Entra in contatto con noi

Mercati americani

Commento settimanale: compiacimento dell'inflazione

Pubblicato

il

Khanchit Khirisutchalual

Alcuni titoli della settimana: “I funzionari della Fed segnalano un ritmo più lento degli aumenti dei tassi”. “Alti funzionari della Fed prefigurano un ulteriore rallentamento degli aumenti dei tassi”. “Brainard della Fed fornisce supporto al rallentamento del ritmo degli aumenti dei tassi di interesse”. “Waller della Fed sostiene il rallentamento del prossimo rialzo dei tassi a 25 Punti base.” “George della Fed afferma che un atterraggio morbido è ancora possibile per l’economia statunitense.” “Brainard della Fed: domare l’inflazione potrebbe non causare grossi tagli di posti di lavoro.” ” “Gli Stati Uniti possono rallentare l’inflazione senza picchi di disoccupazione, afferma uno studio della Fed.” “Susan Collins della Fed di Boston afferma che un approccio misurato agli aumenti dei tassi ha senso.”

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Dow Jones ha citato Susan Collins, presidente della Fed di Boston: “Ora che i tassi sono in territorio restrittivo e potremmo, sulla base degli indicatori attuali, avvicinarci al picco, credo sia opportuno passare dal rapido ritmo iniziale di inasprimento a un ritmo più lento”.

I tassi sono sufficientemente “in territorio restrittivo” considerando l’impennata inflazionistica dello scorso anno? Il tasso di disoccupazione del 3,5% di dicembre è stato il più basso dal 1969. Chiaramente, il ciclo di inasprimento della Fed deve ancora compiere progressi cruciali nel raffreddare i caldi mercati del lavoro. E con l’inizio del 2023, i mercati si comportano come se la politica monetaria fosse invitante e non restrittiva.

19 gennaio – Bloomberg (Finbarr Flynn, Garfield Reynolds, Ronan Martin e Josyana Joshua): “Il miglior inizio di anno per i rendimenti obbligazionari è contribuire ad alimentare una miniera d’oro di vendita di debiti senza precedenti da parte di governi e aziende di tutto il mondo per oltre mezzo trilione dollari. Dalle banche europee alle società asiatiche e ai titoli sovrani dei paesi in via di sviluppo, praticamente ogni angolo del mercato delle nuove emissioni è in piena espansione, grazie in parte a un rally che ha visto le obbligazioni globali di ogni genere salire del 4,1% all’inizio dell’anno, la migliore performance in dati che risalgono al 1999… L’eccesso di domanda di offerte, il calo delle nuove concessioni di emissione e i maggiori afflussi nel credito statunitense di qualità elevata in più di 17 mesi hanno contribuito a rendere il prestito di gennaio di quest’anno finora il più intenso di sempre. Le obbligazioni governative e societarie di grado inferiore in tutte le valute hanno raggiunto i 586 miliardi di dollari fino al 18 gennaio, il conteggio più alto mai registrato per il periodo…”

Advertisement

Nonostante tutti i discorsi, precedenti e in corso, questa Federal Reserve è debole sull’inflazione. Non desiderosi quanto Wall Street di dichiarare la missione compiuta, i funzionari della Fed stanno comunque segnalando che il loro lavoro è vicino al completamento.

Vale la pena ricordare il pensiero della Fed di un anno fa questa settimana (Randall W. Forsyth di Barron): “Una serie di oratori della Fed ha sostanzialmente confermato le aspettative diffuse del mercato di tre aumenti di un quarto di punto percentuale nell’obiettivo dei fondi federali dall’attuale 0 Tra % e 0,25% quest’anno. Entro la fine della settimana, il mercato dei futures sui fondi federali prevedeva una probabilità del 60% circa di un quarto rialzo entro dicembre…”

La Fed ha iniziato il 2022 con noncuranza compiacente. E dopo una raffica di aumenti dei tassi di 75 punti base nella seconda metà – e un tasso sui fondi Fed del 4,25% – i funzionari della Fed accomodanti ritengono che sia giunto il momento di rilassarsi. C’è un senso di soddisfazione per l’esecuzione di un ciclo di serraggio aggressivo. Potrebbe essere iniziato lentamente, ma ora c’è un accordo quasi universale sul fatto che abbiano recuperato abilmente e con successo. Nessun danno nessun inganno.

Ma ci sono stati problemi esecutivi importanti e in corso che non possono essere semplicemente nascosti sotto il tappeto. I fondi federali non sono stati portati al di sopra del 2% fino alla fine di luglio, un ritardo che ha assicurato un anno di prestiti e crescita del credito eccezionalmente forti. Ciò ha concesso alla dinamica inflazionistica mesi cruciali per radicarsi maggiormente.

Advertisement

Un anno fa, il “tasso neutrale” di lungo periodo pubblicato dalla Fed era del 2,5%. Tasso neutrale: “Il tasso neutrale è il tasso teorico dei fondi federali al quale la posizione della politica monetaria della Federal Reserve non è né accomodante né restrittiva. È il tasso di interesse reale a breve termine coerente con l’economia che mantiene la piena occupazione con la stabilità dei prezzi associata”.

Che distrazione. Quanta intelligenza ha sprecato la Federal Reserve e la comunità economica discutendo di “r-star” – il “tasso neutrale” teorico. L’anno scorso doveva essere del 2,5% e ora quest’anno è chiaramente molto più alto. I funzionari della Fed oggi dovrebbero essere particolarmente umili e prudenti. Hanno fiutato “transitorio” e il quadro dei tassi neutrali “r-star” si è rivelato inutile.

Come promemoria, l’IPC anno su anno era del 9,1% a giugno ed era ancora dell’8,2% non molto tempo fa a settembre. L’IPC è stato almeno del 5% per 20 mesi consecutivi. I commenti di Powell di novembre: “Non ha senso che l’inflazione stia scendendo…” “I tassi devono aumentare e rimanere più alti più a lungo”. “Qui negli Stati Uniti abbiamo un’economia forte…”

È troppo presto per segnalare un calo della determinazione da falco. Il FOMC durante la riunione del 1° febbraio potrebbe decidere che un aumento del tasso di 25 punti base sia appropriato. Ma perché dovrebbero voler segnalare in anticipo un piccolo aumento delle tariffe? La Fed potrebbe avvicinarsi a un livello che ritiene sia un “tasso terminale” appropriato. Tuttavia, la prudenza dei banchieri centrali e la risolutezza nella lotta all’inflazione dovrebbero peccare per non trasmettere un ciclo di inasprimento che si conclude rapidamente. Soprattutto con i mercati che mostrano impulsi speculativi e condizioni favorevoli, i funzionari della Fed dovrebbero essere pronti a spegnere gli incendi piuttosto che alimentarli. Almeno “appoggiati al vento”.

Advertisement

Il semiconduttore di Filadelfia (SOX) gode di un guadagno da inizio anno (14 sessioni) del 10,37%, l’indice NYSE TMT dell’8,76%, il Philadelphia Oil Services Index dell’8,60%, il Nasdaq Transports dell’8,50% e il Nasdaq Computer Index del 6,97%. Il mercato più ampio sta sovraperformando, con il Russell 2000 a bassa capitalizzazione in rialzo del 6,02% e l’indice S&P 400 Mid-Cap che guadagna il 5,27%. L’indice aritmetico Value Line “azione media” è balzato del 6,65% all’inizio dell’anno. Il Nasdaq100 è avanzato del 6,21%, mentre l’S&P 500 ha guadagnato il 3,47%. Indicativo della natura speculativa del trading all’inizio del 2023, l’indice Goldman Sachs Most Short è balzato a un guadagno di tre settimane del 13,9%.

“Risk on” non è limitato alle azioni statunitensi. L’ETF iShares Investment Grade Bond (LQD) ha già reso il 4,86%, mentre l’ETF iShares High Yield Bond (HYG) ha reso il 3,45%. L’ETF iShares Treasury Bond (TLT) ha reso il 6,67%.

I principali indici azionari hanno registrato guadagni da inizio anno di almeno l’8% in Francia, Germania, Spagna, Italia, Svezia, Irlanda e Paesi Bassi. L’indice Hang Seng di Hong Kong è salito dell’11,44%, il CSI 300 cinese dell’8,00%, il KOSPI sudcoreano del 7,10% e il TAIEX di Taiwan del 5,62%. I principali indici sono aumentati del 6,81% in Nuova Zelanda, del 5,87% in Australia, del 5,77% in Canada e dell’11,3% in Messico.

E con tutti i discorsi sul picco dell’inflazione, è curioso che l’oro abbia guadagnato $ 102, o il 5,6%, per iniziare il nuovo anno. Il rame è aumentato dell’11,6%, l’alluminio dell’8,8%, lo zinco del 16,3% e lo stagno del 16,1%. I futures sulla benzina sono aumentati del 4,4% questa settimana al massimo di due mesi.

Advertisement

19 gennaio – Bloomberg (Philip Aldrick): “Diventare morbidi sull’inflazione riporterà le economie nelle profondità recessive degli anni ’70 e avrà ‘effetti negativi sui lavoratori di tutto il mondo’, ha avvertito l’ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti Larry Summers. L’osservazione è una risposta a suggerimenti di economisti tra cui Olivier Blanchard, ex capo economista del Fondo monetario internazionale, che hanno suggerito di alzare gli obiettivi di inflazione dal 2% al 3% per evitare recessioni. errore costoso, alla fine avrebbe avuto effetti negativi, come accadde in modo spettacolare durante gli anni ’70’, Summers… ha detto a un panel all’incontro annuale del World Economic Forum…

“L’indebolimento dell’inflazione” ha effettivamente guadagnato slancio con le operazioni di emergenza della Banca d’Inghilterra di fine settembre. Capisco perché la BOE credeva di dover riavviare il QE per contrastare il tracollo del mercato obbligazionario. E apprezzo inoltre che abbiano reso il programma temporaneo, nella speranza di proteggersi dal rischio morale. Ma il mondo intero stava guardando – e hanno visto esattamente quello che speravano di vedere. A seguito della paura delle obbligazioni e della risposta urgente della BOE, ai mercati è stato assicurato che i banchieri centrali avrebbero potuto parlare duro sull’inflazione, ma non avrebbero rischiato di inasprire fino al punto di innescare una crisi.

Le condizioni finanziarie hanno iniziato quasi immediatamente ad allentarsi a livello globale, un allentamento che ha acquisito un importante slancio all’inizio del 2023. Le condizioni allentate hanno creato un sacco di esca secca per una potente short squeeze cross-asset che ha solo generato condizioni più accomodanti.

Era importante che i banchieri centrali si opponessero all’idea che i sostegni di liquidità QE sarebbero stati riavviati come necessario per annullare l’instabilità del mercato incipiente. Powell è stato aggressivo durante la sua conferenza stampa post-riunione del 1° novembre. Ma la determinazione aggressiva della Fed si è presto dissipata. Ora, la messaggistica è diventata così sfilacciata che i mercati non prendono sul serio la determinazione da falco. Il messaggio fondamentale che la Fed respingerebbe contro condizioni di mercato più rilassate è MIA.

