sabato 02 luglio 2022

Bonus da 8.500 euro per il fotovoltaico: vediamo i requisiti e come funziona

In Italia negli ultimi tempi si sono susseguiti innumerevoli bonus. Il bonus nel settore fotovoltaico riguarda aiuti per l’installazione di un impianto fotovoltaico o altro sistema energetico da fonti rinnovabili. E per gli importi, in alcune regioni come la Puglia, è possibile richiedere uno sconto fino a 8.500 euro.

Bonus fotovoltaico: per chi e quanto si può risparmiare

Gli incentivi per il fotovoltaico si possono richiedere attraverso due canali: il Bonus Ristrutturazione (cosiddetto Bonus Casa) e il Superbonus 110%. Considerando anche i pannelli del solare termico, esiste anche l’Ecobonus 65%.

Fino a 8.500 euro nella Regione Puglia

La Regione Puglia si è attivata per  favorire  la progressiva diffusione di impianti di produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile. Il bonus economico per il fotovoltaico è destinato agli utenti residenti o domiciliati da almeno un anno nella regione Puglia. Condizione essenziale per poterla richiedere è avere un reddito Isee non superiore a 20.000 euro per l’anno 2022. Inoltre chi ne fa richiesta non deve beneficiare di altre agevolazioni a livello comunale, regionale o statale in termini di efficienza energetica. Questo limite include anche il Superbonus 100% e altre misure di detrazione del credito d’imposta.

Chiunque voglia installare un impianto fotovoltaico o un’altra fonte di energia rinnovabile (fotovoltaico, fotovoltaico termico o eolico) può richiedere il bonus acquisto e installazione.

Ecco una sintesi dei requisiti per i residenti della regione Puglia.

  • clienti finali e titolari di punti di fornitura di energia elettrica ad uso domestico, titolari o titolari di diritti reali di usufrutto, uso, abitazione o terreni, unità abitative autonome, esclusa la comproprietà, ubicate nel territorio regionale;
  • clienti finali e titolari di punti di consegna dell’energia elettrica ad uso domestico, titolari o titolari di diritti di usufrutto, uso, abitazione o superficie su complessi immobiliari facenti parte di condomini ubicati nel territorio regionale. In tal caso l’installazione è consentita sul tetto piano, su ogni altra superficie idonea comune e su parti di pertinenza individuale dell’interessato;
  • condomini, come definiti dal Decreto Legislativo 4 luglio 2014, n. 102 “Applicazione della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica” (contabilità termica), ubicati nel territorio regionale, per i servizi pubblici connessi al consumo di energia elettrica per il funzionamento degli impianti di riscaldamento ad uso comunitario.

Un altro requisito è il limite di potenza dell’impianto, che non deve essere inferiore a 1,8 kW di energia elettrica per cui è previsto un contributo a fondo perduto fino a 6.000 euro.

Le modalità di accesso al bonus

Come si legge dal sito ufficiale della Regione Puglia:

La domanda di iscrizione dovrà essere compilata utilizzando la piattaforma telematica che sarà resa disponibile a partire dal 25/05/2022 e fino al 22/08/2022 accedendo alla Sezione tematica all’indirizzo https://www.regione.puglia.it/web/politiche-energetiche/home.