Entra in contatto con noi

Affari e Tecnologia

Attenzione all’investimento in criptovalute. Il CEO di Coinbase lancia le prime avvisaglie di un serio pericolo

Pubblicato

il

Il CEO dell’exchange di criptovalute Coinbase, Brian Armstrong, ha ammesso che le risorse crittografiche di alcuni utenti potrebbero non avere adeguate protezioni contro un eventuale fallimento.

In una serie di tweet martedì scorso, Armstrong ha affrontato un recente documento (Coinbase 10-Q) depositato presso la Securities and Exchange Commission (SEC) che descriveva in dettaglio i potenziali fattori di rischio con le criptovalute degli investitori al dettaglio nel caso in cui Coinbase dichiarasse bancarotta. Anche se, per essere chiari, Armstrong ha dichiarato che il fallimento non è probabile.

Ma se un tale evento cosiddetto “cigno nero”, come l’ha etichettato Armstrong, si dovesse mai verificare, alcuni investitori al dettaglio nell’exchange potrebbero perdere le loro criptovalute qualora un tribunale dovesse ritenere che tali risorse siano parte della società in causa per procedimenti legali.

Un serio pericolo per gli investitori in criptovalute?

“Poiché le criptovalute detenute in custodia possono essere considerate proprietà di un ente fallimentare, in caso di fallimento, le criptovalute che teniamo in custodia per conto dei nostri clienti potrebbero essere soggette a procedura fallimentare e tali clienti potrebbero essere trattati come i nostri creditori”. Ciò è quello che ha scritto Coinbase nel deposito della SEC.

In un messaggio sul suo sito Web mercoledì, Coinbase ha cercato di rassicurare gli utenti. “TLDR: i tuoi fondi su Coinbase sono protetti, sicuri e tuoi”, ha affermato la società. “Potresti aver sentito di recente un po’ di rumore su chi possiede i tuoi beni e quali reclami potrebbero avere i creditori di Coinbase nei loro confronti. La realtà è che le tue risorse sono… le tue risorse. Né nostro né di qualcun altro”.

Advertisement

A differenza delle criptovalute, le azioni detenute da un intermediario registrato come Charles Schwab o Robinhood sono legalmente separate dalle attività dell’intermediazione, il che significa che non possono essere sequestrate in una procedura fallimentare, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal.

La notizia arriva quando i prezzi di molte criptovalute tra cui bitcoin ed ethereum sono scesi di oltre il 30% negli ultimi tre mesi, evidenziando una tendenza al ribasso per gli asset digitali.

I tweet di Armstrong sono stati pubblicati il ​​giorno prima che le azioni di Coinbase Global Inc. crollassero mercoledì dopo che i guadagni della società hanno mostrato un rallentamento nel trading di criptovalute.

“Tendiamo ad essere in grado di acquisire grandi talenti durante quei periodi e altri ruotano, si distraggono, si scoraggiano”, ha detto Armstrong nella chiamata sugli utili di mercoledì. “Quindi tendiamo a fare del nostro meglio in un periodo negativo”.

Advertisement

Le azioni di Coinbase sono scese del 26,8% durante le contrattazioni di mercoledì del 75,1% negli ultimi tre mesi, rispetto a un calo del 14% dell’indice S&P 500 nello stesso periodo.

Advertisement