Entra in contatto con noi

Affari e Tecnologia

Come fallì la prima auto elettrica di General Motors

Pubblicato

il

Jack Harding / RJ Muna L’EV1 era una vera auto elettrica sulle strade nel 1996. Allora dove è andata a finire?

La moderna rivoluzione delle auto elettriche è ancora agli inizi, ma sarebbe potuta iniziare molto prima se la storia fosse andata un po’ diversamente. Questa è la storia della EV1, la prima auto elettrica moderna di General Motors.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

La necessità della velocità elettrica Nel gennaio 1990, La General Motors ha mostrato una concept car al LA Auto Show di quell’anno, chiamato “Impatto”. Era un veicolo a due posti completamente elettrico, progettato da zero come un veicolo elettrico, invece di utilizzare un telaio esistente di un’auto a gas. GM ha detto che potrebbe passare da zero a 60 miglia all’ora in 8 secondi. Per fare un confronto, la Tesla Model 3 Performance può farlo circa 3 secondimentre il 2023 Chevy Bolt elettrico è pubblicizzato a 6,5 ​​secondi.

L’Impact era alimentato da 32 batterie al piombo, lo stesso tipo di batteria utilizzato nelle auto a gas allora e adesso. L’autonomia ufficiale era di 124 miglia, ma il pacco batteria avrebbe dovuto essere sostituito ogni 20.000 miglia, che secondo GM sarebbe costato circa $ 1.500.

Anche se l’auto era impressionante, la General Motors era riluttante a trasferirla alla produzione di massa, aspettandosi una bassa domanda da parte degli acquirenti. Tuttavia, alcuni stati degli Stati Uniti come la California e New York speravano di approvare leggi per aumentare l’adozione di auto elettriche, con l’obiettivo di ridurre ulteriormente l’inquinamento atmosferico nelle città e diminuire la dipendenza dal petrolio, l’ultima grande crisi dell’approvvigionamento di petrolio era solo un decennio prima. La concept car Impact ha mostrato ai governi che tali leggi potevano essere pratiche, poiché i veicoli elettrici utilizzabili stavano diventando una realtà.

Advertisement

Il California Air Resources Board ha approvato un programma per veicoli a basse emissioni e carburanti puliti nello stesso anno, nel settembre 1990, che richiedeva che i veicoli a basse emissioni (LEV) costituissero una certa percentuale di tutte le auto vendute da una determinata azienda in California. Le regole originali prevedevano che i LEV rappresentassero il 2% delle vendite di ciascuna casa automobilistica, a partire dal 1998. L’asticella sarebbe stata aumentata al 5% nel 2001, quindi al 10% nel 2003.

La legge si applicava a qualsiasi produttore che vendesse 35.000 o più auto all’anno in California, che all’epoca comprendeva Chrysler, Ford, Honda, Mazda, Nissan, Toyota e General Motors. Anche New York e il Massachusetts si sono impegnati a seguire l’esempio della California. All’improvviso, GM ebbe un mercato per l’Impact.

Dal concetto alla realtà Anche se l’Impact era una concept car impressionante e le autorità di regolamentazione volevano che le case automobilistiche vendessero veicoli elettrici, alcuni alla General Electric hanno continuato a insistere sul fatto che nessuno voleva un’auto elettrica. Una versione di produzione dell’Impact costerebbe troppo e la gamma limitata non sarebbe sufficiente per interessare chiunque. I governi statali hanno affermato che le case automobilistiche semplicemente non volevano rendere obsoleti i loro investimenti decennali nei motori a gas.

Motori generali ha testato l’impatto con potenziali clienti in tutto il paese all’inizio del 1994, prestando 50 auto con prestiti di due settimane a 1.000 famiglie. Con grande sorpresa di GM, l’interesse per i test drive è stato travolgente. La società si aspettava 4.000 risposte a Los Angeles, in California, invece ha ricevuto 9.300 chiamate. A New York, GM ha stimato meno di 5.000 famiglie interessate, ma oltre 14.000 persone erano interessate. Sean P. McNamara, all’epoca responsabile della pianificazione del mercato per i veicoli elettrici presso GM, ha detto Il New York Times“solo perché riceviamo tutte queste chiamate non significa necessariamente che siano tutti acquirenti”.

