venerdì 24 settembre 2021

Chiudi i prestiti PPP, lottando senza assistenza all’infanzia: come Covid-19 sta influenzando le piccole imprese di proprietà delle donne

A marzo 16, Il sindaco di San Francisco London Breed ha emesso un ordine di domicilio per la città, costringendo molte aziende locali a chiudere in mezzo alla pandemia di coronavirus. Una di queste attività era la famosa azienda di fiori Farmgirl Flowers, che è stata avviata oltre nove anni fa da Christina Stembel.

La compagnia, che fornisce composizioni floreali personalizzate ai clienti in tutto il paese, era sulla buona strada avere un anno record dopo l’apertura di un secondo centro di distribuzione in Ecuador a gennaio, afferma Stembel. Ma, con l’epidemia di coronavirus che si diffonde in tutto il mondo, Stembel afferma che tutto è cambiato da allora.

CNBC Make It ha parlato a Stembel e ad altre donne imprenditrici circa l’impatto della pandemia di oggi sulle loro aziende mentre combattono per finanziamenti federali, svolgono operazioni commerciali pivotanti e gestiscono le esigenze di assistenza all’infanzia.

La fondatrice di Farmgirl Flowers Christina Stembel.

Credito fotografico: Christina Stembel

Bloccata dal programma di protezione della busta paga

Entro la prima settimana di chiusura delle porte di Farmgirl Flowers, Stembel afferma che le vendite sono diminuite di 60% e approssimativamente $ 150, 000 il valore dei fiori ha dovuto essere scartato. Inoltre, il suo 197 – il team della persona doveva essere tagliato in 40 persone a causa di un rallentamento delle operazioni commerciali. Per fortuna, afferma Stembel, è stata in grado di collegare molti dei suoi dipendenti licenziati con un’altra società locale che stava assumendo.

Per far fronte alla recessione negli affari, l’imprenditrice con sede a San Francisco fatto domanda per il Paycheck Protection Program, un prestito di Small Business Administration (SBA) destinato ad aiutare i proprietari di piccole imprese a rimanere a galla durante il COVID – 19 crisi. Prima che il primo round di finanziamento fosse distribuito all’inizio di aprile, Stembel afferma di aver fatto ricerche su tutto ciò che poteva sul programma. Questo includeva, dice, seduto su sei teleconferenze, di cui una con Ernst & Young, per avere un’idea di come avrebbe funzionato il prestito.

“Sono stato in grado di avere accesso alle informazioni che altre piccole imprese non erano”, afferma Stembel, che si è seduto alla chiamata di Ernst & Young perché era un partecipante del passato all’imprenditoria dell’azienda Programma Winning Women, che fornisce risorse aggiuntive a un gruppo selezionato di imprenditrici.

Usando il suo canale YouTube per condividere le conoscenze apprese dalla sua rete, Stembel afferma di aver ricevuto molti feedback da altri proprietari di piccole imprese che non avevano idea di come avrebbe funzionato il prestito PPP. “Ho ricevuto centinaia di e-mail da tutte le informazioni che ho diffuso da persone come” Non sapevo che sarebbe finita? ‘ E lo sapevo da tutte quelle teleconferenze … quindi mi sono assicurato di essere pronto. “

Quando l’SBA ha lanciato il suo primo round di $ 350 miliardi di prestiti governativi il 3 aprile, Stembel era sul suo computer e pronta a inviare i suoi documenti a 12: 01 am Ma, dopo essere stata incapace di inviare le sue informazioni attraverso il sito web della sua banca, ha chiamato la sua banca e le è stato detto che ci sarebbero voluti “5-9 giorni lavorativi per ottenere il loro sistema è pronto e pronto “. Alla fine, dopo aver atteso qualche giorno, Stembel è stata in grado di presentare la sua domanda. Ma, come molte donne e proprietari di piccole imprese di minoranze, le è stato negato un prestito in quanto i fondi per il programma si sono rapidamente esauriti entro aprile 12.

“Sai, la maggior parte delle aziende a cui era stata data la priorità avevano già accesso al capitale”, afferma Amaya Smith, proprietaria di una boutique di bellezza a Washington, DC, chiamata Brown Beauty Co-Op con la sua amica Kimberly Smith. “Abbiamo visto le storie di Shake Shack e dei Lakers restituire soldi. Questo programma doveva essere destinato alle piccole imprese e, sfortunatamente, penso che stia esacerbando molte delle disparità che abbiamo già visto nel finanziamento.”

Secondo alcuni esperti, si stima fino al 90% della minoranza e delle donne titolari di piccole imprese essere negato un prestito PPP perché gli istituti finanziari favoriscono i clienti preesistenti nella distribuzione dei fondi. Sebbene possa sembrare un’idea razionale per le banche, Joseph Parilla, membro del Metropolitan Policy Program presso il Brookings Institution, spiega perché questo metodo non è giusto per molti.

