Entra in contatto con noi

Mercati americani

Commento settimanale: solo i fatti – 23 dicembre 2022

Pubblicato

il

Charday Penn/E+ tramite Getty Images

Per la settimana:

Delos Gioielli
Delos Gioielli

L’S&P500 è sceso dello 0,2% (-19,3% da inizio anno), mentre il Dow è salito dello 0,9% (-8,6%). Le utility hanno registrato un rialzo dell’1,5% (-1,8%). Le Banche recuperano l’1,7% (-24,9%) ei Broker/Dealer guadagnano l’1,1% (-7,5%). I Trasporti scendono dell’1,3% (-17,7%). Le midcap S&P 400 sono aumentate 0,8% (-14,3%), mentre la small cap Russell 2000 è stata poco modificata (-21,6%). Il Nasdaq100 ha perso il 2,3% (-32,7%). I semiconduttori sono scesi del 3,8% (-35,7%). Le biotecnologie sono scese dello 0,6% (-4,0%). Con i lingotti che guadagnano $ 5, l’indice HUI Gold Equities è salito del 4,4% (in calo del 10,5%).

I tassi dei buoni del Tesoro a tre mesi hanno chiuso la settimana al 4,1825%. I rendimenti governativi a due anni sono aumentati di 14 punti base al 4,32% (+359 punti base da inizio anno). I rendimenti dei Buoni del Tesoro a cinque anni sono aumentati di 23 punti base al 3,86% (+259 punti base). I rendimenti dei Treasury decennali sono aumentati di 26 punti base al 3,75% (+224 punti base). I rendimenti delle obbligazioni lunghe sono aumentati di 28 punti base al 3,83% (+192 punti base). I rendimenti del benchmark Fannie Mae MBS sono aumentati di 30 punti base al 5,20% (+313 punti base).

I rendimenti greci a 10 anni sono aumentati di 22 punti base al 4,51% (+333 punti base da inizio anno). I rendimenti italiani sono aumentati di 21 punti base al 4,50% (+333 punti base). I rendimenti a 10 anni della Spagna sono aumentati di 22 punti base al 3,47% (+291 punti base). I rendimenti dei bund tedeschi sono aumentati di 25 punti base al 2,40% (+258 punti base). I rendimenti francesi sono aumentati di 26 punti base al 2,93% (+273 punti base). Lo spread sui titoli decennali franco-tedeschi si è ampliato di circa 1 punto base a 53 punti base. I rendimenti dei gilt a 10 anni del Regno Unito sono aumentati di 31 punti base al 3,64% (+267 punti base). L’indice azionario FTSE del Regno Unito è salito dell’1,9% (+1,2% da inizio anno).

Advertisement

L’indice giapponese Nikkei Equities è sceso del 4,7% (-8,9% da inizio anno). I rendimenti del “JGB” giapponese a 10 anni sono aumentati di 13 punti base allo 0,385% (+31 punti base da inizio anno). Il CAC40 della Francia è aumentato dello 0,8% (-9,1%). L’indice azionario tedesco DAX ha guadagnato lo 0,3% (-12,2%). L’indice azionario spagnolo IBEX 35 ha recuperato l’1,9% (-5,1%). L’indice FTSE MIB italiano è aumentato dello 0,8% (-12,7%). Le azioni dei mercati emergenti sono state contrastanti. L’indice Bovespa del Brasile è salito del 6,7% (-4,7%) e l’indice Bolsa del Messico ha recuperato l’1,9% (-5,1%). L’indice Kospi della Corea del Sud è sceso del 2,0% (-22,3%). L’indice azionario indiano Sensex è sceso del 2,4% (+2,7%). L’indice cinese di Shanghai è sceso del 3,9% (-16,3%). L’indice turco Borsa Istanbul National 100 è balzato del 4,6% (+194%). L’indice azionario russo MICEX è sceso dello 0,4% (-43,9%).

I fondi obbligazionari investment grade hanno registrato deflussi di $ 6,089 miliardi e i fondi obbligazionari spazzatura hanno registrato flussi negativi di $ 3,500 miliardi (da Lipper).

Il credito della Federal Reserve è diminuito di $ 16,4 miliardi la scorsa settimana a $ 8,531 TN. Il credito della Fed è sceso di $ 370 miliardi rispetto al picco del 22 giugno. Nelle ultime 171 settimane, il credito della Fed è cresciuto di $ 4,820 TN, o del 129%. Il credito della Fed ha gonfiato $ 5,720 trilioni, o il 203%, nelle ultime 528 settimane. Altrove, le partecipazioni della Fed per i proprietari stranieri di Treasury, Agency Debt sono cambiate poco la scorsa settimana a $ 3,309 TN. Le “detenzioni in custodia” sono diminuite di $ 116 miliardi, o del 3,4%, su base annua.

Le attività totali dei fondi del mercato monetario sono scese di $ 28,2 miliardi a $ 4,713 TN. I fondi monetari totali sono aumentati di $ 47 miliardi, o dell’1,0%, su base annua.

Advertisement

La carta commerciale totale è scesa di $ 24 miliardi a $ 1,278 TN. CP è aumentato di $ 195 miliardi, o del 18%, nell’ultimo anno.

I tassi ipotecari fissi a 30 anni di Freddie Mac sono aumentati di tre punti base al 6,20% (+315 punti base su base annua). I tassi a quindici anni sono scesi di due punti base al 5,50% (+320 punti base). I tassi ARM ibridi a cinque anni sono aumentati di tre punti base al 5,39% (+302 punti base). L’indagine di Bankrate sui costi dei mutui ipotecari jumbo mostra tassi fissi a 30 anni in calo di quattro punti base al 6,57% (+334 punti base).

