venerdì 30 ottobre 2020

Chesapeake Energy Stock si schianta un altro 20% su più cattive notizie

                                         

                                     

                                                                                          

Una grande agenzia di rating ha usato le parole “insostenibile struttura del capitale” in una nota di declassamento del debito.

                            

                                                                                                                           

    

        

             

    

                                                                                                                                                                                                                                                         

Quello che è successo?

Azioni di Chesapeake Energy (NYSE: CHK) sono in calo 19. 9% a 1: 05 pm EDT di aprile 27, a seguito di una nota di Moody’s Corporation dopo la chiusura del mercato ad aprile 24, declassando il debito senior non garantito del produttore di petrolio in difficoltà. Moody’s ha abbassato il rating delle note non garantite senior di Chesapeake a “C”, citando la “struttura del capitale insostenibile” della società e il crollo del petrolio in corso aumentando la probabilità che Chesapeake si indebitasse sul suo debito.

E allora

Moody’s, una delle principali agenzie di rating, attribuisce un rating “C” al debito che è sul cuspide del default, con il passaggio successivo a “D” riservato alle obbligazioni che sono già in default. Il grande sell-off di oggi sembra essere un campanello d’allarme per molte persone che hanno acquistato di recente azioni Chesapeake sulle aspettative che la società potrebbe in qualche modo evitare il fallimento.

Fonte immagine: Getty Images.

Oltre al downgrade di Moody’s, le notizie sul fronte dello stoccaggio del petrolio rimangono terribili. Durante il fine settimana, la Corea del Sud – una delle maggiori aree di stoccaggio commerciale di petrolio in Asia – ha esaurito lo stoccaggio extra. Qui negli Stati Uniti, la situazione dello stoccaggio è solo leggermente migliore, ma siamo ancora probabilmente solo un paio di settimane a corto di spazio di archiviazione commerciale (e alcune aree sono già piene).

Ora cosa

Il futuro di Chesapeake è netto. La società contava sulle vendite di attività per aiutarla a ripagare le scadenze del debito in 2020 e la società era semplicemente non è preparato per affrontare l’epica recessione causata dalla pandemia COVID – 19 . Da questo punto in poi cambieranno molte cose nella zona petrolifera, compresi i finanziatori che rendono molto più difficile l’accesso al capitale, e l’enorme quantità di petrolio in giacenza spingerà i benefici dell’eventuale ripresa della domanda di petrolio ancora più in futuro.

Il declassamento di Moody’s è una prova in più che è improbabile che Chesapeake sopravviva alla crisi senza dover ristrutturare il proprio debito, e il risultato più probabile è il fallimento. Chesapeake the company potrebbe sopravvivere alla crisi per bancarotta, ma un fallimento quasi sicuramente spazzerebbe via gli attuali azionisti. Ci sono pochi motivi per rischiare qualsiasi capitale su questo travagliato produttore di petrolio in questo momento.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

                                                                                               

                             

                     

Articolo originale di Fool.com