Entra in contatto con noi

Mercati americani

Big Tech Licenziamenti; Segnali di difficoltà nel mercato immobiliare

Pubblicato

il

In questo podcast, gli analisti senior di Motley Fool Matt Argersinger e Jason Moser discutono:

  • L’effetto a catena dei licenziamenti di Big Tech.
  • Netflix il fondatore Reed Hastings si è dimesso dal suo ruolo di co-CEO.
  • Tassi di cancellazione alle stelle in un segmento del mercato immobiliare.
  • Opinioni divergenti sui tassi di interesse di due importanti amministratori delegati di banche.
  • Le ultime da Procter & Gamble, Nordstrome dati di vendita al dettaglio durante le festività.
  • Amministratori delegati che vorrebbero pedinare per un giorno.
  • Tendenze sotto il radar.
  • Due azioni sul loro radar: Tecnologie Roper e Regioni finanziarie.

John Rotonti, responsabile della formazione e dello sviluppo degli investitori presso The Motley Fool, parla con Jurrien Timmer, direttore della macro globale presso Fidelity Investments, su ciò che la storia può insegnare sull’attuale ciclo di mercato e sui settori che possono offrire opportunità agli investitori.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Motley Fool Stock Advisor è aperto a nuovi membri per soli $ 99 all’anno. Unisciti alle centinaia di migliaia di investitori in Consulente azionario andando a www.fool.com/intro.

Per catturare gli episodi completi di tutti i podcast gratuiti di The Motley Fool, dai un’occhiata al nostro centro podcast. Per iniziare a investire, dai un’occhiata al nostro guida rapida per investire in azioni. Una trascrizione completa segue il video.

10 azioni che ci piacciono di più di Walmart
Quando il nostro pluripremiato team di analisti ha un suggerimento per gli investimenti, può essere utile ascoltarlo. Dopotutto, la newsletter che gestiscono da oltre un decennio, Motley Fool Stock Advisorha triplicato il mercato.*

Hanno appena rivelato ciò che credono siano i dieci migliori azioni che gli investitori possano comprare in questo momento… e Walmart non era uno di loro! Esatto: pensano che questi 10 titoli siano acquisti ancora migliori.

Advertisement

Vedi i 10 titoli

Stock Advisor torna a partire dal 9 gennaio 2023

Questo video è stato registrato il 20 gennaio 2023

Chris Hill: Abbiamo amministratori delegati da seguire, tendenze nascoste da tenere d’occhio e abbiamo le ultime novità da Big Tech. Motley Fool Money inizia ora.

Advertisement

Dal quartier generale globale di Fool, questo è Motley Fool Money. È il programma radiofonico Motley Fool Money. Sono Chris Hill, mi unisco a me, gli analisti senior di Motley Fool Jason Moser e Matt Argersinger. È bello vedervi entrambi.

Matt Argersinger: Ehi, Chris.

Jason Moser: Ehi.

Chris Hill: Abbiamo le ultime notizie da Wall Street. Ci immergeremo nel sacco della posta di Fool e, come sempre, abbiamo un paio di azioni sul nostro radar, ma iniziamo con Big Tech. Questa settimana, Microsoft e Alfabeto sono diventate le ultime grandi aziende ad annunciare licenziamenti. Da Microsoft, erano 10.000 dipendenti, circa il cinque percento della forza lavoro. Alphabet 12.000 dipendenti, quasi il sette percento della forza lavoro. Matt, un ritornello comune di queste aziende, nel senso che entrambe hanno parlato di come hanno assunto troppo durante la pandemia.

Advertisement

Matt Argersinger: Destra. Non è più un segreto. Sembra che ogni giorno riceviamo un nuovo importante annuncio che una grande azienda tecnologica sta tagliando decine di migliaia o migliaia di posti di lavoro, dal 6 al 7 percento della sua forza lavoro. Sembra quasi che stiamo diventando insensibili a questo evento. Penso che sia anche facile da ignorare e mettere da parte un po’ perché l’economia, nel complesso, sta ancora aggiungendo posti di lavoro. Il tasso di disoccupazione è ancora, credo, intorno al 3,5%, che è vicino al minimo storico. Penso che dobbiamo ricordare a noi stessi che queste aziende sono le più grandi aziende del pianeta e hanno enormi tentacoli all’interno dell’economia complessiva. Un taglio di 12.000 posti di lavoro da Alphabet, non riguarda solo i dipendenti di Google. Colpisce i lavoratori che puliscono gli uffici di Alphabet, i lavoratori dei servizi di ristorazione, le aziende che svolgono attività di consulenza o risorse umane per l’azienda, le aziende che collaborano con Alphabet su vari progetti. Più di questi arrivano, mi sembra che più vedremo effetti a valle sull’economia complessiva. Penso che stiamo arrivando a un punto in cui non sarà più l’inflazione a preoccuparci o cosa farà la Fed dopo. Inizierà davvero a riguardare il lavoro e la spesa dei consumatori. Non voglio che ascoltiamo questo, e vediamo questi titoli, e diciamo: “Beh, le cose si sono surriscaldate durante la pandemia, queste aziende stanno solo correggendo, e ci sarà un ritorno alla media, e sicuramente”. Ma l’economia è in uno stato vulnerabile, e penso che più succede, più lo vedremo.

Chris Hill: Jason, sembra una situazione in cui ora gli occhi si rivolgono Mela. Voglio dire, Apple è davvero l’unica grande azienda tecnologica che non ha fatto questo annuncio. Ti aspetti che lo facciano, e se lo fanno, cosa dice? Poiché puoi guardare ad Alphabet per tutto il loro successo, la loro base di dipendenti è in realtà un po ‘più piccola di queste altre due società.