Controllo valuta:

Durante la settimana, l’indice del dollaro USA è sceso dello 0,4% a 104,31 (+9,0% da inizio anno). Per la settimana al rialzo, il rand sudafricano è aumentato del 3,9%, il real brasiliano del 2,8%, lo yen giapponese del 2,8%, il peso messicano del 2,1%, il won sudcoreano del 2,1%, il dollaro canadese dello 0,7%, il dollaro di Singapore dello 0,6 %, il dollaro australiano 0,5%, l’euro 0,3% e il franco svizzero 0,1%. Al ribasso, il dollaro neozelandese è sceso dell’1,5%, la corona svedese dell’1,1% e la sterlina britannica dello 0,8%. Il renminbi cinese (onshore) è diminuito dello 0,23% rispetto al dollaro (in calo del 9,07% da inizio anno).

Advertisement

Osservazione delle materie prime:

22 dicembre – Bloomberg (Marvin G. Perez): “I futures del cotone sono precipitati dopo che i dati hanno mostrato che gli acquirenti cinesi di cotone statunitense hanno effettuato la più grande cancellazione di acquisti in un decennio a causa di nuovi segnali di vento contrario della domanda per il più grande esportatore mondiale. La Cina ha annullato 144.400 balle di acquisti per la settimana si è conclusa il 15 dicembre…, la più grande cancellazione settimanale dal giugno 2012… La domanda della Cina è rallentata a causa dei blocchi dovuti al Covid-19 e alla contrazione della produzione. La nazione asiatica è il più grande importatore mondiale di fibra e il più grande cliente degli Stati Uniti.”

Il Bloomberg Commodities Index è stato leggermente modificato (+13,5% da inizio anno). L’oro spot è aumentato dello 0,3% a $ 1.798 (in calo dell’1,7%). L’argento ha guadagnato il 2,2% a $ 23,73 (+ 1,8%). Il greggio WTI è salito di $ 5,27 a $ 79,56 (+ 6%). La benzina è salita dell’11,8% (+7%), mentre il gas naturale è sceso del 23,0% a 5,08 dollari (+36%). Il rame è salito dell’1,3% (-15%). Il grano è aumentato del 3,0% (+1%) e il mais è aumentato del 2,0% (+12%). Bitcoin è salito di $ 200, o dell’1,2%, questa settimana a $ 16.800 (in calo del 64%).

Osservazione sull’instabilità del mercato:

Advertisement

20 dicembre – Bloomberg (Masaki Kondo e Ruth Carson): “L’inaspettata svolta aggressiva della Banca del Giappone ha provocato ondate di shock nei mercati globali mentre l’ultima resistenza del mondo sviluppato per i tassi di interesse più bassi si avvicinava alla normalizzazione politica. I titoli di stato giapponesi e i titoli del Tesoro sono entrambi crollati , mentre lo yen è salito dopo che la BOJ ha alzato il tetto sui rendimenti decennali di riferimento a circa lo 0,5% dallo 0,25%, sorprendendo tutti gli economisti intervistati da Bloomberg… capitale che torna a casa. Ciò minaccia di abbassare i prezzi delle attività e aumentare i costi di indebitamento globali in un momento in cui le prospettive economiche si stanno deteriorando. “È importante non sottovalutare l’impatto che ciò potrebbe avere, perché una politica più rigorosa della BoJ eliminerebbe una delle ultime ancore globali che è ha contribuito a mantenere i costi di indebitamento a livelli bassi in senso più ampio”, ha scritto Jim Reid, responsabile globale della ricerca macro di Deutsche Bank AG…”

20 dicembre – Bloomberg (Toru Fujioka, Ruth Carson e Sumio Ito): “Il governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda ha appena dato agli investitori un assaggio di cosa aspettarsi quando l’esperimento più audace del mondo con una politica monetaria ultra accomodante giungerà al termine. Di fronte della pressione sostenuta del mercato, Kuroda ha scioccato i mercati martedì dicendo che ora consentirà ai rendimenti dei titoli decennali giapponesi di salire a circa lo 0,5%, il doppio del precedente limite superiore dello 0,25%. Resta da vedere le impostazioni di controllo della curva fino alla fine del suo mandato decennale in aprile o l’inizio della fine per il suo allentamento monetario senza precedenti, ma una cosa è chiara: si è aperta una crepa che i mercati di tutto il mondo continueranno a scontare nelle settimane e mesi avanti”.

20 dicembre – Financial Times (Nikou Asgari): “I mercati del debito pubblico globale sono scesi martedì dopo che la Banca del Giappone ha sorpreso i mercati aggiustando inaspettatamente la sua politica di fissare i rendimenti obbligazionari a lungo termine a livelli estremamente bassi. La mossa ha scatenato una svendita in debito pubblico, con il rendimento delle obbligazioni giapponesi a 10 anni che è salito di ben 0,2 punti percentuali allo 0,47%, il livello più alto dal 2015, prima di scendere allo 0,41%. I titoli del Tesoro sono saliti al massimo di tre settimane del 3,7%, mentre i rendimenti dei gilt decennali del Regno Unito sono aumentati di 0,1 punti percentuali al 3,6% e il rendimento dei Bund tedeschi a 10 anni è aumentato di un livello simile al 2,27%.

22 dicembre – Financial Times (John Plender): “Il ritiro delle grandi banche centrali del mondo sviluppato da una politica monetaria ultra-espansiva sta imponendo un severo stress test al sistema finanziario globale. Questo è chiaro dalla mancanza di liquidità nei mercati… Segnali di instabilità finanziaria si sono ripresentati dopo il sequestro del mercato britannico dei gilt edge a fine settembre, dovuto alle cosiddette strategie di investimento passivo dei fondi pensione. ristabilire l’ordine nel mercato dei gilt dopo il disastroso “mini” budget del governo Truss del 23 settembre. 09.”

