Entra in contatto con noi

Mercati americani

Bolla di calderone

Pubblicato

il

18 gennaio 2023 05:30 ETCOME UN, BGEIX, GDX, GDXJ, QQQ, SMH, TLT, XLE, XLF, XLI, XLK, XLV, ACTV, AFMC, AFSM, ARKK, AVUV, BAPR, IVOO, IVOV, IVV, IVW, IWC, IWM, IWN, IWO, IWP, IWR, IWS, IYY, SPLV, SPLX, SPMD, SMO, SPMV, SPSM, SPUS, SPUU, SPVM, SPVU, SPXE, SPXL, SPXN, SPXS, SPXT, SPXU, SPXV, SPIARE, SPIA, SPYG, SPIA, SPYX, SQEW, SQLV, SSLY, SSO, SPY, STLV, SVAL, SYLD, TMDV, TPHD, TPLC, TPSC, UAUG, UJAN, UMAR, UMAY, UOCT, UPRO, USEQ, USLB, USMC, USMF, USVM, VXX, VXZ, VIXY, VIXM, UVXY, SVOL, SVXY, TVIXF, TLH, PLW, EDV, SPTL, ZROZ, VGLT, LGOV, SCHQ, TFJL, TBJL, GOVZ, TBT, TMV, IEF, TIMIDO, TBF, TMF, PST, TTT, IEI, BIL, TYO, UBT, UST, DUE, VGSH, SHV, VGIT, GOVERNO, SCHO, TBX, SCHR, GSY, TYD, FEG, VUSTX, FIBRA, GBIL, SGOV, SPTS, SIL, SILJ, ITB, XHB, CHIODO, HOMZ, PKB, IYR, RIZ, REM, RWR, VNQ, ICF, VEN, PSR, JRE, KBWY, SCHH, TETTO, MORTE, REET, FREL, SRET, EWRE, XLRE, USRT, NURO, PTY, SRVR, INDS, BBRE, NETL, RDOG, IVRA, REIT, FPRO, HYG, JNK, ILD5 commenti

Riepilogo

  • QQQ e S&P 500 sono scesi dalle sopravvalutazioni record di tutti i tempi un anno fa, ma sono ancora scambiati a più del doppio dei loro rapporti medi rispetto ai profitti dei loro componenti.
  • Il settore immobiliare è sceso modestamente rispetto ai massimi storici degli ultimi mesi, ma è in media di circa il 75% sopravvalutato nelle città degli Stati Uniti e di più in molte parti del mondo.
  • I Treasuries statunitensi, compresi i loro fondi come TLT, sono scesi ai minimi pluridecennali nell’autunno del 2022 e hanno iniziato a formare diversi minimi più alti. Un vincitore costante nei mercati ribassisti risalenti alla fine del 1700 sono stati i Treasuries statunitensi di quasi tutte le scadenze.
  • Gli investitori all’inizio del 2023 non sono disposti ad accettare che potremmo trovarci in un mercato ribassista. Invece, pensano di essere immuni alla perdita di denaro se si trovano nei settori “giusti”.

Petrovich9

Siamo nel secondo anno del crollo della “bolla del tutto”. A meno che tu non abbia 90 o più di 100 anni e facevi trading durante la Grande Depressione, o sei all’asilo e potresti fare trading nel 22esimo secolo, questo finirà per essere il più grande collasso di bolle della tua vita.

Le azioni statunitensi, le obbligazioni societarie ad alto rendimento, gli immobili, l’arte, le auto usate, le figurine del baseball e, naturalmente, le criptovalute stanno tutti diminuendo quasi nello stesso modo in cui hanno fatto dopo una bolla simile in Giappone che aveva raggiunto il picco alla fine del 1989. Come per il mercato azionario statunitense, ci sono molti parallelismi nel 2022-2025 con il 2000-2003 di cui parleremo più dettagliatamente più avanti in questo saggio.

La caratteristica più importante delle bolle è che, indipendentemente da come o perché si formano, si formano tutte crollare in modo quasi identico. Questo fu raccontato per la prima volta in dettaglio da Charles Mackay nella sua pubblicazione classica del 1841, “Extraordinary Popular Delusions and the Madness of Crowds”.

Advertisement

Il 2023 avrà probabilmente una forma molto diversa dal 2022, anche se sarà principalmente un anno di mercato ribassista.

