Riconosciamo che c’è molta attenzione sulla nostra traiettoria degli utili nei prossimi trimestri, ma è importante considerare i venti favorevoli che sono stati creati da una trasformazione fondamentale negli ultimi anni. E con questo, lo consegnerò a Brad per coprire i nostri risultati finanziari dettagliati.

Advertisement

Brad Brown — Responsabile finanziario ad interim

Grazie, JB Buongiorno a tutti. Inizierò dalla diapositiva 16. I ricavi netti da finanziamento, escluso OID, di 1,7 miliardi sono aumentati leggermente su base annua, trainati dalla continua forza dei volumi di origination e del prezzo automatico, costi di finanziamento più elevati dato il rapido aumento dei tassi a breve termine parzialmente compensati alla nostra posizione di copertura e alla crescita dei prodotti di consumo non garantiti.

Gli altri ricavi rettificati di 478 milioni riflettono il continuo slancio delle nostre attività assicurative, aste intelligenti e banche di consumo. Gli elevati guadagni sugli investimenti nel 2021 hanno guidato il calo anno su anno. Gli oneri per accantonamenti di 490 milioni riflettono la continua normalizzazione del credito e la modesta costituzione di riserve per sostenere la crescita dei prestiti e riflettere l’evoluzione del contesto macroeconomico. Le spese non per interessi di 1,2 miliardi riflettono gli investimenti nelle nostre attività in crescita e nella tecnologia.

Come accennato durante la nostra ultima chiamata, il quarto trimestre includeva un addebito di $ 57 milioni costituito dall’impatto finale della cessazione del nostro piano pensionistico legacy. I risultati riflettono anche l’impatto fiscale connesso a tale risoluzione, che ha comportato un onere fiscale di 60 milioni e un aumento del tax rate nel trimestre di circa 14 punti percentuali. GAAP ed EPS rettificato per il trimestre sono stati rispettivamente di $ 0,83 e $ 1,08. Passaggio alla diapositiva 17.

Advertisement

Il margine di interesse netto, escluso OID, del 3,68% è diminuito di 14 punti base su base annua e di 15 punti base su base trimestrale. L’impatto dei rapidi aumenti dei tassi a breve termine e le dinamiche di riprezzamento del nostro bilancio creano una certa pressione sui margini a breve termine. Continuiamo a vedere NIM intorno al 3,5%, che tratterò più dettagliatamente a breve, e rimaniamo fiduciosi nella nostra capacità di tornare a un margine del 4% nel tempo. Il NIM del quarto trimestre ha beneficiato dei continui aumenti dei rendimenti originati dalle auto al dettaglio, del calo dell’attività di pagamento anticipato delle auto al dettaglio e della crescita all’interno dei nostri segmenti di prestiti al consumo commerciali e non garantiti.

I prestiti e le locazioni totali sono aumentati di quasi 16 miliardi rispetto all’anno precedente, mentre il calo della liquidità e dei titoli ha portato a una crescita totale degli utili di circa 9 miliardi. Il rendimento degli asset del 6,24% è cresciuto di 65 punti base trimestre su trimestre e di 149 punti base su base annua, riflettendo la continuazione delle tendenze che abbiamo evidenziato in precedenza, inclusi i forti rendimenti originati nel settore delle auto al dettaglio, la crescita degli asset ad alto rendimento e più di 40 miliardi di esposizioni a tasso variabile tra i portafogli prestiti e coperture. I rendimenti del portafoglio auto al dettaglio sono aumentati di 33 punti base rispetto al trimestre precedente a causa dei continui aumenti dei rendimenti originati e del calo dei rimborsi anticipati, che hanno esercitato pressioni sui rendimenti dalla metà del 2021. Includendo l’impatto delle coperture, i rendimenti hanno raggiunto il 7,98%, in aumento di 69 punti base trimestre su trimestre e prevediamo che i rendimenti migrino verso il 9% per tutto il 2023.

Analogamente al trimestre precedente, i rendimenti del portafoglio commerciale sono aumentati in quanto la loro natura fluttuante beneficia di tassi più elevati. Passando alle passività. Il costo dei fondi è aumentato di 84 punti base trimestre su trimestre e di 170 punti base anno su anno. L’aumento dei costi di deposito è stato in linea con quanto condiviso lo scorso trimestre e riflette tassi di riferimento più elevati e un mercato bancario diretto competitivo per i depositi.

La diapositiva 18 fornisce dettagli incrementali sulle nostre prospettive per il margine. Continuiamo a prevedere che la compressione a breve termine e il NIM raggiungeranno un minimo di circa 350 punti base, ipotizzando la curva forward e un picco dei Fed funds del 5%. Nel settore automobilistico al dettaglio, abbiamo aggiunto 395 punti base di prezzo nel mercato nel 2022 e attualmente stiamo originando prestiti nella fascia del 10%. Per quanto riguarda i depositi, i nostri prezzi OSA sono aumentati di 280 punti base a fine anno.

Advertisement

Quindi, i prezzi delle auto al dettaglio erano di 115 punti base superiori a quelli che abbiamo passato su OSA. Nonostante lo slancio dei prezzi, le dinamiche temporali che abbiamo evidenziato in precedenza rimarranno un margine contrario fino a quando non supereremo il ciclo di inasprimento della Fed. Gran parte di quest’ultimo trimestre, la parte inferiore della pagina evidenzia i due maggiori driver della nostra traiettoria NIM. I rendimenti originati dalla vendita al dettaglio sono stati del 9,57%.

E dato il rendimento del portafoglio, è ancora inferiore di oltre 150 punti base rispetto ai rendimenti originati. Prevediamo un’espansione significativa del portafoglio in vista. Entro il quarto trimestre del 2023, prevediamo che il rendimento del portafoglio aumenterà a circa il 9% senza ipotizzare alcuna azione di prezzo incrementale sulle nuove originazioni di auto al dettaglio. L’angolo in basso a destra mostra l’evoluzione dei prezzi dei depositi al dettaglio.

