domenica 01 agosto 2021

Attenzione agli inseguimenti nei mercati degli orsi, avvertono gli strateghi

Un passante con una maschera passa davanti a un tabellone nel quartiere Nihonbashi di Tokyo mostrando l’indice medio Nikkei che cade alla Borsa di Tokyo durante la pandemia del virus corona. Le preoccupazioni crescono sui casi crescenti di COVID – 19 in Giappone.

Immagini SOPA

Investitori in Asia stanno dando il via alla nuova settimana di trading con una nota di cautela, tenendo d’occhio la volatilità che emana da Wall Street.

Dopo il il più grande raduno settimanale di Dow dal 1938 e le migliori prestazioni per S&P 500 e Nasdaq nella settimana dal 2009, gli investitori stanno discutendo se i mercati statunitensi hanno già toccato il fondo o se è in serbo altro dolore.

Attribuendo i recenti guadagni nelle azioni e nelle valute dei mercati emergenti a straordinarie misure di stimolo monetario e fiscale, Eric Robertsen, responsabile della macro strategia globale di Standard Chartered, ha avvertito i clienti che la ripresa del rischio non è sostenibile.

Colpo di fiducia del consumatore

“Il rilascio delle dichiarazioni di intermediazione Q1 nel prossimo mese coinciderà con il rilascio di dati economici globali che mostrano la profondità del collasso economico”, spiega Robertsen nella sua nota settimanale. “Riteniamo che questi due fattori combinati aggraveranno la debolezza della fiducia dei consumatori, già attaccata dalla crescente crisi sanitaria e dalla prospettiva di una disoccupazione estesa”.

Ha sottolineato che mentre il le flessioni del mercato sono state ben pubblicizzate, queste dichiarazioni del primo trimestre porteranno “rendimenti negativi nella stampa in bianco e nero” per gli investitori al dettaglio. Le perdite subite su investimenti tradizionalmente sicuri colpiranno anche a casa, suggerì Robertsen, indicando un recente 5% a 15 % di calo dei fondi negoziati in borsa legati ai mercati del credito USA.

la piena portata della ricaduta economica è ancora sconosciuta e i mercati azionari e creditizi affrontano ancora considerevoli rischi derivanti da utili, declassamenti e modifiche normative.

Eric Robertsen

responsabile della macro strategia globale presso Standard Chartered

Gli investitori stanno aspettando un diluvio di dati economici questa settimana afferma che potrebbe alimentare l’oscurità economica. L’attenzione si concentrerà sulle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali dovute giovedì, dopo che il rapporto precedente aveva rivelato un record di 3,2 milioni di richieste di risarcimento per la settimana conclusasi a marzo 21. Il rapporto mensile sull’occupazione non agricola è previsto per venerdì, ma dovrebbe avere un significato minore poiché l’indagine non rifletterà ancora i principali arresti negli stati più colpiti dal virus.

Rischi sconosciuti

“L’intera portata della ricaduta economica è ancora sconosciuta e i mercati azionari e creditizi devono ancora affrontare notevoli rischi derivanti da guadagni, declassamenti e modifiche normative “, ha affermato Robertsen. “Per le azioni e il credito, ad esempio, riteniamo che il colpo agli utili societari durerà più a lungo dello shock immediato della crisi sanitaria.”

Nessuno ha ancora una visione reale dell’impatto sugli utili, i driver fondamentali dei mercati qui, questa è la fase successiva a venire.

Daniel Gerard

stratega senior multi-asset a State Street

Affrontare gli argomenti che un 25 L’estrazione da picco a minimo ha già scontato nel peggiore dei casi da queste variabili mancanti, Robertsen ha dichiarato: “Riteniamo che questo sentimento sia prematuro.”

Daniel Gerard, stratega senior multi-asset di State Street, ha convenuto che sono necessarie ulteriori informazioni dalle società prima di dichiarare un fondo.

“Nessuno ha ancora una visione reale dell’impatto sugli utili, i driver fondamentali dei mercati qui, questa è la fase successiva a venire”, Gerard ha detto a Street Signs Asia di CNBC. Ha accreditato alla banca centrale e alle misure di stimolo fiscale il fatto di eliminare parte della paura dal mercato e di consentire ai partecipanti di rientrare.

Tuttavia, ha ammonito che ciò non porterebbe a un linea retta più in alto da qui.

Nessun segno di forte rimbalzo

Vishnu Varathan, responsabile dell’economia e della strategia presso la Mizuho Bank, si è chiesta se il rialzo indotto dallo stimolo per le attività a rischio abbia già fatto il suo corso.

Ha predetto che gli shock delle entrate derivanti dalle misure di contenimento relative al coronavirus, nonché interruzioni della catena di approvvigionamento, continueranno per il prossimo futuro.

“Le cattive notizie potrebbero colpirsi, mentre i grandi bazooka hanno finito. Lo shock e il timore della politica riguardano il climax in questo momento, e non c’è ancora un buon segno di un rimbalzo molto forte che sta avvenendo “, ha detto Varathan ai segnali stradali della CNBC in Asia.

Robertsen ha ripensato alla crisi finanziaria globale come lezione sui rimbalzi indotti dalla politica. “Non dimenticare che le azioni sono rimbalzate a novembre 2008 quando sono state annunciate le misure di sostegno, prima di scendere a nuovi minimi a marzo 2009. Solo allora ebbe inizio il recupero. “

Articolo originale di CNBC