I mercati ribassisti per tutte le attività di solito presentano i rimbalzi più netti nel contesto di drammatici ribassi a lungo termine. La parte del leone delle perdite di mercato nel 2022 si è verificata nelle azioni più sopravvalutate. Le azioni tecnologiche ad alta capitalizzazione nel 2022, proprio come nel 1973 e nel 2000, sono state tra le maggiori percentuali di perdenti. Dal massimo intraday del 10 marzo 2000 al minimo intraday del 10 ottobre 2002, QQQfondo delle prime 100 società del Nasdaq, ha perso l’83,6% del suo valore, che è più di 5 dollari su 6. È probabile che un calo percentuale simile sia in corso dopo lo zenit assoluto di QQQ nel novembre 2021, con il le perdite per QQQ finiscono per raddoppiare o triplicare rispetto a molti altri fondi di indici azionari statunitensi.

Potremmo ottenere un VIX molto più alto e un pullback molto più profondo per le azioni statunitensi nel 2023 rispetto al 2022.

Mi aspetto che l’indice S&P 500 scenda probabilmente sotto i tremila a un certo punto durante il 2023. Se ciò si verifica intorno alla metà dell’anno piuttosto che verso la fine dell’anno solare e se è accompagnato dal livello più alto per il VIX dal marzo 2000, massicci deflussi di investitori e pesanti acquisti di insider, allora questo potrebbe fornire la nostra prima opportunità per chiudere effettivamente posizioni corte e andare fortemente al netto di molti titoli profondamente sottovalutati. Ciò non sarebbe dovuto al fatto che il mercato ribassista finirà, poiché il 2024 sarà quasi sicuramente caratterizzato dalla percentuale di perdite più elevata dell’intero mercato ribassista. Tuttavia, potrebbe essere possibile effettuare numerosi acquisti diversificati di titoli slavati intorno alla metà del 2023, che potrebbero essere enormi vincitori entro diversi mesi, momento in cui la maggior parte di essi dovrebbe essere venduta. Anche nei mercati ribassisti più severi, spesso puoi guadagnare di più andando long prima dei rimbalzi che seguono i minimi di ipervenduto piuttosto che andando short nei ribassi stessi.

Ricorda la tua favola preferita dell’asilo: Riccioli d’oro e i tre orsi.

Se da marzo 2020 a gennaio 2022 è stato Riccioli d’oro, allora il 2022-2025 presenterà gli inevitabili ruoli da protagonista per i Tre Orsi. Baby Bear è una descrizione appropriata del 2022, con numerosi ribassi azionari seguiti ciascuno da un forte rimbalzo. Mama Bear dovrebbe essere una descrizione appropriata del 2023 con una punizione genitoriale molto più severa, seguita da un forte rimbalzo materno. Questo lascia ancora la presa potentemente distruttiva di Papa Bear per il 2024, di cui parleremo di più nei futuri aggiornamenti.

Gli investitori sull’equivalente del Titanic preferiscono aggiornare le loro cabine piuttosto che dirigersi verso le scialuppe di salvataggio.

All’inizio del 2001, gli investitori si erano allontanati dalle azioni tecnologiche a grande capitalizzazione in calo e si erano spostati su energia, industria, sanità e qualsiasi altra cosa avesse sovraperformato nel 2000. Un comportamento simile si è verificato di recente, con fondi che includevano XLI (industriali), XLV (sanità), e XLF (finanziari) solo modestamente al di sotto dei loro massimi storici. La scorsa settimana, XLI ha registrato il maggior afflusso netto di tutti i fondi negoziati in borsa. Proprio come nel 2001, gli investitori all’inizio del 2023 non sono disposti ad accettare che potremmo trovarci in un mercato ribassista e che dovrebbero quindi acquistare qualcosa di sicuro come i Treasuries statunitensi a 26 settimane con un rendimento compreso tra il 4,8% e il 4,9%. Invece, pensano di essere immuni alla perdita di denaro se si trovano nei settori “giusti”. Come in tutti i mercati ribassisti, la maggior parte degli analisti sottolinea la “ricerca della qualità” invece di diversificare in asset più sicuri. Il problema è che cercano la qualità in tutti i posti sbagliati.

Advertisement

Bogleheads saranno Bogleheads.

