martedì 30 novembre 2021

Battle of the Dividend Aristocrats: Exxon Mobil vs Chevron

Exxon Mobil (NYSE: XOM ) e Chevron (NYSE: CVX ) hanno aumentato i dividendi per 38 e 33 anni consecutivi, rispettivamente. Di conseguenza, entrambi appartengono al gruppo degli aristocratici dei dividendi. Infatti, poiché l’industria petrolifera è altamente ciclica con drammatici cicli di boom-and-bust, Exxon e Chevron sono le uniche due compagnie petrolifere nella lista degli aristocratici dei dividendi.

Queste due major petrolifere hanno molte caratteristiche simili, ma è fondamentale per gli investitori di reddito esaminare le differenze tra i due giganti del petrolio al fine di selezionare il migliore dei due aristocratici di dividendi per il loro portafoglio.

Analisi del modello di business

Exxon produce petrolio e gas naturale a 60 / 40 mentre Chevron li produce a un 61 / 39. Tuttavia, Chevron valuta una parte significativa del suo gas naturale in base al prezzo del petrolio. Di conseguenza, circa il 75% della produzione di Chevron ha un prezzo basato sul prezzo del petrolio. Ciò significa che Chevron è molto più sensibile al prezzo del petrolio rispetto a Exxon.

Exxon ha un modello di business più integrato di Chevron, in quanto i suoi segmenti a valle (principalmente raffinazione) e chimici generare una parte significativa dei suoi guadagni. Chevron genera la maggior parte dei suoi guadagni dal suo segmento a monte. Data l’elevata sensibilità di Chevron al prezzo del petrolio, è naturale che Exxon si sia dimostrata più resiliente di Chevron alle flessioni del settore energetico. Ad esempio, nella flessione causata dal crollo del prezzo del petrolio da $ 100 a metà – 2014 a $ 26 nel 2016, Exxon ha subito una diminuzione del 75% il suo utile per azione (EPS). Ma Chevron ha visto evaporare tutti i suoi guadagni e ha registrato una perdita in 2016.

Sebbene Exxon si sia dimostrata più difensiva della Chevron in tutte le precedenti flessioni, questo non si è dimostrato essere il caso della nuova crisi del coronavirus in corso. La pandemia ha causato non solo la riduzione dei prezzi del petrolio in 2020, ma anche una riduzione dei margini della raffinazione e della chimica. Di conseguenza, i segmenti della raffinazione e della chimica non hanno fornito il supporto che hanno utilizzato per fornire ai risultati totali di Exxon e quindi la major petrolifera ha registrato la sua prima perdita in più di un decennio in 2020.

Anche la Chevron ha registrato una perdita lo scorso anno, ma si è dimostrata più resiliente rispetto alle recessioni precedenti. La società ha imparato bene la lezione dalla precedente flessione e da allora ha drasticamente migliorato il proprio portafoglio di attività investendo in barili a basso costo e ad alto margine. Grazie alla valutazione elevata del suo portafoglio, Chevron ha registrato flussi di cassa liberi record in 2018 e 2019 e ha ottenuto flussi di cassa liberi di $ 5,6 miliardi in 2020, in uno dei più gravi flessioni nella storia del settore energetico. Per fornire una prospettiva, lo scorso anno Exxon ha registrato flussi di cassa liberi negativi per $ 5,3 miliardi.

Nel complesso, Exxon si è tradizionalmente dimostrata più difensiva di Chevron nelle precedenti flessioni. Ma questo vantaggio è diminuito negli ultimi anni, principalmente a causa dello spostamento della Chevron verso riserve a basso costo e ad alto margine.

Prospettive di crescita

Exxon e Chevron hanno notevoli differenze nei record di crescita e nelle prospettive di crescita. Chevron ha aumentato la sua produzione del 5% in media all’anno in 2017 – 2019. Anche in 2020, quando la maggior parte dei produttori di petrolio ha ridotto la propria produzione, Chevron ha aumentato la propria produzione dell’1%. Questo è in netto contrasto con Exxon, che non è riuscita a far crescere la sua produzione negli ultimi 12 anni. Da allora la sua produzione è rimasta sostanzialmente invariata, intorno ai quattro milioni di barili al giorno 2008. Ancora peggio, a causa della pandemia, la sua produzione è diminuita del 5% lo scorso anno, da 3. 95 milioni a 3. 76 milioni di barili al giorno.