Advertisement

23 dicembre – Bloomberg (Sagarika Jaisinghani): “Gli investitori hanno scaricato titoli azionari a un ritmo record da quando le principali banche centrali hanno segnalato che non si faranno scoraggiare nella loro lotta contro l’inflazione… I fondi azionari sono stati colpiti da deflussi di quasi 42 miliardi di dollari – il più alto di sempre – in una settimana in cui la Federal Reserve, la Banca centrale europea e la Banca del Giappone sono sembrate tutte fermamente aggressivi nelle loro prospettive politiche per il prossimo anno… Le tendenze tipiche di fine anno hanno contribuito alla vendita, hanno detto gli strateghi”.

Orologio al collasso della bolla crittografica:

22 dicembre – Bloomberg (Ava Benny-Morrison, Allyson Versprille e David Voreacos): “Il co-fondatore di FTX Sam Bankman-Fried è sbarcato negli Stati Uniti… per affrontare una serie di accuse penali proprio come hanno affermato due dei suoi soci di lunga data collaborando con i pubblici ministeri.La rivelazione che Caroline Ellison e Gary Wang si erano dichiarati colpevoli di frode e stavano lavorando con funzionari federali per indagare sul crollo dell’exchange di criptovalute è un segno minaccioso per Bankman-Fried. contare l’accusa a New York”.

19 dicembre – Reuters (Tom Wilson, Angus Berwick ed Elizabeth Howcroft): “Il più grande scambio di criptovalute al mondo, Binance, sta lottando per rafforzare la fiducia dopo un aumento dei prelievi dei clienti e un forte calo del valore del suo token digitale. L’exchange ha affermato di aver affrontato deflussi netti di circa 6 miliardi di dollari in 72 ore la scorsa settimana “senza rallentare il passo” perché le sue finanze sono solide e “ci prendiamo sul serio la nostra responsabilità di custode”. Dopo il crollo dell’exchange rivale FTX il mese scorso, il fondatore di Binance, Changpeng Zhao, ha promesso che la sua azienda avrebbe “dato l’esempio” nell’abbracciare la trasparenza… Tuttavia, un’analisi di Reuters sui documenti societari di Binance mostra che il cuore del business – il gigante dell’exchange Binance.com che ha elaborato transazioni per un valore di oltre $ 22 trilioni quest’anno – rimane per lo più nascosto alla vista del pubblico. Binance si rifiuta di dire dove si trova Binance.com. Non rivela informazioni finanziarie di base come entrate, profitti e riserve di cassa. La società ha le proprie criptovaluta, ma non rivela quale ruolo svolge nel suo bilancio. Presta denaro ai clienti contro i loro asset crittografici e consente loro di negoziare a margine, con fondi presi in prestito. Ma non specifica in dettaglio quanto sono grandi queste scommesse, quanto sono esposte Binance è a quel rischio, o l’intera misura delle sue riserve per finanziare i prelievi.”

Advertisement

22 dicembre – Wall Street Journal (Jean Eaglesham): “La Securities and Exchange Commission sta intensificando il controllo del lavoro che le società di revisione stanno svolgendo per le società di criptovaluta, preoccupata che gli investitori possano ottenere un falso senso di rassicurazione dai rapporti delle società… “Stiamo avvertendo gli investitori di essere molto cauti nei confronti di alcune delle affermazioni fatte dalle società di criptovalute”, ha dichiarato Paul Munter, capo contabile ad interim della SEC… ”

19 dicembre – Reuters (Noor Zainab Hussain e Carolyn Cohn): “Gli assicuratori stanno negando o limitando la copertura ai clienti esposti all’exchange di criptovalute in bancarotta FTX, lasciando i trader e gli exchange di valuta digitale non assicurati per eventuali perdite dovute a hacking, furto o azioni legali, diversi partecipanti al mercato ha detto. Gli assicuratori erano già riluttanti a sottoscrivere polizze di protezione di asset e direttori e funzionari (D&O) per le società di criptovalute a causa della scarsa regolamentazione del mercato e dei prezzi volatili di Bitcoin e altre criptovalute. Ora, il crollo di FTX il mese scorso ha amplificato le preoccupazioni.”

20 dicembre – Bloomberg (Steven Church ed Emily Nicolle): “Un’unità della società di asset digitali Genesis ha vinto un posto in un comitato ufficiale dei creditori nel fallimento di FTX, un panel che potrebbe avere un ruolo di primo piano nel più grande caso di insolvenza di criptovalute presentato finora Genesis in precedenza aveva affermato di avere un’esposizione di $ 175 milioni a FTX, il che ha costretto la sua società madre Digital Currency Group a fornire all’azienda un’infusione di capitale di $ 140 milioni a novembre. Genesis sta attualmente tentando di raccogliere almeno $ 1 miliardo di nuovi fondi per evitare di presentare domanda fallimento.”

21 dicembre – Reuters (Dietrich Knauth e Hannah Lang): “Core Scientific Inc, una delle più grandi società di estrazione di criptovalute quotate in borsa negli Stati Uniti, ha dichiarato… di aver presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11, l’ultimo di una serie di fallimenti il settore… Core Scientific ha attribuito il suo fallimento al crollo dei prezzi dei bitcoin, all’aumento dei costi energetici per l’estrazione di bitcoin e a un debito non pagato di 7 milioni di dollari dal prestatore di criptovalute statunitense Celsius Network, uno o f i suoi più grandi clienti.”