Advertisement

Ho scelto con cura i titoli per il paragrafo di apertura. Ci sono stati alcuni commenti aggressivi questa settimana da funzionari chiave. Brainard: “L’inflazione rimane alta e la politica dovrà essere sufficientemente restrittiva per un po’ di tempo…” Williams: “Con l’inflazione ancora alta e le indicazioni di continui squilibri tra domanda e offerta, è chiaro che la politica monetaria ha ancora molto lavoro da fare…” E Bullard ha dichiarato il suo desiderio di ottenere tassi superiori al 5% “il più rapidamente possibile”. Ma quando le condizioni sono favorevoli e il mercato è favorevole, i commenti accomodanti risuonano, mentre quelli aggressivi vengono facilmente respinti.

I mercati stanno scontando un (quasi) “tasso terminale” del 4,89% per la riunione del 3 maggio del FOMC. Si prevede quindi che i tassi scenderanno al 4,42% alla riunione del 13 dicembre. I mercati non sono allineati con la Fed.

Le aspettative sui tassi ufficiali di mercato all’inizio del 2023 non dovrebbero essere così lontane come lo scorso anno. Ma potrebbero essere fuori di oltre 100 punti base, con un tasso sui fondi federali di fine anno del 5,5% o superiore? Vedo una serie di sviluppi che possono funzionare per spingere i tassi ufficiali più in alto del previsto. La conferma da parte della Banca d’Inghilterra dei sostegni di liquidità della banca centrale e il conseguente allentamento sono stati sicuramente positivi per almeno 100 punti base di ulteriore inasprimento. Il fatto che la Fed non si sia opposta all’allentamento delle condizioni finanziarie durante il quarto trimestre richiederà tassi più elevati. E la grande stretta allo scoperto e l’inizio speculativo del 2023 in tutti i mercati globali sono decisamente positivi per il tipo di crescita del credito in corso che sostiene l’inflazione.

Se i mercati altamente speculativi dovessero correre qui, la Fed potrebbe avere molto più lavoro da fare. E se Pechino è così disperata e determinata come sospetto, c’è il potenziale per un anno sorprendente di stimolo cinese e crescita del credito. Ci sono chiaramente probabilità ragionevoli di sorprese sia nell’inflazione che negli aumenti della Fed. Ma l’attenzione al mercato è altrove. Ho spiegato la scorsa settimana la tesi secondo cui i mercati dei tassi stanno scontando le probabilità di un incidente.

Advertisement

18 gennaio – Reuters (Naomi Rovnick, Yoruk Bahceli e Dhara Ranasinghe): “Un cambio di politica sismico da parte della banca centrale giapponese è ancora una questione di quando non se, dicono gli investitori che ora si accovacciano per un nuovo caos nei mercati obbligazionari e oscillazioni selvagge nelle valute Mercoledì la Banca del Giappone ha mantenuto tassi di interesse estremamente bassi, incluso un limite di rendimento obbligazionario che stava lottando per difendere, sfidando le aspettative del mercato che avrebbe eliminato gradualmente il suo massiccio programma di stimolo sulla scia della crescente pressione inflazionistica. inevitabile a un certo punto, dato che l’inflazione giapponese è ai massimi da 41 anni e il costo per mantenere bassi i costi di indebitamento aumenta. ha dichiarato Cosimo Marasciulo, head of fixed income absolute return di Amundi, il più grande gestore di fondi d’Europa.”

19 gennaio – Bloomberg (Ruth Carson): “I fondi globali faranno pressioni sulla Banca del Giappone fino a quando non capitolerà e inasprirà la politica dopo che la banca centrale ha deluso gli orsi obbligazionari rifiutandosi di alzare il tetto sui rendimenti sovrani. UBS Asset Management e Schroders Plc restano fedeli scommette che i rendimenti dei titoli di stato giapponesi aumenteranno in base all’aspettativa che la BOJ alla fine smetterà di limitare il benchmark a 10 anni allo 0,5%… Torica Capital Pty prevede inoltre che la banca centrale si allinei e si sposti verso la tendenza globale all’aumento dei tassi. Non vediamo alcun motivo per chiudere le posizioni corte”, ha affermato Tom Nash, un gestore finanziario di UBS… “La politica di controllo della curva dei rendimenti non è coerente con l’attuale panorama economico e politico e dovrà essere smantellato.’”

È stato affascinante osservare la reazione del mercato globale al (non) annuncio della politica della Banca del Giappone di mercoledì (martedì notte negli Stati Uniti). Vedere una tale volatilità nei rendimenti del JGB, lo yen, le valute globali, i Treasury e le obbligazioni globali è stata la prova del ruolo principale che la finanza giapponese accomodante ha svolto nei mercati globali. Kuroda aveva bisogno di iniziare la normalizzazione – per sfogarsi un po’ – prima che il suo mandato si concludesse alla fine di marzo. Le probabilità di un grave incidente sono in aumento.

Anche se in vista della BOJ, la normalizzazione della politica della BCE è in una fase iniziale. I segnali provenienti dalla BCE questa settimana sono stati incoerenti in modo allarmante. Martedì (Bloomberg): “I responsabili politici della Banca centrale europea stanno iniziando a prendere in considerazione un ritmo più lento di rialzi dei tassi di interesse rispetto a quanto indicato dalla presidente Christine Lagarde a dicembre, secondo funzionari esperti…” Giovedì (Bloomberg): “Klaas, membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea Knot ha detto che ci sarà ancora più di mezzo punto di aumento dei tassi di interesse…” E venerdì (WSJ citando Lagarde): “L’abbandono da parte della Cina della sua politica zero-Covid è una buona notizia per la crescita economica globale… ‘Questo è positivo per il resto del mondo, ma ci sarà più pressione inflazionistica.’” Le obbligazioni europee sono state colpite venerdì.

Advertisement

E quando si pensa ai prezzi del mercato del Tesoro per un incidente, la Cina rappresenta un grave rischio per il 2023. Il rischio sistemico sta aumentando esponenzialmente in Cina. Il credito continua a espandersi rapidamente, mentre la qualità dei prestiti e della finanza si deteriora. Un massiccio stimolo aumenta le probabilità di instabilità valutaria. Qualcosa sta per rompersi.

C’è anche la tesi “la Fed rilancia finché qualcosa non si rompe” che probabilmente risuona all’interno di segmenti del mercato del Tesoro. Con condizioni allentate e mercati forti, è naturale che Wall Street avvertisca più forte di un “irrigidimento eccessivo” della Fed. Questi sono mercati altamente speculativi, e più diventano speculativi, più difficile sarà per la Fed inasprire le condizioni. Oggi associo condizioni così accomodanti a una forte crescita del credito in corso ea un’inflazione persistente.

Tutti i discorsi su Riccioli d’oro e atterraggi morbidi sono un pio desiderio. Sarebbe un grave errore per la Fed rilassarsi con condizioni così allentate. È ragionevole presumere che l’inflazione abbia raggiunto il picco, per questo ciclo a breve termine. Ma le forze inflazionistiche si sono scatenate. Vi sono ora potenti dinamiche inflazionistiche in agguato in tutto il sistema, a livello nazionale e globale. Le aziende si sono sentite a proprio agio nell’aumentare i prezzi. I laburisti hanno guadagnato la fiducia necessaria per chiedere maggiori risarcimenti. L’offerta globale di materie prime è scarsa.

E, cosa importante, i responsabili politici devono anticipare gli shock di offerta in corso. La frammentazione globale acquisirà ulteriore slancio, con conseguenze negative per le pressioni sui prezzi. Dovremmo presumere che il cambiamento climatico creerà rischi significativi per l’approvvigionamento alimentare a livello globale, aumentando al contempo una miriade di rischi inflazionistici. E ci deve essere una pianificazione per le conseguenze inflazionistiche legate agli sviluppi geopolitici. Un mondo sempre più ostile aumenta la probabilità di interruzioni dell’approvvigionamento, anche all’interno dei mercati energetici. Se la Fed e i banchieri centrali globali si rilassano con l’inflazione nella fascia del cinque-sei percento, probabilmente tornerà a salire a due cifre durante il prossimo shock inflazionistico. Questo non è il momento per l’autocompiacimento dell’inflazione.

Advertisement

Per la settimana:

L’S&P 500 è sceso dello 0,7% (+3,5% da inizio anno) e il Dow è sceso del 2,7% (+0,7%). Le Utilities sono scese del 3,0% (-2,0%). Le banche hanno perso lo 0,5% (+6,2%) ei broker/dealer hanno perso lo 0,9% (+6,2%). Poco variati i Trasporti (+7,2%). L’S&P 400 Midcaps ha perso lo 0,9% (+5,3%) e lo small cap Russell 2000 ha perso l’1,0% (+6,0%). Il Nasdaq100 ha guadagnato lo 0,7% (+6,2%). I semiconduttori sono scesi dello 0,2% (+10,4%). I Biotech sono rimasti pressoché invariati (+4,7%). Mentre i lingotti hanno guadagnato $ 6, l’indice delle azioni auree HUI è diminuito dello 0,5% (+ 12,7%).

I tassi dei buoni del Tesoro a tre mesi hanno chiuso la settimana al 4,515%. I rendimenti governativi a due anni sono scesi di sei punti base questa settimana al 4,17% (in calo di 26 punti base da inizio anno). I rendimenti dei titoli di Stato a cinque anni sono scesi di cinque punti base al 3,56% (in calo di 44 punti base). I rendimenti dei Treasury decennali sono scesi di due punti base al 3,48% (in calo di 40 punti base). I rendimenti delle obbligazioni lunghe sono aumentati di quattro punti base al 3,66% (in calo di 31 punti base). I rendimenti del benchmark Fannie Mae MBS sono aumentati di tre punti base al 4,88% (in calo di 51 punti base).

I rendimenti del decennale greco sono aumentati di quattro punti base al 4,14% (in calo di 42 punti base su base annua). I rendimenti italiani sono scesi di due punti base al 3,99% (-71 punti base). I rendimenti del decennale spagnolo sono scesi di tre punti base al 3,14% (-38 punti base). I rendimenti dei bund tedeschi hanno aggiunto un punto base al 2,18% (in calo di 27 punti base). I rendimenti francesi sono scesi di un punto base al 2,63% (in calo di 36 punti base). Lo spread sui titoli decennali franco-tedeschi si è ridotto di circa 2 punti base a 45 punti base. I rendimenti dei gilt a 10 anni del Regno Unito sono aumentati di un punto base al 3,38% (in calo di 29 punti base). L’indice azionario FTSE del Regno Unito è sceso dello 0,9% (+4,3% da inizio anno).

L’indice giapponese Nikkei Equities ha guadagnato l’1,7% (+1,8% da inizio anno). I rendimenti del “JGB” giapponese a 10 anni sono scesi di 13 pb allo 0,39% (in calo di 4 pb su base annua). Il CAC40 francese è sceso dello 0,4% (+8,1%). L’indice azionario tedesco DAX è sceso dello 0,4% (+8,0%). L’indice azionario spagnolo IBEX 35 ha guadagnato lo 0,4% (+8,4%). Poco variato l’indice FTSE MIB italiano (+8,7%). Le azioni dei mercati emergenti sono state per lo più superiori. L’indice brasiliano Bovespa ha guadagnato l’1,0% (+2,1%) e l’indice messicano Bolsa ha guadagnato lo 0,7% (+11,3%). L’indice Kospi della Corea del Sud è aumentato dello 0,4% (+7,1%). L’indice azionario indiano Sensex ha guadagnato lo 0,6% (-0,4%). L’indice cinese di Shanghai Exchange è balzato del 2,2% (+5,7%). L’indice turco Borsa Istanbul National 100 è salito del 10,1% (-0,3%). L’indice azionario russo MICEX è sceso dell’1,5% (+0,6%).