Advertisement

I tester erano dotati di un’unità di ricarica nei loro garage, proprio come moderni caricabatterie per veicoli elettrici domestici, e ha dovuto pagare per il potere. Non molto tempo dopo, La California ha cambiato la sua tempistica per l’adozione del LEV, poiché le case automobilistiche erano lente nello sviluppo di auto elettriche capaci. Aziende come GM ora dovevano produrre solo 3.750 auto elettriche tra il 1998 e il 2000 – una soglia molto più bassa – con una regola del 10% ancora in vigore per il 2003.

Finalmente, nel dicembre 1996, l’Impact divenne un’auto vera. Era quasi identica all’Impact, ma ora aveva il nome “General Motors EV1” — la prima auto dell’azienda con una targhetta “General Motors” invece di “GM” o una sottomarca. Il prezzo consigliato era di $ 34.000 (circa $ 60.494 nel 2022, convertito per l’inflazione), ma in realtà non potevi acquistare la macchina. L’EV1 era disponibile solo tramite programmi di leasing presso i concessionari Saturn situati in California e Arizona, e l’auto poteva essere riparata solo presso quei concessionari.

Smithsoniano Nonostante l’autonomia e la disponibilità limitate, l’auto lo era relativamente popolare tra i conducenti. UN Recensione del 1996 da Automobile ha detto, “non puoi fare a meno di essere impressionato dall’esperienza di guida complessiva. L’EV1 è incredibilmente veloce, comodo e manovrabile e vanta tutti i normali comfort. Inoltre, è pieno di funzionalità progettate in modo intelligente. Il Numero di marzo 1997 di Auto e autista ha affermato, “possiamo osservare che l’EV1 ha un fascino limitato in questo momento. È silenzioso, funziona bene e non emette inquinamento, ma i problemi di autonomia, il tempo di ricarica e l’elevato costo di acquisto (vedi barra laterale) sono ostacoli che dovranno essere trascurati o superati prima che l’EV1 rappresenti una valida alternativa a automobili a gas. Comunque è un inizio”.

Il crossover di Star Trek I primi piloti erano entusiasti dell’EV1, o almeno disposti ad accettare i compromessi della prima tecnologia, ma la General Motors non era ancora completamente a bordo. La pubblicità era per lo più limitata al direct mail e ad alcune riviste. General Motors aveva noleggiato solo 176 auto EV1 nel maggio 1997 e solo 300 entro la fine del 1997. Un dipendente GM in seguito disse Il New York Times, “Abbiamo lanciato l’auto nel dicembre del 1996 e verso aprile ho capito che eravamo stati ingannati. Non stavano commercializzando il veicolo.

Advertisement

Proprio come sarebbe successo con le auto Tesla anni dopo, una piccola comunità di appassionati si è formata attorno all’EV1, promuovendo l’auto ad amici e familiari. Alcuni credevano che GM volesse che l’EV1 fallisse nel mercato, così la California sarebbe stata convinta ad abbandonare i suoi requisiti LEV. La comunità ha preso in mano il marketing.

Un fan dell’EV1 lo era Marvin V. Rushun direttore della fotografia che stava lavorando allo show televisivo Star Trek: Viaggiatore al momento. Disse Il New York Times, “Ovunque si guardi su questa macchina, c’è una tecnologia straordinaria.” Data la mancanza di entusiasmo da parte di GM, Rush ha speso $ 20.000 dei propri soldi per produrre e mandare in onda quattro spot radiofonici non autorizzati per EV1. Ha persino convinto i membri del cast di Star Trek: Viaggiatore a prestare la loro voce, compreso Roberto Picardo (il medico olografico della serie) e Ethan Phillips (chi gioca Neelix).

“Non sarebbe fantastico…” doppiato da Robert Picardo (eanet.com)

“Spolverato!” doppiato da Ethan Phillips e Robert Picardo (eanet.com)

Advertisement

“Issues” doppiato da Ethan Phillips (eanet.com)

Quattro annunci radiofonici sono stati trasmessi su KFI AM 640 a Los Angeles nel maggio 1998, e almeno altri cinque sono stati registrati da Rush. La General Motors in seguito decise di farlo rimborsare Rush e continuare a utilizzare gli spot radiofonici.

Dire addio all’EV1 Motori generali ha aggiornato l’EV1 per l’anno modello 1999, soprannominandolo “Gen 2”, disponibile in due versioni. Il primo utilizzava le stesse batterie al piombo dell’originale, con un’autonomia di 80-100 miglia. L’altra opzione prevedeva batterie al nichel-metallo idruro, con un’autonomia stimata di 100-140 miglia. General Motors ha anche ridotto della metà il costo di installazione dei caricabatterie domestici a $ 500.

