lunedì 18 ottobre 2021

Anteprima economica: le aziende ottengono farfalle più grandi sul coronavirus e questo non è un bene per l’economia

         

La speranza in 2020 era che l’economia americana avrebbe avuto una scarica surrenalica da maggiori investimenti delle imprese dopo un accordo interinale che ha temperato le tensioni commerciali con la Cina.

      

Queste speranze sembrano essere state deluse.

      

Un coronavirus in espansione in Cina e altrove sta ringhiando le catene di approvvigionamento globali, rendendo più difficile ottenere parti per nuove automobili, produrre iPhone o soddisfare i turisti che volano nel jet-set, tra le altre cose. L’interruzione è destinata a danneggiare le vendite e la produzione e rendere le aziende ancora più titubanti a investire in nuovi grandi progetti.

      

Il primo importante segno del danno che l’epidemia virale sta causando all’economia degli Stati Uniti è arrivato la scorsa settimana da un sondaggio tra dirigenti aziendali. IHS Markit ha dichiarato che il suo barometro delle condizioni commerciali è diventato negativo a febbraio per la prima volta in quattro anni. Un certo numero di aziende tra cui Apple          AAPL,          + 4. 93%       ha anche avvertito che le vendite potrebbero non essere all’altezza delle previsioni.

             

Leggi: What Apple, P&G, Walmart and Co stanno dicendo dell’epidemia di coronavirus

      

Per settimane, la maggior parte delle previsioni economiche ha continuato a sostenere che le interruzioni legate alla corona sarebbero state temporanee. Proprio venerdì scorso, diversi alti funzionari della Federal Reserve hanno predetto che il colpo agli Stati Uniti sarebbe stato “breve”.

      

Anche se hanno ragione, una grande dose di incertezza sta improvvisamente oscurando le prospettive economiche. I cieli apparentemente chiari dello scorso mese sono stati in gran parte oscurati. La media industriale di Dow Jones          DJIA,          + 3. 78%       affondato fino a punti 800 nelle negoziazioni di lunedì e i rendimenti obbligazionari sono crollati a minimi nuovi.

      

“Il coronavirus sta rapidamente rallentando lo slancio dell’economia globale e sta risucchiando ossigeno dai mercati finanziari”, ha affermato Scott Anderson, capo economista di Bank of the West.

      

Leggi: L’economia si attenua sulle preoccupazioni del coronavirus , IHS Markit trova

      

E: Crisi dell’uscita industriale in Gennaio per il quarto declino negli ultimi cinque mesi

      

In tempi più ordinari, Wall Street si azzererebbe in questa settimana sulle ultime tendenze degli investimenti aziendali, incluso il rapporto mensile sui beni durevoli quando verrà pubblicato giovedì.

      

Vedi: Calendario economico MarketWatch

      

Eppure, anche se a gennaio gli investimenti sono rimbalzati, e gli economisti non prevedono alcun guadagno, sono già vecchie notizie. Gli investitori vogliono sapere cosa è successo a febbraio dopo che l’epidemia virale ha conquistato i titoli dei giornali di tutto il mondo. Dovranno invece aspettare un altro mese per conoscere la risposta.

      

A quel punto, l’epidemia virale potrebbe essere sotto controllo e le prospettive economiche potrebbero tornare di nuovo soleggiate, ma non aspettatevi che le imprese saltino a qualsiasi conclusione data la mancanza di progressi finora nel contenere il COVID – 19 scoppio. Potrebbe peggiorare molto prima che la marea venga invertita.

      

“Chiaramente ci sono abbastanza punti dati incredibilmente deboli che spuntano in Cina e altrove per consigliare cautela di fronte a questo grande sconosciuto”, ha dichiarato Douglas Porter, capo economista di BMO Capital Markets.

      

Un’altra preoccupazione dei dirigenti aziendali è la crescente probabilità che Bernie Sanders, un autodidatta socialista, possa vincere il voto primario democratico e organizzare uno scontro con il presidente Trump alle elezioni di novembre.

      

Il senatore del Vermont sembra aver preso un chiaro vantaggio sui suoi rivali all’inizio della gara. Sanders ha promesso di aumentare drasticamente le tasse sugli affari e aumentare i regolamenti se eletto.

      

Alcune aziende affermano di essere diventate più caute di fronte alla “crescente incertezza in vista delle elezioni presidenziali alla fine di quest’anno”, secondo l’economista capo Chris Williamson di IHS Markit.

      

La potenziale nomination di Sanders come candidato presidenziale del partito democratico ha causato un eminente bigwig di Wall Street, democratico e incline alla democrazia, l’ex CEO di Goldman Sach Lloyd Blankfein, per dire che gli sarebbe difficile votare per Sanders.

      

Leggi: Ex- Il boss di Goldman Lloyd Blankfein “potrebbe trovare più difficile votare per Bernie” di Trump

                     
Articolo originale di Marketwatch.com