Advertisement

I fondi obbligazionari investment grade hanno registrato afflussi per $ 3,036 miliardi e i fondi obbligazionari spazzatura hanno registrato flussi positivi per $ 230 milioni (da Lipper).

Il credito della Federal Reserve è sceso di $ 4,3 miliardi la scorsa settimana a $ 8,467 TN. Il credito della Fed è sceso di 434 miliardi di dollari rispetto al picco del 22 giugno. Nelle ultime 175 settimane, il credito della Fed è cresciuto di $ 4,741 TN, o del 127%. Il credito della Fed ha gonfiato $ 5,656 trilioni, o il 201%, nelle ultime 532 settimane. Altrove, le partecipazioni della Fed per i proprietari stranieri di Treasury, Agency Debt sono scese di $ 1,0 miliardi la scorsa settimana a $ 3,331 TN. Le “detenzioni in custodia” sono diminuite di $ 116 miliardi, o del 3,4%, su base annua.

Le attività totali dei fondi del mercato monetario sono scese di $ 2,1 miliardi a $ 4,803 TN. I fondi monetari totali sono aumentati di $ 129 miliardi, o del 2,8%, su base annua.

La carta commerciale totale è scesa di $ 3,5 miliardi a $ 1,301 TN. CP è aumentato di $ 257 miliardi, o del 24,6%, nell’ultimo anno.

Advertisement

I tassi ipotecari fissi a 30 anni di Freddie Mac sono scesi di 23 punti base al minimo di quattro mesi del 5,95% (in aumento di 239 punti base su base annua). I tassi a quindici anni sono scesi di 36 punti base al 5,18% (+239 punti base). I tassi ARM ibridi a cinque anni sono scesi di otto punti base al 5,41% (+281 punti base). L’indagine di Bankrate sui costi dei prestiti ipotecari jumbo ha mostrato tassi fissi a 30 anni in aumento di nove punti base al 6,37% (+ 278 punti base).

Controllo valuta:

Per la settimana, l’indice del dollaro USA è sceso dello 0,2% a 102,01 (in calo dell’1,4% da inizio anno). Per la settimana al rialzo, la sterlina britannica è aumentata dell’1,4%, il dollaro neozelandese dell’1,2%, la corona svedese dell’1,0%, il franco svizzero dello 0,7%, il won sudcoreano dello 0,5%, la corona norvegese dello 0,3%, l’euro dello 0,2%. e il dollaro canadese lo 0,1%. Al ribasso, il real brasiliano è sceso del 2,0%, il rand sudafricano dell’1,8%, lo yen giapponese dell’1,3%, il peso messicano dello 0,6% e il dollaro australiano dello 0,1%. Il renminbi cinese (onshore) è sceso dell’1,23% rispetto al dollaro (+1,68% da inizio anno).

Osservazione delle materie prime:

Il Bloomberg Commodities Index è aumentato dello 0,5% (in calo dello 0,6% da inizio anno). L’oro spot ha guadagnato lo 0,3% a $ 1.926 (+ 5,6%). L’argento è sceso dell’1,4% a $ 23,93 (invariato). Il greggio WTI è salito di $ 1,78 a $ 81,64 (+ 1,7%). La benzina è aumentata del 4,4% (+8%), mentre il gas naturale è sceso di un altro 7,2% a $ 3,17 (-29%). Il rame ha guadagnato lo 0,8% (+12%). Il grano è sceso dello 0,3% (-6%), mentre il mais è aumentato dello 0,2% (invariato). Bitcoin è salito di $ 2.800, o del 14,2%, questa settimana a $ 22.630 (+ 36,6%).

Osservazione sull’instabilità del mercato:

16 gennaio – Bloomberg (Masaki Kondo): “Un’operazione di arbitraggio che ha scosso il mercato obbligazionario giapponese lo scorso anno sembra essere tornata. Lo spread tra i prezzi del debito giapponese a 10 anni e i futures con scadenze simili si è gonfiato nelle ultime settimane, offrendo spazio per i cosiddetti scambi di base che cercano di trarre vantaggio dalla differenza.Il divario si è ampliato quando la Banca del Giappone ha acquistato obbligazioni per sostenere i prezzi nel tentativo di evitare le crescenti scommesse che la sua politica di controllo della curva dei rendimenti finirà non appena avrà soddisfatto questo settimana.”

Advertisement

19 gennaio – Financial Times (Kate Duguid e Adam Samson): “Trilioni di dollari ogni giorno affluiscono in una struttura della Federal Reserve progettata per assorbire la liquidità in eccesso nel sistema finanziario, mostrando quanti fondi di investimento ultrasicuri stanno evitando il volatile governo degli Stati Uniti mercati del debito anche con l’aumento dei tassi di interesse. Gli investitori questo mese stanno nascondendo una media di $ 2,2 trilioni al giorno nella struttura di reverse repo della Fed… Questo è in calo rispetto al record di $ 2,6 trilioni dell’ultimo giorno di negoziazione del 2022, ma superiore alla media dello scorso anno di $ 2 trilioni “. Prima di marzo 2021, l’utilizzo era in genere di pochi miliardi di dollari al giorno. L’uso massiccio della struttura di reverse repo della Fed negli ultimi mesi ha confuso i funzionari della banca centrale e gli analisti privati…”

Burst Bubble e Mania Watch:

18 gennaio – CNBC (Ashley Capoot e Sofia Pitt): “I tagli di posti di lavoro nel settore tecnologico si stanno accumulando, poiché le aziende che hanno guidato il mercato rialzista di 10 anni si adattano a una nuova realtà. Microsoft ha dichiarato mercoledì che sta licenziando 10.000 dipendenti, che ridurrà l’organico dell’azienda di meno del 5%. Amazon ha anche avviato un nuovo ciclo di tagli di posti di lavoro che dovrebbero eliminare più di 18.000 dipendenti e diventare la più grande riduzione della forza lavoro nei 28 anni di storia del rivenditore online”.

19 gennaio – Bloomberg (Neil Callanan): “Il crollo della più grande asset class del mondo si è diffuso dal mercato immobiliare agli immobili commerciali, minacciando di scatenare ondate di turbolenze creditizie in tutta l’economia. Quasi 175 miliardi di dollari di credito immobiliare sono già in difficoltà , secondo i dati compilati da Bloomberg – circa quattro volte di più rispetto al secondo settore più grande. Mentre il prezzo dei tassi di interesse più elevati e la fine dei soldi facili aumentano, molti mercati immobiliari sono quasi congelati con alcuni istituti di credito che dicono ai mutuatari di vendere beni o rischiare pignoramento tra richieste di capitale aggiuntivo da parte dei proprietari. I livelli di disagio nel settore immobiliare europeo sono i più alti in un decennio …, secondo … lo studio legale Weil, Gotshal & Manges. I valori degli immobili commerciali nel Regno Unito sono diminuiti di oltre il 20% nella seconda metà del 2022 , mostrano i dati di MSCI Inc. Negli Stati Uniti, secondo Green Street, il calo è stato di circa il 9%.

17 gennaio – Bloomberg (John Gittelsohn): “Alcuni dei più grandi investitori nel settore immobiliare commerciale statunitense stanno cercando di incassare prima che i valori immobiliari scendano ulteriormente. Un gruppo di fondi immobiliari per investitori istituzionali si è chiuso lo scorso anno con $ 20 miliardi di richieste di prelievo, il la più grande fila d’attesa dalla Grande Recessione, secondo IDR Investment Management… Management Co., ha dichiarato… Gli investitori istituzionali hanno cercato di ridurre la loro esposizione ad alcuni dei più grandi fondi presso gestori tra cui JPMorgan…, Morgan Stanley e Prudential Financial Inc., secondo persone note… ”

Advertisement

19 gennaio – Bloomberg (Allison McNeely): “KKR & Co. si sono uniti a rivali tra cui Blackstone Inc. per limitare i prelievi da un fondo di investimento immobiliare dopo che gli investitori hanno cercato di ritirare più soldi. KKR Real Estate Select Trust ha ricevuto richieste nel primo trimestre periodo di offerta pubblica di acquisto per il riacquisto dell’8,1% del suo valore patrimoniale netto, superando il limite trimestrale del 5%… La fiducia ha soddisfatto il 62% della richiesta di ciascun azionista… I veicoli di investimento immobiliare supervisionati da KKR e Blackstone sono stati messi sotto pressione negli ultimi mesi poiché gli investitori hanno richiesto il loro rimborso oltre i limiti fissati dai fondi. Blackstone Real Estate Income Trust e Starwood Real Estate Income Trust hanno dichiarato che limiteranno i rimborsi…”

17 gennaio – Wall Street Journal (Will Parker e Konrad Putzier): “Il costo dell’assicurazione di prestiti immobiliari commerciali contro un aumento dei tassi di interesse è esploso nell’ultimo anno, aumentando la prospettiva di una svendita del mercato poiché molti proprietari di immobili non essere più in grado di permettersi queste coperture.Circa un terzo di tutto il debito di proprietà commerciale è a tasso variabile, secondo un rapporto del 2019 della Mortgage Bankers Association.I finanziatori di solito richiedono che questi mutuatari si coprano contro un aumento dei costi di prestito… Quando i tassi erano molto basso, il costo di questa assicurazione era minimo. Il limite su un mutuo multimilionario poteva essere ottenuto per un minimo di $ 10.000. Queste coperture hanno risparmiato milioni di dollari ai proprietari immobiliari limitando la loro esposizione all’aumento dei tassi di interesse nel 2022. ”

17 gennaio – Reuters (Niket Nishant, Noor Zainab Hussai n e Saeed Azhar): “Goldman Sachs… ha riportato un calo dell’utile del quarto trimestre superiore alle attese, pari al 69%, a causa del crollo delle transazioni, del calo dei ricavi della gestione patrimoniale e patrimoniale e delle perdite contabilizzate nella sua attività di consumo. Le banche di Wall Street stanno effettuando profondi tagli alla loro forza lavoro e razionalizzando le loro operazioni come attività di negoziazione, la loro principale fonte di entrate, in stallo per le preoccupazioni per un’economia globale indebolita e l’aumento dei tassi di interesse.Goldman sta anche frenando le sue ambizioni bancarie al consumo come amministratore delegato David Solomon rifocalizza le risorse della banca sul rafforzamento delle sue attività principali come l’investment banking e il trading”.

15 gennaio – Financial Times (Stephen Foley): “Alcune delle più grandi aziende del mondo stanno affrontando svalutazioni multimiliardarie sulle recenti acquisizioni mentre un’ondata di affari lascia il posto a una nuova era di incertezza economica e tassi di interesse più elevati… sono tra coloro che hanno ridotto drasticamente il valore delle unità aziendali negli ultimi mesi e i contabili avvertono che potrebbero essere imminenti ulteriori tagli con l’inizio della stagione dei rapporti annuali”.

