lunedì 01 marzo 2021

Come eliminare l'olio di palma nel tuo bagno

Parole di Rebecca Bennett, fondatrice di The Solid Bar Company

Se sei Uno di un numero crescente di persone che boicottano i prodotti a base di olio di palma, saprai che non è un’impresa facile, dato che la palma è l’olio vegetale più consumato sul pianeta. Infatti, oltre il 12 dei prodotti sugli scaffali dei supermercati lo contiene, dalla margarina , cioccolato e cereali a dentifricio, cosmetici e prodotti per la pulizia.

Il problema è che la produzione industriale di olio di palma è stata disastrosa per le foreste pluviali del mondo e l’attenzione negli ultimi anni su questo tema ha portato molti marchi a considerare alternative etiche. Haircare è un luogo meno conosciuto in cui compare l’olio di palma e dove i marchi sono dietro la curva quando si tratta di andare senza olio di palma.

Se stai cercando di ridurre la quantità di palma olio che stai acquistando ma desideri comunque ottenere il meglio dai tuoi prodotti per la cura dei capelli e della pelle, Rebecca Bennett, fondatrice del produttore vegano di prodotti per la cura della persona The Solid Bar Company, dà i suoi migliori consigli su ciò che dovresti cercare e assolutamente evitare.

The Solid Bar Company è una palma marca senza olio di cosmetici e articoli da toeletta premium

Perché la palma olio usato nei capelli e nella cura della pelle?

È probabile che il tuo shampoo, balsamo, lozione o sapone preferito contenga olio di palma di qualche forma. È ampiamente utilizzato come materia prima negli ingredienti per la cura dei capelli come emulsionanti, emollienti, solubilizzanti e tensioattivi (agenti per la pulizia delle superfici).

I marchi amano questo materiale perché è economico (molto più economico di altri oli naturali come oliva, mandorla, albicocca e cocco), inodore e incolore, ha una buona schiuma ed è anche idratante. La sua consistenza semisolida a temperatura ambiente aiuta anche i prodotti a base di sapone e shampoo a mantenere la loro forma.

Quale danno è la produzione di olio di palma che causa il ambiente?

Come coltura, la palma è incredibilmente efficiente e veloce da coltivare. Ma, per far posto alle piantagioni di palme, enormi aree delle foreste pluviali più biodiverse del mondo vengono ripulite, mettendo le specie autoctone a rischio di estinzione.

Attualmente, si stima che 18 milioni di ettari di terreno vengono utilizzati per la produzione industriale di olio di palma e cinque campi da calcio di la deforestazione si verifica ogni minuto. Presto, se lasciato incontrollato, potremmo assistere alla perdita totale delle foreste pluviali.

Attualmente, si stima che 18 milioni di ettari di terreno vengono utilizzati per la produzione industriale di olio di palma e ogni minuto si verificano cinque campi da calcio di deforestazione

L’olio di palma “sostenibile” è migliore?

In poche parole, no. Potresti vedere alcuni prodotti contrassegnati dalla certificazione di olio di palma sostenibile RPSO, ma è utile quanto una teiera di cioccolato. In realtà, nessun olio di palma è sostenibile poiché tutte le piantagioni sono costruite su foreste pluviali appiattite e stanno contribuendo al declino delle specie autoctone. Fino a quando non cambierà, è meglio non usare l’olio di palma.

Come sapere se i tuoi capelli e i prodotti per la cura della pelle contengono olio di palma

Dall’entità del problema può sembrare che le tue scelte quotidiane non facciano la differenza, ma non è vero. Solo quando i marchi iniziano a perdere clienti (e profitti) rimuoveranno l’olio di palma dai loro prodotti.

Quindi, ecco come puoi individuare se i tuoi prodotti da bagno contengono olio di palma e alcune cose extra che tu può fare per supportare la libera circolazione dell’olio di palma:

L’olio di cocco ha un impatto ambientale inferiore rispetto all’olio di palma quando viene raccolto a mano e non necessita di pesticidi o erbicidi

1. Controlla sempre l’etichetta del prodotto e l’elenco degli ingredienti prima di acquistare. L’olio di palma può essere presente in tutti i tipi di ingredienti, quindi fai la tua ricerca e prendi nota dei nomi alternativi per l’olio di palma.

2. Non puoi sempre dire se alcuni ingredienti (come SLS e alcol cetilico / cetearilico) sono a base di olio di palma o usano una fonte alternativa come il cocco. Se non è chiaro, controlla la pagina del prodotto sul sito Web del marchio prima di contattarlo direttamente via e-mail o sui social media. Puoi anche verificare se hanno una certificazione o averla per iscritto dal produttore.

3. Scegli i produttori che utilizzano alternative al palmo. L’olio di cocco ha un minore impatto ambientale in quanto viene raccolto a mano e non richiede pesticidi o erbicidi. Così fa anche l’olio di jojoba che cresce nel deserto con pochissima acqua. Ma se vuoi mantenere le cose a livello locale, l’olio di colza coltivato nel Regno Unito è un’ottima alternativa sostenibile senza miglia aeree.

4. No sconto su un prodotto senza olio di palma se non dispone di una certificazione senza olio di palma. È costoso per le aziende, soprattutto quelle più piccole, acquistarlo, quindi non lo troverai sempre sulla confezione. Contatta direttamente il marchio.

5. Quando trovi un prodotto senza olio di palma che funziona, gridalo! Condividi la tua scoperta con i tuoi amici e familiari per sostenere il movimento contro l’olio di palma.