venerdì 23 ottobre 2020

CEO di Boeing: ci vorranno ‘alcuni anni’ per riportare il bilancio ai livelli massimi e di coronavirus pre-737

Dave Calhoun, Presidente di Boeing.

Adam Jeffery | CNBC

L’amministratore delegato di Boeing , Dave Calhoun, ha dichiarato che ci vorranno “alcuni anni” per far tornare il bilancio ai livelli precedenti Max crisi e la pandemia di coronavirus, ma si è opposto al governo prendendo una partecipazione azionaria nella società in cambio di aiuti.

Con sede a Chicago il produttore di aeroplani sta cercando $ 60 miliardi di aiuti governativi per sé e per i suoi fornitori mentre l’industria deve affrontare le conseguenze dello scoppio.

I legislatori stanno siglando un accordo per un massiccio pacchetto di incentivi, che dovrebbe fornire aiuti alle industrie tra cui i clienti delle compagnie aeree Boeing e potenzialmente la società e i suoi fornitori.

“Più semplice, più breve è il termine in natura, meglio è”, ha detto Calhoun in un’intervista su “ Squawk Box di CNBC.”

Mentre i legislatori di martedì sera stavano ancora elaborando i dettagli del piano, Calhoun o Martedì ha detto a Fox Business Network di essersi opposto al governo di assumere una partecipazione azionaria nella società in cambio di aiuti.

“Tutto ciò che vogliamo è assicurarci che i mercati del credito siano aperti per affari “, ha detto. Se il governo richiede una partecipazione azionaria, “guardiamo solo tutte le altre opzioni e ne abbiamo molte.”

Boeing ha $ 15 miliardi di liquidità e Calhoun ha espresso la fiducia che la società riuscirà a superare la crisi, ma ha affermato che i mercati del credito devono essere aperti.

La società sta bruciando un sacco di quel denaro continuando a pagare i suoi fornitori e dipendenti senza grandi entrate in quanto 737 Max è ancora a terra e le compagnie aeree stanno rinviando gli ordini dal momento che il virus ha ha portato il viaggio globale a un punto morto.

“Se non c’è supporto pubblico e i mercati del credito non riaprono, sarà abbastanza veloce, ma possiamo ancora farcela dall’altra parte “, ha detto Calhoun quando gli è stato chiesto quale sia il tasso di burn in contanti dell’azienda. “Ora, se questo continua per otto mesi, probabilmente no.”

L’industria aeronautica è “al punto di lancio” del virus e del suo impatto, ha detto Calhoun. Gli aiuti del governo “manterrebbero caldi il nostro settore e le persone, quindi quando arriva la ripresa siamo pronti a partire”.

Boeing ha interrotto la produzione nelle sue strutture nell’area di Seattle, che costituiscono la maggior parte della sua produzione di aeromobili, tra i casi di virus nell’area con diversi casi tra i lavoratori Boeing.

La società è un importante appaltatore della difesa e ha affermato che il Dipartimento della Difesa americano sta lavorando per accelerare i pagamenti, ha affermato Calhoun.

La scorsa settimana la società ha annunciato che avrebbe sospeso il suo dividendo e ha affermato che Calhoun avrebbe rinunciato alla sua retribuzione, misure che altre società hanno preso per risparmiare denaro, mentre attendono gli aiuti del governo.

Articolo originale di CNBC