Entra in contatto con noi

Attualità

Come pulire la malta

Pubblicato

il

Ecco i passaggi da seguire, dai più semplici, a quelli che affronteranno le situazioni più sporche, per pulire la malta:

1. Inizia con l’acqua

Il soluzione detergente più delicata è semplicissimo: acqua. Inizia spruzzando le fughe con acqua calda; lo stucco deve essere umido ma non inzuppato. Quindi utilizzare una spazzola di nylon con setole da morbide a medie per strofinare lo stucco umido con un movimento circolare. Dopo aver strofinato a fondo le fughe, asciugale. Non vuoi che rimangano bagnati o rischierai lo sviluppo della muffa.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

2. Alza la posta con aceto e acqua, ma conosci i rischi

Se la malta sembra ancora macchiata, puoi aumentare il livello di acidità del prodotto per la pulizia utilizzando una miscela di aceto e acqua diluita in un flacone spray, ma assicurati di comprendere il rischio. Se lo stucco è non sigillatoo non è stato recentemente richiuso, non utilizzare nemmeno una forma diluita di aceto per affrontare le macchie.

L’aceto acido scioglierà lo stucco. Anche la malta sigillata è a rischio di soluzioni detergenti che contengono aceto. Lo stesso vale per le soluzioni detergenti che contengono limone o altri liquidi con un basso valore di pH o soluzioni detergenti con candeggina o ammoniaca che contengono un alto valore di pH. Tutti sono potenzialmente dannosi per la malta.

Se vale la pena rischiare di danneggiare potenzialmente il sigillante o la malta per affrontare una macchia, allora potrebbe valere la pena uso una tantum. Tieni presente, tuttavia, che molti esperti di malta e piastrelle mettere in guardia contro l’uso di aceto su pavimenti o fughe. Se decidi di procedere, alcuni esperti di pulizia consigliano una miscela uno a uno di aceto e acqua tiepida che potrebbe essere spruzzato su stucco sigillato e poi strofinato con un pennello.

Advertisement

3. Prova una pasta di bicarbonato di sodio

Se questa miscela continua a non eliminare le macchie, le linee di stucco potrebbero essere coperte con a pasta di bicarbonato di sodio/acqua e poi spruzzato con una soluzione diluita di aceto/acqua e strofinato. Se lo stucco non è sigillato, usa la pasta bicarbonato di sodio/acqua senza lo spray all’aceto. Strofina e asciuga.

4. Passare a una pasta di bicarbonato di sodio/perossido di idrogeno

Macchie di stucco sigillate o non sigillate davvero ostinate potrebbero essere trattate con una pasta di bicarbonato di sodio / perossido di idrogeno. Applicare il pasta fatta in casa e strofinare leggermente, lasciare riposare per alcuni minuti, quindi risciacquare e asciugare.

5. Ultima risorsa: smacchiatore commerciale da banco

Per stucco profondamente macchiato che semplicemente non si solleva, in particolare per macchie di muffa e muffa, un prodotto da banco smacchiatore commerciale potrebbe essere necessario.

6. Anche la pulizia a vapore è un’opzione

Se sei diffidente nell’usare detergenti a base acida o alcalina che potrebbero potenzialmente danneggiare la malta con un uso ripetuto, allora pulizia a vapore potrebbe essere l’opzione migliore. Un pulitore a vapore è uno strumento elettrico che riscalda l’acqua a più di 200 gradi Fahrenheit (93 gradi Celsius) e quindi utilizza accessori per ugelli o spazzole per dirigere il vapore verso le aree che devono essere pulite, come le fughe. Poiché il pulitore a vapore si affida all’acqua surriscaldata per sollevare e rimuovere le macchie, non correrai il rischio derivante da soluzioni detergenti acide o alcaline.

Advertisement
Advertisement

Trending