sabato 25 giugno 2022

Apple risparmia 15 miliardi di dollari dopo il verdetto della Corte europea

Secondo una sentenza della Corte europea, Apple ha vinto un ricorso contro un ordine dell’UE di pagare all’Irlanda 15 miliardi di dollari in arretrati fiscali.

Mercoledì il secondo tribunale più alto dell’Unione europea ha annullato una sentenza della Commissione europea (CE) in cui si afferma che l’Irlanda non ha incassato 13 miliardi di dollari (14,9 miliardi di dollari) di tasse da Apple Inc.

Il Tribunale della Corte di giustizia europea ha stabilito che la CE non ha dimostrato che Apple ha ricevuto assistenza dall’Irlanda e che la società più preziosa del mondo avrebbe dovuto pagare più tasse sui suoi guadagni nell’UE tra il 1991 e il 2007.

È giusto dire che Apple ha fatto un buon affare in Irlanda.

Nel 1991, il governo ha fissato l’aliquota fiscale della società nel paese allo 0,005%. Il governo aveva concluso che i diritti di proprietà intellettuale detenuti dalla consociata irlandese di Apple non erano tassabili nel paese. La posizione della CE era che il reddito era tassabile in Irlanda perché la controllata irlandese aveva concesso erroneamente la detrazione fiscale ad Apple.

Alla fine del 2016, Margrethe Verstager, capo della divisione concorrenza della CE, ha dato a Apple e al governo irlandese fino al 3 gennaio 2017, per pagare. L’Irlanda e la Apple hanno presentato ricorso al Tribunale, pur accettando di finanziare un fondo di garanzia di 13 miliardi di euro.

La CE ha sostenuto che le decisioni fiscali tra Apple (AAPL) e il governo irlandese “costituivano aiuti di Stato illegalmente attuati dall’Irlanda”, secondo l’annuncio della decisione del Tribunale.

Nella sua sentenza, il Tribunale ha dichiarato che la CE “ha sbagliato a dichiarare che ASI [Apple Sales International] e AOE [Apple Operations Europe] avevano ottenuto un vantaggio economico selettivo e, per estensione, aiuti di Stato”. Il tribunale ha anche osservato che la CE non ha dimostrato che i ruling fiscali irlandesi “erano il risultato della discrezionalità esercitata dalle autorità fiscali irlandesi”.

È probabile che il fondo di deposito in garanzia di 13 miliardi di euro rimanga dove è in attesa di un ricorso da parte della CE. Verstager, ora vicepresidente esecutivo della CE, ha dichiarato in una dichiarazione che la sentenza del Tribunale ha “confermato” che gli stati dell’UE devono stabilire le proprie leggi fiscali statali con un occhio al diritto dell’UE. Verstager ha anche osservato che la sentenza ha confermato l’approccio della CE nel determinare se una misura è “selettiva”.

Gli investitori hanno aumentato le azioni Apple di circa l’1,9% nella sessione di mercato di mercoledì a $ 395,46, in un intervallo di 52 settimane da $ 192,58 a $ 399,82. L’obiettivo di prezzo consensuale di 12 mesi sul titolo è di $ 350,33.