giovedì 26 maggio 2022

Altre società statunitensi in Cina tagliano le previsioni e ridimensionano gli investimenti a causa del Covid

PECHINO — Un nuovo sondaggio ha rilevato che sempre più aziende statunitensi in Cina stanno riducendo le aspettative di reddito e i piani per investimenti futuri mentre i controlli Covid si trascinano.

Tra fine marzo e fine aprile, la quota di intervistati che ha segnalato un impatto dalle restrizioni Covid è aumentata di 4 punti percentuali a 58%, secondo un sondaggio della Camera di Commercio americana in Cina pubblicato lunedì.

Anche se non si tratta di un grande aumento, 4 o 5 punti percentuali al mese potrebbero essere “molto significativi” se i controlli Covid persistessero per altri cinque mesi, ha detto alla CNBC Michael Hart, presidente di AmCham, in un’intervista telefonica.

Alla domanda sull’impatto che avranno le restrizioni Covid se dureranno per il prossimo anno, più del 70% degli intervistati ha affermato le loro entrate o profitti verrebbero tagliati.L’ultimo studio, condotto da aprile 29 al 5 maggio, riguardava 349 società con attività in Cina. Quel periodo di tempo includeva le ultime restrizioni Covid nella capitale Pechino.

Tra due, tre, quattro anni, prevedo un massiccio calo degli investimenti in Cina perché non ci sono nuovi progetti in corso, perché le persone non possono entrare e guardare lo spazio.

Michael Hart

presidente, AmCham CinaIl precedente sondaggio è stato condotto con AmCham Shanghai a fine marzo, appena mentre stava iniziando il piano originale di Shanghai per un blocco in due parti. Tali misure sono durate molto più a lungo della settimana iniziale.

Negli ultimi giorni, la città di Pechino ha posticipato la riapertura delle scuole fino a nuovo avviso e ha ordinato chiudere temporaneamente tutte le attività non essenziali in un importante quartiere degli affari o far lavorare il personale da casa.

“Ci sono pochissimi aspetti dell’economia che sembrano funzionare”, ha affermato un intervistato nel rapporto, che ha nascosto il nome e l’ubicazione dell’intervistato. ” Le restrizioni COVID-19 possono essere gestite, cosa [will be increasingly difficult to] gestire è la mancanza di crescita complessiva dell’economia e quelli che sembrano essere crescenti venti contrari all’economia.”

Le aziende tagliano i piani di investimento in Cina

I prolungati controlli Covid — mentre la Cina continentale affronta il peggior focolaio di virus dall’inizio 2020 – hanno ulteriormente scoraggiato le imprese statunitensi dall’investire nel paese, ha rilevato il sondaggio AmCham.

La percentuale di intervistati che ha segnalato una diminuzione degli investimenti a causa dell’ultimo focolaio e delle restrizioni è salita a 26% contro 17% un mese prima. Coloro che hanno segnalato un ritardo negli investimenti sono leggermente diminuiti a 26%, contro 29% nel sondaggio precedente La percentuale che ha detto che è troppo presto per prevedere o non ha deciso l’impa Il ct sui piani di investimento è salito al 44% nell’ultima indagine, rispetto al 30% nello studio precedente.

I dati ufficiali mostrano un costante aumento degli investimenti diretti esteri da tutti i paesi in Cina, in crescita del 31.7% anno su anno nel primo trimestre a $58. miliardi.Il Ministero del Commercio cinese non ha rilasciato commenti prima della sua regolare conferenza stampa di giovedì. Alla fine di aprile, alla domanda sulle sfide delle imprese straniere, il ministero ha affermato che avrebbe fatto tutto il possibile per garantire la ripresa del lavoro e della produzione.

Dal momento che la Cina ha rafforzato i confini restrizioni in 2020 per controllare la trasmissione di Covid dai viaggiatori nel paese, le organizzazioni imprenditoriali straniere hanno affermato che è difficile portare personale. Questo perché mancano voli internazionali in Cina e tempi di quarantena all’arrivo di almeno due settimane, se non di più.