Advertisement

Burst Bubble e Mania Watch:

21 dicembre – Bloomberg (Masaki Kondo e Garfield Reynolds): “Rendimenti negativi RIP La pila globale di obbligazioni con rendimenti sotto lo zero si è ridotta mercoledì mentre il rendimento del titolo sovrano a due anni del Giappone è salito brevemente in territorio positivo per la prima volta dal 2015. lo stock di debito a rendimento negativo martedì si è attestato a circa 686 miliardi di dollari, in calo rispetto al picco di 18,4 trilioni di dollari raggiunto due anni fa.Il balzo dei rendimenti del Giappone è stato innescato dall’aggiustamento della politica della banca centrale, una mossa che potrebbe segnalare -l’autorità monetaria accomodante si sta avvicinando alla normalizzazione. La Banca centrale europea ha abbandonato la politica dei tassi negativi a luglio, seguita dalle sue controparti in Svizzera e Danimarca a settembre”.

20 dicembre – Reuters (Chiara Elisei): “La crescita stellare nei mercati del debito privato nell’ultimo decennio sembra destinata ad affrontare un confronto con la realtà, poiché una recessione incombente e tassi di interesse più elevati comprimono gli utili delle società e la loro capacità di far fronte ai costi di indebitamento. Un’era di la liquidità ultra-facile delle banche centrali ha attirato gli investitori verso il credito privato, attratti da rendimenti succosi a una cifra da alta a doppia cifra bassa.La regolamentazione sulla scia della crisi finanziaria globale ha costretto le banche a ridurre i prestiti alle imprese, in particolare quelli più rischiosi. Ciò ha aperto la strada ai fondi di investimento, come Blackstone, per colmare il divario e prestare denaro alle società, che sono spesso di proprietà di società di private equity. Ma il mercato del debito privato, la crescita più rapida nel settore del credito da allora la crisi finanziaria sta per subire un rallentamento mentre l’appetito degli investitori per le attività rischiose viene messo alla prova da un’aggressiva stretta monetaria e dalla recessione. nel 2010, secondo… Preqin…”

21 dicembre – Bloomberg (Michelle F. Davis, Crystal Tse e Jan-Henrik Förster): “L’inflazione ostinatamente elevata, l’aumento dei costi di finanziamento e l’incertezza geopolitica hanno ostacolato la conclusione di accordi nel 2022, riducendo l’attività globale di fusioni e acquisizioni di quasi un terzo rispetto allo scorso anno Le aziende hanno annunciato accordi per 3,5 trilioni di dollari nel 2022… I megadeal annunciati all’inizio dell’anno sono stati presto sostituiti dal nervosismo per il raggiungimento del traguardo di fusioni e acquisizioni, con l’attività mensile di accordi che è crollata di quasi la metà da maggio a giugno. “È davvero la storia di due anni”, ha affermato Melissa Sawyer, responsabile globale del gruppo M&A di Sullivan & Cromwell. “Quando abbiamo iniziato il 2022, le persone sfornavano affari a destra ea sinistra e le SPAC erano ancora una cosa. Poi il panorama delle fusioni e acquisizioni è cambiato drammaticamente.’”

Advertisement

19 dicembre – Financial Times (Tabby Kinder): “Le start-up tecnologiche che hanno tradizionalmente fatto affidamento su ricchi investitori della Silicon Valley per finanziare ambiziosi piani di crescita sono state costrette ad accordi di finanziamento alternativi per sostenere le loro attività ed evitare drastici tagli alle valutazioni. il forte calo delle operazioni di capitale di rischio, insieme a un mercato chiuso per le offerte pubbliche iniziali, ha portato a una crisi di finanziamento per molte società tecnologiche private nell’ultimo anno.Le principali start-up hanno tagliato i costi in modo aggressivo, creando un’ondata di licenziamenti in tutto il il settore tecnologico. Tuttavia, un numero crescente di aziende sta esaurendo la liquidità… I nuovi accordi di VC sono diminuiti del 42% nei primi 11 mesi di quest’anno a $ 286 miliardi…, secondo… Preqin. Lo studio legale della Silicon Valley Cooley ha dichiarato che il valore totale delle operazioni di VC in fase avanzata su cui ha fornito consulenza è crollata di quasi l’80% quest’anno… Nel frattempo, le offerte pubbliche iniziali sono scese al livello più basso dal 2009, interrompendo una fonte chiave di raccolta fondi per privati ​​maturi e aziende e i loro sostenitori. “L’anno prossimo sarà quando tutto tornerà a casa”, ha detto Ravi Viswanathan, fondatore di… New View Capital. ‘Arriverà un punto in cui anche le società con capitale da 18 a 24 mesi dovranno aumentare. Ci sarà molto dolore.’”

22 dicembre – MarketWatch (Joy Wiltermuth): “Il mercato immobiliare commerciale da 21 trilioni di dollari deve affrontare un diluvio di debiti in scadenza, a tassi molto più alti. Un’era di debiti a buon mercato che ha contribuito ad aumentare i prezzi di hotel, edifici per uffici e altre proprietà commerciali statunitensi I mutuatari assetati di finanziamenti hanno visto i tassi dei mutui quasi raddoppiare nel 2022 rispetto ai minimi del 3%… I costi di finanziamento più elevati erano già una preoccupazione per il 2023, con miliardi di dollari di vecchi mutui commerciali in scadenza. i guai, i migliori titani tecnologici, tra cui Meta Platforms (META), nelle ultime settimane si sono ritirati dai vistosi contratti di locazione degli uffici.”

21 dicembre – Reuters (Akash Sriram e Jane Lanhee Lee): “Il produttore di chip Micron Technology Inc… prevede una perdita nel secondo trimestre molto più ripida del previsto e ha dichiarato che licenzierà il 10% della sua forza lavoro l’anno prossimo, citando un fastidioso eccesso di Sanjay Mehrotra, amministratore delegato di Micron, ha dichiarato: “A causa della significativa discrepanza tra domanda e offerta che entrerà nel calendario 2023, prevediamo che la redditività rimarrà in discussione per tutto il 2023. Micron aveva circa 48.000 dipendenti in tutto il mondo dal 1° settembre”.