Jason Moser: Si lo è. Immagino sia un lancio di moneta sul fatto che Apple lo faccia o meno. Sento che potrebbero essere un po ‘più isolati rispetto ad alcune di queste altre società, proprio a causa della natura dell’attività reale. Voglio dire, alla fine della giornata, Apple è ancora, principalmente, l’azienda di iPhone. Voglio dire, è un’azienda di hardware che usa quell’hardware. È la droga di passaggio per poi portare le persone nel suo universo, vendere quei servizi e sviluppare relazioni durature. È certamente possibile, abbiamo assistito a un rallentamento sul lato dei servizi per quell’attività, quindi è possibile che possano pensare che ci siano alcune aree in cui possono tagliare un po ‘di grasso, per così dire. Per quanto riguarda Apple, non mi aspetto che sia così drastico, forse, come alcuni degli altri nomi di Big Tech che abbiamo visto.

Chris Hill: Passiamo a Netflix, e al fondatore Reed Hastings, che esce col botto. Oltre ad annunciare che gli abbonati nel quarto trimestre sono stati molto più alti del previsto, il gigante dello streaming ha annunciato che Hastings si dimetterà da co-CEO, ma rimarrà come presidente esecutivo del consiglio di amministrazione. L’amministratore delegato, Greg Peters, è stato promosso a co-CEO insieme a Ted Sarandos e le azioni di Netflix sono aumentate del sette percento venerdì, Jason?

Advertisement

Jason Moser: Sì. Voglio dire, a prima vista, è stato un trimestre molto forte solo a causa della sola crescita degli abbonati. Hanno guidato per circa quattro milioni e mezzo di aggiunte di abbonati per il trimestre, accumulando circa 7,7 milioni. Ottimo da segnalare da quella prospettiva, entrate, $ 7,8 miliardi. È aumentato del 10% rispetto a un anno fa, esclusi gli effetti valutari. L’utile operativo è leggermente in calo, ma migliore dell’obiettivo prefissato. Anche il ricavo medio per membro è aumentato del cinque percento su base neutrale rispetto alla valuta. Notizie davvero buone sul fronte del flusso di cassa per l’anno, hanno generato $ 1,6 miliardi di flusso di cassa libero rispetto a una modesta perdita di un anno fa. Ora stanno guidando per tre miliardi di dollari di flusso di cassa libero per quest’anno e, in definitiva, il progetto sarà positivo per il flusso di cassa libero da qui in avanti. Sembra che, forse, sia per questo che Reed Hastings ritiene che questo sia un ottimo posto per passare il testimone. Ha questo business dove lo vuole, dove sembra che possa davvero iniziare a crescere e produrre entrate e flussi di cassa significativi ora. Non sono ancora convinto del modello di co-CEO, sembra che ogni volta che ne parliamo, un anno dopo, rivediamo perché non ha funzionato. Non è per dire che non può funzionare in questo caso, ma non lo so. Mi piace un po’ di più la catena di comando. CEO, COO, hai i responsabili delle decisioni, loro conoscono i loro ruoli. È un business in transizione. Voglio dire, ora hai il modello supportato dalla pubblicità. È troppo lento, ma quello che considerano un inizio soddisfacente, e continueranno a iniziare a reprimere la condivisione delle password qui, il che potrebbe ridurre i risultati a breve termine, ma penso che, alla fine, sia l’obiettivo giusto a lungo termine .

Chris Hill: Pensi che parte del tempismo qui sia che hanno appena lanciato il livello pubblicitario, e se li doserai con il siero della verità, Reed Hastings non voleva fare il livello pubblicitario, vero?

Jason Moser: Non credo che l’abbia fatto. Penso che alla fine abbia fatto la scelta giusta, perché quell’opportunità è così grande. Voglio dire, una citazione di questa opportunità di mercato in una chiamata con questa stima di 300 miliardi di dollari di pay TV e industria dello streaming, insieme ai 180 miliardi di dollari di spesa pubblicitaria televisiva di marca. Questo non vuol dire che Netflix catturerà tutto ciò con uno sforzo di immaginazione, ma è una grande opportunità di mercato che le aziende possono perseguire. Sentono che alla fine può contribuire al business con il 10 percento o meglio. Ora, sono tre miliardi di dollari in più rispetto ai numeri di oggi, e questa è un’azienda che continuerà a crescere. Ma tornando al tuo punto, no, non credo che Hastings volesse davvero farlo. Sento che probabilmente si sentiva come se dovessero farlo in entrambi i modi. Sembra [laughs] come se in futuro fosse un problema di qualcun altro.

Chris Hill: Segnali di difficoltà nel mercato immobiliare. Negli ultimi tre mesi del 2022, Case KB, che è uno dei più grandi costruttori di case in America, ha registrato un tasso di cancellazione del 68%. Ciò significa che gli acquirenti di case hanno annullato il 68% delle case sotto contratto. Per il contesto, solo un anno prima, il tasso di cancellazione era solo del 13%. Matt, ci sono un paio di cose che voglio chiarire qui, ma prima di tutto, quanto va male per il settore immobiliare?

Advertisement

Matt Argersinger: Sì, questa è una statistica terribile da KB Homes, e non credo che saranno gli unici. Si dà il caso che siano quelli che riportano per primi. Sì. L’hai detto, normalmente il loro tasso di cancellazione è molto più basso per il settore. Di solito è negli adolescenti. Ma la realtà è che molti di questi acquirenti hanno problemi a ottenere finanziamenti o sono bloccati su un buon tasso, ma sono preoccupati di aver pagato in eccesso del 10-15 percento per la loro casa. Penso che sia una vera preoccupazione, e questo è probabilmente il caso della maggior parte dei mercati in tutto il paese. Direi solo che l’alloggio è un importante contributo all’economia. Guardi l’edilizia, i materiali, il miglioramento della casa, i servizi finanziari per gli istituti di credito ipotecario, ecc. Si nutre in così tanti posti, e quindi vedere una cancellazione così alta, è straordinario per me che KB Homes non abbia svenduto di più, che l’industria dell’edilizia domestica non si è svenduta così tanto. Ma molto lo è stato, hanno già avuto un 2022 difficile. Alcuni di questi erano prezzati.