Fino a poco tempo fa, l’unica consolazione per gli azionisti di Exxon erano le sue promettenti prospettive. L’azienda prevede di aumentare la propria produzione 32%, da 3,8 milioni di barili al giorno a cinque milioni di barili al giorno entro il 2025. Tuttavia, la direzione ha recentemente ritirato la sua guida e ha dichiarato che ora si aspetta una produzione piatta a 3,7 milioni di barili al giorno fino al 2025. Questa è una battuta d’arresto importante dopo tanti anni di stagnazione.

Exxon ha due principali motori di crescita, vale a dire le sue riserve offshore in Guyana e nel bacino del Permiano. La Guyana è uno dei progetti più interessanti dell’industria petrolifera. Exxon ha quasi triplicato le sue riserve nell’area, da 3,2 miliardi di barili all’inizio 2018 a quasi 9 miliardi di barili ora. L’azienda prevede inoltre di aumentare la sua produzione nel bacino del Permiano, da 400, 000 barili al giorno quest’anno a 700, 000 barili al giorno in 2025. Tuttavia, Exxon ha rinviato a tempo indeterminato altri progetti di crescita, come $ 30 miliardi di progetti di esportazione di GNL dal Mozambico. Di conseguenza, il naturale declino dei suoi giacimenti petroliferi compenserà la crescita attesa da Guyana e Permiano.

Chevron ha prospettive di crescita migliori rispetto a Exxon. L’azienda ha più che raddoppiato il valore dei suoi beni nel Permiano negli ultimi due anni grazie a nuove scoperte e progressi tecnologici. Si aspetta anche una crescita significativa dai suoi progetti in Australia. Di conseguenza, Chevron prevede di aumentare la sua produzione dal 3% al 4% in media all’anno nei prossimi anni.

Confronto dei dividendi

Exxon offre attualmente un rendimento da dividendi del 6,2%, che è superiore al rendimento da dividendo del 5% offerto da Chevron. Tuttavia, è importante rendersi conto che Exxon sta lottando più di Chevron per mantenere il suo dividendo. Exxon ha un rapporto di pagamento dei dividendi del 155%, che è molto più alto del 82 percentuale di pagamento di Chevron.

Inoltre, come accennato in precedenza, Chevron genera flussi di cassa liberi molto più elevati rispetto a Exxon. In 2020, Chevron ha ottenuto flussi di cassa gratuiti di $ 5,6 miliardi e quindi coperto 58% dei suoi pagamenti annuali di dividendi. Al contrario, Exxon ha registrato flussi di cassa liberi negativi di -5,3 miliardi di dollari. Pertanto, ha subito un deficit di flusso di cassa di – $ 20. 1 miliardo relativo al suo dividendo.

Questo aiuta a spiegare perché molti analisti sono preoccupati per la sicurezza del dividendo di Exxon. Nel frattempo, la sicurezza del dividendo della Chevron è stata appena menzionata. Inoltre, l’eccessivo deficit di flusso di cassa libero di Exxon è la ragione principale alla base delle sue scarse indicazioni per la crescita futura. La società ha drasticamente limitato i suoi progetti di crescita al fine di preservare la liquidità e difendere il proprio dividendo.

Considerazioni finali su questi aristocratici del dividendo

Grazie al suo modello di business più integrato, Exxon era più resiliente alle flessioni rispetto a Chevron. Tuttavia, questo vantaggio di Exxon è diminuito negli ultimi anni. Exxon offre un rendimento da dividendo più elevato rispetto a Chevron, ma sta lottando più di Chevron per mantenere il suo dividendo, come evidenziato dal suo rapporto di pagamento inferiore e dal deficit di flusso di cassa. Inoltre, per difendere il proprio dividendo, Exxon ha ridotto i suoi progetti di crescita. Pertanto, ha prospettive di crescita peggiori rispetto a Chevron.

Di conseguenza, Chevron sembra essere il migliore tra questi aristocratici di dividendi per gli investitori di reddito.

(Articolo proveniente da Fonte Americana)