Alla fine dell’anno, il nostro OSA aveva un prezzo di 330 punti base, mentre i costi medi dei depositi al dettaglio nel trimestre erano di poco superiori ai 240 punti base. Il prezzo dei depositi è rimasto dinamico e competitivo e i beta incrementali sono stati leggermente più alti nel quarto trimestre. E mentre non stiamo fornendo una prospettiva specifica per i prezzi OSA, continuiamo a vedere un minimo del 3,5% NIM in uno scenario in cui i depositi liquidi vanno a 375 punti base. Chiaramente, c’è una gamma di possibili risultati, ma ci sentiamo molto bene riguardo alla nostra traiettoria NIM complessiva.

Passando alla diapositiva 19. Il nostro coefficiente CET1 è rimasto al 9,3% in quanto gli utili hanno sostenuto la crescita di 2 miliardi di RWA. Nel 2022, abbiamo eseguito 1,7 miliardi di riacquisti di azioni mentre continuiamo a normalizzare il capitale in eccesso. Inoltre, abbiamo annunciato un dividendo di 0,30 dollari per azione per il primo trimestre.

Advertisement

Rimaniamo disciplinati nella nostra allocazione del capitale e attualmente manteniamo 3,6 miliardi di CET1 in eccesso rispetto ai nostri requisiti SCB. Le nostre priorità rimangono focalizzate sul mantenimento di livelli di capitale prudenti in un contesto di continua incertezza, investendo nelle nostre attività e supportando i nostri clienti. Passiamo alla diapositiva 20 per esaminare le tendenze della qualità degli asset. Gli addebiti netti consolidati di 116 punti base riflettono la combinazione di normalizzazione e stagionalità.

Il confronto con l’anno precedente e i periodi pre-pandemici è influenzato dall’aggiunta di prestiti non garantiti, che hanno aggiunto 11 punti base. A breve fornirò più colore sul credito auto al dettaglio, ma le tendenze rimangono generalmente in linea con le nostre aspettative. Stiamo monitorando da vicino le tendenze della performance in tutto il portafoglio per informare le azioni tattiche e la tolleranza al rischio mentre continuiamo a gestire attraverso la normalizzazione del credito. In basso a destra, le insolvenze a 30 giorni sono aumentate a causa della tipica stagionalità e si sono normalizzate tornando ai livelli del 2019.

Le insolvenze a sessanta giorni sono elevate rispetto al 2019, dato il cambiamento strategico nelle pratiche di riscossione, ma continuiamo a vedere condizioni favorevoli [Inaudible] tassi di perdita. Prevediamo continui aumenti delle insolvenze e stiamo monitorando attentamente la salute dei consumatori e l’impatto dell’inflazione persistente sulle tendenze della spesa e del risparmio. Gli investimenti che abbiamo fatto nell’assistenza e nelle collezioni negli ultimi anni miglioreranno la nostra capacità di comunicare e supportare i nostri clienti. La diapositiva 21 mostra che la copertura consolidata è aumentata di 1 punto base al 2,72%, riflettendo principalmente la crescita dei nostri portafogli di prestiti auto e non garantiti.

La riserva totale è aumentata a 3,7 miliardi, o 1,1 miliardi in più rispetto ai livelli del primo giorno CECL, poiché abbiamo tenuto conto della modesta crescita dei prestiti e delle attuali prospettive macroeconomiche, che vedono il tasso di disoccupazione che si avvicina al 5% entro la fine dell’anno. La copertura auto al dettaglio del 3,6% è aumentata di 4 punti base trimestre su trimestre ed è superiore di 26 punti base rispetto al CECL day one. Le riserve totali di auto al dettaglio di 3 miliardi sono aumentate di circa 600 milioni, o del 25%, rispetto al primo giorno del CECL. La diapositiva 22 fornisce una visione dettagliata delle origini risalenti al 2016 raggruppate nei nostri livelli di credito proprietari.

Advertisement

In qualità di prestatore a spettro completo con scala critica, siamo in grado di farlo [Inaudible] grande attenzione ai segmenti di mercato in cui vediamo il maggior valore supportando i nostri clienti rivenditori. Dal 2016, le originazioni dai nostri primi due livelli sono rimaste costanti nell’intervallo del 75%, mentre abbiamo leggermente ridotto la nostra esposizione ai livelli di credito inferiori. Il nostro approccio ai prezzi basati sul rischio è evidente sul lato destro della pagina. In totale, abbiamo aggiunto 395 punti base di prezzo nel 2022, che è stato intenzionalmente aggiunto in tutto lo spettro del credito.

Come alcuni altri istituti di credito, non siamo stati in grado di aggiungere lo stesso prezzo a segmenti FICO più elevati, ma abbiamo aggiunto in modo aggressivo il prezzo a un rischio più elevato [Inaudible] per tamponare i rendimenti da perdite che potrebbero superare le aspettative sottoscritte. La parte inferiore della pagina evidenzia alcune statistiche originate che mostrano il nostro spostamento strategico verso l’usato, che ha ampiamente guidato l’espansione dei rendimenti nonostante le tendenze stabili di origine del credito negli ultimi sette anni. Nella diapositiva 23, mostriamo la nostra previsione per i valori dei veicoli usati, che è rimasta sostanzialmente costante negli ultimi 12 mesi. Nel 2022 abbiamo assistito a un calo del 19% rispetto ai valori di picco, la maggior parte del wh ich è stato realizzato nella seconda metà dell’anno.

Prevediamo un ulteriore calo del 13% rispetto ai livelli attuali, che si tradurrà in un calo totale del 30% dal 4° trimestre ’21 alla fine del 2023, in linea con le previsioni precedenti. Ci sono sicuramente altri punti di vista sui valori usati là fuori, la maggior parte dei quali prevede cali minori nel 2023. Sebbene intravediamo la possibilità di un calo minore nel 2023 sulla base delle dinamiche di domanda e offerta in gioco, continuiamo a mantenere una posizione prudente . Passando alla diapositiva 24.