Advertisement

16 gennaio – Financial Times (Tabby Kinder, Richard Waters ed Eric Platt): “Il conto per l’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk è in scadenza, con il miliardario che deve affrontare opzioni sgradevoli sull’enorme mucchio di debiti della società, che vanno dalla procedura fallimentare a un’altra costosa vendita di azioni Tesla. Tre persone vicine all’acquisizione di Twitter da parte dell’imprenditore hanno affermato che la prima rata del pagamento degli interessi relativa ai 13 miliardi di dollari di debito che ha utilizzato per finanziare l’acquisizione potrebbe essere scaduta già alla fine di gennaio. Quel debito significa che la società deve pagare Circa 1,5 miliardi di dollari di interessi annuali.Il capo di Tesla e SpaceX ha finanziato il suo accordo da 44 miliardi di dollari per rendere privato Twitter in ottobre, assicurando l’enorme debito da un sindacato di banche guidate da Morgan Stanley, Bank of America, Barclays e Mitsubishi. miliardi di debito è detenuto da Twitter a livello aziendale, senza alcuna garanzia personale da parte di Musk”.

18 gennaio – Dow Jones (Erich Schwartzel): “Anche per gli standard dello spettacolo, l’ex dirigente della Walt Disney Co. Geoff Morrell ha guadagnato un enorme giorno di paga dal suo breve periodo a Hollywood. Il signor Morrell ha iniziato a lavorare alla Disney il 24 gennaio 2022 , in qualità di responsabile degli affari societari dell’azienda. Se ne andò meno di quattro mesi dopo a seguito di un’implosione nelle pubbliche relazioni che portò alle proteste dei dipendenti e contrappose l’azienda e l’allora CEO Bob Chapek al governatore della Florida Ron DeSantis. Per quei 70 giorni feriali, Il signor Morrell ha guadagnato $ 8.365.403 di compenso totale – o circa $ 119.505 al giorno…”

Orologio al collasso della bolla crittografica:

20 gennaio – Reuters (Tom Hals, Akanksha Khushi ed Elizabeth Howcroft): “Giovedì, l’unità di prestito della società di criptovalute Genesis ha presentato istanza di protezione dal fallimento negli Stati Uniti, dovendo ai creditori almeno 3,4 miliardi di dollari… Genesis Global Capital, uno dei maggiori prestatori di criptovalute, ha congelato i rimborsi dei clienti il ​​16 novembre dopo che il crollo del principale exchange FTX ha provocato un’onda d’urto nel settore delle criptovalute, alimentando la preoccupazione che altre società potessero implodere.Genesis è di proprietà della società di venture capital Digital Currency Group (DCG).La sua dichiarazione di fallimento è l’ultima in una serie di fallimenti crittografici innescati da un crollo del mercato che lo scorso anno ha cancellato circa 1,3 trilioni di dollari dal valore dei token crittografici”.

Orologio da guerra in Ucraina:

19 gennaio – Reuters (di Guy Faulconbridge e Felix Light): “Un alleato del presidente Vladimir Putin ha avvertito la NATO… che una sconfitta della Russia in Ucraina potrebbe innescare una guerra nucleare, mentre il capo della Chiesa ortodossa russa ha detto che il mondo sarebbe finito se l’Occidente ha cercato di distruggere la Russia.Tale retorica apocalittica ha lo scopo di dissuadere l’alleanza militare NATO guidata dagli Stati Uniti dall’essere ancora più coinvolta nella guerra, alla vigilia di una riunione degli alleati dell’Ucraina per discutere l’invio di più armi a Kiev.Ma l’esplicito riconoscimento che la Russia potesse perdere sul campo di battaglia ha segnato un raro momento di dubbio pubblico da parte di un membro di spicco della cerchia ristretta di Putin: “La sconfitta di una potenza nucleare in una guerra convenzionale può innescare una guerra nucleare”, l’ex presidente russo Dmitry Medvedev, che serve come il vicepresidente del potente consiglio di sicurezza di Putin, ha detto… ‘Le potenze nucleari non hanno mai perso grandi conflitti da cui dipende il loro destino’, ha detto Medvedev, che è stato presidente dal 2008 al 2012.”

Advertisement

18 gennaio – Bloomberg: “Le autorità russe hanno dispiegato installazioni di difesa aerea dentro e intorno a Mosca dopo che diversi attacchi di droni hanno colpito il cuore del paese. I residenti locali hanno pubblicato foto sui social media di gru che sollevano i sistemi Pantsir sui tetti del centro di Mosca, così come le difese installate nella periferia occidentale, vicino alla residenza ufficiale del presidente Vladimir Putin”.

Orologio USA/Russia/Cina/Europa:

18 gennaio – Reuters: “Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha attirato un aspro rimprovero dalla Casa Bianca… per aver affermato che gli Stati Uniti avevano riunito una coalizione di paesi europei per risolvere ‘la questione russa’ nello stesso modo in cui Adolf Hitler aveva cercato una ‘questione russa’ soluzione finale” per sradicare gli ebrei d’Europa. “Come osa paragonare qualcosa all’Olocausto, qualsiasi cosa. Per non parlare di una guerra che hanno iniziato loro”, ha detto il portavoce per la sicurezza nazionale della Casa Bianca John Kirby. Lavrov, che l’anno scorso ha causato scalpore internazionale con commenti su Hitler, ha detto che Washington stava usando la stessa tattica di Napoleone e dei nazisti nel tentativo di soggiogare l’Europa per distruggere la Russia. Usando l’Ucraina come procuratore, ha detto, “stanno conducendo la guerra contro il nostro paese con lo stesso compito: il ‘finale soluzione’ della questione russa.’ “Proprio come Hitler voleva una ‘soluzione finale’ alla questione ebraica, ora, se leggi i politici occidentali… dicono chiaramente che la Russia deve subire una sconfitta strategica.”

16 gennaio – Reuters (Darya Korsunskaya): “I tentativi della Russia di colmare il suo deficit di bilancio vendendo riserve di valuta estera potrebbero portare a un circolo vizioso che spinge il rublo più in alto e riduce ulteriormente le entrate cruciali delle esportazioni del Cremlino, affermano gli analisti. La banca ha dichiarato la scorsa settimana che avrebbe riavviato gli interventi sui mercati dei cambi per la prima volta in quasi un anno, vendendo 54,5 miliardi di rubli di yuan (793 milioni di dollari) dal National Welfare Fund”.

De-globalizzazione e sorveglianza della cortina di ferro:

16 gennaio – Bloomberg (Michael Heath): “Le tensioni geopolitiche che minacciano di dividere il mondo in fazioni economiche rivali potrebbero complicare le azioni necessarie per affrontare i problemi globali e lasciare tutti più poveri, ha affermato il capo del Fondo monetario internazionale. Il costo a lungo termine di la sola frammentazione del commercio potrebbe variare dallo 0,2% della produzione globale in uno scenario limitato a quasi il 7% in uno scenario grave, ha affermato l’amministratore delegato del FMI Kristalina Georgieva… Se al mix si aggiunge il disaccoppiamento tecnologico, alcuni paesi potrebbero registrare perdite fino a 12% del PIL… “Oltre alle restrizioni commerciali e agli ostacoli alla diffusione della tecnologia, la frammentazione potrebbe essere avvertita attraverso le restrizioni alla migrazione transfrontaliera, la riduzione dei flussi di capitali e un forte calo della cooperazione internazionale”, ha affermato il capo dell’FMI … ‘Ciò ci lascerebbe incapaci di affrontare le sfide di un mondo più soggetto a shock.’”

Advertisement

16 gennaio – Reuters (Andrea Shalal): “Una grave frammentazione dell’economia globale dopo decenni di crescente integrazione economica potrebbe ridurre la produzione economica globale fino al 7%, ma le perdite potrebbero raggiungere l’8-12% in alcuni paesi, se la tecnologia è anch’esso disaccoppiato, ha affermato il Fondo monetario internazionale in un nuovo rapporto del personale…

17 gennaio – Reuters (Jake Cordell e Caleb Davis): “Il surplus delle partite correnti della Russia ha raggiunto un livello record nel 2022…, poiché il calo delle importazioni e le robuste esportazioni di petrolio e gas hanno mantenuto l’afflusso di denaro straniero nonostante gli sforzi occidentali per isolare l’economia russa. Il conto corrente della Russia – una misura della differenza tra tutto il denaro che entra in un paese attraverso il commercio, gli investimenti e i trasferimenti e quello che ne esce – è stato di 227,4 miliardi di dollari, in aumento dell’86% rispetto al 2021”.

Orologio sull’inflazione:

15 gennaio – Wall Street Journal (David Harrison): “Gli aumenti salariali dei lavoratori sono scesi al di sotto dell’inflazione nel 2022 per il secondo anno consecutivo, lasciando le famiglie in condizioni peggiori nonostante gli aumenti salariali storicamente forti. Ma i dati recenti suggeriscono che è in corso un cambiamento, con i totali delle buste paga guadagnando terreno con l’allentamento dell’inflazione… Un mercato del lavoro storicamente teso ha fatto aumentare la retribuzione oraria media del 4,6% a dicembre rispetto all’anno precedente…, rispetto a un tasso di inflazione annuale del 6,5% nello stesso periodo.Allo stesso modo, la retribuzione oraria media è aumentata del 4,9% a dicembre 2021 rispetto all’anno precedente, rispetto a un tasso di inflazione annuo del 7%”.

18 gennaio – CNBC (Jeff Cox): “I prezzi di beni e servizi all’ingrosso sono diminuiti bruscamente a dicembre, fornendo un altro segnale che l’inflazione, sebbene ancora elevata, sta iniziando a diminuire. L’indice dei prezzi alla produzione, che misura i prezzi della domanda finale in centinaia di categorie , è diminuito dello 0,5% per il mese… Il calo è stato il maggiore su base mensile da aprile 2020. Escludendo cibo ed energia, la misura dell’IPP principale è aumentata dello 0,1%… Per l’anno, l’IPP principale è aumentato del 6,2%, il livello annuale più basso da marzo 2021, e notevolmente in calo rispetto all’aumento annuo del 10% nel 2021. Un forte calo dei prezzi dell’energia ha contribuito a ridurre la lettura dell’inflazione complessiva per il mese.L’indice della domanda finale di energia del PPI è crollato del 7,9% nel mese. i prezzi all’ingrosso della benzina sono diminuiti del 13,4%”.

Advertisement

Osservazione dell’amministrazione Biden:

19 gennaio – CNN (Tami Luhby): “In una lettera al presidente della Camera Kevin McCarthy…, il segretario al Tesoro Janet Yellen ha annunciato che l’agenzia inizierà a prendere ‘misure straordinarie’ ora che gli Stati Uniti hanno raggiunto il limite del debito di 31,4 trilioni di dollari. Ma la nazione non è ancora al punto di crisi del tetto del debito che potrebbe far crollare i mercati finanziari, sospendere i pagamenti della previdenza sociale agli anziani, danneggiare l’economia e causare altro caos.Questo è ciò che le cosiddette misure straordinarie sono progettate per evitare temporaneamente.E mentre potrebbero suonano terribili, sono principalmente manovre contabili dietro le quinte che il Dipartimento del Tesoro può adottare per dare al Congresso il tempo di aumentare o sospendere il limite prima che gli Stati Uniti debbano dichiarare default sui propri debiti. economicamente”, ha affermato Steven Pressman, professore di economia alla New School. Ma queste mosse non durano indefinitamente. In passato, hanno concesso ai legislatori da poche settimane a diversi mesi per affrontare il problema dei prestiti berretto. La quantità di entrate che il governo riscuoterà sotto forma di gettito fiscale questa primavera sarà anche un fattore di quanto tempo può passare il paese prima del default”.