Chris Hill: Prima stavi parlando degli effetti a catena dei licenziamenti presso la principale azienda tecnologica, e su questo hai assolutamente ragione. Non è solo per quelle singole persone. Ci sono effetti a catena quando le aziende sono così grandi. Applichiamo questo pensiero a questa storia. Perché questo tasso di cancellazione, l’ultima volta che abbiamo visto a questo livello è stato nel 2008, 2009, e quella è stata una crisi immobiliare che ha minacciato l’intera economia degli Stati Uniti. Sulla base di ciò che hai visto finora, questo, almeno, sembra limitato al settore immobiliare, anche tenendo conto degli effetti a catena per le imprese legate al settore immobiliare?

Matt Argersinger: È una buona domanda. Non credo che questo si trasformi in un problema più ampio per l’economia come è successo nell’ultima bolla immobiliare e nella crisi finanziaria. Penso che le cicatrici di quella crisi finanziaria globale siano così profonde. Come abbiamo discusso prima dello spettacolo, non hai avuto la stessa speculazione nella sua ultima corsa agli alloggi che avevi allora. Non hai la banca che presta miliardi di dollari ad acquirenti non qualificati, proprietari di case che hanno acquistato, anche negli ultimi anni, hanno ancora un sacco di capitale nelle loro case. Anche se i prezzi scendono, del 10-15% a livello nazionale, molti di quei proprietari di case sono ancora protetti. Ma sì, ai margini, penso, questo fa male alla spesa dei consumatori. Assolutamente, soprattutto, quando lo sposi con alcuni dei problemi di cui abbiamo parlato e che hai appena menzionato. Come quei massicci tagli di posti di lavoro in Microsoft e Alphabet, e l’altro è Amazzonia, Salesforce, Twitter, ecc. Oppure potremmo entrare nelle altre questioni, l’aumento dei prestiti auto, l’aumento del debito della carta di credito, che è a livelli record, credo di sì. Penso che certamente potrebbe influire sulla minore spesa dei consumatori. A un certo misura, penso, inizieremo a vederlo con i guadagni del quarto trimestre.

Chris Hill: Dopo la pausa, faremo un controllo su come è andata la stagione delle vendite al dettaglio durante le vacanze e andremo in Svizzera per un titolo da Davos. Non toccare quel quadrante. Stai ascoltando Motley Fool Money. Bentornati a Motley Fool Money. Chris Hill qui con Jason Moser e Matthew Argersinger. Un rapido saluto al nostro servizio di investimento di punta, Stock Advisor. Quando ti unisci a Stock Advisor, ricevi due nuove scelte di azioni ogni mese. Inoltre, avrai accesso a rapporti esclusivi su settori in rapida crescita e accesso esclusivo al nostro nuovissimo podcast sulla tavola rotonda di Stock Advisor su Spotify. Il servizio è aperto ai nuovi membri, costa solo $ 99 all’anno. Se vuoi saperne di più, vai su fool.com/intro. Questo è fool.com/intro. Alla fine di questa settimana, Nordstrom ha affermato che le vendite settimanali e molti sconti hanno danneggiato le vendite delle vacanze e, non a caso, Nordstrom ha tagliato le previsioni sugli utili per l’anno fiscale che si concluderà alla fine di questo mese, Jason.

Advertisement

Jason Moser: Bene, il pre-annuncio di solito non è una buona notizia e in questo caso la striscia continua. Penso che la società lo abbia riassunto bene nel comunicato in cui ha affermato che “la stagione delle vacanze è stata altamente promozionale e le vendite sono state inferiori rispetto ai livelli pre-pandemici”. Per quantificare le vendite nette in calo del 3,5% per le nove settimane di vacanza periodo che ha concluso l’anno rispetto alle stesse nove settimane di un anno fa. Sembra che l’acquirente più ricco e benestante stia ancora spendendo, mentre quelli con reddito più basso no. Questo sta sicuramente giocando su Nordstrom. Hanno preso ulteriori ribassi sull’inventario e hanno la sensazione di avere un inventario a buon punto ora. Ma guardi a questo business, torni al 2018 in questo periodo dell’anno, il prezzo delle azioni si stava avvicinando a $ 60. Quando guardi i numeri, le entrate per l’intero anno sono state di circa $ 15 miliardi. Hanno visto un utile netto di $ 437 milioni. Guardate oggi. Il prezzo delle azioni ora è di circa $ 17. Penso che tu stia guardando le entrate. Gli stessi 15 miliardi non si sono davvero spostati. Grande differenza nella linea di fondo, la linea di fondo si sta riducendo, sono tr in difficoltà da 12 mesi, $ 326 milioni ora, ma migliora. Chris. Se guardi il bilancio di questa azienda e questo è ciò che è veramente preoccupante. Penso che gli investitori debbano davvero prenderne atto. Torniamo al 2018, al loro bilancio, avevano 1,2 miliardi di dollari in contanti ed equivalenti. Guardi quel numero oggi è 293 milioni. Questo è ciò che chiamiamo quel cash burn, che vale la pena guardare perché si svolge, è un indicatore, ti dice cosa sta facendo l’azienda e lo stato in cui si trova l’azienda. In questo momento, questa è un’attività che sta davvero crollando, Penso che per alcuni tempi più difficili a venire.

