venerdì 26 febbraio 2021

Come gli orologiai di lusso utilizzano la tecnologia blockchain digitale per dare fiducia ai clienti

Pronuncia la parola ‘Bitcoin’ venti anni fa o più e ti saresti ritrovato davanti a un mare di occhi vuoti. Solo dieci anni fa, forse sarebbe stato un piccolo cenno di riconoscimento, ma quasi certamente l’idea sarebbe stata liquidata come un’altra di quelle mode che non avrebbero mai preso piede.

Da allora, il suo viaggio è stato impressionante e ha colto di sorpresa molti oppositori. In primo luogo, ha trasformato numerosi primi investitori in milionari durante la notte. E sebbene sia rimasto relativamente di nicchia negli ultimi anni, ora sta iniziando a prendere slancio mentre si fa strada saldamente nel mainstream.

Oggi, un numero crescente di persone sta investendo in criptovalute e, grazie a piattaforme di trading come Bitcoin Profit, più persone stanno incassando.

Bitcoin è stato lento ma sicuramente si sta facendo strada nel mondo dei marchi di lusso da alcuni anni, con più grandi nomi che mai che accettano pagamenti in criptovaluta digitali per beni e servizi che mai.

Ma l’orologiaio svizzero di fascia alta, Ulysse Nardin – di proprietà del gigante del lusso – Kering ha fatto un ulteriore passo avanti e ora utilizza la blockchain di Bitcoin per certificare l’autenticità delle sue carte di garanzia.

L’orologiaio svizzero Ulysse Nardin, di proprietà del gigante del lusso Kering, utilizza la blockchain di Bitcoin per certificare l’autenticità delle sue carte di garanzia. Credito immagine: Ivan P Simeon

Se pensi di aver già sentito il nome Kering, probabilmente non ti sbagli – proprietario di importanti case di moda tra cui Gucci e Yves-Saint-Laurent, è uno degli attori chiave nel settore del lusso e guadagna oltre £ 10 miliardi ogni anno grazie al suo portafoglio di marchi di fascia alta.

Quando si tratta di Ulysse Nardin, il passaggio verso la tecnologia digitale ha consentito al marchio di fornire un certificato blockchain non falsificabile quando i clienti registrano l’orologio per un’estensione di garanzia e protegge anche gli acquirenti stessi dalla vendita di contraffazioni o falsi.

I clienti ricevono un PDF contenente tutti le informazioni di cui hanno bisogno sull’orologio, incluso il numero di serie e le informazioni sulla garanzia, che possono quindi utilizzare per rintracciarlo sul leger immutabile della blockchain di Bitcoin. Se dovessero mai desiderare di vendere il loro orologio in futuro, saranno in grado di dimostrare la sua autenticità ai futuri acquirenti – un enorme vantaggio in un mondo in cui sta diventando sempre più difficile distinguere tra falsi e vero affare.

Bitcoin ha si sta facendo strada lentamente ma inesorabilmente nel mondo dei marchi di lusso ormai da alcuni anni. Credito immagine: Ivan P Simeon

Secondo un rapporto OCSE sulla contraffazione, il commercio mondiale di merci contraffatte vale più di £ 360 miliardi all’anno. Ma una volta che viene effettuata una voce nella blockchain, è lì in modo permanente, il che significa che non c’è spazio per gli hacker di interferire e nessuna opportunità per falsi non identificabili. Ciò lo rende incredibilmente utile quando si tratta di registrare l’autenticità di elementi che sono preziosi per la loro unicità.

Ulysse Nardin non è l’unico a trarre vantaggio da questo processo di autenticazione lungimirante; Il consorzio di identità digitale, Arianee, ha anche implementato il protocollo blockchain per autenticare un lotto limitato di portafogli di lusso – con l’orologiaio aeronautico Breitling, che utilizza il protocollo per il suo cronografo in edizione limitata. A ogni singolo orologio Top Time viene assegnata un’identità digitale unica utilizzando la tecnologia di registro distribuito per la massima sicurezza al momento dell’acquisto.

In effetti, Breitling ha affermato di essere il primo orologiaio a emettere orologi utilizzando una catena di blocchi garanzia certificata a marzo – con schede di garanzia elettronica scansionabili che consentono ai proprietari di scaricare un portafoglio crittografato che archivia in modo sicuro il passaporto digitale dell’orologio.

Kering è nota per la creazione di orologi di lusso. Credito immagine: Kering.

La tecnologia blockchain non viene utilizzata solo nel mondo degli orologi; Nel febbraio di quest’anno, la banca sudcoreana Nonghyup ha introdotto un sistema di identificazione dei dipendenti mobile utilizzando la tecnologia distribuita leger, sviluppata in collaborazione con il gigante tecnologico Samsung e destinata ad essere implementata a livello nazionale tramite il più grande operatore wireless della nazione.

Più tardi, a marzo, il Ministero per lo sviluppo comunitario degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato che si sarebbe affidato alla tecnologia blockchain per emettere documenti autenticati digitalmente durante la chiusura degli uffici a causa del Covid – 19 lockdown – segnalando che la tecnologia blockchain sta lentamente ma inesorabilmente diventando mainstream.

Il mondo dell’arte è un altro adottante, utilizzando la tecnologia per contrastare i falsari e fornire ai collezionisti desiderosi di tramandare i loro oggetti di valore come cimeli di famiglia o di metterli all’asta per un profitto ordinato, tranquillità.

Una cosa è certa; il nostro mondo è diventato più digitalizzato che mai – ed è una tendenza che possiamo aspettarci di vedere continuare a prendere slancio negli anni a venire. Mentre Bitcoin e l’industria blockchain continuano a crescere, potrebbe essere una fine anno interessante nel mondo della tecnologia e che potrebbe cambiare il modo in cui viviamo le nostre vite in molti modi a lungo termine.

Immagine nella parte superiore dell’articolo credito: Ivan P Simeon