19 dicembre – Bloomberg (Jan-Henrik Förster, Priscila Azevedo Rocha e Abhinav Ramnarayan): “Il private equity dovrà ritirare il libretto degli assegni nei prossimi mesi se il settore vuole tornare al suo ritmo record di accordi. Questo perché le banche bloccato con miliardi di dollari di prestiti societari rischiosi, una sbornia da accordi sottoscritti in un ambiente a tassi più bassi, è improbabile che sostengano nuove transazioni considerevoli fino al 2023 inoltrato… “Potrebbe essere la seconda metà dell’anno prima che le banche tornino in vigore acquisizioni con leva finanziaria “, ha dichiarato l’amministratore delegato di EQT AB Christian Sinding … Quei finanziatori” non sono stati lì per sottoscrivere, non in dimensioni significative, e ancora non lo sono “, ha aggiunto in seguito. Ciò lascia giganti di acquisizione come EQT, CVC Capital Partners e KKR & Co. con meno opzioni di finanziamento per le acquisizioni, molto diverso dagli anni precedenti… L’era del denaro facile è stata una manna per il settore, contribuendo ad aumentare gli asset in gestione di oltre il 250% in poco più di un decennio.”

Advertisement

18 dicembre – Reuters (Rae Wee): “Le partecipazioni azionarie private vengono vendute a un ritmo record in un mercato secondario opaco, affermano gli investitori, mentre i gestori patrimoniali incassano per coprire le perdite altrove e riequilibrare i portafogli. L’ondata di vendite è l’ultima di diversi segnali di stress nei mercati privati ​​ed è un altro segnale degli investitori che iniziano a disamorarsi degli “asset alternativi” che solo di recente hanno attirato denaro… Man mano che sono diventati popolari, si sono espansi fino a comprendere progetti immobiliari e infrastrutturali. tali fondi sono difficili da uscire prima della scadenza – di solito almeno tre anni – i money manager che hanno bisogno di incassare utilizzano un mercato secondario che si è acceso negli ultimi mesi.Gli sconti offerti suggeriscono che c’è fretta di uscire… Hamilton Lane afferma che quest’anno fino a metà novembre sono stati offerti sul mercato secondario 224 miliardi di dollari senza precedenti in azioni di private equity. Non tutte sono state vendute, ma la società di analisi Preqin stima il valore la spesa delle transazioni secondarie fino al terzo trimestre è stata di circa 65 miliardi di dollari. Questo non è lontano dal totale del 2021 di poco più di 70 miliardi di dollari ed è molto più alto rispetto agli anni precedenti”.

22 dicembre – Reuters (Lananh Nguyen, Saeed Azhar e Lawrence White): “I banchieri di New York e Londra si stanno preparando per i bonus di fine anno che i recruiter stimano essere inferiori dal 30% al 50%, mentre alcuni potrebbero non riceverne affatto a causa degli affari che balbettano e l’oscurità economica prende il sopravvento.I finanzieri affrontano la delusione quando i loro premi di compensazione arrivano nel primo trimestre e altre migliaia di loro colleghi potrebbero essere licenziati dopo che centinaia sono stati licenziati quest’anno… L’anno scorso, l’industria ha assegnato i più grandi premi dal 2006 mentre l’economia si riprendeva dalla pandemia. Ma quest’anno, il ritmo di fusioni, acquisizioni e offerte di azioni è rallentato drasticamente quando i mercati del finanziamento del debito sono crollati e la volatilità del mercato azionario ha danneggiato le valutazioni”.

21 dicembre – Financial Times (Harriet Agnew): “L’Ark Investment Management di Cathie Wood ha perso quasi 50 miliardi di dollari di attività dalla sua scuderia di fondi negoziati in borsa dal picco del 2021, evidenziando l’entità delle perdite di quest’anno nei titoli tecnologici speculativi. I nove ETF di Ark sono crollati a $ 11,4 miliardi da un picco di $ 60,3 miliardi nel febbraio dello scorso anno… da ‘neutro’ a ‘negativo’.”

19 dicembre – Wall Street Journal (Veronica Dagher): “Molti americani sognano che il percorso per costruire ricchezza sia come un giro intorno al consiglio del Monopoli, acquistando proprietà che generano redditi da locazione. Può essere vero, ma i consulenti finanziari avvertono i costi e gli aggravamenti di giocare al gioco del padrone di casa sono in aumento. Le persone che pensano di diventare proprietari terrieri potrebbero avere difficoltà a realizzare un profitto dopo un anno caratterizzato da prezzi delle case e tassi ipotecari più alti. Anche gli affitti sono in aumento, ma a causa dell’inflazione lo sono anche i costi delle riparazioni e della routine manutenzione della casa. Negli ultimi anni, su YouTube e TikTok sono stati pubblicizzati spesso i vantaggi di possedere una proprietà in affitto, reddito passivo e agevolazioni fiscali. Tuttavia, chiunque abbia intenzione di acquistare una proprietà in affitto in questo momento dovrebbe tenere conto della probabilità di costi più elevati e spese.”

Advertisement

19 dicembre – Bloomberg (Sagarika Jaisinghani): “Le azioni statunitensi sono pronte per il loro anno peggiore dalla crisi finanziaria globale e, secondo lo stratega di Morgan Stanley Michael Wilson, i profitti societari stanno per incontrare lo stesso destino. Un’incombente recessione degli utili “da potrebbe essere simile a quanto accaduto nel 2008/2009”, ha affermato Wilson. Ciò potrebbe innescare un nuovo minimo del mercato azionario che è “molto peggiore di quello che la maggior parte degli investitori si aspetta”, ha scritto … “Il nostro consiglio: non dare per scontato il mercato sta valutando questo tipo di risultato fino a quando non si verifica effettivamente “, ha affermato Wilson”.