Chris Hill: Non che Nordstrom sia necessariamente un punto di riferimento per il settore della vendita al dettaglio, ma abbiamo anche ottenuto alcuni dati aggiuntivi. Lo scorso autunno, la National Retail Federation ha previsto che le vendite al dettaglio durante le festività sarebbero cresciute del 6-8% e il loro track record è davvero forte. All’inizio di questa settimana abbiamo ricevuto i dati. Le vendite complessive sono cresciute del 5,3%. Sono un po ‘preoccupato che la National Retail Federation abbia mancato il margine che hanno fatto.

Jason Moser: Beh, hanno mancato, ma diamo loro un po’ di credito. Diamo loro credito parziale perché hanno inchiodato l’anno. Hanno detto che le vendite per l’anno sarebbero diminuite tra il sei e l’otto percento e le vendite per l’anno sono cresciute del sette percento. Almeno hanno portato un po’ di rumore, per così dire, giusto Chris. Ma sì, penso che quando guardi a tutte le categorie di vendita al dettaglio, intendo oltre un anno fa, ci sono stati guadagni e tutte tranne due delle nove categorie, mobili e arredi per la casa, sono diminuite dell’1,1%. È interessante notare che l’elettronica e gli elettrodomestici sono diminuiti del 5,7%. Ma c’era una citazione interessante in quella pubblicazione che ho pensato, beh, sto respingendo questo quando hanno detto che gli ultimi due anni di vendite al dettaglio sono stati senza precedenti, nessuno ha mai pensato che fosse sostenibile. Non so voi. Sembra che molti affari siano più alti perché pensavano che fosse sostenibile e ora si stanno rendendo conto che è insostenibile e stanno lasciando andare tutte queste persone. Penso che molte aziende pensassero che fosse sostenibile. È solo ora che ci stiamo rendendo conto che non lo era e devono adattarsi alla taglia giusta di conseguenza.

Chris Hill: I risultati del secondo trimestre di Procter & Gamble sono stati in linea con le aspettative di Wall Street. Ma ogni divisione del gigante dei prodotti di consumo ha riportato un volume di vendite inferiore nel trimestre. Matt, non è che le azioni P&G siano state martellate questa settimana, ma sembra che l’azienda abbia raggiunto il limite in termini di aumento dei prezzi.

Advertisement

Matt Argersinger: Penso che sia così. Voglio dire, con qualsiasi azienda, anche un’azienda stabile per i consumatori come P&G, a un certo punto, gli aumenti dei prezzi danneggeranno la domanda. Non è stato necessariamente un trimestre terribile. Voglio dire, se guardi i titoli, le vendite sono diminuite dell’1%. Ma se togli la valuta estera e ti aggiusti per alcune acquisizioni e cessioni, le vendite sono aumentate del cinque percento su base organica. Ma il punto è che tutto ciò deriva dall’aumento dei prezzi. Come hai detto, il volume delle vendite è diminuito in tutti e cinque i segmenti principali dell’azienda, i volumi complessivi sono diminuiti del sei percento. È solo una fortuna che i prezzi siano aumentati del 10 percento, quindi ottieni l’aumento complessivo delle vendite. Ma penso che ciò di cui sono preoccupato ora che vado avanti, possono avere più aumenti dei prezzi di vendita, probabilmente no. Puoi guardare i loro guadagni per azione. Era in calo del quattro percento anno su anno. Come sapete, vendite ancora più elevate non sono state in grado di compensare spese operative più elevate e penso che questi venti contrari diventino più forti solo nel corso del 2023. Ma dovresti preoccuparti se sei azionista di P&G? Per prima cosa, mi aspetto che la società aumenterà nuovamente il dividendo nel prossimo trimestre. Questo segnerà il 67° aumento annuale consecutivo del dividendo. Pagano dividendi da 132 anni. Che ci crediate o no, il titolo ha sovraperformato il mercato negli ultimi cinque anni. Se sei un azionista di P&G, non mi preoccuperei. Non è necessariamente il motivo per cui possiedi lo stock, ma a un certo punto devi dire che devi aspettarti che le entrate rallentino qui. Gli aumenti dei prezzi semplicemente non saranno in grado di fluire come lo erano all’inizio del 2022.

Chris Hill: Il World Economic Forum di Davos, in Svizzera, attira sempre alcuni dei più grandi amministratori delegati del mondo. Ma due dello stesso settore hanno condiviso previsioni diverse su ciò che la Federal Reserve farà quest’anno. JP Morgan Chase Il CEO Jamie Dimon ha affermato di ritenere che i tassi di interesse stiano superando il cinque percento. Mentre Morgan Stanley Il CEO James Gorman ha affermato che i tassi di interesse hanno chiaramente raggiunto il picco. Jason, chi pensi che si dimostrerà corretto?

Jason Moser: Bene, potremmo arrivare a quello solo un secondo, ma voglio solo dire, puoi immaginare quanto dovevano essere attivati ​​​​gli investitori di criptovalute quando Dimon ha detto quello che ha detto sulle criptovalute in quell’intervista. Definirlo un pet rock, dire perché voi ragazzi sprecate qualsiasi ampiezza su di esso è totalmente al di là di me. Voglio dire, non avrebbe potuto ricevere premi più severi. Quindi è andato oltre per dividere la crittografia nella tecnologia blockchain. Ho solo pensato che fosse sicuramente una conversazione interessante. Per quanto riguarda i tassi di interesse, penso che tenderò a schierarmi con Dimon su questo semplicemente perché penso che la Fed, penso Jay Powell, penso che siano stati abbastanza coerenti con quello che hanno detto di voler fare e che preferirebbero esagerare piuttosto che non fare abbastanza. Hanno già fallito l’intera chiamata transitoria. Non riesco a immaginare che lui o loro vogliano rischiare che qualcos’altro torni a mordere loro qualcosa di così significativo. Ha davvero guidato ogni decisione politica. Sembra che almeno se esagera, allora sarà coerente con quello che ha sempre detto. Quella mentalità è meglio prevenire che curare. Ma immagino che dovremo guardare come andrà a finire l’anno.