“Se vuoi investire tu devono consentire il viaggio”, ha detto Hart, notando che l’impatto si farà sentire a lungo termine.

“Tra due, tre, quattro anni io prevedere un massiccio calo degli investimenti in Cina perché non ci sono nuovi progetti in corso, perché le persone non possono entrare e guardare lo spazio”, ha detto.

Se i controlli Covid persisteranno per il prossimo anno, 53% degli intervistati all’ultimo sondaggio di AmCham ha affermato che lo farebbe ridurre gli investimenti in Cina.

Per settore, le attività tecnologiche e di ricerca e sviluppo hanno riportato il maggiore impatto dei controlli Covid sui loro piani di investimento, con 53% degli intervistati nel settore prevede ritardi o riduzioni.

Le imprese consumer, invece, sono state le uniche a rapporto prevede di aumentare gli investimenti, anche se solo il 4% dei membri del settore. Per il settore, 36% prevedeva di ridurre gli investimenti, mentre 29% ha dichiarato che avrebbe ritardato l’investimento a causa dell’ultimo focolaio. Anche il settore dei consumi è stato l’unico a segnalare un certo aumento delle proiezioni dei ricavi annuali nonostante l’impatto del Covid, con il 3% degli intervistati. Tuttavia, la maggior parte delle aziende di consumo, o 59%, ha affermato di ridurre le aspettative di fatturato per l’anno.

L’attività non è stata completamente ripresa

Mentre le autorità di Shanghai hanno annunciato whitelist che ne consentono poco meno di 2,01 per riprendere la produzione, l’ultimo sondaggio di AmCham ha rilevato che tra gli intervistati con attività a Shanghai, 15% ha dichiarato di dover ancora riaprire.

Ciò non significa che la maggior parte sia tornata al lavoro.

Hart ha detto aneddoticamente, alcune aziende con cui ha parlato la scorsa settimana a Shanghai operavano da 19% a 50% di capacità. Molti fornitori rimangono chiusi, mentre la spedizione di parti e merci ai clienti è ancora difficile, ha affermato.

Diverse città in tutta la Cina hanno adottato una qualche forma di blocco, e gli autisti di camion spesso necessitano di abbonamenti speciali e frequenti test di virus negativi per trasportare le merci.

Solo basandoci sull’esperienza delle nostre società negli Stati Uniti, in Europa e in altri mercati, abbiamo visto che altri paesi hanno adottato una strategia diversa. Chiediamo solo un po’ più di equilibrio.Michael Hart

presidente, AmCham Cina

Parte della difficoltà è l’attuazione incoerente tra le province e le città di quella che la Cina chiama la sua politica “dinamica zero-Covid”, ha detto Hart.

A livello locale, “i funzionari governativi stanno cercando modi pratici per le aziende di risolvere i loro problemi e tornare al lavoro, perché quelle persone sono giudicate dalla performance economica”, ha detto Hart. “Quando parliamo con il governo ad alto livello [a], non è un focus sull’economia. È un focus sulla salute e sulla riduzione del Covid.”

“Solo basandoci sull’esperienza delle nostre società negli Stati Uniti, in Europa e in altri mercati, abbiamo visto che altri paesi hanno adottato una strategia diversa”, ha affermato. “Chiediamo solo un po’ più di equilibrio.”

La scorsa settimana, il presidente cinese Xi Jinping ha guidato un incontro in cui ha sottolineato che il Paese dovrebbe ” combattere risolutamente” contro ogni messa in discussione delle politiche di controllo dei virus. L’incontro ha anche avvertito delle conseguenze economiche se la Cina non si fosse attenuta alla sua politica dinamica zero-Covid.

A novembre, il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha pubblicato uno studio che avverte che il passaggio alla strategia di “coesistenza” di altri paesi si tradurrebbe probabilmente in centinaia di migliaia di casi quotidiani, devastanti il ​​sistema medico nazionale.

Per lunedì, la Cina continentale ha riportato 349 nuovi casi di Covid con sintomi e 3,077 senza sintomi, principalmente a Shanghai — che ha riportato sei decessi per la giornata.



Fonte: CNBC