20 gennaio – Reuters (Trevor Hunnicutt): “La Casa Bianca si rifiuta di negoziare con i repubblicani intransigenti sull’aumento del tetto del debito perché crede che un numero sufficiente di loro alla fine ritirerà le loro richieste, come un crescente coro di investitori, gruppi imprenditoriali e conservatori moderati avvertono dei pericoli di un’insolvenza.Si prevede che la situazione di stallo ad alto rischio durerà per mesi e potrebbe arrivare all’ultimo minuto poiché ciascuna parte mette alla prova l’altra prima di giugno, quando il governo degli Stati Uniti potrebbe essere costretto a dichiarare default pagando il suo debito… “I principali repubblicani del Congresso hanno ammesso in passato che il default innescherebbe un collasso economico, uccidendo milioni di posti di lavoro e decimando i piani 401k”, ha detto il portavoce della Casa Bianca Andrew Bates… “Ma i repubblicani del MAGA intransigenti stanno ora sostenendo questo risultato.’”

19 gennaio – New York Times (Jim Tankersley e Alan Rappeport): “Giovedì gli Stati Uniti hanno raggiunto il limite del debito, spingendo il Dipartimento del Tesoro a iniziare a utilizzare una serie di manovre contabili per garantire che il governo federale possa continuare a pagare le bollette prima di ciò che è dovrebbe essere una lunga lotta sull’opportunità di aumentare il limite massimo di indebitamento… La pietra miliare del raggiungimento del limite massimo del debito di $ 31,4 trilioni è il prodotto di decenni di tagli fiscali e aumento della spesa pubblica sia da parte dei repubblicani che dei democratici. governo, è anche un avvertimento delle battaglie trincerate che sono destinate a dominare Washington, e che potrebbero sfociare in uno shock economico”.

19 gennaio – Bloomberg (Chris Anstey): “Il Dipartimento del Tesoro sta iniziando l’uso di misure speciali per evitare un default dei pagamenti degli Stati Uniti dopo che il limite del debito federale è stato raggiunto giovedì. Il Dipartimento sta modificando gli investimenti in due fondi gestiti dal governo per i pensionati, in una mossa che darà al Tesoro la possibilità di continuare a effettuare pagamenti federali mentre non è in grado di aumentare il livello complessivo del debito.Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha informato il congresso al leader di entrambi i partiti del passo in una lettera di giovedì. Li aveva già informati del piano la scorsa settimana, quando ha segnalato che il limite del debito sarebbe stato raggiunto il 19 gennaio”.

Advertisement

Orologio della Federal Reserve:

18 gennaio – Wall Street Journal (Nick Timiraos e David Harrison): “Due funzionari della Federal Reserve hanno affermato che sarebbero favorevoli ad aumentare i tassi di interesse alla prossima riunione della banca centrale di un quarto di punto percentuale, rallentando ulteriormente il ritmo degli aumenti… Il presidente della Fed di Dallas Lorie Logan ha detto… ha sostenuto quella decisione “e le stesse considerazioni suggeriscono di rallentare ulteriormente il ritmo al prossimo incontro” dal 31 gennaio al 1 febbraio… “Se sei in viaggio e incontri tempo nebbioso o un’autostrada pericolosa, è una buona idea rallentare, allo stesso modo, se sei un decisore politico nel complesso ambiente economico e finanziario di oggi “, ha affermato la signora Logan … ”

19 gennaio – Wall Street Journal (Nick Timiraos): “Due alti funzionari della Federal Reserve hanno affermato che la banca centrale sta facendo progressi nella lotta all’inflazione, ma ci vorrà del tempo per riportare l’inflazione all’obiettivo del 2% della Fed. Il vicepresidente della Fed Lael Brainard ha indicato… è stata favorevole a rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi a un più tradizionale quarto di punto percentuale alla prossima riunione politica della banca centrale, che si terrà dal 31 gennaio al 1 febbraio, unendosi a un certo numero di colleghi.Il presidente della Fed di New York John Williams ha detto in un evento separato giovedì sera è stato incoraggiato dai segnali che gli aumenti dei tassi di interesse stavano avendo l’effetto desiderato nel rallentare la crescita e tenere sotto controllo le aspettative dei consumatori e delle imprese sull’inflazione futura”.

19 gennaio – Bloomberg (Catarina Saraiva e Jonnelle Marte): “Due alti funzionari della Federal Reserve hanno affermato che erano necessari tassi di interesse elevati per mantenere sotto pressione l’inflazione che mostra segni di rallentamento ma è ancora troppo rapida. ‘Anche con la recente moderazione, l’inflazione rimane elevata e la politica dovrà essere sufficientemente restrittiva per un po’ di tempo per garantire che l’inflazione ritorni al 2% su base sostenuta”, ha dichiarato il vicepresidente Lael Brainard… Giovedì più tardi, il presidente della Fed di New York John Williams ha affermato che i funzionari non hanno completato il loro inasprimento aggressivo campagna per ridurre le ostinate pressioni sui prezzi. “Con l’inflazione ancora alta e le indicazioni di continui squilibri tra domanda e offerta, è chiaro che la politica monetaria ha ancora molto lavoro da fare per ridurre l’inflazione al nostro obiettivo del 2% su base sostenuta”, ha detto la società degli analisti del reddito fisso…”

18 gennaio – Reuters (Howard Schneider): “Il presidente della Fed di St. Louis, James Bullard, ha affermato che… i responsabili politici della Federal Reserve statunitense dovrebbero portare il tasso di interesse ufficiale sopra il 5% ‘il più rapidamente possibile’ prima di sospendere gli aumenti dei tassi necessari per combattere un’epidemia in corso Alla domanda durante un evento del Wall Street Journal se era aperto a un altro aumento del tasso di mezzo punto alla prossima riunione della Fed, Bullard ha risposto “perché non andare dove dovremmo andare?… Perché temporeggiare?”

Advertisement

18 gennaio – Bloomberg (Steve Matthews): “Il presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, James Bullard, ha affermato che i tassi di interesse statunitensi devono aumentare ulteriormente per garantire che le pressioni inflazionistiche si ritirino. ‘Siamo quasi in una zona che potremmo definire restrittiva – noi “non ci siamo ancora del tutto”, ha detto Bullard… I funzionari vogliono garantire che l’inflazione scenda su un percorso costante verso l’obiettivo del 2%. “Non vogliamo rinunciare a questo”, ha detto. il lato più teso durante il 2023’ mentre si sviluppa il processo disinflazionistico, ha aggiunto.”

18 gennaio – Reuters (Michael S. Derby): “Il presidente della Federal Reserve di Filadelfia Patrick Harker ha ribadito… è pronto affinché la banca centrale degli Stati Uniti passi a un ritmo più lento di aumento dei tassi di interesse tra alcuni segnali che l’inflazione calda si sta raffreddando. “Alta inflazione è un flagello, che porta a inefficienze economiche e danneggia in modo sproporzionato gli americani con mezzi limitati”, ha affermato Harker… gruppo…”

18 gennaio – Bloomberg (Craig Torres): “I recenti rapporti sull’inflazione negli Stati Uniti sono stati incoraggianti, ma il tasso di aumento dei prezzi è ancora troppo alto per allentare la restrizione monetaria, ha detto il presidente della Federal Reserve Bank di Richmond Thomas Barkin. ‘Vorrei vedere l’inflazione tornare in modo convincente al nostro obiettivo” prima di allentare gli aumenti dei tassi, Barkin ha detto… “Non puoi dichiarare la vittoria troppo presto… obiettivo… Finché l’inflazione rimane elevata, dobbiamo continuare a muovere l’ago, stringere se vuoi, sempre di più.’”

Bubble Watch USA:

19 gennaio – Reuters (Lucia Mutikani): “Il numero di americani che presentano nuove richieste di indennità di disoccupazione è diminuito inaspettatamente la scorsa settimana, indicando un altro mese di solida crescita occupazionale e la continua tensione del mercato del lavoro… il mercato del lavoro rimane teso mentre i datori di lavoro si aggrappano ai lavoratori’, ha detto Matthew Martin, economista statunitense presso Oxford Economics… ‘Non ci aspettiamo un picco nelle richieste iniziali di sussidi di disoccupazione anche se l’economia rallenta’. Le richieste iniziali per l’indennità di disoccupazione statale sono scese di 15.000 a 190.000 destagionalizzate per la settimana terminata il 14 gennaio, il livello più basso da settembre”.

Advertisement

18 gennaio – Associated Press (Anne D’Innocenzio): “Gli americani hanno ridotto le spese a dicembre, il secondo mese consecutivo in cui lo hanno fatto, sottolineando come l’inflazione e l’aumento del costo dell’utilizzo delle carte di credito abbiano rallentato l’attività dei consumatori durante il cruciale shopping natalizio Le vendite al dettaglio sono diminuite dell’1,1% peggio del previsto a dicembre, dopo un calo rivisto dell’1% a novembre… A ottobre, le vendite al dettaglio sono aumentate dell’1,3%, aiutate dai primi acquisti natalizi i prestiti hanno ridotto la domanda. Ciò, insieme al calo dei prezzi del gas, ha contribuito a ridurre le vendite complessive al dettaglio. La cifra di dicembre ha segnato il più grande calo mensile nel 2022”.

18 gennaio – CNBC (Diana Olick): “Il sentimento dei costruttori nel mercato delle abitazioni unifamiliari ha registrato un aumento inaspettato a gennaio, aumentando per la prima volta in 12 mesi consecutivi… Il sentimento è salito di 4 punti a 35 sulla National Association of Home Builders/ Wells Fargo Housing Market Index… La metrica si attestava a 83 nel gennaio 2022.”

18 gennaio – Reuters (Lindsay Dunsmuir): “Ci sono stati alcuni segnali incoraggianti, le pressioni inflazionistiche statunitensi e la carenza di manodopera si stavano attenuando, ha mostrato un rapporto della Federal Reserve…, ma l’attività economica è stata tiepida poiché le azioni della banca centrale pesano sulla crescita. Cinque dei distretti della Fed hanno riportato aumenti lievi o modesti dell’attività economica complessiva nelle ultime settimane, mentre sei non hanno notato cambiamenti o lievi diminuzioni… e uno ha citato un calo significativo… La Fed ha pubblicato il suo ultimo sondaggio sulla salute dell’economia derivato dai contatti commerciali a livello nazionale dopo che una serie di dati recenti ha fatto sperare che un’inflazione troppo elevata fosse su un percorso sostenibile verso il basso… ‘ che è stato condotto nei suoi 12 distretti fino al 9 gennaio.