Chris Hill: Jason Moser, Matt Argersinger, ragazzi. Ci vediamo un po’ più tardi nello show. Ma dopo, se l’era dei soldi facili è finita, non dovresti cambiare il modo in cui investi? La risposta arriva dopo la pausa. Questo è Motley Fool Money. Bentornati a Motley Fool Money. Sono Chris Hill. Jurrien Timmer è il direttore di Global Macro presso Fidelity Investments. L’analista senior di Motley Fool John Rotonti ha incontrato Timmer per scoprire cosa può insegnarci la storia su questo ciclo di mercato e sui settori in cui potrebbero esserci delle opportunità per gli investitori.

Advertisement

Giovanni Rotonti: Qualcun altro che i mercati seguono molto da vicino, Howard Marks, pensa di aver identificato solo il terzo, quello che chiama cambiamento epocale nei suoi 53 anni di carriera di investitore. Nel suo recente promemoria, afferma che le strategie di investimento che funzionano meglio nei 13 anni precedenti “potrebbero non essere quelle che sovraperformano negli anni a venire”. Allo stesso modo, KKR, il grande gestore patrimoniale alternativo globale, ha appena pubblicato le sue prospettive di investimento per il 2023 in cui afferma: “Siamo entrati in un cambio di regime che richiede un approccio diverso alla macroeconomia globale e all’asset allocation”. Cosa ne pensi di questo? Siamo in un cambiamento epocale o in un cambio di regime? In tal caso, ciò richiede un cambio di strategia rispetto ai titoli high multiple tech senza profitti che hanno beneficiato negli ultimi anni di una politica di tassi di interesse pari a zero?

Jurrien Timmer: No, è un’ottima domanda ed è molto importante, soprattutto per le prospettive strutturali. Penso che se posso riassumere KKR e Howard Marks, penso che forse quello che stanno dicendo è che la grande moderazione è finita. Guardi oltre andando alla storia e io guardo molta storia che puoi capire dai miei grafici, fino alla fine degli anni ’90, quando siamo entrati in questa era disinflazionistica chiamata Grande Moderazione, dove c’era un’inflazione più bassa, tassi di interesse più bassi, meno volatilità dell’inflazione e dei tassi di interesse, quindi multipli più elevati. L’ingegneria finanziaria ha iniziato a prendere forma. Hai fatto mettere i federali, se vuoi, tassi più bassi, ma allentamento quantitativo. Non appena le condizioni finanziarie fossero state inasprite, la Fed avrebbe premuto il pedale dell’acceleratore perché in quel momento non c’era un prezzo da pagare per l’inflazione. Quello era questo grande mercato rialzista secolare in cui i PE erano alti, le volatilità erano basse, i rendimenti erano fuori misura, i tassi di interesse si comportavano bene e la Fed avrebbe sempre fatturato il mercato. Non possiamo sapere in tempo reale se la Grande Moderazione è finita, ma certamente sembra finita, almeno a questo punto. Guardi l’inflazione, che ora sta scendendo, ma è scesa da 9-6,5 circa, e la domanda è: scenderà fino a due o inizierà a diventare davvero testarda a tre o quattro? Non sappiamo ancora la risposta, ovviamente.

Ma il periodo prima della Grande Moderazione è stato piuttosto instabile. Hai avuto il classico ciclo delle scorte in cui l’economia inizia a surriscaldarsi, diventa inflazionistica, la Fed inizia a restringersi, la curva dei rendimenti si inverte, la Fed rimane oltre il suo benvenuto, rompe qualcosa, hai una recessione e poi l’intero ciclo ricomincia. Quello era il ciclo di quattro anni. Guardi i vecchi grafici del Dow Jones e puoi vedere molto chiaramente quel ciclo di quattro anni. Il mercato oggi sembra il vecchio mercato prima della Grande Moderazione. È più volatile. Forse i cicli sono più brevi perché non ci sono questi periodi prolungati in cui l’inflazione semplicemente non fa nulla, e parte di ciò ha a che fare con la globalizzazione, il grande arbitraggio del lavoro potrebbe finire per ragioni geopolitiche o solo perché è stato giocato. L’arbitraggio sindacale è stato giocato. È possibile che torniamo ai mercati del passato in questo senso. Hai menzionato i grandi coltivatori, i FAANG, i grandi nomi della crescita, e ho seguito l’intero fenomeno, non specificamente per i FAANG, ma per quelli che chiamiamo titoli NIFTY 50. Abbiamo una serie personalizzata qui che creiamo internamente che risale agli anni ’60, dove puoi vedere chiaramente il periodo NIFTY 50 in arrivo, quindi i primi 50 titoli nell’S&P rispetto ai 450 inferiori. L’originale NIFTY 50 ovviamente, era nei primi anni ’70, cosa che accadde quando, e questo risale a molto tempo fa, ma nel ’68 c’era una grande bolla speculativa. La gente stava speculando sullo stock spaziale. Qualsiasi azienda con la parola tronics ha appena offerto fino a 50 volte i guadagni. Quelle erano le azioni glamour come venivano chiamate, e poi il mercato è crollato.

