Entra in contatto con noi

Mondo del Lavoro

Bonomi e Confindustria: “Ridurre le tasse sul lavoro per mettere più soldi in tasca agli italiani”

Pubblicato

il

Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, intervenendo all’assemblea di Confindustria Romagna sottolinea lo stallo in cui imperversa il sistema economico italiano e dice la sua sulla ripartenza.

Occorre partire dal ridurre le tasse sul lavoro per mettere più soldi in tasca agli italiani soprattutto in un momento storico di inflazione all’8% e con un potere d’acquisto ridottissimo degli stipendi. Con la guerra e il ricaro dell’energia la ripresa post-covid tarda e le famiglie a basso reddito con difficoltà riusciranno a gestire i rincari.

“Questo Paese è fermo e mi preoccupa molto. Siamo di fronte a scenari internazionali molto asimettrici, gli Stati Uniti rallentano ma rallentano pochissimo rispetto all’Europa e all’interno della stessa Europa l’Italia e la Germania saranno i paesi più colpiti e la Germania peraltro è un mercato molto importante per le imprese italiane. E noi cosa avevamo chiesto al Governo? – ha aggiunto- Capiamo che è un momento difficile e capiamo le sanzioni alla Russia ma a una condizione, che in questo Paese si apra un periodo di riformismo competitivo. Oggi dobbiamo fare interventi necessari per rispondere alle difficoltà del Paese: è innegabile che c’è una fascia di italiani che sta soffrendo, sono quelli sotto i 35mila euro di reddito, lo abbiamo detto e ridetto: bisogna intervenire per mettere più soldi in tasca agli italiani e lo possiamo fare solo con una strada: ridurre le tasse sul lavoro, il famoso taglio contributivo del cuneo fiscale. Un grande obiettivo del Paese è rispondere alle diseguaglianze alle quali da 161 anni, dall’Unità d’Italia, non si dà risposte, cioè le diseguaglianze di genere, generazionali, di territorio e di competenze. Quali sono le riforme che aspettiamo? Fisco, concorrenza, politiche attive del lavoro, potrei fare un lungo elenco…riforme che sono bloccate dalle battaglie di bandierina dei partiti e che determinano il fatto, che le riforme che si stanno facendo sono annacquate, non sono quelle di cui il Paese ha bisogno”.