Abbiamo aggiunto alcuni dettagli su ciò che stiamo vedendo all’interno del portafoglio di auto al dettaglio per quanto riguarda le prestazioni vintage. Abbiamo continuato a vedere una forte performance delle annate originate fino alla metà del 2021. Questi prestiti hanno ora superato il loro periodo di massima perdita e prevediamo che le perdite per tutta la vita saranno favorevoli alle aspettative di prezzo. Stiamo assistendo a tendenze di insolvenza e perdita elevate nelle annate originate dalla fine del 2021 fino alla metà del 2022, in linea con quanto osservato da altri nel settore.

Advertisement

Queste annate rappresentano attualmente circa il 38% del portafoglio e stanno appena entrando nei picchi di perdita. Sebbene prevediamo che tale coorte si ammortizzerà a circa il 24% del libro entro la fine di quest’anno, prevediamo che perdite elevate in quelle annate influiranno sul nostro tasso di addebito netto per l’intero anno 2023. Come abbiamo discusso in precedenza, abbiamo intrapreso azioni di sottoscrizione e determinazione dei prezzi per ridurre il contenuto di rischio delle nuove originazioni. Entro la fine di quest’anno, queste ultime origini rappresenteranno la maggior parte del portafoglio e del contenuto di perdita fino al 2024.

La diapositiva 25 fornisce un aggiornamento sulle aspettative di addebito netto delle auto al dettaglio. Le nostre prospettive di addebito netto per il 2023 ipotizzano una lieve recessione nel 2023, insieme a un ulteriore calo del 13% dei valori usati appena discusso. La performance delle perdite a dicembre è stata coerente con quanto previsto su base normalizzata e presumiamo una piena normalizzazione del portafoglio nel primo trimestre del 2023. Le perdite di picco alla fine del 2021 e all’inizio del 2022 e l’aumento della disoccupazione determinano perdite elevate alla fine dell’anno e un tasso di addebito netto per l’intero anno 2023 di circa l’1,7%.

La parte inferiore della diapositiva fornisce una prospettiva su come attualmente prevediamo che le perdite si materializzeranno nel corso del 2023. Abbiamo anche incluso riferimenti storici, che hanno mostrato una stagionalità simile. Complessivamente, le perdite attese sono aumentate di circa 30 punti base rispetto a quei periodi e sono leggermente elevate rispetto a quanto ci aspetteremmo per il profilo di rischio normalizzato delle nostre origini. Prevediamo che il 2023 continuerà a essere un ambiente molto dinamico e continueremo a essere trasparenti su ciò che stiamo vedendo e sulle nostre attuali aspettative per l’anno.

Nella diapositiva 26, abbiamo illustrato varie azioni che abbiamo intrapreso nel corso del 2022 per mitigare il rischio sulle nuove origini e come siamo preparati a gestire il credito durante il ciclo concentrandoci su ciò che possiamo controllare. Le azioni front-end, tra cui la modifica della strategia decisionale, l’implementazione di incrementi dei prezzi e la riduzione del rischio, ci aiutano a garantire che stiamo originando prestiti con rendimenti corretti per il rischio adeguati, mantenendo livelli di personale adeguati durante il ciclo e investendo in capacità digitali in modo proattivo ci posizionano per gestire la normalizzazione condizioni di credito. Passiamo ora ad Ally Bank sulla diapositiva 27. I depositi al dettaglio di 138 miliardi sono aumentati di 3,8 miliardi trimestre su trimestre, riflettendo una crescita continua e solidi afflussi dalle banche tradizionali.

Advertisement

I saldi totali dei depositi di 152 miliardi sono aumentati di 6 miliardi trimestre su trimestre, trainati dalla crescita incrementale dei depositi dei broker. Dato il continuo slancio attraverso il franchising di deposito, attualmente siamo finanziati con deposito dell’88%. Abbiamo realizzato il nostro trimestre più forte di crescita dei clienti dal secondo trimestre del 2020, aggiungendo 85.000 nuovi clienti nel quarto trimestre, il nostro 55° trimestre consecutivo di crescita. Da quando abbiamo fondato Ally Bank, la crescita equilibrata e la fidelizzazione sono stati aspetti fondamentali della nostra strategia di deposito al dettaglio.

Continuiamo a guidare il settore con un tasso di fidelizzazione dei clienti del 96%. Degna di nota è l’acquisizione di clienti, soprattutto tra le generazioni più giovani. I dati demografici dei clienti in basso a destra evidenziano l’opportunità a lungo termine che abbiamo di approfondire le relazioni partecipando al viaggio finanziario dei nostri clienti sin dalle fasi precedenti. Passando alla diapositiva 28.

Continuiamo a guidare la scalabilità e la diversificazione attraverso le nostre piattaforme bancarie digitali. I depositi continuano a fungere da gateway principale per gli altri nostri prodotti bancari, che hanno migliorato la fedeltà al marchio, stimolato il coinvolgimento e approfondito le relazioni con i clienti. La forza del nostro marchio ci consente di sfruttare lo slancio attuale attraverso i nostri nuovi prodotti di prestito al consumo. Ally Invest continua ad aumentare la profondità e la forza delle relazioni con i clienti di Ally Bank.

La percentuale di nuovi conti aperti da clienti esistenti rimane superiore al 70%. I saldi delle carte di 1,6 milioni derivano da 1 milione di clienti attivi che riflettono la nostra strategia di linee di credito basse e crescenti. I saldi dei prestiti alleati di 2 miliardi evidenziano lo slancio tra i settori verticali dell’assistenza sanitaria e del miglioramento della casa e continuiamo a vedere opportunità equilibrate per una crescita accrescitiva in questi portafogli poiché attualmente rappresentano meno del 5% delle nostre attività di guadagno. Passiamo alla diapositiva 29 per rivedere i punti salienti del segmento automatico.

Advertisement

L’utile ante imposte di 437 milioni è stato il risultato di azioni continue: azioni sui prezzi, nonché una crescita equilibrata all’interno dell’auto al dettaglio e commerciale compensata da maggiori accantonamenti. L’aumento delle spese di accantonamento rispetto all’anno precedente riflette la performance storicamente persa nel 2021. Guardando in basso a sinistra, il rendimento auto al dettaglio originato del 9,57% è aumentato di 82 punti base rispetto al trimestre precedente, riflettendo significative azioni sui prezzi. Come accennato in precedenza, abbiamo immesso sul mercato quasi 400 punti base di prezzo nel 2022 e continuiamo a vedere solidi flussi con rendimenti originati superiori al 10%.