Abbiamo avuto una recessione nel 1970. Ha spazzato via gli speculatori al dettaglio. Molto simile alle azioni meme di oggi e alle dot-com del 1999. Poi, quando il mercato si è ripreso, il mercato era nelle mani degli investitori istituzionali e avrebbero comprato solo il aziende di cui sapevano che non avrebbero mai dovuto preoccuparsi in termini di produzione di utili. Erano le aziende uniche come Colgate e IBM e Xerox e aziende del genere e quelle erano l’originale NIFTY 50. Quella divenne una bolla rispetto al resto del mercato, e poi un lungo periodo in cui hanno sottoperformato perché abbiamo avuto l’inflazione negli anni ’70. Ciò tende a favorire le azioni value e le azioni a bassa capitalizzazione, non le grandi azioni growth, che sono ovviamente sensibili alle variazioni dei tassi di interesse che all’epoca erano in rialzo.

Advertisement

Poi abbiamo avuto un episodio simile alla fine degli anni ’90, ovviamente, la bolla delle dot-com. Sappiamo tutti come è andata a finire. Poi, circa 10 anni fa, è iniziato il fenomeno attuale e non ha mai raggiunto livelli di bolla, come il PE di Apple non è mai arrivato a 100, ma rispetto al resto del mercato, la performance sembrava molto simile. Abbiamo avuto una serie di otto anni di società di crescita a grande capitalizzazione che dominavano tutto il resto, valore di piccola capitalizzazione e, per estensione, gli Stati Uniti avrebbero dominato i non statunitensi perché gli Stati Uniti sono molto incentrati su quelle società di crescita molto grandi. Puramente da un punto di vista tecnico, sembra che lo scambio sia finito, e se lo scambio è finito, lo confronti, ancora una volta, con un grafico a lungo termine che risale a più di 100 anni di grandi oscillazioni secolari tra valore e crescita , piccoli e grandi, statunitensi e non statunitensi, materie prime e attività finanziarie, e hanno tutti lo stesso ritmo trentennale e siamo proprio a quel punto in cui, su una base di tasso di variazione decennale, valore e piccolo , e materie prime e non statunitensi dovrebbero iniziare a prendere il testimone dal grande coltivatore. In questo senso, penso che un cambio di regime sembri effettivamente in corso.

Giovanni Rotonti: Quella è stata la migliore lezione di storia finanziaria in cinque minuti che penso di aver mai sentito, onestamente. Giusto per tirare un po’ su quella corda, se pensi che ci troviamo forse in questo cambio di regime, come pensi che dovrebbero essere posizionati gli investitori azionari nel 2023? Quali asset class preferisci? È il valore, le materie prime a bassa capitalizzazione a cui hai appena fatto riferimento?

Jurrien Timmer: Sì. Penso che il mercato, quasi per definizione, in base a ciò di cui abbiamo appena parlato, si allargherà. Se hai cinque titoli FAANG e rappresentano il 25 percento del mercato e quelli stanno sovraperformando, non devi guardare molto oltre. Potresti semplicemente acquistare un fondo indicizzato o semplicemente acquistare quelle azioni. Ma quando sei dall’altra parte e ripensi al 2000, 2001, quando scoppiò la bolla delle dot-com, e non sto suggerendo che il mercato in generale seguirà lo stesso percorso perché quello era un ribasso del 53%. mercato, cosa che sicuramente non mi aspettavo questa volta. Ma hai avuto un mercato che è andato al ribasso o lateralmente, e c’era molto fiato nel mercato. Tutti quei nomi, tutti i vecchi stili, valori, piccole merci, non statunitensi, hanno funzionato molto bene, e questo, ovviamente, è stato anche quando la Cina è entrata nel WTO. L’intero fenomeno degli investimenti nei mercati emergenti è davvero decollato nel 2000. Siamo ovviamente molto più avanti nel percorso sui mercati emergenti, ma penso che il 2023 e oltre sarà un periodo in cui diventerà più un mercato di selezione titoli e più di un tipo di mercato di gestione attiva in cui devi guardare oltre quel gruppo centrale di aziende davvero grandi. Lo stiamo già vedendo, ma le azioni non statunitensi, ad esempio, stanno andando molto bene e uno dei motivi, ovviamente, è che il dollaro è in ribasso e il dollaro gioca un ruolo importante nella conversione valutaria. Ma l’altro è che il ciclo globale è diventato più frammentato.

Gli Stati Uniti sono ora in un ciclo avanzato, forse verso una recessione. Non lo sappiamo, ma guardi la curva dei rendimenti, guardi dove la Fed prenderà i tassi rispetto al tuo all-star o al tasso di interesse naturale. Ogni volta che è successo in passato, abbiamo avuto una recessione. Una chiamata di recessione è qualcosa che non possiamo ignorare. Forse succederà entro la fine dell’anno, e forse è solo superficiale, chi lo sa? Ma è qui che si trova il ciclo degli Stati Uniti e, dall’altra parte, la Cina sta finalmente riaprendo dopo tre anni di COVID, come abbiamo riaperto molto tempo fa. La Cina è stata relativamente bloccata per tutto il tempo e ora stanno riaprendo in grande stile. Voglio dire, penso che l’ultima volta che ho sentito sia stata che entro marzo l’intera economia funzionerà completamente liberamente in termini di movimenti. Ovviamente, dobbiamo preoccuparci del bilancio umano perché molte persone non hanno contratto il COVID e lo prenderanno. Inizieranno anche a viaggiare. Dobbiamo preoccuparci di dove altro andrà a finire.