18 gennaio – CNBC (Diana Olick): “I consumatori sono tornati dalle festività natalizie per trovare i tassi dei mutui al punto più basso da settembre e stanno rispondendo in modo drammatico. Il volume delle domande di mutuo è aumentato di quasi il 28% la scorsa settimana rispetto alla settimana precedente… La domanda di rifinanziamento ha fatto la mossa maggiore, con un aumento del 34% rispetto alla settimana precedente, ma è stata comunque inferiore dell’81% rispetto alla stessa settimana di un anno fa.La quota di rifinanziamento dell’attività di mutuo è aumentata al 31,2% delle domande totali dal 30,7% della settimana precedente. Le richieste di mutuo per l’acquisto di una casa sono aumentate del 25% di settimana in settimana, ma sono state inferiori del 35% rispetto alla stessa settimana di un anno fa”.

Advertisement

19 gennaio – CNBC (Nick Timiraos): “Jamie Dimon, CEO di JPMorgan Chase, ritiene che i tassi di interesse potrebbero salire più di quanto attualmente previsto dalla Federal Reserve, poiché l’inflazione rimane ostinatamente elevata. ‘In realtà penso che i tassi probabilmente supereranno il 5%.. . perché penso che ci sia molta inflazione sottostante, che non se ne andrà così in fretta’, ha detto Dimon…”

Orologio a reddito fisso:

15 gennaio – Financial Times (Harriet Clarfelt): “Le obbligazioni societarie rischiose scambiate negli Stati Uniti hanno dato il via al 2023 con una nota positiva, con gli investitori che tollerano un premio inferiore per detenere debito di basso grado come prova del raffreddamento dell’inflazione. le obbligazioni statunitensi grade grade sono scese di circa 0,8 punti percentuali nelle prime due settimane di gennaio a poco più dell’8%, secondo un indice ICE Data Services… indicatore del debito in sofferenza, che scende di circa 3 punti percentuali al 19,3%, un livello visto l’ultima volta cinque mesi fa”.

Orologio cinese:

16 gennaio – Reuters (Josh Arslan e Martin Quin Pollard): “I passeggeri carichi di bagagli si sono riversati lunedì nelle stazioni ferroviarie delle megalopoli cinesi, diretti alle loro città natale per le vacanze che gli esperti sanitari temono possano intensificare una furiosa epidemia di COVID-19 nelle aree meno- “Non torno a casa da più di tre anni”, ha detto a Reuters un residente di Pechino di 23 anni soprannominato Chen mentre aspettava di salire su un treno alla stazione ferroviaria principale della capitale. essere molto emozionato una volta raggiunta la soglia di casa mia.’”

18 gennaio – Reuters (Bernard Orr): “Il presidente Xi Jinping ha detto… di essere particolarmente preoccupato per l’ondata di COVID-19 in Cina che si sta diffondendo nelle aree rurali con scarse strutture mediche, ma ha esortato alla perseveranza in tempi di stress, dicendo ‘la luce è avanti’… La prevenzione e il controllo del COVID sono ancora in un momento di stress, ma la luce è avanti, la persistenza è la vittoria “, ha detto Xi nel suo messaggio di auguri LNY trasmesso dalla CCTV. “Sono molto preoccupato per le aree rurali e gli agricoltori. Le strutture mediche sono relativamente debole nelle aree rurali, quindi la prevenzione è difficile e il compito è arduo”, ha detto Xi, aggiungendo che gli anziani sono una priorità assoluta”.

Advertisement

16 gennaio – Bloomberg (Jinshan Hong): “È probabile che la Cina veda 36.000 morti di Covid al giorno durante le vacanze del capodanno lunare, rendendolo uno dei periodi più mortali della pandemia, secondo un’analisi aggiornata della più grande epidemia al mondo Le cifre riviste della società di previsioni indipendente Airfinity Ltd. hanno aggiunto 11.000 morti al giorno alla stima del 29 dicembre… restrizioni, l’azienda ha detto.”

18 gennaio – New York Times (Keith Bradsher): “L’economia cinese ha avuto una delle peggiori performance degli ultimi decenni lo scorso anno, poiché la crescita è stata trascinata al ribasso da numerosi blocchi Covid seguiti da un’epidemia mortale a dicembre che ha attraversato il paese con notevole velocità. La Cina è cresciuta del 3% per l’anno…, molto meno che nel 2021 e al di sotto dell’obiettivo di Pechino del 5,5%. A parte il 2020, è stato il risultato più deludente dal 1976, l’anno della morte di Mao Zedong, quando l’economia è diminuita dell’1,6%.

17 gennaio – Reuters (Kevin Yao ed Ellen Zhang): “La crescita economica della Cina nel 2022 è crollata a uno dei livelli peggiori in quasi mezzo secolo, poiché il quarto trimestre è stato duramente colpito dai severi limiti del COVID e dal crollo del mercato immobiliare, aumentando la pressione La crescita trimestrale e alcuni degli indicatori di dicembre, come le vendite al dettaglio, hanno superato le aspettative del mercato, ma gli analisti hanno notato che l’impulso economico generale in tutta la Cina è rimasto debole… Il prodotto interno lordo (PIL) è cresciuto del 2,9% tra ottobre e dicembre rispetto a un anno prima…, più lento del ritmo del 3,9% del terzo trimestre. Il tasso ha comunque superato l’espansione dello 0,4% del secondo trimestre e le aspettative del mercato di un aumento dell’1,8%”.

16 gennaio – Bloomberg: “I prezzi delle case cinesi sono diminuiti per il 16° mese a dicembre, poiché diffusi focolai di Covid hanno complicato gli sforzi per salvare il mercato immobiliare in crisi. I prezzi delle nuove case in 70 città… sono diminuiti dello 0,25% rispetto al mese precedente, allo stesso ritmo di Novembre… Per l’intero anno, i prezzi sono scesi del 2,3%… L’ultimo calo è arrivato settimane dopo che i politici hanno svelato un piano radicale per rilanciare il settore immobiliare, concentrandosi principalmente sul lato dell’offerta, promettendo sostegno finanziario agli sviluppatori a corto di liquidità”.

Advertisement

17 gennaio – Reuters (Liangping Gao e Kevin Yao): “Gli investimenti immobiliari cinesi sono diminuiti del 10,0% su base annua nel 2022, il primo calo dall’inizio dei record nel 1999, rispetto a un calo del 9,8% nei primi 11 mesi del anno… Le vendite di proprietà per superficie sono diminuite del 24,3% nel 2022 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, il massimo da quando i dati sono diventati disponibili nel 1992, rispetto a un calo del 23,3% nel periodo gennaio-novembre, secondo… il National Bureau of Statis tic (NBS). Gli inizi di nuove costruzioni misurati per superficie sono diminuiti del 39,4% su base annua nel 2022, rispetto a un crollo del 38,9% nei primi 11 mesi dell’anno. I fondi raccolti dai promotori immobiliari cinesi sono crollati del 25,9% su base annua, dopo essere crollati del 25,7% tra gennaio e novembre”.

18 gennaio – Reuters (Ellen Zhang e Kevin Yao): “Il settore immobiliare cinese è sceso del 5,1% nel 2022 rispetto all’anno precedente, i dati sul valore aggiunto del National Bureau of Statistics (NBS) hanno mostrato… settore lento nel 2023. Il valore aggiunto nell’industria un tempo potente è stato inferiore del 7,2% nel quarto trimestre rispetto all’anno precedente, dopo una contrazione annuale del 4,2% osservata nel terzo trimestre… Le cifre indicavano che il settore immobiliare era uno dei maggiori trascina l’economia l’anno scorso.”

19 gennaio – Wall Street Journal (Rebecca Feng e Cao Li): “Il mercato immobiliare cinese è passato dall’essere un motore di crescita a un freno economico nel 2022, con il crollo delle vendite, il calo dei prezzi e la diffusa perdita di posti di lavoro. La prognosi per quest’anno non è t molto meglio, aggravando gli sforzi di Pechino per riportare la sua economia su basi più solide.Le vendite di nuove proprietà residenziali nel paese sono crollate del 28% l’anno scorso fino all’equivalente di $ 1,7 trilioni in termini di valore, un minimo di cinque anni. è sceso al livello più basso in quasi un decennio… Le vendite di terreni per area sono diminuite del 53% nel 2022, a un livello inferiore a quello del 1999, l’anno in cui l’Ufficio nazionale di statistica cinese ha iniziato a pubblicare i dati”.

19 gennaio – New York Times (Li Yuan): “Se ne sono andati dopo che il governo ha represso il settore privato. Sono scappati da una dura politica di ‘zero Covid’. Hanno cercato rifugi sicuri per la loro ricchezza e le loro famiglie. Sono andati a Singapore, Dubai, Malta, Londra, Tokyo e New York, ovunque tranne che nel loro paese d’origine, la Cina, dove sentivano che i loro beni e la loro sicurezza personale erano sempre più alla mercé del governo autoritario.Nel 2022… molti cinesi uomini d’affari si sono trasferiti all’estero, temporaneamente o definitivamente. Hanno fatto parte di un’ondata di emigrazione che ha portato a uno dei principali tormentoni online dell’anno, “runxue”, inteso come fuga dalla Cina. Un consequenziale, anche se privilegiato, pezzo di economia cinese puzzle, queste persone stanno ritirando la loro ricchezza e le loro attività quando la crescita è al punto più basso degli ultimi decenni “.

Advertisement

16 gennaio – Bloomberg: “Le autorità di regolamentazione finanziaria cinesi e le più grandi società di gestione di crediti inesigibili della nazione prevedono di offrire fino a 160 miliardi di yuan ($ 24 miliardi) di supporto per il rifinanziamento a sviluppatori di alta qualità nel primo trimestre, secondo persone note.. Secondo il piano annunciato per la prima volta venerdì con pochi dettagli, la People’s Bank of China canalizzerà 80 miliardi di yuan di prestiti attraverso China Huarong Asset Management Co. e i suoi colleghi a sviluppatori selezionati a un tasso annuo dell’1,75%…”

16 gennaio – Reuters (Roushni Nair e Clare Jim): “Il promotore immobiliare China Evergrande ha affermato che… il suo revisore dei conti, PricewaterhouseCoopers (PWC), si era dimesso a causa di disaccordi su questioni relative alla revisione dei conti del 2021. Le questioni includevano la tempistica e l’ambito del lavoro necessario per valutare la continuità aziendale della società, nonché il lavoro di audit aggiuntivo e le procedure necessarie per la valutazione della riduzione di valore delle attività, ha dichiarato Evergrande…”

18 gennaio – Bloomberg: “I fondi esteri hanno venduto una quantità record di obbligazioni cinesi nel 2022 principalmente a causa dell’ampio divario di rendimento della nazione con gli Stati Uniti… I fondi globali hanno venduto 616 miliardi di yuan ($ 91 miliardi) di obbligazioni cinesi lo scorso anno, secondo… i dati di China Central & Depository Clearing Co. e Shanghai Clearing House. Si tratta del primo deflusso annuale dal mercato obbligazionario onshore cinese dal 2014, quando la nazione ha iniziato a comunicare i dati sulle partecipazioni”.