Ciò ha portato a un’ulteriore espansione del rendimento del portafoglio e prevediamo che ciò continui nel medio termine, data la forza e le dimensioni del nostro franchising. L’angolo in basso a destra mostra l’andamento del portafoglio di leasing. Nonostante il calo dei valori usati, l’utile per unità è aumentato trimestre su trimestre a causa del calo dei contratti di leasing e delle acquisizioni di rivenditori. Passando alla diapositiva 30.

Continuiamo a realizzare i vantaggi della nostra piattaforma agile leader, sostenuta da un modello high-tech e high-touch. Il flusso coerente delle applicazioni, mostrato in alto a sinistra, ci consente di essere selettivi in ​​ciò che approviamo e alla fine originiamo. Le domande e le approvazioni sono state relativamente stabili negli ultimi due anni, ma abbiamo mirato a una riduzione del tasso di approvazione mentre gestiamo in modo proattivo il rischio attraverso un’analisi dettagliata dei microsegmenti. In alto a destra, i beni di consumo finali di 94 miliardi sono in aumento del 6% su base annua.

I saldi commerciali si sono chiusi a 18,8 miliardi poiché l’offerta di nuovi veicoli rimane sotto pressione ma ha mostrato alcuni segni di normalizzazione. Passando alle tendenze di origination nella metà inferiore della pagina, il volume di auto di consumo di 9,2 miliardi dimostra la nostra capacità di aggiungere prezzo sul mercato e mantenere un solido volume di origination. Ciò è culminato in originazioni per l’intero anno di 46 miliardi. Rimaniamo agili e non siamo legati a nessun obiettivo, ma ci aspettiamo di generare originations nella fascia bassa di 40 miliardi di dollari nel 2023.

Advertisement

Infine, l’usato ha rappresentato il 60% delle originazioni nel trimestre, mentre il non prime è sceso al 7% del volume a causa della gestione del rischio in corso e delle tendenze stagionali. Passando ai risultati assicurativi sulla diapositiva 31. L’utile al lordo delle imposte di base di 52 milioni è diminuito di anno in anno rispetto al minimo, a causa dell’impatto dei minori guadagni sugli investimenti dato il contesto di mercato. I premi emessi totali di 285 milioni sono aumentati di anno in anno, ma riflettono ancora i venti contrari derivanti dalle minori vendite di unità e dai livelli di inventario in tutto il settore.

Lo scorso trimestre, abbiamo condiviso un contesto su come il nostro approccio proattivo e le relazioni con i rivenditori sono stati in grado di limitare le perdite legate all’uragano Ian. Continuiamo a vedere risultati favorevoli e prevediamo un contenuto di perdita minimo, come mostrato nel grafico in basso a sinistra. Andando avanti, rimaniamo concentrati sullo sfruttamento della nostra significativa rete di concessionari e delle offerte olistiche per promuovere un’ulteriore integrazione delle assicurazioni nel finanziamento automobilistico. Passando alla finanza aziendale sulla diapositiva 32.

L’utile core di 67 milioni riflette una crescita disciplinata del portafoglio e un andamento stabile del credito. I ricavi netti da finanziamento sono stati trainati da maggiori saldi patrimoniali, nonché da benchmark più elevati poiché l’intero portafoglio ha raggiunto il tasso variabile. Il portafoglio di prestiti è diversificato tra i settori con prestiti basati su attività che costituiscono il 55% del portafoglio e una posizione di primo privilegio praticamente nel 100% delle esposizioni. Il nostro portafoglio di 10,1 miliardi di HFI è aumentato del 31% su base annua, riflettendo la nostra esperienza e la nostra crescita disciplinata all’interno di un mercato altamente competitivo.

I dettagli del mutuo sono sulla diapositiva 33. Il mutuo ha generato un reddito ante imposte di 19 milioni e 170 milioni di originazioni di DTC, riflettendo margini più ristretti sulla produzione conforme e una domanda effettivamente pari a zero per attività di rifinanziamento. Il mutuo è un prodotto importante per i nostri clienti che apprezzano una piattaforma digitale moderna e senza soluzione di continuità. Ci concentriamo su un’ottima esperienza per i nostri clienti, ma ci asteniamo da obiettivi di volume specifici.

Advertisement

Prima di chiudere, condividerò alcuni pensieri sulle prospettive per il 2023. Nella diapositiva 34, mostriamo i fattori chiave della crescita delle spese prevista per il 2023. Mentre si prevede che le spese principali aumenteranno di circa il 6%, è importante guardare un po’ più da vicino i dettagli. Circa la metà della crescita anno su anno è costituita da elementi non discrezionali, tra cui un aumento a livello di settore delle commissioni FDIC e delle spese assicurative, principalmente commissioni, che hanno una compensazione diretta in entrate e perdite meteorologiche.

La crescita include anche l’aumento dei costi per garantire che siamo in grado di fornire un servizio leader ai nostri clienti, supportare la continua normalizzazione del credito e gestire l’esposizione alle perdite. I restanti aumenti delle spese sono costituiti da costi variabili direttamente legati alla crescita dei ricavi, come i costi di assistenza e acquisizione in auto e carte e investimenti a lungo termine in tutta l’azienda come il cyber. Quindi, quelle che tradizionalmente si considerano spese discrezionali stanno guidando dall’1% al 2% circa della crescita delle spese nel 2023. Riconosciamo i venti contrari alle entrate presenti quest’anno e rimaniamo molto concentrati su un’efficiente distribuzione delle spese.

