martedì 03 agosto 2021

Assicurati che la tua organizzazione benefica abbia uno stato di beneficenza prima di fare una donazione

Dicembre è il mese di raccolta fondi più impegnativo dell’anno per molti enti di beneficenza, poiché i donatori si affrettano a fare donazioni di fine anno in tempo per ottenere una ricevuta di donazione per 2019 , la scadenza è mezzanotte di dicembre 31. Nella colonna della scorsa settimana, ho condiviso una varietà di strategie fiscali per la donazione in beneficenza . Questa settimana, facciamo un tuffo più profondo negli stessi enti di beneficenza e ciò che serve per essere un ente di beneficenza registrato, alla luce di una recente decisione della Corte d’appello federale relativa al rifiuto dell’Agenzia delle entrate del Canada di registrare una “chiesa” auto-designata come un ente di beneficenza.

Lo stato di ente di beneficenza registrato è importante se si desidera poter richiedere crediti di donazione di beneficenza, del valore fino a 50 per cento della donazione, sulla dichiarazione dei redditi. A partire da questa settimana, ci sono 85, 868 organizzazioni benefiche registrate in Canada e le migliori il modo per verificare se l’organizzazione che desideri supportare è validamente registrata è quella di andare online all ‘”Elenco delle organizzazioni benefiche” della CRA dove puoi cercare il nome dell’organizzazione

per verificare che sia correttamente registrato. Le informazioni nell’elenco sono aggiornate dall’ARR ogni giorno lavorativo e indicano se un ente di beneficenza canadese è registrato, revocato, annullato, sanzionato o sospeso. Puoi anche visualizzare le informazioni di contatto di un ente di beneficenza, le attività generali e le informazioni finanziarie, incluse le parti pubbliche del ritorno annuale di informazioni di un ente di beneficenza.

Non tutte le organizzazioni senza scopo di lucro, tuttavia, sono organizzazioni benefiche registrate che possono emettere ricevute di donazione. Per richiedere lo status registrato, l’organizzazione senza scopo di lucro deve essere istituita per uno scopo di beneficenza, che di solito rientra in una delle quattro categorie: il sollievo della povertà, il progresso dell’istruzione, il progresso della religione e alcuni altri scopi a beneficio del comunità.

Se l’ARR nega lo stato di registrazione di beneficenza di un’organizzazione, ha il diritto di presentare ricorso contro tale decisione dinanzi alla Federal Court of Appeal. Ed è quello che è successo nel caso recente, deciso la scorsa settimana, che coinvolge la “Chiesa dell’ateismo del Canada centrale”. La Chiesa è una società senza scopo di lucro il cui scopo “è predicare l’ateismo attraverso attività di beneficenza, nella città di Ottawa, il province dell’Ontario e del Quebec, e qualunque provincia venga di volta in volta designata come parte del Canada centrale. ”

La Chiesa ha chiesto di essere un ente di beneficenza registrato, tuttavia l’ARR ha negato la sua applicazione. La Chiesa fece appello, chiedendo alla corte d’appello di stabilire se la decisione dell’ARR di rifiutare di registrare l’organizzazione come ente di beneficenza fosse ragionevole. Ha anche sostenuto che il rifiuto della CRA di registrare l’organizzazione come ente di beneficenza ha violato la Carta dei diritti e delle libertà canadese.

La questione davanti alla corte era se la Chiesa fosse “un’organizzazione di beneficenza che opera esclusivamente per scopi di beneficenza, le cui risorse sono interamente dedicate ad attività di beneficenza. ”Le categorie di beneficenza rilevanti per la Chiesa erano o il progresso della religione e alcuni altri scopi benefici per la comunità.

La Chiesa ha sostenuto che l’avanzamento dell’ateismo dovrebbe rientrare nella classificazione caritatevole di “avanzamento della religione”. Ad oggi, i tribunali non hanno precedentemente riconosciuto l’ateismo come una religione, quindi la CRA ha dovuto considerare le tre caratteristiche fondamentali comuni a quelle precedentemente riconosciute religioni che soddisfano scopi caritatevoli.

Le tre caratteristiche fondamentali della religione sono: che i seguaci hanno fede in un potere superiore come Dio, entità o Essere Supremo , che quei seguaci adorano questo potere superiore e che la religione consiste in un sistema particolare e completo di fede e adorazione.

La CRA aveva concluso che l’ateismo non incontra nessuno dei tre elementi stabiliti dai tribunali per essere “fondamentale per la religione”. Ha scoperto che “il culto dell’energia non soddisfa il primo elemento secondo cui gli aderenti a un sistema di credenze religiose hanno fede in un potere invisibile superiore come un Dio, un Essere Supremo o un’entità “. Ha inoltre scoperto che la seconda caratteristica che i seguaci di una religione adorano questo Essere Supremo” non potrebbe esistere senza una credenza in un Essere Supremo “.

La corte d’appello, tuttavia, non lo fece sentire che avere fede in un Essere Supremo superiore o entità e riverenza di detto Essere Supremo era necessariamente richiesto quando si considera il significato di “religione”, citando l’esempio del Buddismo, una religione riconosciuta che non crede in un Essere Supremo o in qualsiasi entità tutti.

Wh alla corte aveva problemi con la terza caratteristica, concludendo che la Chiesa non era in grado di dimostrare che il suo sistema di credenze si basava su un sistema particolare e completo di dottrina e osservanze.

La Chiesa ha provato sostenere che la sua dottrina della “scienza tradizionale” soddisfa il terzo elemento, affermando che i suoi “Dieci Comandamenti dell’Energia sono testi sacri perché sono stati creati da un essere umano saggio che consiste di Energia pura, invisibile e ha riconosciuto l’esistenza dell’Energia.” Entrambi la CRA e il tribunale, tuttavia, hanno concluso che questo “non fornisce informazioni dettagliate sul particolare e completo sistema di fede e di culto”.

Nel negare l’appello della Chiesa, il tribunale ha ricordato a tutti di noi che “la registrazione di un’organizzazione come ente di beneficenza … è un privilegio, non un diritto … (che) funge da sussidio fiscale indiretto per incoraggiare il lavoro delle organizzazioni benefiche registrate”.

Per quanto riguarda l’argomento della Carta, mentre il precedente juri lo sprudence ha confermato che la Carta protegge davvero i diritti degli atei, il rifiuto della CRA di registrare la Chiesa come organizzazione di beneficenza “non interferisce in un modo più che banale o non sostanziale con la capacità dei membri della Chiesa di praticare il loro ateo credenze “.

Jamie.Golombek@cibc.com

Jamie Golombek, CPA, CA, CFP, CLU, TEP è l’amministratore delegato, pianificazione fiscale e patrimoniale con il gruppo di consulenza e pianificazione finanziaria CIBC a Toronto.

Come riportato da Financial Post