venerdì 25 settembre 2020

Alpha Pro Tech è il titolo per eccellenza per affrontare il coronavirus

Quale migliore protezione dal coronavirus se non le mascherine prodotte dall’azienda americana Alpha Pro Tech?

Anche se in Italia la situazione sembra sotto controllo, lo stesso no si può dire per gli Stati Uniti. In questa situazione complicata, le azioni Alpha Pro Tech (APT) sembrano un solido porto. Non solo beneficiano della domanda di dispositivi di protezione individuale, ma beneficiano anche di una valutazione ragionevole.

La sede di Alpha Pro Tech si trova in Canada, ma il suo impianto di produzione si trova nello Utah. L’azienda produce mascherine per il viso e tute per il controllo delle infezioni, denominati DPI (Dispositivi di protezione individuale).

Non sorprende che il titolo APT sia aumentato vertiginosamente durante la pandemia. Lo stesso vale per le entrate dell’azienda. Nel primo trimestre, le entrate sono aumentate del 47,5% su base annua.

E se un terremoto non avesse influenzato la produzione nel primo trimestre, le entrate sarebbero state superiori di circa $ 300.000. Per fortuna, sembra che la società abbia risolto questo problema. Le azioni APT sono aumentate del 66% negli ultimi tre mesi, circa il 535% quest’anno e il 20% nell’ultimo mese.

Le tendenze di accumulo

Anche dopo la fine della pandemia, il governo federale degli Stati Uniti, molti stati americani e paesi stranieri vorranno probabilmente acquistare una grande quantità di DPI. Perché? Tutti vorranno essere pronti per la prossima pandemia. Quando si verificherà la prossima pandemia, nessun governo vorrà essere colto impreparato e affetto da carenza di DPI.

Inoltre, anche dopo un eventuale vaccino, alcuni americani potrebbero scegliere di non farlo. Di conseguenza, gli ospedali e i paramedici dovranno probabilmente ancora trattare un piccolo numero di nuovi pazienti affetti da coronavirus fino al 2021 o all’inizio del 2022.

Dati questi fattori, è probabile che le vendite di Alpha Pro Tech rimangano forti per qualche tempo. 

C’è poi anche un altro punto nodale, quello della provenienza dell’azienda, che di certo non è la Cina. E questo è sicuramente un punto a favore, visto che molti politici statunitensi sono comprensibilmente diffidenti nei confronti della pratica del paese di importare gran parte dei farmaci, DPI e attrezzature mediche dalla Cina. Le tensioni tra le due nazioni si stanno rapidamente intensificando. E ci sono stati casi in cui la Cina ha venduto DPI disfunzionali agli Stati Uniti. Per questo motivo è logico che l’America riduca la sua dipendenza dalla Cina per le apparecchiature mediche.

Valutazione di Alph Pro Tech

Alpha Pro Tech non è un gigante solido e l’andamento del titolo lo conferma, costellato da sali e scendi. Tenendo in mente tutto ciò però è possibile sfruttare una tendenza di breve termine (e anche di medio) che potrebbe produrre enormi guadagni.