La diapositiva 35 contiene le nostre prospettive finanziarie così come le vediamo oggi. Chiaramente, l’ambiente dinamico rende più difficile che mai fornire una guida granulare, ma rimaniamo impegnati nella trasparenza. Sulla base di ciò che sappiamo oggi, vediamo l’EPS rettificato di circa $ 4 nel 2023, i cui driver principali includono NIM del 3,5%, che abbiamo trattato in precedenza, altre entrate in espansione a circa 500 milioni per trimestre, modesta crescita degli utili, crescita delle spese a una cifra media, addebiti netti per le auto al dettaglio dall’1,6% all’1,8% e addebiti netti consolidati dall’1,2% all’1,4% e, infine, un’aliquota fiscale compresa tra il 21% e il 22%, leggermente favorevole rispetto alla nostra media storica date le strategie di pianificazione fiscale in corso. Abbiamo anche fornito le nostre opinioni sulla traiettoria degli utili oltre il 2023.

Prevediamo un’espansione degli utili nei prossimi anni man mano che NIM supera il minimo e migra verso il 4%. Sulla base di ciò che sappiamo oggi, possiamo vedere un percorso verso quei $ 6 già nel 2024, ma ovviamente diverse variabili alla fine determineranno il ritmo dell’espansione dell’EPS. Continuiamo a considerare la metà dell’adolescenza come un profilo di ritorno dell’azienda sulla base di tutti i miglioramenti strutturali che abbiamo apportato negli ultimi anni. Abbiamo riconosciuto che il 2023 sarà un anno molto dinamico dati i venti contrari macroeconomici e la volatilità, ma siamo fiduciosi nella nostra capacità di continuare a eseguire e guidare la redditività a lungo termine.

Advertisement

E con questo, lo restituirò a JB

Jeff Brown — Amministratore delegato

Grazie, Brad. Ho pensato di concludere evidenziando alcune delle mie priorità a breve termine. Innanzitutto è il rischio di credito, come ho detto prima, la nostra capacità di sottoscrivere e gestire il rischio di credito è la nostra competenza principale. Sono fiducioso che gli investimenti che abbiamo continuato a fare nella gestione del rischio ci posizionino bene per navigare in questo ambiente fluido.

Il livello di gestione dei rischi di sicurezza informatica continua a salire e ci impegniamo a proteggere i nostri clienti dalle minacce esterne. Sono grato per il talento del nostro CIO e CISO e dei grandi team informatici che esistono in Ally. Prendersi cura delle nostre persone e mantenere una cultura orientata allo scopo è ancora più importante durante i periodi di maggiore incertezza. La nostra continua enfasi sull’essenzialismo guiderà l’efficienza operativa nel tempo.

Advertisement

Mentre siamo concentrati sulla navigazione tattica in questo ambiente dinamico a breve termine, ci impegniamo a continuare a realizzare la nostra priorità a lungo termine S. E infine, dobbiamo vivere il nostro nome ed essere un alleato ora più che mai. Supporteremo i nostri rivenditori, la finanza aziendale e i clienti delle banche dei consumatori. Rimanere fedeli al nostro nome e alla nostra promessa ha guidato la nostra crescita unica e la fidelizzazione dei clienti.

Rimango incredibilmente orgoglioso di guidare la nostra azienda. E nel tempo, sono fiducioso che queste priorità ci serviranno bene e offriranno valore a tutte le parti interessate. So che il mazzo di oggi era più lungo del normale, ma abbiamo pensato che fosse importante dare davvero quella visione a più lungo termine e concentrarci sulle tendenze che abbiamo seguito da quando siamo diventati pubblici e anche colpire le cose che sono in cima alla mente per tutti voi e al primo posto per gli investitori, cose come credito e margini. Quindi, questa volta abbiamo cercato di evolvere il mazzo.

Sappiamo di aver aggiunto diverse pagine, ma abbiamo pensato che la trasparenza fosse molto importante. E con questo, Sean, torniamo a te, e possiamo andare a domande e risposte.

Sean Leary — Responsabile delle relazioni con gli investitori

Advertisement

Grazie, JB Mentre ci dirigiamo verso le domande e risposte, chiediamo ai partecipanti di limitarsi a una domanda e un follow-up. Carmen, per favore inizia la sessione di domande e risposte.

Domande e risposte:

Operatore

Grazie. [Operator instructions] Un momento per la nostra prima domanda. Proviene dalla linea di Moshe Orenbuch con Credit Suisse. Per favore prosegui.

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Advertisement

Grande. Grazie per questa rivelazione in più. Per approfondire un po’ le prospettive di perdita di credito e come dovremmo pensarci, puoi parlare un po’ dell’impatto della frequenza rispetto alla gravità, il periodo che hai visto dalla metà del ’21 al ’22, quelli origini? Cosa stai vedendo che sta guidando quella perdita maggiore? E come ci informa sul percorso nel ’23 e ’24 per il tasso di perdita complessivo?

Brad Brown — Responsabile finanziario ad interim

Ehi, buongiorno, Moshe. È Brad. Inizierò da quello, e JB può sicuramente aggiungerlo.

Come hai detto, abbiamo evidenziato quel tipo di annata di fine 2021, inizio 2022. Dal punto di vista della frequenza, abbiamo visto quel tipo di ritmo di normalizzazione accelerare nel quarto trimestre e anche un paio di variabili importanti. Uno, poiché i clienti arrivano davvero a quella fase prima solo nei cicli, che in genere un saldo più elevato al momento dell’addebito ha avuto sicuramente un impatto. Inoltre, come notato, abbiamo assistito a un’accelerazione dei valori delle auto usate nella parte finale dell’anno, anch’essi di grande impatto.

Advertisement

Mentre pensiamo al 2023 qui, come ho già detto, quell’annata era circa il 40% del libro alla fine dell’anno. Mentre ciò continua a normalizzarsi, lavoreremo attraverso il sistema qui nel 2023. E penso che, come abbiamo detto, avrà un impatto anche sul tasso dell’1,7% che abbiamo evidenziato. Ma allo stesso tempo, abbiamo intrapreso, come notato, azioni significative tatticamente intorno alla gestione del rischio e riducendo alcuni dei rischi che vediamo, in particolare intorno alla microsegmentazione che anche – che ha davvero ridotto le aspettative di perdita su questo più libro recente.