14 gennaio – Wall Street Journal (Chun Han Wong): “Il leader cinese Xi Jinping è passato dal cementare la sua supremazia lo scorso autunno alla lotta contro una crisi della salute pubblica e dell’economia fino alle ricadute del nuovo anno da un brusco passaggio da ‘zero Covid’ che potrebbe gettare un ombra sulla Cina per i mesi a venire.Il signor Xi si è assicurato un terzo mandato contro le norme come capo del Partito Comunista in ottobre e ha accatastato la leadership con alleati che hanno cantato le lodi del loro leader e hanno strombazzato la sua visione di una Cina fiorente. dolore e un’ondata di proteste pubbliche contro la strategia Covid di tolleranza zero del signor Xi di blocchi e controlli alle frontiere, seguita da uno smantellamento casuale dei protocolli pandemici che minaccia di colpire ulteriormente la seconda economia più grande del mondo “.

Advertisement

15 gennaio – Bloomberg: “Nelle settimane successive alle storiche proteste in Cina contro i blocchi di Covid Zero, il presidente Xi Jinping sembrava mostrare una certa empatia. Xi ha detto al presidente del Consiglio europeo Charles Michel all’inizio di dicembre che i manifestanti erano “principalmente studenti e adolescenti” frustrati la pandemia. Il leader cinese ha proseguito con un discorso di Capodanno dicendo che era “naturale” per 1,4 miliardi di persone avere opinioni divergenti, aggiungendo: “Ciò che conta è costruire il consenso attraverso la comunicazione e la consultazione”. Ma dietro le quinte, la Cina ha radunato i manifestanti che le autorità considerano istigatori di disordini sociali. Weiquanwang, un sito web che tiene traccia dei casi di diritti umani in Cina, ha affermato che più di 100 manifestanti potrebbero essere stati arrestati…”

18 gennaio – Bloomberg: “I censori cinesi hanno lanciato una campagna per garantire che nella nazione asiatica prevalga uno stato d’animo ‘festoso e pacifico’ mentre si avvicina la sua festa più importante mentre aumentano le morti per Covid-19. L’amministrazione del cyberspazio cinese ha dichiarato… “aumentare la rettifica delle voci online relative all’epidemia” nel corso del prossimo mese per evitare che i contenuti “ingannino il pubblico e causino panico sociale”. Il cane da guardia di Internet ha affermato che si concentrerà su “comportamenti di diffusione di voci in aree come l’economia e i mezzi di sussistenza delle persone” e si occuperà dei problemi relativi alla “fabbricazione di esperienze dei pazienti”. Ha aggiunto che l’obiettivo era “correggere completamente problemi come informazioni false per prevenire l’esagerazione di emozioni cupe”.

17 gennaio – Reuters (Albee Zhang e Farah Master): “L’anno scorso la popolazione cinese è diminuita per la prima volta in sei decenni, una svolta storica che dovrebbe segnare l’inizio di un lungo periodo di declino del numero di cittadini con profonde implicazioni per la sua economia e il mondo. L’Ufficio nazionale di statistica del paese ha registrato un calo di circa 850.000 persone su una popolazione di 1,41175 miliardi nel 2022, segnando il primo calo dal 1961, l’ultimo anno della Grande carestia cinese. Ciò rende forse l’India il paese più nazione popolosa».

Orologio del banchiere centrale:

19 gennaio – Financial Times (Colby Smith, Chris Giles, Valentina Romei e George Steer): “Gli investitori sono stati avvertiti che i banchieri centrali su entrambe le sponde dell’Atlantico ‘manterranno la rotta’ sugli aumenti dei tassi di interesse per raffreddare le loro economie e domare l’inflazione elevata.La presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha avvertito che ci attendono ulteriori forti aumenti dei tassi… , il vicepresidente della Fed, ha segnalato che anche la banca centrale americana ha molto da fare per avvicinare l’inflazione al suo obiettivo del 2%, nonostante i segnali che indicano che la spesa dei consumatori sta iniziando a diminuire, il mercato del lavoro si sta raffreddando e le pressioni sui prezzi si sono allentate “L’inflazione è alta e ci vorrà tempo e determinazione per riportarla al 2%. Siamo determinati a mantenere la rotta”, ha detto Brainard… John Williams, presidente della Fed di New York, ha affermato che la banca centrale “deve continua a muoverti’ dato che ‘ci vorrà del tempo per su domanda e domanda di tornare al giusto allineamento ed equilibrio’, e ha ulteriormente sottolineato la necessità per la Fed di ‘mantenere la rotta’.”

Advertisement

20 gennaio – Wall Street Journal (Paul Hannon): “L’abbandono da parte della Cina della sua politica zero-Covid è una buona notizia per la crescita economica globale, ma potrebbe dare una nuova spinta all’inflazione in Europa, ha affermato la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde… ‘ Il cambiamento di questa politica Covid rilancerà l’economia “, ha affermato la signora Lagarde. “Questo è positivo per il resto del mondo, ma ci sarà più pressione inflazionistica”. I commenti si aggiungono ai recenti segnali che la BCE rimarrà ferma nel suo sforzo di combattere l’inflazione attraverso tassi di interesse più elevati, nonostante i recenti segnali di moderazione della pressione sui prezzi nell’eurozona”.

17 gennaio – Bloomberg (Jana Randow e Alessandra Migliaccio): “I responsabili politici della Banca centrale europea stanno iniziando a considerare un ritmo di rialzi dei tassi di interesse più lento rispetto a quanto indicato dalla presidente Christine Lagarde a dicembre, secondo funzionari esperti… ha segnalato a febbraio rimane probabile, la prospettiva di un aumento minore di 25 punti nella successiva riunione di marzo sta guadagnando consensi, hanno detto i funzionari, chiedendo di non essere identificati perché i colloqui sulla questione sono riservati. Non deve essere visto come la BCE che si sta indebolendo nel suo mandato, hanno detto i funzionari”.

16 gennaio – Bloomberg (Alexander Weber): “Il membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea Olli Rehn ha affermato che l’anticipo degli aumenti dei tassi di interesse per arginare l’inflazione potrebbe significare che i funzionari non devono intraprendere azioni ancora più drastiche su tutta la linea. ‘Agire rapidamente ora, dovremmo essere in grado di evitare quello che viene spesso definito uno “shock Volcker”, ha affermato…, riferendosi alle “rigorose politiche disinflazionistiche dei primi anni ’80” dell’ex capo della Federal Reserve Paul Volcker. significativamente per raggiungere livelli sufficientemente restrittivi da garantire un tempestivo ritorno dell’inflazione all’obiettivo di medio termine del 2%.’”

19 gennaio – Bloomberg (Jana Randow): “Klaas Knot, membro del consiglio direttivo della Banca centrale europea, ha affermato che ci sarà ancora un aumento di oltre mezzo punto nei tassi di interesse, con la situazione dell’inflazione che rimane insoddisfacente. Gli investitori… potrebbero sottovalutare l’impegno della BCE per domare i prezzi, ha detto Knot alla CNBC… I politici sono attualmente concentrati sul rischio di fare troppo poco, ha detto. “Il nostro presidente ha già annunciato che la maggior parte del terreno che dobbiamo coprire lo copriremo a un ritmo costante di più Aumenti di 50 punti base’, ha detto il capo della banca centrale olandese dalla linea dura…”

Advertisement

16 gennaio – Bloomberg (Loukia Gyftopoulou e Francine Lacqua): “Le banche centrali continueranno ad alzare i tassi quest’anno per garantire che l’inflazione mantenga il suo percorso discendente, sfidando i trader che si aspettano che i politici si allentino, secondo il vicepresidente di BlackRock Inc. Philipp Hildebrand”. Francamente, non vedo alcuna possibilità di allentamento quest’anno – penso che il mercato abbia sbagliato”, ha detto Hildebrand, l’ex capo della Banca nazionale svizzera, a Bloomberg TV…”

18 gennaio – Reuters (Francesco Canepa): “Il personale della Banca Centrale Europea sta perdendo fiducia nella leadership dell’istituzione a seguito del mancato controllo dell’inflazione da parte della BCE e di una retribuzione che ha ritardato il balzo dei prezzi, secondo un’indagine del sindacato IPSO. Le risposte sottolineano che anche le banche centrali, la cui principale responsabilità è combattere l’inflazione, non sono immuni dall’insoddisfazione del personale per il forte aumento del costo della vita… martedì, sono stati inviati al personale della BCE… Hanno mostrato che due terzi dei circa 1.600 intervistati hanno affermato che la loro fiducia in Lagarde e il resto dei sei membri del consiglio della BCE sono stati danneggiati dai recenti sviluppi come l’elevata inflazione e un aumento salariale che ha fatto non corrispondere all’aumento dei prezzi.”

Orologio bolla globale:

18 gennaio – Financial Times (Tom Wilson): “La domanda globale di petrolio è destinata a raggiungere il massimo storico nel 2023 mentre la Cina allenta le sue restrizioni Covid-19 con una mossa che potrebbe far salire i prezzi del greggio nella seconda metà dell’anno , secondo l’Agenzia internazionale per l’energia… “Due jolly dominano le prospettive del mercato petrolifero del 2023: Russia e Cina”, afferma il rapporto, aggiungendo che una robusta crescita della domanda rafforzerebbe “gli equilibri mentre l’offerta russa rallenta sotto il pieno impatto delle sanzioni”.

16 gennaio – CNBC (Sophie Kiderlin): “Negli ultimi due anni, l’1% più ricco delle persone ha accumulato quasi i due terzi di tutta la nuova ricchezza creata in tutto il mondo, afferma un nuovo rapporto di Oxfam. Un totale di 42 trilioni di dollari di nuova ricchezza è stata creata dal 2020, con $ 26 trilioni, o il 63%, di quella accumulata dall’1% più ricco degli ultra ricchi… Il restante 99% della popolazione mondiale ha raccolto solo $ 16 trilioni di nuova ricchezza, afferma l’ente di beneficenza globale contro la povertà. “Un miliardario ha guadagnato circa $ 1,7 milioni per ogni $ 1 di nuova ricchezza globale guadagnata da una persona nel 90% più povero”, il rapporto … ”

Advertisement

16 gennaio – Bloomberg (Ari Altstedter): “I prezzi delle case canadesi sono diminuiti al massimo mai registrato nel 2022, poiché i tassi di interesse in rapido aumento hanno costretto un aggiustamento del mercato che potrebbe dover andare oltre. Il prezzo delle case di riferimento del paese è sceso dell’1,6% a dicembre a 730.600 dollari canadesi, portando la diminuzione totale dal picco di febbraio al 13,2%, ha affermato la Canadian Real Estate Association… nel 2005.”

Monitoraggio della crisi dei mercati emergenti:

20 gennaio – Reuters (Alun John): “Nella settimana fino a mercoledì, gli investitori hanno versato la cifra record di 12,7 miliardi di dollari in fondi azionari e di debito dei mercati emergenti, in risposta all’allentamento da parte della Cina delle sue restrizioni all’attività legate al COVID-19, dati di venerdì di BofA Global La ricerca ha mostrato che l’improvviso cambiamento nella politica cinese ha dato impulso a molte classi di attività diverse, dalle materie prime e titoli minerari alle valute e ai mercati azionari nelle destinazioni turistiche più popolari”.

