lunedì 23 novembre 2020

Come mai Fortnite è stato rimosso da Apple e Google?

Ormai la battaglia tra Epic Games e i due colossi Google ed Apple sembra entrata nel vivo.

Il 12 agosto scorso, Apple (AAPL) ha rimosso l’app Fortnite dal suo store con la motivazione che la società di gioco, Epic Games, avesse violato alcune politiche dell’App Store. Tutto è nato dal fatto che all’interno del gioco è comparsa una schermata particolare che avrebbe rimandato ad una criptovaluta chiamata V-Bucks e che era possibile acquistare ad un prezzo vantaggioso scontato del 20%.

Il problema ulteriore era che il pagamento veniva indirizzato direttamente ad Epic Games anziché, come normale, ad Apple. Anche per il gigante di Mountain View è accaduta la stessa cosa. Rimozione da parte di Google (GOOGL) a seguito di violazione. Epic Games, ovviamente, ha informato i suoi legali per un’azione contro il comportamento dei due colossi tecnologici.

Il problema della condivisione degli introiti

Il gioco Fortnite è un download gratuito, ma potrebbe avere dei costi per personalizzare i propri personaggi.Ebbene oggi come oggi, milioni di giocatori in tutto il mondo spendono cifre astronomiche ogni minuto solo per apportare modifiche estetiche ai propri avatar. Per Epic Games ciò rappresenta una fonte di guadagno inesauribile e probabilmente brucia un po’ dover condividere i suoi guadagni con Apple e Google.

La questione quindi riguarda sostanzialmente le royalties. Epic Games ha inizialmente deciso di non pubblicare il gioco su Android Play Store, costringendo i giocatori a scaricare il gioco altrove. Ultimamamente in un Tweet ha anche preso in giro la società di Cupertino, riportando alla luce un episodio degli anni ’80 a proposito del Macintosh in una partita del Super Bowl. Nei confronti di Google invece si è divertita ad usare un  il famoso “Don’t be evil” in una sorta di contrappasso mediatico.

Non è dato saper come si concluderà la questione, ma certo è che il problema potrebbe ripresentarsi per i due giganti anche con altri sviluppatori, che a quel punto si sentirebbero più forti visti i precedenti.