Orologio da guerra in Ucraina:

22 dicembre – Wall Street Journal (Ken Thomas e Andrew Restuccia): “Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che il suo paese non si arrenderà mai nella sua lotta contro la Russia e ha esortato Washington a intensificare gli aiuti militari in un appassionato discorso davanti al Congresso che si è svolto all’inizio della guerra suo 11° mese. Parlando in un’aula gremita…, un provocatorio signor Zelensky ha propagandato i successi dell’Ucraina sul campo di battaglia e ha detto che l’Occidente era unito nella sua opposizione all’invasione della Russia. un incontro nello studio ovale con il presidente Biden e una conferenza stampa congiunta alla Casa Bianca. “Contro tutti gli scenari cupi e negativi, l’Ucraina non è caduta. L’Ucraina è viva e vegeta”, ha detto”.

19 dicembre – Reuters (Tom Balmforth e Valentyn Ogirenko): “I droni ‘kamikaze’ russi hanno colpito lunedì le principali infrastrutture energetiche dentro e intorno a Kiev e il presidente Vladimir Putin ha visitato la Bielorussia per la prima volta dal 2019, alimentando i timori ucraini che farà pressioni sul suo alleato per aprire un nuovo fronte di invasione. Ma l’Ucraina è stata appena menzionata da Putin e dal suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko dopo i loro colloqui, con commenti ai giornalisti che si soffermavano invece sulla cooperazione bilaterale ed economica”.

Advertisement

19 dicembre – Reuters (John O’Donnell): “L’unità dell’Unione europea sulle sanzioni alla Russia ha iniziato a vacillare mentre il nervosismo per l’impatto sull’economia traballante dell’Europa indebolisce la determinazione a punire Mosca per la guerra in Ucraina. I leader dell’UE hanno concordato giovedì un nono pacchetto di sanzioni, ma i colloqui sono stati aspri, con la Polonia e gli stati baltici che confinano con la Russia hanno fatto una campagna per misure più severe, mentre gli stati più a ovest, come la Germania, sono stati più titubanti”.

Orologio USA/Russia/Cina/Europa:

19 dicembre – Wall Street Journal (Ann M. Simmons): “La Russia ha dichiarato che terrà esercitazioni navali congiunte con la Cina, evidenziando la stretta collaborazione tra le due nazioni mentre il Cremlino cerca di rafforzare il sostegno tra i partner per compensare l’isolamento occidentale per la sua guerra in Ucraina Il ministero della Difesa russo ha dichiarato… un distaccamento di navi da guerra della flotta del Pacifico da Vladivostok è stato messo in mare per partecipare alle esercitazioni navali con le loro controparti cinesi, a partire da mercoledì… artiglieria che spara contro bersagli aerei, artiglieria che spara contro bersagli marittimi, oltre a praticare azioni antisommergibili congiunte con l’uso pratico delle armi”, ha affermato il ministero della Difesa”.

21 dicembre – Reuters: “L’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha intrapreso un viaggio a sorpresa a Pechino e ha avuto colloqui con il presidente cinese Xi Jinping durante i quali ha affermato di aver discusso del conflitto in Ucraina. Med vedev, ora vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha pubblicato un video… che lo mostra mentre incontra Xi, sorride per le foto e un incontro tra funzionari cinesi e russi. Medvedev ha detto che lui e Xi hanno discusso del partenariato strategico “senza limiti” dei due paesi, così come dell’Ucraina”.

Advertisement

22 dicembre – Reuters (Mark Trevelyan): “La Russia ha accusato il Giappone… di aver abbandonato decenni di politica pacifista e di aver abbracciato la ‘militarizzazione sfrenata’, in risposta a un piano di difesa da 320 miliardi di dollari annunciato dal Primo Ministro Fumio Kishida la scorsa settimana. ‘Si vede chiaramente che Tokyo ha intrapreso la strada di un rafforzamento senza precedenti della propria potenza militare, compresa l’acquisizione del potenziale di attacco”, ha affermato il ministero degli Esteri russo…”

De-globalizzazione e sorveglianza della cortina di ferro:

22 dicembre – Bloomberg (Michelle Jamrisko e Ruth Carson): “King Dollar sta affrontando una rivolta. Stanco di un biglietto verde troppo forte e recentemente armato, alcune delle più grandi economie del mondo stanno esplorando modi per aggirare la valuta statunitense. Nazioni più piccole, tra cui almeno una dozzina in Asia, stanno anche sperimentando la de-dollarizzazione. E le aziende di tutto il mondo stanno vendendo una porzione senza precedenti del loro debito in valute locali, diffidenti nei confronti di un’ulteriore forza del dollaro. Nessuno sta dicendo che il biglietto verde sarà detronizzato in tempi brevi… Gli appelli per il “picco del dollaro” si sono molte volte dimostrati prematuri. Ma non molto tempo fa era quasi impensabile per i paesi esplorare meccanismi di pagamento che aggirassero la valuta statunitense o la rete SWIFT che è alla base del sistema finanziario globale”.

Orologio sull’inflazione:

Advertisement

18 dicembre – Financial Times (Valentina Romei): “Le pressioni sui prezzi sottostanti stanno ancora aumentando nella maggior parte delle principali economie sviluppate nonostante i recenti cali dell’inflazione complessiva, indicando che le banche centrali dovranno continuare a inasprire la politica nei prossimi mesi. Inflazione core – che esclude variazioni dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia, ed è considerato dai rate setter come una misura migliore della persistenza delle pressioni sui prezzi – sta accelerando in molte parti del mondo… I tassi core erano ancora in aumento a novembre nella maggior parte dei 33 paesi monitorati dal FT e rimanere ben al di sopra del livello di inflazione del 2% che la maggior parte dei banchieri centrali mira”.

