domenica 01 novembre 2020

Come Enbridge intende crescere nell’era dell’opposizione al gasdotto e collegare il petrolio canadese ai mercati mondiali

CALGARY – In un momento in cui la costruzione di nuovi gasdotti è diventata sempre più impegnativa, la più grande società di gasdotti del Nord America sta cercando progetti conservativi a basso rischio per la crescita.

“Ci siamo adattati a questo ambiente … Non si tratta solo di crescita, ci concentriamo sull’espansione, l’estensione e l’ottimizzazione della base esistente, che sarà molto efficiente in termini di capitale “, ha dichiarato il presidente e CEO di Enbridge Inc Al Monaco durante la conferenza degli investitori a New York.

Monaco ha affermato che Enbridge adotterà tale approccio a basso rischio sia per i nuovi progetti sia per il bilancio e le finanze. Ad esempio, Enbridge ha aumentato il suo dividendo del 9,8 per cento, ma ha dichiarato che non si impegnerà in un programma di riacquisto di azioni fino a quando non verrà costruita la parte statunitense del suo progetto di sostituzione della pipeline di Linea 3.

Monaco ha descritto l’approccio dell’azienda ai pagamenti degli azionisti come “capitale di ritorno in modo sostenibile”.

Le azioni di Enbridge sono state scambiate di un livello inferiore a $ 51. 33 su Toronto, ma vicino al suo 52 -settimana alta di $ 51. 96.

La maggior parte dei progetti identificati da Enbridge sono estensioni o ottimizzazioni di condotte esistenti o tentativi di connettere infrastrutture esistenti a nuove strutture – compresi piani annunciati lunedì per collaborare con Enterprise Product Partners LP di Houston su un olio per acque profonde terminal di esportazione che si collegherebbe con le sue risorse esistenti.

Enbridge con sede a Calgary, che aveva cercato l’approvazione per costruire il gasdotto Northern Gateway ora cancellato per consentire le esportazioni di petrolio fuori la costa occidentale canadese alcuni anni fa – ha affermato che avrebbe partecipato alla costruzione di un porto in acque profonde da parte del terminal petrolifero del porto marittimo dell’Enterprise Product Partners nei pressi di Houston, in grado di caricare grandi navi grezze.

parte di tale annuncio, la società prevede di costruire un nuovo terminal di stoccaggio di petrolio greggio 15 da un milione di barili nell’area per immagazzinare il greggio prima viene esportato dal porto.

A novembre, la compagnia ha iniziato a chiedere alle compagnie petrolifere di firmare contratti per espandere il gasdotto Seaway di 200, 000 barili al giorno.

Seaway è un’altra joint-venture tra Enterprise ed Enbridge che sposta il petrolio dal centro di stoccaggio di Cushing, Okla., alle raffinerie e ai terminal di esportazione sulla costa del Golfo degli Stati Uniti.

Monaco ha affermato che ciascuno di questi tre progetti consentirebbe alla società di “migliorare ed estendere” la società rete di condotte “che si estende dal Canada occidentale, al Midwest e attraverso il Midcontinent e la costa del Golfo degli Stati Uniti. ”

I tre progetti, messi insieme, consentiranno a Enbridge di spostare il petrolio canadese verso i mercati di esportazione attraverso i porti degli Stati Uniti piuttosto che costruire un nuovo oleodotto in Canada.

Il terminal delle esportazioni di petrolio, il terminal Jones Creek e la stagione aperta di Seaway rappresentano “l’avanzamento più significativo della strategia della costa del Golfo degli Stati Uniti”, ha affermato l’analista CIBC Capital Markets Robert Catellier.

Tutto in , Catellier ha stimato che Enbridge potrebbe spendere 2 miliardi di dollari USA per il terminale di esportazione del petrolio e tra 1 milione di dollari 500 e 1 miliardo di dollari per costruire il terminal petrolifero in più fasi

“È ipotizzabile che la società offrirà un servizio completo ai mercati di esportazione”, ha osservato Catellier.

Enbridge ha anche identificato una serie di altri progetti su cui si basava l’espansione o l’ottimizzazione del suo sistema esistente, compreso l’espansione del suo gasdotto T-Sud nella Columbia Britannica e dei suoi gasdotti che servono i terminali di esportazione del GNL degli Stati Uniti in Texas.

“Non abbiamo in programma piani di fusione e acquisizione in questo momento”, ha dichiarato martedì il capo finanziario di Enbridge, Colin Gruending, aggiungendo che la società si è impegnata a ridurre il proprio debito.

Spinto dagli analisti se Enbridge avrebbe svenduto le attività per ridurre il debito, Gruending ha affermato che la società considera la maggior parte del suo portafoglio attuale come “core” per la sua attività.

Enbridge ha riportato $ 60. 9 miliardi di debito a lungo termine alla fine del quarto trimestre di quest’anno, e la leva della società è stata messa in dubbio in passato.

In 2018, Enbridge ha venduto parti della sua attività canadese di gas naturale a Brookfield Asset Management per $ 4,3 miliardi di dollari per la riduzione del debito. Mentre la società ha affermato di non voler vendere altri beni di grandi dimensioni, “Siamo di mentalità aperta”, ha detto Gruending.

“Se il prezzo fosse ridicolo, potrebbe essere allettante”, ha detto .

• Email: gmorgan@nationalpost.com | Twitter: geoffreymorgan

Come riportato da Financial Post