E poi accoppiarlo con il libro arretrato con prestazioni davvero forti, ci dà davvero conforto in termini di quella gamma. E poi, alla fine, l’ambiente macro ha sicuramente un impatto. Come accennato, questo presuppone: stiamo ipotizzando una lieve recessione nel 2023. Ciò è realmente guidato dalla contrazione del PIL per i primi due trimestri e poi, in ultima analisi, la disoccupazione si avvicina al 5% entro la fine del 2023.

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Grande. Grazie. E la prospettiva del margine è più o meno coerente con dove eri stato, anche se i tassi sono aumentati un po’ di più. Cosa ha contrastato questo? È stato il rendimento dell’auto? Voglio dire, penso che la tua performance in questo trimestre sia stata leggermente migliore di quanto ci aspettassimo.

Advertisement

Parla un po ‘di cosa ha spinto – cosa tu – come dovremmo pensare a cosa è successo dal lato del rendimento, immagino.

Brad Brown — Responsabile finanziario ad interim

Si certo. Bene, tornerei a tutti i miglioramenti che JB ha evidenziato all’inizio. Strutturalmente, questa continua a essere una parte significativa dell’espansione solo in generale dal punto di vista generale dell’azienda e del bilancio.

Direi che il rendimento del portafoglio al dettaglio continua ad espandersi. Penso che – anche quei livelli, credo, siano stati un po’ sottovalutati. E penso, ancora una volta, che anche mettere su buoni affari solidi con rendimenti del 10%, 9 alti durante il quarto trimestre abbia avuto un impatto. E poi pensi a cose come le siepi che abbiamo, che ci forniscono davvero un bel ponte.

Advertisement

Se si pensa all’aumento dei Fed funds nel quarto trimestre, 125 punti base sono stati drammatici. Quindi, ciò ha rivalutato il portafoglio OSA, come abbiamo anche evidenziato. Ma le coperture in qualche modo ci aiutano davvero a colmare il 4° trimestre per la maggior parte del 2023 per dare il tempo al rendimento del portafoglio di auto al dettaglio di sopraffare davvero l’aumento dei costi di responsabilità.

Jeff Brown — Amministratore delegato

Sì. L’unica cosa, Moshe, forse aggiungerei solo un paio di cose, è davvero la diapositiva 30. Non abbiamo passato un sacco di tempo a approfondire ciò che abbiamo fatto nel trimestre, ma vedrai le origini automatiche. Nel quarto trimestre siamo scesi abbastanza considerevolmente da dove stavamo correndo.

E direi che probabilmente è stato guidato due volte. Uno, essere sempre più deliberato sulla gestione del credito. E come ha detto Brad, tagliare alcuni di quei micro segmenti e cose del genere, ma hai anche visto un discreto pop in quello che stiamo facendo nel nuovo spazio. E parte di questo, pensiamo solo che sia una funzione, e ne ho parlato in una delle conferenze del settore a dicembre.

Advertisement

Man mano che arrivi a una sorta di rendimento del 10% sulle nuove origini dei consumatori, raggiungi un punto di saturazione con il consumatore. Quindi, parte di questo – tutti questi fattori hanno in qualche modo portato a volumi più bassi e forse anche un po ‘meno propensione al rischio nel quarto trimestre.

Operatore

Grazie. Un momento per la nostra prossima domanda. E viene da Ryan Nash con Goldman Sachs. Per favore procedere.

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Advertisement

Ehi, buongiorno, ragazzi, e grazie per tutte le informazioni aggiuntive. Brad, alla domanda di Moshe, sai, hai delineato ciò che ti aspetti di provocare perdite su crediti a breve termine. Puoi forse semplicemente espandere ciò che è incluso nell’indennità da una prospettiva macro? So che hai detto 5% di disoccupazione entro la fine dell’anno. E proprio – come pensi alla futura costituzione di riserve qui, dato che ti aspetti una modesta recessione a breve termine? Grazie.

Brad Brown — Responsabile finanziario ad interim

Ehi, buongiorno, Ryan. Sicuro. Quindi, immagino che inizierei dicendo che abbiamo menzionato la macroeconomia. Sicuramente si è evoluto dal terzo trimestre, giusto? E lo abbiamo sottolineato, anche tu l’hai fatto, anche la contrazione del PIL, un aumento della disoccupazione entro la fine dell’anno che si avvicina al 5%.

Inizierei dicendo che noi – e JB lo ha sottolineato, giusto? Continuiamo ad essere davvero generalmente prudenti nella nostra metodologia di prenotazione complessiva. Ciò include anche le ipotesi che facciamo nel nostro framework CECL quando pensi al nostro supporto di 12 mesi e poi anche all’inversione di 24 mesi e lo sguardo indietro, che include la Grande Recessione, per entrare in quel tipo di reversione media del 6,3% nella disoccupazione. Quindi, quando pensiamo a una copertura del 3,6% rispetto a quell’intervallo dall’1,6% all’1,8%, nel mio tipo di semplice matematica generale, quando pensi anche alla fascia alta di quell’intervallo, se assegni quel numero annualizzato al nostro ponderato vita media dell’auto, che è di circa 22 mesi, vedrai che siamo davvero ben coperti anche nella fascia più alta di quell’intervallo.

Advertisement

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Fatto. Grazie per il colore. E poi, JB, forse una domanda per te sul capitale. Quindi, le diapositive notano che non ti aspetti di riacquistare azioni qui.

E data una crescita del bilancio più lenta rispetto allo scorso anno, penso che sia abbastanza chiaro che costruirai capitale quest’anno. Quindi, forse potresti semplicemente parlare, data l’incertezza nell’ambiente, in cui vorresti gestire i coefficienti patrimoniali. E poi forse cosa ti servirebbe per riattivare i riacquisti per l’azienda? Grazie.

Jeff Brown — Amministratore delegato

Advertisement

Sì. Certo, Ryan. Quindi, come abbiamo accennato, siamo vicini al nostro obiettivo interno, che è del 9%. E così, siamo stati acquirenti aggressivi delle azioni, ci siamo fatti pagare un dividendo ragionevole oggi.

