lunedì 26 ottobre 2020

Caroline Baum: Il mercato azionario adotta un atteggiamento “cosa, mi preoccupo?” Nei confronti della minaccia del coronavirus

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

                                         
I cittadini italiani evacuati da Wuhan sono guidati in un autobus militare da un aeroporto militare vicino a Roma al loro centro di quarantena lunedì.

Fu solo la scorsa settimana che il coronavirus in rapida espansione della Cina stava facendo tremare i mercati finanziari mondiali. Venerdì, il Dow Jones Industrial Average                                                                                                                                                                                                                       DJIA, – 0. 44%                                                                                                                                                          piombato 550 punti, o 2,1%, la sua più grande perdita di un giorno da agosto.

Borsa cinese                                                                                                                                                                                                                       SHCOMP, + 0. 46%                                                                                                                                                          , riapertura lunedì dopo le vacanze di Capodanno lunare, ha reagito con un’immersione del 7,7%.

Ma a quel punto il mercato azionario statunitense era passato. Le azioni si sono radunate lunedì, aiutate dai segnali che la produzione si stava stabilizzando e sono salite alle stelle martedì, registrando il loro più grande guadagno da agosto, con l’indice composito Nasdaq                                                                                                                                                                                                                       COMP, – 0 . %                                                                                                                                                           che imposta un nuovo massimo . Le azioni hanno seguito i guadagni di martedì con un’altra forte performance di mercoledì, con l’S & P 500 Indice                                                                                                                                                                                                                       SPX , – 0. 30%                                                                                                                                                          stabilire un record.

Va tutto bene

Con l’elenco dei motivi per temere che gli effetti di ricaduta del coronavirus sull’economia globale stiano diventando più a lungo, il mercato azionario sembra dire, va tutto bene per il mondo.

Non così in fretta. Il mercato azionario è spesso visto come un sostituto dell’economia – o un indicatore principale di ciò che verrà – ma a volte ha superato se stesso. Si consiglia una certa cautela.

Per cominciare, le scorte non sono economiche. L’attaccante 07 – rapporto prezzo / utili al mese per Standard & Poor’s 0296 Indice è 10 .4, sopra il cinque e 10 – media dell’anno, secondo FactSet.

È ancora più costoso basato su altre metriche, come Rapporto P / E regolato ciclicamente di Robert Shiller .

Nuove preoccupazioni

Ogni giorno porta nuove preoccupazioni su le ripercussioni del coronavirus in rapida diffusione , con circa 28, 000 casi confermati e più di 360 decessi.

Le aziende e le fabbriche di Wuhan, dove si riteneva che il virus avesse avuto origine in un mercato di animali vivi, e in tutta la Cina sono state chiuse. Le catene di approvvigionamento mondiali sono state interrotte. Le compagnie aeree hanno cancellato i voli da e per la Cina. Intere aree sono state messe in quarantena. La provincia di Hubei è stata completamente isolata. Le autorità cinesi hanno prolungato le vacanze di Capodanno lunare per una settimana per limitare i movimenti pubblici. I consumatori sono bloccati a casa.

Anche ai casinò della mecca del gioco d’azzardo di Macao fu ordinato di chiudere le porte per almeno due settimane. E martedì, dopo aver chiuso metà dei suoi negozi in Cina, Nike Inc.                                                                                                                                                                                                                       NKE, + 0. 07%                                                                                                                                                          è diventata la prima grande azienda di consumo a avvertire dell’impatto del virus per i suoi affari.

Date le circostanze, la Cina potrebbe avere difficoltà a soddisfare i suoi si impegna a comprare un ulteriore $ 67 miliardi di beni statunitensi nei prossimi due anni, che faceva parte dell’accordo commerciale di fase uno.

Impatto economico

Gli economisti della Standard Chartered prevedono che l’effetto del virus ridurrà la crescita reale lorda del prodotto interno del primo trimestre della Cina da Dal 6% al 4,5%. Alla luce dell’importante ruolo della Cina nel settore manifatturiero e commerciale globale, per non parlare del suo mercato sempre più ampio di beni di consumo, è probabile che l’effetto di ricaduta sugli Stati Uniti riduca il PIL reale nel primo trimestre di 0,4-0,5 punti percentuali, per lo più realizzato nei quarti successivi, secondo gli economisti di Goldman Sachs.