Anche l’infrastruttura per la ricarica era migliore quando è arrivata la Gen 2. C’erano poco più di 300 stazioni di ricarica pubbliche nel sud della California e nell’area della baia di San Francisco, e 43 in Arizona. Tuttavia, GM ha costruito solo 500 auto Gen 2, quanto basta per soddisfare i requisiti della California.

Advertisement

La California ha cambiato ancora una volta la tempistica per l’adozione dei veicoli elettrici nel gennaio 2001: l’obbligo per il 10% delle vendite di un’azienda di essere veicoli elettrici entro il 2003 è stato ridotto a solo il 2%. La General Motors pensava ancora che quel numero fosse troppo alto e ha avviato una causa contro la California un mese dopo per abbandonare il requisito. In particolare, nessun’altra casa automobilistica si è unita immediatamente alla causa e la maggior parte di loro stava anche sviluppando veicoli elettrici. Honda ha rilasciato il EV Plus nel maggio 1997, ma è stato interrotto nel 1999 a favore dell’ibrido Intuizione Honda. Toyota aveva il RAV4 EVe Ford stava vendendo il Ranger EV camioncino per un po’.

La tempistica legale per i veicoli a emissioni zero è stata infine sospesa del tutto a causa di un ordine del tribunale. Con la pressione legale scomparsa, General Motors ha messo a tacere l’EV1. La società ha informato i conducenti di EV1 che i loro contratti di locazione non sarebbero stati rinnovati e, poiché l’auto non era mai stata disponibile per l’acquisto, la mossa avrebbe restituito tutti i veicoli EV1 a GM. La maggior parte dei contratti di locazione è terminata nel 2003, con gli ultimi scaduti nell’agosto 2004. Nel luglio 2003, un finto funerale si è tenuto all’Hollywood Forever Cemetery.

Foto del finto funerale del 24 luglio 2003 Bob Sexton / Club EV1 General Motors ha schiacciato la maggior parte delle auto EV1 dopo che sono stati restituiti, sostenendo che vendere le auto (o consentire alle persone di salvarle) costerebbe troppi soldi in richieste di garanzia e parti in testa. Tuttavia, alcune auto sono state salvate per essere donate a università e musei.

GM ne ha dato uno allo Smithsonian Institutionche è attualmente in mostra al National Museum of American History di Washington, DC Un altro EV1 è stato donato alla Western Washington University, che studenti e docenti restaurati nel 2007come si vede nel video qui sotto.

Advertisement

La General Motors ha detto che la scuola stava violando il suo accordo originale, secondo il quale l’auto non doveva essere guidata su strade pubbliche o private, e l’auto è stata infine convertita in un veicolo ibrido. L’EV1 dato alla Brigham Young University era modificato per competizioni agonisticheraggiungendo un quarto di miglio di distanza in 14,08 secondi al Mason Dixon Dragway di Hagerstown, nel Maryland nel 2005. Un EV1 non modificato emerso nel 2021conservato in un campus universitario non specificato negli Stati Uniti.

Forse l’EV1 sopravvissuto più esilarante è nella collezione di Francis Ford Coppola, direttore di Il Padrino e altri film classici. Coppola guidava un EV1 quando GM li noleggiava, e secondo un episodio dello spettacolo del 2015 Garage di Jay Lenolui semplicemente ha nascosto l’auto in casa sua quando GM lo ha chiesto indietro. La chiave per mantenere la tua auto con un leasing scaduto è essere un famoso regista di Hollywood, a quanto pare.

Negli anni successivi alla sospensione dell’EV1, le auto ibride si sono ritagliate una nicchia nel mercato, ma le vere auto elettriche del mercato di massa hanno impiegato molto più tempo. Il Mitsubishi i-MiEV e Foglia di Nissan, lanciato rispettivamente nel 2009 e nel 2010, ha spinto l’adozione dei veicoli elettrici in Giappone e successivamente in altri paesi. Il Tesla Roadster è stato introdotto nel 2008, che alla fine ha portato all’attuale Model S e Model X.

La General Motors è finalmente tornata alle auto elettriche con il Chevrolet Volt nel 2010, un ibrido plug-in con una grande batteria primaria, e successivamente il tutto elettrico Chevrolet Spark EV nel 2013. Potrebbe essere passato più di un decennio dopo l’EV1, ma alla fine GM ci è arrivata.

Advertisement

Questa storia era originariamente un episodio di Racconti tecniciun podcast che copre s storia della tecnologia.

Advertisement

Trending