Entra in contatto con noi

Mercati americani

Azioni tecnologiche nel 2023: pronte per un rimbalzo?

Pubblicato

il

17 gennaio 2023 14:05 ETMETA, AMZN, MSFT, AAPL, SMH, XLK, IGN, IGM, IXN, IYW, VGT, IGV, PSI, PSJ, PXQ, FDN, XSD, RYT, PTF, FXL, XSW, AIQ, INSETTO, TDV, WFH, XNTK, QTEC, PNQI, PSCT, NTG, SOXX, GAMR, SKYY, SOCL, TDIV, FTEC, ARKQ, ARKW, HACK, CIBR, ITEQ, XIT K, XWEB, PRNT, FINX, SNSR, FTXL, FITO, DTEC, IZRL, BLOCCO, BLCN, LEGR, ROBOT, KOIN, IETC, OGGI, IRBO, LOUP, QTUM, ESPO, ARKF, CLOU, IHAK, WCLD, EROE, FNGS, LRNZ, WUGI, THNQ, TECB, BTEK, UN NUOVO, LUNA, ARKX, GINN, WCBR, Dapp, ILDR, IDAT, SOXQ, METV, VCLO, XPND, XDAT, VCAR, XT

Riepilogo

  • La tecnologia nel 2023 probabilmente avrà prestazioni migliori rispetto al 2022.
  • Timori di recessione e settore tecnologico.
  • La grande tecnologia può ottenere il controllo dei propri costi?

cagkansayin

Alcuni dei più grandi nomi della tecnologia sono stati tra i titoli che sono stati travolti dalla volatilità del mercato del 2022. Quest’anno sarà diverso? Greg Bonnell parla con Vitali Mossounov, Global Technology Analyst di TD Asset Management, sui temi chiave per i titoli tecnologici nel 2023.

Trascrizione

Greg Bonnell: Dopo un periodo di forza pluriennale, i titoli tecnologici sono stati di recente in difficoltà. Quindi quali ostacoli dovranno superare se vogliono riconquistare una certa leadership di mercato? Unendosi a noi ora con altri, Vitali Mossounov, analista tecnologico globale con TD Asset Management. Vitali, è sempre bello averti nello show.

Vitali Mossounov: È sempre bello stare con te, Greg.

Advertisement

Greg Bonnell: Quindi parliamo di quei titoli tecnologici. Ovviamente, ci sono molte tasche deludenti del mercato lo scorso anno, tra cui la tecnologia. Cosa ne pensiamo l’allestimento è per quest’anno?

Vitali Mossounov: Era come un orologio. Ricorda nel 2017, ’18, ’19, ’20, la tecnologia ha superato il mercato. Quindi potresti fare quella scommessa. Potresti impostare l’orologio su di esso e accadrà. ’21, le cose hanno iniziato a cambiare. Ricordi una specie di storia a metà lì, vero? Prima metà del ’21, la tecnologia ha ancora un ottimo rendimento. Seconda metà del ’22, è lì che si parla di inflazione. È lì che ottieni le tariffe. E così ’21, la seconda metà, più debole. ’22, le ruote si sono staccate. Le ruote si sono staccate dalla tecnologia, come hai detto tu… 10 punti percentuali di prestazioni inferiori. E quindi il ’23 per me è davvero un anno che lo fa o lo spezza. È l’anno della cartina di tornasole per la tecnologia.

Greg Bonnell: Va bene. Quindi, se si tratta di una cartina di tornasole qui, suggerisce che ci sarebbe una sorta di benchmark che stiamo cercando. Se stai applicando un test, dove sono gli standard di quel test?