Penso solo alla luce di quale ambiente fluido, sfida ambientale dinamica, qualunque cosa tu voglia chiamarlo, pensiamo che la cosa prudente in questo momento sia non pianificare riacquisti incrementali. Ma, sai, nella misura in cui otteniamo chiarezza, nella misura in cui ci dirigiamo e diventa una lieve recessione, e iniziamo a generare capitale incrementale, penso che cercheremo di riavviare il programma di riacquisto ad un certo punto nel futuro. E così, era – usare quella parola al momento era molto intenzionale. Voglio dire, penso che ciò che vediamo oggi, le cose prudenti, non l’avessero pianificato.

Ma guarda, noi – penso che abbiamo dimostrato che siamo acquirenti aggressivi delle nostre azioni quando riteniamo che siano sottovalutate, e lo diremmo sicuramente oggi. E così, nella misura in cui otteniamo maggiore e migliore chiarezza, non sarebbe irragionevole presumere che ricominciamo.

Operatore

Advertisement

Grazie. E un momento per la nostra prossima domanda, per favore. E viene dalla linea di Bill Carcache con Wolfe Research. Per favore procedere.

Bill Carcache — Wolfe Research — Analista

Grazie. Buon giorno. I tuoi materiali di presentazione fanno molto per affrontare alcuni dei principali dibattiti sulle tue azioni. Quindi, permettetemi di aggiungere i miei ringraziamenti.

Volevo seguire i tuoi commenti di credito. Sulla base di ciò che vedi oggi, ti aspetteresti che i sottufficiali raggiungano il picco nel 2023? O potremmo vedere il picco dei sottufficiali fino al 2024? E quando dovremmo aspettarci che il tasso di riserva cominci a scendere rispetto a quei picchi di perdita?

Advertisement

Jeff Brown — Amministratore delegato

Sì. Ehi, buongiorno, Bill. Sicuro. Quindi, penso che la diapositiva che abbiamo aggiunto che mostra una sorta di traiettoria prevista nel 2023 sia un ottimo punto di riferimento.

E vedrai un po ‘al massimo: il più grande delta e una sorta di nostra visione normalizzata rispetto alle aspettative del 2023 è davvero nel quarto trimestre. E quindi, è qui che il tasso di disoccupazione, come ho detto, sta raggiungendo il picco e la cresta, oltre a lavorare attraverso alcune delle altre dinamiche che abbiamo menzionato in termini di quando si pensa anche al contenuto delle nuove origini, il vintage, il dinamica che ho menzionato, che sta davvero funzionando attraverso quella coorte di fine ’21, inizio 2022, dove ci aspettiamo che scenda a meno di un quarto del libro entro il quarto trimestre. Quindi, penso che, e anche in un certo senso continuare ciò che abbiamo guidato in precedenza sul nostro calo dei valori dei veicoli usati, ci porteranno a quel punto più alto del 4Q 2023. Ora, se le cose peggiorano o le cose cambiano da qui, voglio dire, le variabili, come ho detto, si stanno muovendo rapidamente e certamente difficili da prevedere.

Ma vediamo che potrebbe esserci un po ‘di quell’elevazione nel 2024, ma sembra davvero che, date tutte quelle dinamiche, dovrebbe essere intorno alla cima del picco.

Advertisement

Bill Carcache — Wolfe Research — Analista

Fatto. E separatamente, volevo anche chiederti se potresti dare un po ‘di colore alla decisione di fornire indicazioni concrete sulle spese e parlare delle preoccupazioni che il 2024 è molto lontano e potresti limitare la tua flessibilità. Perché non andare con più di un rapporto di efficienza che ti dà la possibilità di gestire potenzialmente le spese per l’ambiente delle entrate? Qualsiasi tipo di colore sul processo di pensiero che avete attraversato tutti lì.

Jeff Brown — Amministratore delegato

Sì. Voglio dire, Bill, quello che direi è guarda, noi – in tutta l’azienda, abbracciamo questa mentalità essenzialista, che è una ricerca disciplinata di meno. Ci sono un certo numero di elementi che sono in qualche modo incontrollabili, quello che penso abbia sottolineato Brad, gli FDIC sono un grande pilota. L’articolo della linea assicurativa crea un pop di dimensioni decenti e il tuo numero di spesa principale.

Advertisement

Ma come Brad me menzionato nelle sue osservazioni preparate, questa è la compensazione diretta dei ricavi lì. E così, poi entri in una specie di spazio controllabile. Hai un numero compreso tra l’1% e il 2%, che riteniamo sia abbastanza ragionevole alla luce dell’ambiente. Voglio dire, come ho parlato con altri amministratori delegati nei servizi finanziari, penso che tutti siano alle prese con costi delle persone più elevati e costi del capitale umano.

E così, stiamo cercando di farcela. Quello che direi è che, come impresa alla fine dell’estate dello scorso anno, abbiamo più o meno raggiunto la pausa per le assunzioni. Hai visto anche altri finanziari farlo. Direi che ci sono alcune eccezioni speciali per quel nuovo talento, talento entry-level che vuoi continuare a costruire una pipeline e consentire a quelle persone di entrare nell’azienda che non finiscono per essere un grande fattore di spesa, ma noi’ Abbiamo aggiunto una sorta di organico lì.

E poi, per quanto riguarda lo spazio tecnologico e il cyberspazio, cose del genere, pensiamo che queste siano aree in cui devi investire costantemente. settimana in più stamattina. E questo potrebbe fornirci l’opportunità di introdurre talenti incrementali. Quindi, tutte queste cose bilanciano il modo in cui pensiamo.

Voglio dire, riconosciamo che i ricavi, come ha detto Brad, subiranno pressioni a breve termine. Ma penso che il nostro obiettivo sia cercare di creare il giusto equilibrio a lungo termine. E penso che quello che abbiamo fatto nelle assunzioni sia stato molto responsabile e molto disciplinato in quello che penso che i nostri detentori a lungo termine si aspetterebbero che facessimo. Ma, voglio dire, inizierò con il fatto che c’è una grande spinta all’essenzialismo per guidare l’efficienza ovunque possiamo.