Verso la fine del 1999 lavoravo per un’azienda di Manhattan che offriva opzioni 401(k) ai propri dipendenti. Due di queste scelte sono state interamente investite in azioni Nasdaq, una a grande capitalizzazione e una più diversificata ma comunque altamente speculativa. Il custode di questi beni ha inviato un rappresentante per “istruire” (cioè fare il lavaggio del cervello) i dipendenti sulle loro opzioni, omettendo di menzionare che questi fondi Nasdaq prevedevano commissioni che erano il triplo di quelle dei fondi obbligazionari più conservatori nel piano. Hanno anche fatto i tipici trucchi di Boglehead, come mostrare i grafici di come si erano comportati questi fondi, ma risalendo al 1982 piuttosto che a qualche altro anno. Ero abbastanza arrabbiato da scrivere un reclamo scritto al capo delle risorse umane e copiare l’amministratore delegato, e anche da sottolineare che si stavano sottoponendo a potenziali azioni legali in un anno futuro. Hanno liquidato le mie lamentele come assurde. In risposta, ho organizzato una riunione dei miei colleghi in cui ho organizzato una conferenza su come funzionano i mercati finanziari. Stavo già tenendo un corso sui mercati finanziari ai nuovi dipendenti, quindi le persone conoscevano la mia esperienza. Ho fornito una delle mie spiegazioni più eloquenti su come il Nasdaq ei suoi fondi fossero pericolosamente sopravvalutati. Molte persone hanno commentato che non avevano intenzione di modificare le loro allocazioni, dal momento che “il mercato sale sempre nel lungo periodo” e questo tipo di assurdità comunemente sentita, ma negli anni successivi, parecchie persone sono venute da me in privato e mi ha detto che hanno prestato attenzione ai miei consigli e hanno ridotto il rischio.

I segnali più affidabili del mercato ribassista risuonano a gran voce di ulteriori perdite.

Il VIX, segnale importante della paura degli investitori, non si è nemmeno avvicinato 40 finora nell’attuale mercato ribassista. VIX è sceso a un minimo intraday di 18,01 il 13 gennaio 2023, il minimo di un anno. VVIX, noto anche come VIX di VIX, è stato recentemente rimbalzato da un nadir pluriennale. Non abbiamo avuto neanche lontanamente i tipici forti deflussi netti che hanno caratterizzato ogni minimo del mercato ribassista nella storia, né gli intensi livelli di acquisto da parte dei massimi dirigenti aziendali che erano stati così prominenti nei minimi principali, tra cui marzo 2009 e marzo 2020, e sono stati molto più prevalente in minimi minori come dicembre 2018. L’incapacità degli investitori medi di essere preoccupati per ulteriori perdite e l’indifferenza degli addetti ai lavori nell’accumulare azioni vicino ai minimi recenti sono entrambi segnali chiari che ulteriori perdite sostanziali sono ancora in vista.

Nel 2021, abbiamo registrato afflussi netti di fondi negoziati in borsa maggiori rispetto all’intero periodo di 20 anni dal 2001 al 2020 messo insieme. Nel 2022, anche con notevoli cali delle valutazioni azionarie, abbiamo registrato il secondo totale più alto dopo il 2021.

Le valutazioni fondamentali per la maggior parte degli asset rimangono enormemente al di sopra delle medie storiche a lungo termine.

QQQ e S&P 500 sono scesi dalle sopravvalutazioni record di tutti i tempi un anno fa, ma sono ancora entrambi scambiati a più del doppio dei loro rapporti medi rispetto ai profitti dei loro componenti. Il settore immobiliare è sceso modestamente rispetto ai massimi storici degli ultimi mesi, ma è in media di circa il 75% sopravvalutato nelle città degli Stati Uniti e di più in molte parti del mondo. Gli asset nei veri mercati ribassisti non si limitano a ritirarsi un po’ per poi riprendere i loro trend rialzisti. Di solito toccano il fondo ben al di sotto del valore equo, come abbiamo visto per le azioni alla fine del 2002 e all’inizio del 2003, nonché alla fine del 2008 e all’inizio del 2009. Per quanto riguarda il settore immobiliare, abbiamo avuto molti quartieri profondamente sottovalutati in vari momenti dal 2010 al 2012.

