martedì 28 giugno 2022

Autonomia energetica: l’obbligo tra il 2026 e il 2029 per gli edifici pubblici e commerciali nuovi ed esistenti

Si possono trasformare le sfide di un evento improvviso e minaccioso, come la guerra in Ucraina, in un’opportunità per ridurre ed eliminare la dipendenza dal gas russo e accelerare la transizione verso le energie rinnovabili nel tentativo di avvicinarsi il più possibile agli obiettivi climatici per salvare il pianeta.

Così, in brevissimo tempo, l’Europa ha stabilito i principi di REPowerEU e ora li ha presentati ai paesi membri, rispondendo al clima di incertezza causato dall’invasione russa dell’Ucraina.
Il piano, tra l’altro, impone progressivamente un obbligo tra il 2026 e il 2029 per gli edifici pubblici e commerciali nuovi ed esistenti al di sopra di una certa dimensione di avere pannelli solari sul tetto, e lo stesso obbligo ricadrà sugli edifici residenziali di nuova costruzione. Se l’installazione è impossibile per motivi tecnici, l’obbligo sarà l’acquisto di energia prodotta da fonti rinnovabili. Inoltre, dal 2030, tutti i nuovi edifici, compresi quelli residenziali, dovranno essere autonomi, ricevendo energia da impianti fotovoltaici. Tutto questo, si diceva, per superare la crisi climatica e “porre fine alla dipendenza dell’Ue dai combustibili fossili russi, che vengono utilizzati come arma economica e politica e costano ai contribuenti europei quasi 100.000 milioni di euro l’anno”. Al fine di migliorare l’efficienza energetica, che è il modo più rapido e allo stesso tempo più economico per superare la crisi energetica e ridurre il costo del pagamento delle bollette, la Commissione europea ha proposto di rafforzare le misure di efficienza energetica a lungo termine invitando gli Stati membri ad applicare misure fiscali incentivi come la riduzione dell’IVA ai più efficienti sistemi di condizionamento o promuovere quelle misure che aumentano l’isolamento termico degli edifici.

Inoltre, la Commissione si è preparata allo scenario peggiore, vale a dire un’interruzione dell’approvvigionamento dalla Russia: nel prossimo futuro saranno pubblicate raccomandazioni (ufficialmente “raccomandazioni”) sui criteri di priorità per i clienti. Sono previste iniziative a lungo termine per “ampliare e accelerare massicciamente l’uso delle fonti di energia rinnovabile” per raggiungere più rapidamente l’indipendenza energetica dalla Russia e dai combustibili fossili, che il pianeta non può più permettersi.

La commissione ha proposto di aumentare l’obiettivo di base per il 2030 per le energie rinnovabili dal 40% al 45% per “preparare il terreno ad altre iniziative”, tra cui:

  • strategia globale per raddoppiare l’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici entro il 2025 e installare 600 gigawatt entro il 2030
  • introduzione graduale dell’obbligatorietà dell’installazione di pannelli solari nei nuovi edifici pubblici, commerciali e residenziali
  • Raddoppiamento della velocità di diffusione delle pompe di calore.
  • misure per accelerare e semplificare le procedure autorizzative per i grandi progetti di energia rinnovabile associati a minori rischi ambientali
  • fissare l’obiettivo di produrre 10 milioni di tonnellate di idrogeno rinnovabile a livello nazionale e la stessa quantità di idrogeno rinnovabile importato entro il 2030 per sostituire gas naturale, carbone e petrolio
  • definizione del piano d’azione per il biometano