23 dicembre – Associated Press (Paul Wiseman): “Una misura dell’inflazione attentamente monitorata dalla Federal Reserve ha rallentato il mese scorso… quella di venerdì… ha mostrato che i prezzi sono aumentati del 5,5% a novembre rispetto all’anno precedente, in calo rispetto a un aumento rivisto del 6,1% a ottobre e il più piccolo aumento dall’ottobre 2021. Escludendo la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, la cosiddetta inflazione core è aumentata del 4,7% rispetto all’anno precedente, il più piccolo aumento dall’ottobre 2021. Su base mensile, i prezzi sono aumentati dello 0,1 % da ottobre a novembre dopo l’aumento dello 0,4% del mese precedente. I prezzi core sono aumentati dello 0,2%”.

Osservazione dell’amministrazione Biden:

21 dicembre – Reuters (Steve Holland e Pavel Polityuk): “I presidenti Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden hanno mostrato solidarietà alla Casa Bianca… nel primo viaggio all’estero della guerra per il leader ucraino, mentre gli Stati Uniti annunciavano nuovi aiuti militari compresi i missili Patriot “. Zelenskiy intende cercare più sostegno durante il viaggio. Il presidente ucraino, indossando i suoi pantaloni e maglione verde oliva, Biden e la first lady Jill hanno posato sul prato della Casa Bianca prima che i due leader parlassero allo Studio Ovale davanti ai giornalisti”.

Advertisement

22 dicembre – Associated Press (Zeke Miller, Lisa Mascaro e E. Eduardo Castillo): “L’ucraino Volodymyr Zelenskyy ha detto ai legislatori statunitensi incoraggianti durante una visita di sfida in tempo di guerra nella capitale della nazione… che contro ogni previsione il suo paese è ancora in piedi, ringraziando gli americani per aver contribuito a finanziare lo sforzo bellico con denaro che “non è beneficenza”, ma un “investimento” nella sicurezza globale e nella democrazia. paese negli Stati Uniti e in tutto il mondo… Zelenskyj ha definito le decine di miliardi di dollari di assistenza militare ed economica degli Stati Uniti fornite nell’ultimo anno vitali per gli sforzi dell’Ucraina per respingere la Russia e ha fatto appello per averne ancora di più in futuro. beneficenza”, ha cercato di rassicurare sia i presenti che coloro che guardano da casa. “È un investimento nella sicurezza globale e nella democrazia che gestiamo nel modo più responsabile”.

Orologio della Federal Reserve:

21 dicembre – Reuters (Michael S. Derby): “Sette senatori repubblicani degli Stati Uniti … hanno annunciato un nuovo disegno di legge volto a rimodellare le 12 banche regionali della Federal Reserve, tra le preoccupazioni che tali istituzioni siano diventate troppo politiche. In un comunicato stampa del senatore uscente Pat Toomey , i legislatori hanno affermato di chiedere che i presidenti delle banche regionali della Fed siano nominati dal presidente e confermati dal Senato, soddisfacendo i requisiti per diventare membri del consiglio dei governatori della banca centrale. banche a cinque. “Ciò consentirà una supervisione del Congresso più efficace e garantirà che tutti i presidenti delle banche regionali della Fed abbiano seggi permanenti nel Federal Open Market Committee”, afferma il comunicato stampa.

21 dicembre – Reuters (Michael S. Derby): “I continui sforzi della Federal Reserve per ridurre il suo bilancio potrebbero finire prima di quanto si pensasse… Gli osservatori della Fed ritengono che molto probabilmente dovrà fermare in qualche modo l’attuale eliminazione di buoni del Tesoro e mutui -backed securities (MBS) il prossimo anno a causa delle crescenti carenze di liquidità del settore finanziario che potrebbero già verificarsi.Tali carenze potrebbero minacciare il controllo della banca centrale sul suo obiettivo di tasso di interesse notturno… Quando si tratta dei commenti dei funzionari sulle prospettive di bilancio, “sembra che al momento siano stranamente silenziosi su tutta questa faccenda”, ha detto Derek Tang, economista della società di previsioni LH Meyer”.

Advertisement

Bubble Watch USA:

21 dicembre – CNBC (Diana Olick): “Le vendite di case esistenti sono diminuite del 7,7% a novembre rispetto a ottobre, secondo la National Association of Realtors. Il ritmo annualizzato destagionalizzato è stato di 4,09 milioni di unità… Le vendite sono diminuite del 35,4% su base annua, segnando il decimo mese consecutivo di calo, il ritmo più debole da novembre 2010, ad eccezione di maggio 2020… Alla fine di novembre c’erano 1,14 milioni di case in vendita, con un aumento del 2,7% rispetto a novembre dello scorso anno, ma al ritmo attuale delle vendite rappresenta un’offerta ancora bassa di 3,3 mesi… Le vendite sono diminuite in tutte le regioni, ma sono diminuite maggiormente in Occidente, dove i prezzi sono i più alti, in calo di quasi il 46% rispetto a un anno fa. Novembre, una media di 24 giorni, rispetto ai 21 giorni di ottobre e ai 18 giorni di novembre 2021. Nonostante il mercato più lento, il 61% delle case è andato sotto contratto in meno di un mese”.

23 dicembre – Bloomberg (Reade Pickert): “Le vendite di nuove case negli Stati Uniti sono aumentate inaspettatamente a novembre, suggerendo una certa stabilizzazione della domanda poiché i tassi ipotecari sono diminuiti alla fine del mese… Gli acquisti di nuove case unifamiliari sono aumentati del 5,8% a 640.000 unità annualizzate ritmo il mese scorso dopo l’aumento di ottobre… L’aumento delle vendite del mese scorso si è concentrato nell’ovest e nel Midwest. Il rapporto… ha mostrato che il prezzo medio di vendita di una nuova casa è aumentato del 9,5% rispetto all’anno precedente a $ 471.200. C’erano 461.000 nuove case in vendita dalla fine del mese scorso, anche se la maggior parte rimane in costruzione o non ancora iniziata”.