In 2018, il prestito di dimensioni medie per le imprese di proprietà femminile era 31% in meno rispetto al prestito di dimensioni medie per le imprese di proprietà maschile, secondo il mercato del credito online Biz2Credit. Inoltre, con le grandi banche che approvano 60% dei prestiti dei proprietari di imprese bianche, rispetto al 50% dei prestiti degli imprenditori ispanici e 29% dei prestiti da parte di imprenditori neri, Parilla afferma che è impossibile che il prestito PPP sia equo.

Fondatori della Cooperativa Brown Beauty Kimberly Smith e Amaya Smith.

Foto credito: Brown Beauty Co-Op

Adeguamento delle attività commerciali

Quando l’epidemia di coronavirus è iniziata per la prima volta all’inizio di marzo, Kimberly e Amaya stavano già prendendo provvedimenti per adeguare il loro modello di business al fine di mantenere a galla la loro azienda. Hanno immediatamente iniziato a seguire le linee guida CDC per assicurarsi che non ci fossero grandi gruppi di persone nel loro negozio contemporaneamente e hanno iniziato a offrire disinfettante per le mani a tutti i clienti che varcavano la soglia. Alla fine, si sono rivolti all’offerta di un’opzione di ritiro per i prodotti in negozio, prima di chiudere ufficialmente le porte a marzo 19.

“Posso dire che abbiamo visto un declino di circa 75 – 85% delle entrate “, afferma Kimberly, spiegando che la maggior parte delle vendite dei loro prodotti sono sempre avvenute in negozio .

Per rimanere in contatto con i propri clienti e mantenere un certo livello di fondi in arrivo, Kimberly e Amaya hanno indirizzato le persone al loro sito Web per acquistare prodotti. Hanno anche offerto consulenze virtuali ai clienti che desiderano saperne di più su un prodotto prima dell’acquisto.

“Sai, siamo davvero fuori di testa,” dice Amaya, spiegando nel dettaglio che hanno anche avviato una pagina GoFundMe per far quadrare i conti. Finora, grazie all’assistenza clienti, i due co-fondatori hanno raccolto oltre $ 5, 000 per aiutare con le operazioni aziendali.

“Ovviamente, GoFundMe arriva più velocemente del prestito PPP”, afferma Kimberly, mentre spiega che stanno ancora aspettando di sentire se riceveranno denaro dal secondo round di finanziamenti SBA lanciato ad aprile 27.

Allegra LaViola, proprietaria della galleria d’arte di Manhattan Sargent’s Daughters.

Credito fotografico: Belathee Photography

Gestire le esigenze di assistenza all’infanzia

Oltre ad attendere l’approvazione per un prestito PPP, Allegra LaViola, proprietaria della galleria d’arte Sargent’s Daughters in Manhattan, inoltre, sta affrontando l’enorme responsabilità di essere un imprenditore senza assistenza all’infanzia.

Come molti genitori, lei e suo marito hanno pagato le tasse in anticipo perché il loro bambino di 2 anni rimanesse all’asilo durante l’estate mentre lavoravano. Ma, con l’asilo nido e le scuole chiuse, LaViola afferma che ora stanno pagando per un servizio che non stanno ricevendo ed è improbabile che otterranno i soldi indietro.

Nel caso in cui la sua galleria e altre attività aprano presto, afferma che l’assistenza all’infanzia sarà ancora una priorità. Sebbene lei e suo marito lavorino entrambi da casa adesso, LaViola dice che in circostanze normali sono entrambi fuori casa con il marito che lavora in un ufficio e lei nella sua galleria d’arte.

“Come posso lavorare se devo prendermi cura di un bambino molto piccolo che non può essere fisicamente lasciato solo”, spiega, spiegando che la scuola di suo figlio è chiusa per tutta l’estate . “Dal punto di vista finanziario, gran parte del nostro asilo nido era già stato pagato in anticipo, quindi abbiamo già esaurito il nostro budget per l’assistenza all’infanzia. Quindi, anche se potessi trovare una babysitter che è disposta a fare da babysitter a mio figlio, come posso pagare per questo ? “

LaViola sottolinea che lo stress nella cura dei bambini è solo un peso aggiuntivo per le molte altre difficoltà che sta affrontando come imprenditrice con una posizione di mattoni e malta. Fortunatamente, dice, ha solo un dipendente retribuito, che ha compreso la necessità di ridurre le sue ore. E per fortuna, dice LaViola, è stata in grado di negoziare un accordo con il proprietario nella sua galleria per ottenere uno sconto sull’affitto. Ma, se le cose continuano ad andare come sono senza alcun finanziamento, la mamma e l’imprenditrice dicono di non essere sicura di cosa riserva il futuro.

“Non so per quanto tempo posso farlo.”

Check-out: Le migliori carte di credito di 2020 potrebbe farti guadagnare oltre $ 1, 000 tra 5 anni

Da non perdere: Perché opzioni di lavoro flessibili a lungo termine potrebbe essere un punto di svolta per le donne

Articolo originale di CNBC