Advertisement

Ma questa è un’altra dimensione. Ma in termini di dove si trova il ciclo di mercato, c’è un periodo in cui la Cina creerà quel vento favorevole economico, anche se gli Stati Uniti sono dall’altra parte, e questo crea opportunità per investire nei mercati emergenti in Cina, supponendo La Cina è investibile, che è un’altra, forse una conversazione per un altro giorno. Ma vedi quella frammentazione, e poi guardi il livello dei tassi di interesse. Alla fine, la curva dei rendimenti ricomincerà ad aumentare l’inclinazione. Questo tende ad essere positivo per le banche. I titoli energetici sono ancora molto, molto economici. Ci sono molte cose che sembrano interessanti e, in realtà, anche le obbligazioni sembrano piuttosto interessanti perché finalmente offrono di nuovo un rendimento reale. Possiamo parlare della correlazione tra i 60 e i 40 a lungo termine, perché tale correlazione tende ad essere negativa solo durante i periodi di bassa inflazione e non sappiamo dove finirà per risolversi la questione dell’inflazione . Ma penso che nel 2023 le obbligazioni offriranno effettivamente una buona polizza assicurativa se finiremo per avere quell’altro calo delle scarpe, che ancora una volta, non sappiamo se lo farà, ma almeno fornisce un’assicurazione praticabile ora che la valutazione attraverso tutte queste asset class sono aumentate.

Chris Hill: In arrivo dopo la pausa. Jason Moser e Matt Argersinger stanno tornando. Andremo a frugare nel sacco della posta del Matto e loro hanno un paio di azioni sul loro radar. Resta qui. Stai ascoltando Motley Fool Money.

Come sempre, le persone nel programma potrebbero essere interessate alle azioni di cui parlano e The Motley Fool potrebbe avere raccomandazioni formali a favore o contro, quindi non acquistare o vendere azioni basandosi esclusivamente su ciò che senti. Bentornati a Motley Fool Money. Chris Hill qui ancora una volta con Matt Argersinger e Jason Moser. Il nostro indirizzo email è [emailprotected] Ho ricevuto una domanda da Emilia nel New Hampshire, che scrive, parli spesso di amministratori delegati nello show. Se potessi seguire un amministratore delegato per un giorno, chi sceglieresti e cosa speri di imparare? Matt, chi seguirai per un giorno, se potessi?

Matt Argersinger: Adoro questa domanda. Penso che in questo momento andrei con Steve Schwarzman a Pietra nera. Amo il settore immobiliare. Adoro lo spazio delle risorse alternative e Blackstone ha raggiunto così tanti posti. Mi piacerebbe solo sapere cosa pensa del mercato finale e di alcuni investimenti. Ma mi piacerebbe anche essere in una stanza dove gli analisti di Blackstone gli propongono idee che penso accadano su base settimanale. Penso che sarebbe super affascinante.

Advertisement

Chris Hill: Jason, e tu?

Jason Moser: Sì. Penso che andrei con Josh Silverman a Etsy. Penso che sarebbe divertente perché ha contribuito a costruire questa straordinaria rete che alla fine deve servire così tante diverse parti interessate. Hanno accettato la sfida di Amazon con risultati positivi. Ma alla fine, tornando alle parti interessate, otterremmo i clienti che acquistano da Etsy, ma hai anche i commercianti che vendono sulla piattaforma che l’azienda deve servire. Devono costruire questa straordinaria infrastruttura tecnologica. Hanno una presenza mobile fenomenale. Qual è la filosofia nel bilanciare il design a due siti? Quanto sono lungimiranti? Come agiscono su questo? Sembra solo un business molto interessante che è molto incentrato sul cliente e molte parti mobili lì per capire meglio il loro processo decisionale.

Chris Hill: Seguirei Howard Schultz a Starbucks.

Jason Moser: Vuoi solo il caffè gratis.

Advertisement

Chris Hill: Voglio andare alla Roastery e penso che sarebbe una buona guida turistica. Ma anche come azionista, mi sentirei in dovere di chiedergli che questa è l’ultima volta. Come questa è l’ultima volta? Confermami solo che quando te ne andrai ad aprile, questa sarà davvero l’ultima volta. Domanda di Doug a San Francisco: “Per quanto pessimi siano gli investimenti, come lo è stato nell’ultimo anno, le criptovalute sembrano ancora ricevere molta attenzione dai media finanziari. Qual è l’argomento o la tendenza a cui pensi dovremmo prestare attenzione a, invece? Matt, cosa ne pensi?

Matt Argersinger: Doug, altro che criptovalute? Sono solo così nessuno attività produttive, risorse produttive, quindi perché dedicare così tanto tempo a qualcosa che in realtà solo, penso non abbia alcun valore intrinseco. Per prima cosa, mi concentrerei sulle società che stanno pagando dividendi e dividendi in crescita. Sono soldi veri e voglio dire, soldi veri in tasca.

Chris Hill: Jason, e tu?

Jason Moser: Sì, penso in primo luogo che le criptovalute ricevano molta attenzione da parte dei media finanziari perché pagano per questo. Voglio dire, vedi tutte le pubblicità ogni giorno. Voglio dire, stanno pagando per quelle pubblicità mentre devono parlarne nello show. Fa parte di esso lì. Per me, uno dei servizi che gestisco qui è incentrato sul 5G e sulla connettività. Ovviamente mi piace, ma in realtà farei anche un ulteriore passo avanti per andare oltre il 5G. Parla di 6G, parla dell’inevitabile 7G, delle capacità che queste reti si apriranno. È solo un universo così ampio di opportunità e la connettività consente così tanto che ha un impatto così grande in tutto il mondo. Sembra solo una conversazione senza fine.

Advertisement

Chris Hill: Mantieni le e-mail in arrivo. [emailprotected] è il nostro indirizzo email, cioè [emailprotected] Lo apprezzo davvero, ottime domande. Andiamo alle azioni sul nostro radar. Il nostro uomo dietro il vetro, Rick Engdahl, ti colpirà con una domanda. Matt Argersinger, sei tu il primo. Cosa guardi questa settimana?