Vitali Mossounov: I test dovrebbero avere standard e metteremo un paio di standard su questo test. Numero uno, staremo a guardare se queste aziende, specialmente ovviamente, la grande tecnologia, dominano. Quindi ci riferiremo a loro quando parleremo di tecnologia. Ma possono continuare a crescere a quel tasso di aumento del PIL? Riusciranno a crescere più velocemente del resto delle società dell’S&P 500?Qualcosa che abbiamo dato per scontato anno dopo anno dopo anno. E a proposito, questo è integrato nelle loro valutazioni. Anche dopo un brutto anno, queste azioni continuano a essere scambiate con un premio del 20% rispetto all’S&P 500. Quindi devono dare i loro frutti. E c’è un po’ di incredulità in questo momento. Perché ricorda, cosa avevano in comune il ’17, ’18, ’19… cosa avevano in comune tutti questi anni? Anni di espansione. Come si comporteranno questi titoli in una recessione? Quindi stiamo guardando la linea superiore, e se è difensiva, numero uno.

Advertisement

Greg Bonnell: Quindi la riga superiore è la numero uno… suggerisce che c’è una numero due. Sto per– Non voglio anticipare la tua risposta, ma penso che forse alcune di queste aziende si siano impegnate sul numero due?

Vitali Mossounov: Beh, stanno facendo commenti a riguardo. E ci diranno che non sono impegni, che sono commenti. E lo scopriremo a breve. I guadagni iniziano la prossima settimana. Scopriremo se sono commenti, o impegni, o qualcos’altro. E la natura dei loro commenti sposterà le scorte. E quindi il numero due, ovviamente, è la disciplina dei costi. Su questo insisterò, ma in quegli anni di Riccioli d’oro quando le economie erano in espansione e le aziende tecnologiche prendevano quote di mercato dalle altre parti dell’economia, i costi non questione. Tutti erano paralizzati dalla crescita, e giustamente in quel momento. Ma quando tutti sono paralizzati dalla crescita, le aziende diventano un po’ chiamiamole indisciplinate. Danno per scontato che potrebbero spendere quel milione o miliardo in più, nel loro caso, per qualche progetto stravagante che potrebbe non essere così necessario. E così gli investitori stanno cercando di inviare un messaggio in questo momento che ci mostri quella disciplina dei costi. Perché di sicuro non è esistito negli ultimi trimestri.

Greg Bonnell: Ora, ovviamente, la disciplina dei costi può spesso significare licenziamenti. E abbiamo ricevuto alcuni di quegli annunci in termini di alcune delle grandi mega tecnologie. Oltre ai licenziamenti, voglio dire, cos’altro possono fare per iniziare a contenere i costi?

Vitali Mossounov: Ebbene, in effetti, i licenziamenti saranno il modo principale in cui lo faranno. E prende qualcosa come Meta, ad esempio, che si ricollega ai risultati del terzo trimestre. Segnalano e annunciano ogni tipo di spesa, anche nel Metaverso, ovviamente. È il loro progetto. A volte puntano l’intera compagnia. Ma sono usciti e hanno detto, guarda, le cose sono difficili là fuori nel settore pubblicitario. Ma continueremo con i piani CapEx. Continueremo con i piani OpEx. E dobbiamo solo fare questo. E il mercato, ricorderete, li ha puniti severamente. Il titolo è sceso di oltre il 20% il giorno dopo gli utili. E poco dopo, quella pressione degli investitori, credo, ha causato forse un cambiamento nel sentimento a livello di fondatore. Perché all’inizio di novembre, Mark Zuckerberg era là fuori dicendo che terremo i costi sotto controllo. E purtroppo, ma questo è il modo in cui funzionano i modelli di business, licenzieranno 11.000 dipendenti. Per un’azienda di 87.000 persone, è un gran numero. Quindi il personale è il numero. È un affare di manodopera.

Advertisement

Greg Bonnell: Sembra che Facebook in quell’esempio stesse ricevendo il messaggio dal mercato. Gli altri grandi nomi della tecnologia, pensi, stanno ricevendo il messaggio dal mercato in termini di disciplina dei costi?

