martedì 28 giugno 2022

Brutte notizie per l’economia cinese: Goldman Sachs riduce al 4% le previsioni sul PIL

Gli Analisti di Goldman Sachs hanno ridimensionato le previsioni per il PIL cinese al 4% dopo che i dati di aprile hanno mostrato un calo della crescita a causa del Covid

La nuova previsione è ancora più al di sotto dell’obiettivo di crescita “intorno al 5,5%” annunciato dal governo cinese per l’anno a marzo.

Dato il danno all’economia legato al Covid nel secondo trimestre, ora prevediamo che la crescita della Cina sarà del 4% quest’anno (contro il 4,5% in precedenza)“, hanno scritto mercoledì Hui Shan e un team di Goldman in un rapporto. Questa previsione presuppone che ci sarà un significativo sostegno del governo, oltre alle misure per stabilizzare il mercato immobiliare e controllare i focolai di Covid.

Da marzo, la Cina continentale ha lottato per contenere la sua peggiore epidemia di Covid in due anni. In particolare, la metropoli di Shanghai ha iniziato solo questa settimana per iniziare a discutere della ripresa della normale attività, con l’obiettivo di metà giugno.

Tra i dati deboli di aprile, gli analisti di Goldman hanno indicato un crollo degli avviamenti e delle vendite di abitazioni, la metà della crescita del credito attesa dai mercati e un calo sotto l’1% per l’aumento dei prezzi al consumo, esclusi alimentari ed energia.

Altri dati per aprile pubblicato lunedì ha mostrato un calo inaspettato della produzione industriale e un calo peggiore del previsto 11.1% delle vendite al dettaglio rispetto a un anno fa. Le esportazioni, uno dei principali motori della crescita, sono aumentate del 3,9% ad aprile rispetto all’anno precedente, il ritmo più lento dall’aumento dello 0,% di giugno 2020, secondo i dati ufficiali consultati tramite Wind Information.

“I dati deboli evidenziano la tensione tra l’obiettivo di crescita della Cina e la politica zero-Covid che è al centro delle prospettive di crescita della Cina”, hanno affermato gli analisti di Goldman.

Hanno ha notato come i leader cinesi abbiano enfatizzato la loro politica di “covid dinamico zero” e come la notizia che la Cina non ospiterà la Coppa d’Asia la prossima estate a causa del Covid rifletta la mentalità conservatrice di Pechino.

” Ora ci aspettiamo che la riapertura non inizi prima del 2023 Q2 e che il processo sia più graduale e controllato di quanto precedentemente ipotizzato”, hanno affermato gli analisti di Goldman.

“Ecco perché la nostra 2022 previsione di crescita del PIL aumenta solo di un quarto di punto al 5,3% (vs. 5,0 % in precedenza) nonostante la revisione al ribasso di mezzo punto delle 2022 previsioni di crescita per l’intero anno.”

Anche altre banche tagliano le previsioni

Lunedì, Citi, che aveva una delle previsioni sul PIL cinese più alte, ha tagliato le sue prospettive di crescita al 4,2% dal 5,1%.

Pochi giorni prima, JPMorgan aveva ridotto la sua stima al 4,3% dal 4,6%. Morgan Stanley ha tagliato il target a fine aprile al 4,2% dal 4,6%.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro


Fonte: CNBC