Advertisement

Dopo aver subito una correzione prolungata dal suo massimo ventennale del 28 settembre 2022, l’indice del dollaro USA potrebbe essere pronto per il suo prossimo trend rialzista di più mesi.

Alcuni asset sottovalutati, compresi i Treasuries statunitensi, hanno probabilmente avviato mercati rialzisti pluriennali.

Buoni del Tesoro USA, compresi i loro fondi simili TLT, sono scesi ai minimi pluriennali nell’autunno del 2022 e hanno iniziato a formare diversi minimi più alti. Ogni settimana, ho acquistato buoni del Tesoro USA a 26 settimane insieme ad altri titoli del Tesoro a breve termine, poiché hanno goduto dei rendimenti più elevati degli ultimi 15 anni e mezzo. Un vincitore costante nei mercati ribassisti risalenti alla fine del 1700 sono stati i Treasuries statunitensi di quasi tutte le scadenze.

Le azioni di estrazione dell’oro e dell’argento probabilmente hanno ripreso i loro mercati rialzisti nel settembre 2022, proprio nei tempi previsti.

Nel marzo 2000, l’S&P 500 ha raggiunto il massimo e ha avviato un enorme mercato ribassista che non si è concluso fino all’ottobre 2002. Le azioni di estrazione dell’oro e dell’argento, misurate da HUI e altri indici e fondi affidabili, hanno toccato il minimo a metà novembre 2000, cioè otto mesi dopo. Avanti veloce al 2022. L’S&P 500 ha completato il suo massimo il 4 gennaio 2022, mentre GDXJ e i relativi fondi sono scivolati ai minimi pluriennali (pur rimanendo ben al di sopra dei minimi di marzo 2020) nel settembre 2022, ancora una volta otto mesi dopo il massimo dell’S&P 500. Guardando indietro al 2000, le azioni minerarie di oro/argento sono state tra i settori con le migliori performance nei tre anni successivi e nel decennio successivo. Probabilmente sarà così anche nei prossimi anni.

Le azioni di estrazione dell’oro e dell’argento supereranno notevolmente nel prossimo decennio con ritiri periodici dal 15% al ​​25%. Acquistali solo dopo tali ritiri.

Ho mantenuto le mie posizioni lunghe nei fondi di estrazione dell’oro e dell’argento, tra cui GDXJ, COME UN, GDXe BGEIX, in questo ordine. Questi hanno costantemente sovraperformato dopo il collasso delle bolle della crescita statunitense, anche se periodicamente subiranno moderati cali del 15-25%, proprio come avevano fatto nel novembre 2000 fino al dicembre 2003.

Advertisement

Ho costantemente aumentato le mie posizioni corte e ridotto le mie posizioni lunghe in preparazione della prossima tendenza al ribasso per le azioni statunitensi.

Mentre ho mantenuto le mie posizioni corte in XLK e QQQ, negli ultimi mesi ho aggiunto alle posizioni corte in XLI, XLV e SMH ogni volta che VIX è inferiore a 20 e in XLE ogni volta che gli addetti ai lavori vendono pesantemente azioni energetiche.

Negli ultimi mesi abbiamo registrato un livello record di vendite di insider delle più grandi società energetiche globali, quindi ho iniziato a vendere allo scoperto XLE vicino a 93 e 94 e ho continuato ad aggiungere a questa posizione corta nei suoi recenti massimi inferiori vicino a 90 e 91 XLE è stato uno dei maggiori outperformer dal suo minimo di marzo 2020, ed è quindi probabile che sia uno dei maggiori perdenti fino a quando gli addetti ai lavori non saranno ancora una volta grandi acquirenti. Durante diversi periodi del 2020, tra cui la primavera e l’inizio dell’autunno, abbiamo avuto il più pesante acquisto da parte di insider di azioni energetiche. Gli addetti ai lavori energetici sembrano essere particolarmente astuti nell’acquistare basso e vendere alto.

Ecco alcuni grafici utili che illustrano i punti di cui sopra.