Matt Argersinger: Chris, vado con Regions Financial, il ticker è RF. È solo una banca regionale molto ben gestita, soprattutto nel sud e nel Midwest. In effetti è stata la banca S&P 500 con le migliori prestazioni nel 2022. I risultati del quarto trimestre sono appena usciti questo venerdì mattina. Hai avuto un reddito da interessi netto in aumento dell’11 percento, 3,99 percento, margine di interesse netto, che è aumentato rispetto al 2,8 percento dell’anno scorso. È anche un cavaliere dei dividendi se sai cosa significa. Non solo ha aumentato il suo dividendo di oltre il 10 percento all’anno negli ultimi 10 anni, ma ha anche battuto l’S&P 500 durante quel periodo, quindi mi piace molto questa banca.

Chris Hill: Mi piace il fatto che tu stia introducendo una banca regionale perché diamo una discreta quantità di ossigeno alle grandi banche, vale sempre la pena ricordare che ci sono anche banche regionali là fuori. Rick, domanda su Regions Financial?

Rick Engdal: Per quelle banche regionali, quante banche ci sono là fuori? Sembra che ci siano grandi banche e poi ci siano tutti questi regionali dappertutto. Voglio dire, di quante banche abbiamo bisogno?

Advertisement

Matt Argersinger: Piccole banche locali. Sì, ci sono centinaia di Rick, e beh, migliaia se conti le filiali, ma ci sono centinaia di società bancarie, e penso che sia un buon punto. C’è sicuramente spazio per il consolidamento. Penso che Regioni Finanziarie, infatti, potrebbe essere essa stessa una candidata bio.

Chris Hill: Jason Moser, cosa stai guardando questa settimana?

Jason Moser: Chris, mi è sempre piaciuto il signor Furley, ma questa settimana vado con Roper Technologies. Il ticker è POR. Roper Technologies è in realtà una raccolta di molte aziende che si concentrano su tutto, dal software ai prodotti medici e idrici. Sono aziende più piccole che si specializzano davvero in mercati di nicchia, e quindi questo fa sì che i costi di passaggio crescenti nel tempo alla fine diano loro un po ‘di potere sui prezzi e tassi di ritenzione lordi superiori al 95 percento in molti casi. Guardi l’attività stessa, voglio dire, dal 2012 al 2021, il flusso di cassa libero è cresciuto a un tasso annualizzato del 13,4 percento. I rendimenti totali di dieci anni su questa attività in questo momento, 300 percento, quasi raddoppiati sul mercato in quel periodo di tempo. Gli utili escono venerdì 27 gennaio prima dell’apertura del mercato. Sarò curioso di vedere cosa hanno da dire.

Cr è collina: La domanda di Rick su Roper Technologies.

Advertisement

Rick Engdal: Sai, faccio molte ricerche prima di porre queste domande e sono andato sul sito web di Roper e per tutta la vita non sono riuscito a trovare nulla su ciò che fa questa attività. A cosa diavolo serve questa compagnia?

Jason Moser: Rick, ti ​​ho appena detto cosa fanno.

Rick Engdal: Mi dispiace, ho annuito.

Jason Moser: Bene. Bene, sembra un problema di Rick, non un problema di Jason.

Advertisement

Chris Hill: Prima di tornare a Rick, devo dire che mi lascia sempre a bocca aperta. Matt, prima hai menzionato P&G e da quanto tempo esiste quell’azienda. Roper Technologies è iniziata nel 1890. Forse non dovrei, ma sono impressionato dalle aziende che hanno quella longevità. Rick, cosa vuoi aggiungere alla tua watchlist?

Rick Engdal: Penso di dover andare con almeno qualcosa in cui posso immaginare gli edifici. Andrò con la piccola banca.

Chris Hill: Non so se si offenderanno per essere chiamati una piccola banca. Non lo so. Matteo, cosa ne pensi?

Matt Argersinger: È una grande banca, la 26a banca più grande del paese, ma sono d’accordo, rispetto a JPMorgan. È una banca piccola, minuscola.

Advertisement

Chris Hill: Matt Argersinger, Jason Moser, ragazzi grazie per essere qui.

Matt Argersinger.: Grazie.

Chris Hill: Questo lo farà per il programma radiofonico Motley Fool Money di questa settimana. Lo spettacolo è mixato da Rick Engdahl. Sono Chris Hill. Grazie per l’ascolto e alla prossima.

John Mackey, ex CEO di Whole Foods Market, una sussidiaria di Amazon, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. JPMorgan Chase è un partner pubblicitario di The Ascent, una società Motley Fool. Suzanne Frey, dirigente di Alphabet, è membro del consiglio di amministrazione di The Motley Fool. Chris Hill ha posizioni in Alphabet, Amazon.com, Apple, Etsy, JPMorgan Chase, Microsoft, Roper Technologies e Starbucks. Jason Moser ha posizioni in Alphabet, Amazon.com, Apple, Etsy e Starbucks. Giovanni Rotonti detiene posizioni in Alphabet, Apple, Blackstone, KKR, Microsoft e Salesforce. Matteo Argersinger ha posizioni in Alphabet, Amazon.com, Blackstone, Etsy, Netflix, Regions Financial, Roper Technologies e Starbucks e ha le seguenti opzioni: short gennaio 2023 $ 80 put su Amazon.com e short marzo 2023 $ 85 put su Blackstone. Rick Engdahl ha posizioni in Alphabet, Amazon.com, Apple, Etsy, Microsoft, Netflix, Salesforce e Starbucks. The Motley Fool ha posizioni in e consiglia Alphabet, Amazon.com, Apple, Blackstone, Etsy, JPMorgan Chase, KKR, Microsoft, Netflix, Salesforce e Starbucks. The Motley Fool consiglia KB Home e Roper Technologies e consiglia le seguenti opzioni: chiamate lunghe da $ 120 di marzo 2023 su Apple, chiamate corte da $ 92,50 di gennaio 2023 su Starbucks e chiamate corte da $ 130 di marzo 2023 su Apple. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement
Advertisement

Trending