venerdì 23 luglio 2021

CEO di Starbucks: la nostra esperienza nel monitoraggio del coronavirus in Cina ci mostra un percorso “molto simile”

Starbucks L’amministratore delegato Kevin Johnson ha detto martedì che la catena del caffè crede che il COVID – 19 lo scoppio negli Stati Uniti sta seguendo un percorso paragonabile a quello che è successo in Cina.

“Potrebbe essere che negli Stati Uniti sia un po ‘più lungo, una settimana o due più a lungo per vedere la ripresa. Potrebbe essere la stessa ripresa, ma in questo momento è tracciare in modo molto simile alla Cina, “Johnson ha detto su CNBC” Squawk on the Street . “

Johnson ha affermato che Starbucks ha creato un modello per seguire la ripresa aziendale in Cina, dove la pandemia di coronavirus è iniziata alla fine di dicembre. “Ora è come la terza settimana qui negli Stati Uniti e guardiamo indietro a quello che è successo in Cina e sappiamo un po ‘cosa aspettarci”, ha detto Johnson.

Starbucks temporaneamente ha chiuso i suoi caffè di proprietà negli Stati Uniti e in Canada la scorsa settimana ad eccezione del drive-thru e ordini di consegna, una mossa progettata per aumentare gli sforzi di allontanamento sociale. Prima la catena del caffè aveva rimosso i posti a sedere dai suoi caffè per scoraggiare la raccolta.

Johnson ha affermato che l’esperienza di Starbucks in Cina sta davvero informando la sua risposta alla pandemia globale in altri mercati.

“Abbiamo avuto a che fare con COVID – 19 da nove settimane in Cina e durante l’intero viaggio di nove settimane abbiamo imparato il playbook e la curva in termini di quando si chiude ciò che accade al comportamento dei consumatori e mentre si procede attraverso ciò che accade quando si aprono negozi, ” Egli ha detto.

Starbucks ha riaperto 95% dei negozi
temporaneamente chiuso in Cina in risposta a COVID – 19 diffusione, ha detto Johnson martedì. Ci sono voluti circa 45 a 60 giorni prima che i negozi iniziassero a riaprire, ha detto Johnson.

Lunedì, in particolare, Johnson ha affermato che Starbucks ha aperto altri “quattro o cinque” negozi a Wuhan, la città cinese dove si ritiene abbia avuto origine l’epidemia di coronavirus.

“Quei negozi si stanno aprendo con protocolli sicuri e stiamo andando lenti per assicurarci che ciò accada, ma il recupero si sta svolgendo in Cina”, ha detto Johnson. “E questo è ciò che ci dà la fiducia che sappiamo come gestire questo.”

Martedì il governo cinese ha annunciato che avrebbe alleggerito le restrizioni di viaggio in porzioni della provincia di Hubei colpite duramente a partire da mezzanotte, secondo The Associated Press. La città di Wuhan, che si trova nella provincia, rimarrà bloccata fino all’8 aprile.

Starbucks prevede un successo di entrate di $ 400 milioni a $ 430 milioni nell’imposta secondo trimestre a seguito delle chiusure cinesi.

Le azioni di Starbucks sono salite più in alto martedì, aumentando di più di 14 da% a $ 64. 88 ogni. Lo stock rimane verso il basso 26% in 2020. A partire dalla chiusura di martedì, era spento 34. 9% dal suo massimo storico di quasi $ 100 per azione nel mese di luglio 2019.

Articolo originale di CNBC