Advertisement

Operatore

Grazie. E un momento per la nostra ultima domanda. E viene dalla linea di Betsy Graseck con Morgan Stanley. Per favore procedere.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Ciao. Buon giorno.

Advertisement

Jeff Brown — Amministratore delegato

Ehi, Betsy. Buon giorno.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Due domande. Uno, volevo solo scavare un po ‘nella guida per come stai pensando al tasso OSA e al NIM e tutto il resto. E so che hai indicato che c’erano diversi scenari in una gamma di potenziali risultati. Quindi, puoi aiutarci a capire come stai pensando di affrontare lo scenario in cui forse il tasso di OSA diventa un po’ più competitivo di quello che stai inserendo nella linea di base che hai qui?

Advertisement

Jeff Brown — Amministratore delegato

Sì. Betsy, inizierò e, Brad, sentiti libero di tuffarti. Quindi, quello che direi, certamente, il mercato bancario diretto è stato ipercompetitivo negli ultimi tempi. Penso che ci sia una maggiore sete di depositi.

Quindi, prendiamo il punto. Penso che il nostro prezzo in questo momento a 3,3 su OSA sia in linea con quello che direi sono altri tipi di banche dirette di alto nome e grandi banche. E così, siamo in qualche modo in linea con il branco. Ci sono alcuni nomi che hanno un prezzo più alto di noi e non stiamo assistendo a grandi deflussi.

E così, tutto questo finisce per essere una specie di atto di bilanciamento tra l’ambiente competitivo e l’ambiente tariffario. Penso che la guida che Brad ha cercato di sottolineare sia, voglio dire, noi – penso che la maggior parte dell’universo stia iniziando a pensare che la Fed si stia avvicinando alla fine, forse ci sono altri 50 punti base da percorrere. E, ovviamente, voglio dire, oggi siamo a 3,3. Brad ti mostra uno scenario in cui stai salendo di 45 punti base contro forse una mossa di 50 punti base, quindi è una specie di beta del 90%.

Advertisement

Mi sembra dannatamente aggressivo. Quindi, è un atto di bilanciamento. Ecco perché proviamo ad aggiungere la trasparenza su ciò che stai assumendo sul tasso dei fondi Fed. Tutti possono fare i propri calcoli se pensano che andrebbe più in alto.

Ma la cosa bella, direi, parlando con il nostro responsabile dei depositi, Anand Talwar, e il nostro capo della banca, Diane Morais, ti direbbero che le cose sono sembrate un po’ più stabili qui nelle ultime tre, quattro settimane . Quindi, pensiamo che ci sia altro da fare, ma non penso che sia un altro tipo di 100 punti base da qui.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

OK. Fatto. E poi, separatamente, stesso tipo di tema, come dovremmo pensare all’impatto sui tassi di perdita se i prezzi delle auto usate scendessero più bruscamente di quello che hai preparato?

Advertisement

Jeff Brown — Amministratore delegato

Sì. Voglio dire, ovviamente, aumenterebbero in una certa misura. Ma penso che ci siano un paio di dinamiche in gioco. In primo luogo, se guardi altri esperti del settore e grandi nomi che sono là fuori, sono più modesti dei cali che hanno previsto.

Penso che siamo stati abbastanza coerenti nel dire che la fine del ’21 alla fine del ’23 sarebbe questo tipo di declino del 30%. Abbiamo visto un po’ di più l’anno scorso. Ma come ti ha mostrato Brad, hai probabilmente 13 punti base di declino incorporati qui. Penso che l’altro fattore là fuori sia che sono state prodotte circa 11 milioni di auto in meno negli ultimi tre anni.

E quindi, pensiamo che fornisca un supporto strutturale. Cerchiamo sempre di avere una visione più conservatrice. Ma voglio dire, il modo in cui penserei alla gamma di rischio è che forse è un altro calo del 5% dei prezzi delle auto usate, e questo rappresenterebbe una specie di un paio di punti base di NCO incrementale. Quindi, è abbastanza bene lì dentro.

Advertisement

Sì, potrebbe essere peggio, ma pensiamo che probabilmente sia un po’ improbabile da qui.

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

OK. Grazie mille per il tempo. Apprezzalo.

Jeff Brown — Amministratore delegato

Advertisement

Hai capito, Betsy.

Sean Leary — Responsabile delle relazioni con gli investitori

Grazie. Grande. Grazie a tutti. È tutto il tempo che abbiamo per oggi.

In caso di ulteriori domande, come sempre, non esitare a contattare le relazioni con gli investitori. Grazie per esserti unito a noi questa mattina. Questo conclude la chiamata di oggi.

Advertisement

Operatore

E grazie, signore e signori. [Operator signoff]

Durata: 0 minuti

Partecipanti alla chiamata:

Sean Leary — Responsabile delle relazioni con gli investitori

Advertisement

Jeff Brown — Amministratore delegato

Brad Brown — Responsabile finanziario ad interim

Moshe Orenbuch — Credit Suisse — Analista

Ryan Nash — Goldman Sachs — Analista

Advertisement

Bill Carcache — Wolfe Research — Analista

Betsy Graseck — Morgan Stanley — Analista

Altre analisi ALLY

Tutti i guadagni chiamano le trascrizioni

Advertisement

Questo articolo è una trascrizione di questa teleconferenza prodotta per The Motley Fool. Mentre ci impegniamo per il nostro Foolish Best, potrebbero esserci errori, omissioni o inesattezze in questa trascrizione. Come per tutti i nostri articoli, The Motley Fool non si assume alcuna responsabilità per l’utilizzo di questi contenuti e ti incoraggiamo vivamente a fare le tue ricerche, incluso ascoltare tu stesso la chiamata e leggere i documenti SEC dell’azienda. Si prega di consultare il nostro Termini e Condizioni per ulteriori dettagli, comprese le nostre esclusioni di responsabilità obbligatorie in maiuscolo.

Ally è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. The Motley Fool non ha alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending