venerdì 27 novembre 2020

Come andare in pensione prima per malattia

Esistono molti pareri riguardo al problema del prepensionamento per malattia. Talvolta si ritiene erroneamente che una possibile malattia cronica sia sufficiente per smettere di lavorare e andare in pensione prima. Le cose non sono esattamente così.

Chi è malato può smettere di lavorare prima?

A livello medico, una patologia è definita come cronica che non significa guarigione o miglioramento, ma solo stazionaria o peggiorante nel tempo. Se questa malattia impedisce o ostacola l’esecuzione del lavoro, il diritto al riconoscimento di incapacità o disabilità può sorgere nei casi più gravi. Pertanto, ogni pensione per malattia cronica richiede il riconoscimento di una di queste due condizioni.

Oltre alla pensione INPS, se la patologia rientra nella categoria delle malattie professionali, dà diritto alla pensione Inail.

Il diritto al riconoscimento della disabilità, avviene in modi differenti e secondo la valutazione della disabilità, che può variare a seconda della categoria professionale e delle prestazioni richieste:

  • Al fine di determinare la percentuale di igiene civile, viene calcolata la riduzione della capacità di lavoro generale;
  • Una commissione medica ad hoc è necessaria la valutazione della disabilità pensionistica INPS 

Se hai riconosciuto di non poter svolgere alcun tipo di attività lavorativa, in modo assoluto e permanente e di avere un contributo di almeno 5 anni (di cui almeno 3 sono stati pagati negli ultimi cinque anni), potresti avere diritto a una pensione per invalidità (l’assistenza dovrebbe da non confondere con le pensioni a causa dell’incapacità o del lavoro proficuo riservato ai funzionari pubblici).

Questo trattamento richiede l’interruzione di tutto il lavoro e la cancellazione di elenchi o registrazioni.

La pensione viene calcolata utilizzando gli stessi criteri della base per le pensioni dirette, sulla base di pagamenti, retribuzione media e anzianità. tuttavia, l’anzianità accumulata aumenta quando si applica un aumento (al limite massimo di 2080 assegni settimanali, corrispondente a 40 anni), a seconda del numero di settimane dall’inizio della pensione di invalidità a 60 anni.