Il grafico seguente evidenzia che la bolla immobiliare statunitense del 2022 ha superato il precedente pericoloso picco della bolla del 2005-2006:

Il Nasdaq negli ultimi anni ha seguito molto da vicino il Nikkei alla fine degli anni ’80, poiché tutte le vere bolle crollano in modo identico:

Advertisement

L’indice S&P 500 è il più sopravvalutato della sua intera storia rispetto ai titoli di stato statunitensi privi di rischio:

Misurato utilizzando il rapporto prezzo-vendita, l’S&P 500 è stato molto più sopravvalutato di recente che in qualsiasi momento degli ultimi decenni, compreso il periodo 1999-2000:

Gli annunci pubblicitari, l’equivalente degli addetti ai lavori per il trading di futures, si sono avvicinati ai massimi pluriennali accumulando il titolo del Tesoro statunitense di 30 anni:

I lunghi mercati rialzisti dall’agosto 1921 al settembre 1929 e dall’ottobre 1990 al marzo 2000 sono stati entrambi seguiti da mercati ribassisti che sono durati oltre 2 anni e mezzo ciascuno, ponendo quindi probabilmente le basi per una ripetizione:

Advertisement

La linea di fondo: aspettatevi altri due anni di mercato ribassista fino alla fine del 2024 o forse al 2025.

Numerosi analisti hanno dichiarato che “il mercato ribassista è finito” e usano come “prova” l’esilarante proclamazione che gli anni in ribasso sono seguiti da anni in rialzo per un’ampia percentuale del tempo. È come concludere che non è necessario portare un ombrello quando si esce, dato che di solito non piove, tranne quando piove. Controllare le previsioni del tempo o andare effettivamente all’aperto per vedere di persona è molto più affidabile rispetto a statistiche irrilevanti a lungo termine, e non c’è dubbio che il maltempo nei mercati finanziari ci accompagnerà per circa altri due anni. Se sei molto prudente, allora metti tutti i tuoi soldi in buoni del tesoro statunitensi fino a 52 settimane, enfatizzando le aste settimanali di 26 settimane. Se sei disposto ad assumerti un rischio maggiore, vendi gradualmente allo scoperto i fondi azionari statunitensi a grande capitalizzazione più sopravvalutati, inclusi XLI, XLE, XLV e SMH.

Divulgazione delle partecipazioni correnti

Ecco la mia attuale asset allocation alla chiusura di martedì 17 gennaio 2023:

TIAA (tradizionale)/VMFXX/FZDXX/SPRXX/Risparmio/Assegno lungo: 34,54%;

Advertisement

XLK short (tutti gli short attualmente non coperti): 17,52%;

QQQ breve: 6,23%;

XLE breve: 4,61%;

XLI corto: 2,24%;

Advertisement

XLV corto: 1,53%;

SMH corto: 0,06%;

Long GDXJ: 10,84%;

Long ASA: 6,77%;

Advertisement

Lungo GDX: 2,88%;

BGEIX lunga: 1,48%;

2 anni/3 anni/52 settimane/26 settimane/13 settimane/5 anni TIPS lunghi: 10,04%;

I Obbligazioni lunghe: 9,19%;

Advertisement

TLT lungo: 8,65%;

Monete in oro/argento/platino: 5,55%;

HBI lungo: 0,30%;

WDB lungo: 0,25%;

Advertisement

EWZ lungo: 0,08%;

EWZS lungo: 0,04%;

I numeri sommati superano il 100% perché le posizioni short richiedono solo il 30% di garanzia (secondo i regolamenti SEC; alcuni broker ne richiedono di più) per mantenerle senza margine richiesto.

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Advertisement

Questo articolo è stato scritto da

Steven Jon Kaplan ha avviato TrueContrarian.com nell’agosto 1996 come newsletter di investimento di valore che da marzo 2020 include due riunioni Zoom settimanali di 75 minuti. Steve fornisce pianificazione fiscale e degli investimenti a lungo termine. Opera dal 1981 e gestisce conti a gestione separata per clienti qualificati con una commissione di performance del 20% sugli utili netti e zero commissioni di gestione. Steve è stato spesso citato da US News and World Report, MarketWatch.com e Barron’s. Steve è apparso sulla TV via cavo Market Watch con Stacey Delo ed è stato intervistato da Alisa Parenti su Bloomberg e Tucker Silva su WRKO. Gli piace correre con i New York Road Runners, comporre ed esibirsi al pianoforte e alla voce, scrivere storie e viaggiare in luoghi unici. Per favore, fai sapere a Steve cosa pensi delle sue idee finanziarie o di qualsiasi altro argomento utile.

Raccomandato per te

Advertisement
Advertisement

Trending