Vitali Mossounov: Vedremo. Ancora una volta, non ci sono ancora impegni difficili. Ci sono commenti, perché sono stati puniti così severamente dopo i risultati del terzo trimestre. Ma direi che a conti fatti, ognuna delle grandi aziende tecnologiche ha rilasciato dichiarazioni incoraggianti sul fatto che si stanno schierando dalla parte dell’azionista. Amazon è un buon esempio. Sono stati anche là fuori a parlare della disciplina operativa e della capacità di sostenere e contenere i costi. Prima, era sempre a livello di vendita al dettaglio. Ma ora, ci sono segnali che anche a livello aziendale saranno disposti a ridurre il loro numero di dipendenti. Microsoft potrebbe certamente fare le dichiarazioni più forti del gruppo: Microsoft là fuori afferma che sarà in grado di mantenere il numero di persone all’incirca piatto tutto l’anno. Questo dopo un anno di crescita del 20% nel loro anno fiscale 2022. E suppongo che l’ultimo ma non meno importante, Apple. Ora questa è una domanda un po ‘in sospeso per me. Apple è stata la più resiliente nella linea superiore durante lo scorso anno. E quindi trovo che l’attenzione sui loro costi da parte degli investitori non sia così severa come lo è per le altre attività. Quindi mi chiedo se capiranno il messaggio. Anche se anche Apple ha fatto commenti incoraggianti e, naturalmente, abbiamo visto Tim Cook subire un taglio di stipendio piuttosto consistente fino a, credo, solo $ 49 milioni per il prossimo anno.

Greg Bonnell: Difficile cavarsela con soli 49 milioni di dollari. Ma sono disposto a fare un tentativo. Quando parliamo di vendite e profitti complessivi per il settore, penso che tu abbia un grafico per noi in termini di dove si sono spostate le linee di tendenza. Forse mostreremo al pubblico e in qualche modo ci guideremo attraverso ciò che stiamo vedendo qui e cosa potrebbe suggerire in futuro.

Vitali Mossounov: Sì. Ed è un grafico semplice, ma racconta l’intera storia. Ed è che la linea che vedi in cima è la linea di crescita dei ricavi per gli ultimi trimestri. E puoi vederlo. In alcuni casi abbiamo assistito all’impatto di un’economia indebolita e della pandemia. La crescita dei ricavi sta rallentando. E si sta normalizzando qui nell’intervallo 5%, 6%, 7%, giusto? Come ho detto, questo è questo livello del PIL più. Va bene. Le persone prenderanno il 7% in questo ambiente quando le cose si fanno così difficili. Il problema è stato che stai ottenendo una crescita del fatturato del 7%. Ma la società lo sta dicendo, beh, ma non ti darò una crescita degli utili del 7%. In realtà ti darò — questa è la linea di fondo — il 20% di guadagni diminuisce. Quindi vieni derubato come azionista, perché tutto questo denaro extra va nella differenza, che si tratti di server o, in genere, come abbiamo detto persone. E quindi questo è ciò che deve cambiare. È quella linea di costo e quella linea di margine. Questo deve davvero salire perché è inaccettabile per gli investitori che i livelli di spesa siano così dissoluti se lo farai.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

TD Wealth è parte integrante del gruppo TD Bank, che ha circa 24 milioni di clienti in tutto il mondo, 85.000 dipendenti e un patrimonio di 1.000 miliardi di dollari canadesi al 30 aprile 2015. In Canada, TD Wealth assiste i clienti attraverso: · TD Direct Investing che fornisce ai clienti accesso alle informazioni, agli strumenti e al supporto che consentono loro di investire per se stessi con fiducia. · TD Wealth Private Client Group, che fornisce servizi di gestione patrimoniale discrezionale per clienti e aziende con un patrimonio netto elevato. · TD Wealth Private Investment Advice fornisce un servizio completo di intermediazione per gli investitori che desiderano un elevato livello di consulenza e soluzioni personalizzate. · TD Wealth Financial Planning sviluppa e implementa un piano finanziario per i singoli clienti. In TD Wealth, sia che tu investa te stesso o tragga vantaggio dalle conoscenze fornite dal tuo consulente, ottieni l’accesso ad alcuni degli analisti di investimento, economisti e strateghi di mercato più apprezzati del settore.

Consigliato per Voi

Advertisement
Advertisement

Trending