18 gennaio – Bloomberg (Daniel Carvalho): “Il presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva ha minimizzato l’importanza di una banca centrale indipendente, ha affrontato l’obiettivo di inflazione del paese e ha promesso di fare in modo che i rivoltosi dell’8 gennaio siano assicurati alla giustizia in un ampio- intervista di portata… “In questo paese si è discusso molto di avere una banca centrale indipendente, credendo che sarebbe stato meglio”, ha detto Lula. “È sciocco pensare che un governatore di una banca centrale indipendente farà di più rispetto a quando il presidente lo ha nominato.’”

20 gennaio – CNN (Claudia Rebaza, Tara John, Jack Guy e Mia Alberti): “La presidente del Perù Dina Boluarte ha chiesto il dialogo dopo che gli scontri tra manifestanti e polizia durante le manifestazioni a livello nazionale hanno provocato un morto e 30 feriti. ‘Ancora una volta, io appello al dialogo, chiedo a quei leader politici di calmarsi. Avere uno sguardo più onesto e obiettivo sul paese; parliamone”, ha detto Boluarte… I suoi commenti sono arrivati ​​dopo gli scontri nelle strade della capitale Lima, dove migliaia di manifestanti provenienti da in tutto il paese ha dovuto affrontare una massiccia dimostrazione di forza da parte della polizia locale”.

Advertisement

Orologio giapponese:

19 gennaio – Reuters (Takahiko Wada e Leika Kihara): “I principali prezzi al consumo in Giappone a dicembre sono aumentati del 4,0% rispetto all’anno precedente, raddoppiando l’obiettivo del 2% della banca centrale, raggiungendo un nuovo massimo di 41 anni e mantenendo vive le aspettative del mercato della banca centrale potrebbe eliminare gradualmente i tassi di interesse ultra bassi… “Le aziende non sono più così caute nell’aumentare i prezzi. Potremmo vedere l’inflazione rimanere al di sopra dell’obiettivo del 2% della BOJ fino all’autunno di quest’anno”, ha affermato Yoshiki Shinke, capo economista di Dai-ichi Life Istituto di ricerca.”

18 gennaio – Financial Times (Kana Inagaki e Leo Lewis): “La Banca del Giappone ha sfidato la pressione del mercato e ha lasciato invariate le sue misure di controllo della curva dei rendimenti, facendo crollare lo yen e spingendo le azioni al rialzo mentre rimaneva fedele a un pilastro fondamentale del suo ultra- politica monetaria accomodante. Gli operatori a Tokyo hanno detto che la decisione della BoJ, che è arrivata dopo una riunione di due giorni, il penultimo sotto il suo governatore più longevo, Haruhiko Kuroda, avrebbe probabilmente esercitato ulteriori pressioni sul suo successore per porre fine all’esperimento ventennale del Giappone in massiccio allentamento monetario.Mercoledì, Kuroda ha insistito sul fatto che il suo programma ha avuto successo, affermando che i controlli sui rendimenti erano sostenibili… modi in cui la decisione di non apportare modifiche oggi – né alla politica né alla guida anticipata – prepara la BoJ a una lunga battaglia con il mercato”, ha affermato Shatil”.

20 gennaio – Bloomberg (Toru Fujioka): “Il governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda ha segnalato che l’inflazione più alta dal 1981 non ha alcun impatto sulla sua determinazione a continuare con l’allentamento monetario. Lo yen si è indebolito. ‘La nostra speranza è che i salari inizino a salire e ciò potrebbe fare in modo che l’obiettivo del 2% di inflazione venga raggiunto in modo stabile e sostenibile”, ha detto Kuroda durante una tavola rotonda venerdì a Davos… “Ma dobbiamo aspettare un po’ di tempo”. Le osservazioni di Kuroda rafforzano il respingimento della banca centrale di questa settimana contro la più intensa speculazione del mercato per gli aggiustamenti politici durante il suo mandato decennale”.

15 gennaio – Reuters (Kantaro Komiya): “Il vice governatore della Banca del Giappone (BOJ) Masayoshi Amamiya, uno stretto collaboratore del capo in carica Haruhiko Kuroda, è molto probabile che gli succederà questa primavera, secondo due terzi degli economisti in un sondaggio Reuters Gli investitori hanno seguito da vicino la corsa per la posizione del prossimo governatore della BOJ, alla ricerca di indizi di possibili cambiamenti politici dopo il pensionamento di Kuroda, che ha supervisionato massicci stimoli monetari con metodi non ortodossi dal 2013… Soprannominato “Mr BOJ” per aver ideato molti dei misure non convenzionali di allentamento monetario della banca, Amamiya è stato il braccio destro di Kuroda e ha sostenuto di mantenere una politica ultra-accomodante per far uscire il Giappone dalla deflazione”.

Advertisement

Monitoraggio dell’instabilità sociale, politica, ambientale e della sicurezza informatica:

16 gennaio – Reuters (Mark John): “Appena due persone su cinque credono che le loro famiglie staranno meglio in futuro, secondo un regolare sondaggio globale che ha anche identificato livelli crescenti di sfiducia nelle istituzioni tra le famiglie a basso reddito. The Edelman Trust Barometer, che per oltre due decenni ha sondato l’atteggiamento di migliaia di persone, ha rilevato che il pessimismo economico era al suo massimo in alcune delle maggiori economie mondiali come Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Giappone. stato diviso dagli impatti della pandemia e dell’inflazione. Le famiglie a reddito più elevato si fidano ancora ampiamente di istituzioni come governo, imprese, media e ONG. Ma l’alienazione è diffusa tra i gruppi a basso reddito “.

16 gennaio – The Guardian (Damian Carrington): “Il ritorno del fenomeno climatico El Niño entro la fine dell’anno causerà un aumento delle temperature globali ‘fuori dal grafico’ e provocherà ondate di calore senza precedenti, hanno avvertito gli scienziati. Le prime previsioni suggeriscono che El Niño tornerà più tardi nel 2023, esacerbando le condizioni meteorologiche estreme in tutto il mondo e rendendo “molto probabile” che il mondo supererà 1,5°C di riscaldamento. L’anno più caldo mai registrato nella storia, il 2016, è stato guidato da un grande El Niño. Fa parte di un’oscillazione naturale guidata dalle temperature dell’oceano e dai venti del Pacifico, che alterna El Niño, la sua controparte più fredda La Niña, e condizioni neutre. Gli ultimi tre anni hanno visto una serie insolita di eventi consecutivi di La Niña”.

17 gennaio – CNBC (Emma Newburger): “Gli sviluppatori che pianificano di costruire case nel deserto a ovest di Phoenix non hanno abbastanza riserve di acqua sotterranea per andare avanti con i loro piani, ha trovato un rapporto di modellazione statale. Piani per costruire case a ovest del White Tank Le montagne richiederanno fonti d’acqua alternative per procedere mentre lo stato è alle prese con una storica mega siccità e carenza d’acqua… Le fonti d’acqua stanno diminuendo negli Stati Uniti occidentali e le crescenti restrizioni sul fiume Colorado stanno colpendo tutti i settori dell’economia, compresa l’edilizia… ”

Osservazione sulla speculazione con leva:

17 gennaio – Bloomberg (Nishant Kumar e Lisa Abramowicz): “Bob Prince, che aiuta a gestire il più grande hedge fund del mondo, ha affermato che stiamo assistendo al ritorno del ciclo boom-bust e che più persone devono perdere il lavoro prima che l’inflazione si riduca “È difficile dire se abbiamo finito con l’inasprimento o ne avremo un altro”, ha dichiarato Prince, co-chief investment officer di Bridgewater Associates… al World Economic Forum di Davos… ” Quello che possiamo dire è che la prossima scarpa da calare deve essere un declino dell’economia, in particolare una contrazione dei mercati del lavoro.’”

Advertisement

Orologio geopolitico:

15 gennaio – CNN (Brad Lendon): “È una corsa agli armamenti più grande di qualsiasi altra cosa l’Asia abbia mai visto – tre grandi potenze nucleari e una in rapido sviluppo, le tre maggiori economie del mondo e alleanze vecchie di decenni tutte in lizza per un vantaggio in alcuni delle aree terrestri e marittime più contese del mondo. In un angolo ci sono gli Stati Uniti e i suoi alleati Giappone e Corea del Sud. In un altro angolo, la Cina e il suo partner Russia. E in un terzo, la Corea del Nord. Ciascuno vuole essere un passo avanti davanti agli altri, tutti sono intrappolati in un circolo vizioso che sta andando fuori controllo. Dopotutto, la deterrenza di un uomo è l’escalation di un altro. “Continueremo a vedere queste dinamiche a spirale nell’Asia orientale, dove non abbiamo misure di moderazione, non abbiamo il controllo degli armamenti”, ha detto alla CNN Ankit Panda, un esperto di politica nucleare presso il Carnegie Endowment for International Peace”.

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Questo articolo è stato scritto da

Ho circa 30 anni perseverando come “orso professionista”. La mia occasione fortunata arrivò alla fine del 1989, quando fui assunto da Gordon Ringoen come trader per il suo hedge fund a San Francisco. Lavorare come short-side trader, analista e portfolio manager durante il grande mercato rialzista degli anni Novanta – per una delle persone più brillanti che abbia mai incontrato – è stata un’esperienza di apprendimento entusiasmante, impegnativa e, alla fine, estenuante e assolutamente inestimabile. Più tardi, negli anni Novanta, ho lavorato alla Fleckenstein Capital e alla East Shore Partners. Nel gennaio 1999, ho iniziato la mia corsa di 16 anni con PrudentBear (che si è conclusa alla fine del 2014), lavorando come strategist e portfolio manager con David Tice a Dallas fino alla vendita dei fondi bear nel dicembre 2008. All’inizio degli anni novanta, ho divenne un appassionato lettore di The Richebacher Letter. Il grande Dr. Richebacher mi ha aperto gli occhi sull’economia austriaca e ha consolidato la mia passione per l’economia e l’analisi macro. Ho avuto la fortuna di assistere il Dr. Richebacher con la sua pubblicazione dal 1996 al 2001. Prima di lavorare negli investimenti, ho lavorato come analista di tesoreria presso la sede americana della Toyota. Stava lavorando alla Toyota durante il periodo della bolla giapponese e il crollo del mercato azionario del 1987, dove ho riconosciuto per la prima volta il mio amore per l’analisi macro. Appena uscito dal college, ho lavorato come CPA di Price Waterhouse. Mi sono laureato con lode presso l’Università dell’Oregon (Major in Contabilità e Finanza, 1984) e successivamente ho conseguito un MBA presso l’Università dell’Indiana (1989). Verso la fine degli anni Novanta, ero convinto che si stessero verificando sviluppi epocali nella finanza, nei mercati e nel processo decisionale che non venivano riconosciuti dall’analisi convenzionale e dai media. Sono stato ispirato ad aprire il mio blog, che è diventato il Credit Bubble Bulletin, dal desiderio di far luce su questi sviluppi. Credo che ci sia un grande valore nell’analisi contemporanea, e indicherò i brillanti scritti di Benjamin Anderson nel “Chase Economic Bulletin” durante i ruggenti anni Venti e l’era della Grande Depressione. Ben Bernanke ha definito la comprensione delle forze che hanno portato alla Grande Depressione il “Santo Graal dell’economia”. Credo che “Il Graal” sarà invece scoperto attraverso la conoscenza e la comprensione dell’attuale straordinario periodo di bolla globale.

Advertisement
Advertisement

Trending