Sul fronte delle buone notizie, l’Institute for Supply Management’s l’indice dei responsabili acquisti è aumentato sopra 50 a gennaio per la prima volta da luglio. Una lettura di 44 sopra suggerisce che l’attività manifatturiera si sta espandendo. L’indice per i nuovi ordini, i nuovi ordini di esportazione e la produzione hanno mostrato tutti notevoli salti.

Allo stesso tempo, il PMI manifatturiero globale, prodotto di IHS Markit, è salito a un massimo di nove mesi di 50 .4 il mese scorso, appena sopra la linea di demarcazione tra espansione e contrazione.

In entrambi i casi, le risposte ai sondaggi non riflettono adeguatamente le ultime notizie sulla rapida diffusione del coronavirus, che è stata dichiarata la scorsa settimana un’emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Quando la scorsa settimana le scorte sono crollate, il mercato obbligazionario si è aggiunto alla preoccupazione con un suo avvertimento. La curva dei rendimenti , o lo spread tra il tasso ufficiale e il rendimento del Tesoro a lungo termine, stava di nuovo flirtando con l’inversione, che, se dovesse approfondire e persistere, sarebbe un presagio di recessione, con un lungo termine d’esecuzione.

Il rimbalzo del mercato azionario ha costretto le obbligazioni a ritirarsi, rafforzando la curva per ora. Tuttavia, le probabilità di un taglio dei tassi quest’anno sono aumentati rispetto a un mese fa, sebbene la probabilità sia stata ridotta alla luce dell’atteggiamento di benessere del mercato azionario di questa settimana.

I mercati finanziari non sono epidemiologi, quindi possono solo indovinare la portata e l’entità del virus e se sarà etichettato come una pandemia. Finora, la maggior parte dei casi e quasi tutte le morti sono state confinate in Cina.

Rifugio sicuro

Non lo faresti mai sapendo dal mercato azionario che tale minaccia è reale. A volte, le azioni statunitensi sembrano comportarsi meno come attività a rischio e più come un rifugio sicuro. Mentre la prima risposta alle cattive notizie è quella di vendere, riflettendo il secondo impulso è quello di acquistare.

Forse questo è dovuto alla convinzione che la Federal Reserve farà tutto il necessario per salvare l’economia da qualsiasi effetto avverso del coronavirus .

Poi c’è il fatto che l’economia americana ha sovraperformato gran parte del mondo sviluppato dalla Grande Recessione, aumentando il fascino del suo mercato azionario .

Tuttavia, una crescita tendenziale del 2% non è eccezionale con una possibile pandemia che ti fissa in faccia. La guerra commerciale è tutt’altro che finita, con il presidente Donald Trump che sta inventando nuovi e diversi modi per penalizzare altri paesi.

Altre tensioni commerciali

Una nuova regola del dipartimento del commercio consentirà alle aziende di perseguire tariffe sui concorrenti esteri per ciò che percepiscono essere manipolazione di valuta.

Nonostante la tregua commerciale con la Cina, gli Stati Uniti hanno ancora tariffe su alcuni $ 360 miliardi delle sue importazioni.

Tutto ciò accade in un momento in cui gli investimenti delle imprese negli Stati Uniti hanno contratto per tre trimestri consecutivi: qualcosa che è accaduto l’ultima volta durante la Grande Recessione. E mentre il consumatore americano ha portato l’economia l’anno scorso, lo sgabello a tre gambe inizia a sembrare traballante.

Poi di nuovo, come alcuni gli analisti hanno suggerito, l’appello del mercato azionario potrebbe essere niente di più complicato di quanto suggeriscono gli acronimi: FOMO, per paura di perdersi; e TINA, poiché non vi è alternativa.

A ciò vorrei offrire un altro acronimo: SCIW, poiché è necessaria una certa cautela.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Articolo originale di Marketwatch.com