19 dicembre – CNBC (Diana Olick): “I costruttori di case erano meno fiduciosi della loro attività a dicembre, ma stanno iniziando a vedere potenziali germogli verdi. Il sentimento dei costruttori nel mercato delle abitazioni unifamiliari è sceso di 2 punti a 31 a dicembre sulla National Association dell’indice Home Builders/Wells Fargo Housing Market. Qualsiasi valore inferiore a 50 è considerato negativo. Questo è il 12° mese consecutivo di ribassi e la lettura più bassa dalla metà del 2012, ad eccezione di un brevissimo calo all’inizio della pandemia di Covid. ”

Advertisement

20 dicembre – Bloomberg (Reade Pickert): “La costruzione di nuove case negli Stati Uniti ha continuato a diminuire a novembre e i permessi sono crollati poiché gli alti costi di prestito abbinati all’inflazione diffusa hanno eroso l’accessibilità e la domanda di alloggi. Gli inizi residenziali sono diminuiti dello 0,5% il mese scorso a un tasso annualizzato di 1,43 milioni … La costruzione di case unifamiliari è scesa a un tasso annuo di 828.000, il più basso da maggio 2020. Le domande di costruzione… sono diminuite dell’11,2% a 1,34 milioni di unità annualizzate.I permessi per la costruzione di case unifamiliari sono diminuiti del 7,1% al ritmo più debole dal 2020… Nel frattempo , il numero di case completate è balzato di quasi l’11% a 1,49 milioni su base annua, il più alto dall’agosto 2007 e un segno che i costruttori stanno facendo maggiori progressi sugli arretrati a fronte di un calo della domanda”.

21 dicembre – Reuters (Lucia Mutikani): “Il disavanzo delle partite correnti degli Stati Uniti si è fortemente ridotto nel terzo trimestre mentre le esportazioni sono balzate a un livello record… Il… disavanzo delle partite correnti, che misura il flusso di beni, servizi e investimenti in entrata e in uscita dal paese, si è contratto del 9,1% a 217,1 miliardi di dollari nell’ultimo trimestre, il divario più piccolo dal secondo trimestre del 2021. Il divario delle partite correnti ha rappresentato il 3,4% del prodotto interno lordo, in calo rispetto al 3,8% del secondo trimestre. due anni.”

19 dicembre – Axios (Emily Peck): “Ci sono stati 374 scioperi dei lavoratori avviati nel 2022 – un aumento del 39% rispetto al 2021, secondo un database gestito da Cornell. Perché è importante: alimentato in parte dalla rabbia per le condizioni di lavoro durante la pandemia e spronato a seguito di altre vittorie sindacali, tutti i tipi di lavoratori – magazzinieri, insegnanti, infermieri, studenti laureati, giornalisti – hanno lasciato il lavoro.Molti altri hanno votato per il sindacato – anche in più di 260 negozi Starbucks nell’ultimo anno – chiedendo una paga migliore e condizioni di lavoro. Durante il fine settimana, l’Università della California ha raggiunto un accordo provvisorio con circa 36.000 dipendenti che avrebbe posto fine al più grande sciopero dell’anno e avrebbe fornito ad alcuni lavoratori aumenti salariali fino al 55%”.

21 dicembre – CNBC (Diana Olick): “I tassi di interesse sui mutui sono scesi di nuovo la scorsa settimana e, sebbene ciò abbia fatto poco per sostenere la domanda da parte degli acquirenti di case, ha spinto i proprietari di case a cercare risparmi sui loro pagamenti mensili… Le richieste di mutuo per l’acquisto di una casa sono diminuite dello 0,1% per la settimana ed erano inferiori del 36% rispetto alla stessa settimana di un anno fa”.

Advertisement

21 dicembre – Wall Street Journal (Jesse Newman e Jacob Bunge): “I prezzi elevati per i raccolti e il bestiame stanno alimentando un boom nella cintura agricola degli Stati Uniti, rendendo gli agricoltori, gli allevatori e le aziende agricole rari vincitori mentre l’economia americana si indebolisce. US net farm si prevede che il reddito salirà a 160,5 miliardi di dollari quest’anno, grazie all’aumento dei prezzi dei prodotti agricoli… fornitori negli ultimi dieci anni.”

20 dicembre – Reuters (22 dicembre – Financial Times (John Plender): “Le società statunitensi hanno preso in prestito il 9% in più per finanziare i loro investimenti in attrezzature a novembre rispetto all’anno precedente, l’ente di settore Equipment Leasing and Finance Association (ELFA) ha dichiarato… Le società hanno aderito per 8,6 miliardi di dollari in nuovi prestiti, leasing e linee di credito il mese scorso… I prestiti sono aumentati di quasi il 6% da gennaio. “L’aumento dei tassi di interesse sembra avere un effetto minimo o nullo sul volume di raccolta a novembre”, ha dichiarato il CEO di ELFA Ralph Petta… ”

Orologio a reddito fisso:

22 dicembre – Bloomberg (Carmen Arroyo): “I mercati del debito suddividono sempre più i prestiti con leva USA in due categorie: denaro buono e in difficoltà. Una percentuale crescente di prezzi sul mercato è molto alta o molto bassa. Circa il 5% del il mercato è scambiato sotto gli 80 centesimi di dollaro, una quota che è più che raddoppiata da giugno, secondo un JPMorgan… Con più prezzi dei prestiti che raggiungono gli estremi, le aziende che incontrano qualsiasi tipo di difficoltà possono vedere i loro prestiti precipitare rapidamente. può tradursi in un aumento dei costi di prestito, aumentando la possibilità che le società falliscano. “Ciò mette a rischio le società peggiori, poiché avranno più difficoltà a rifinanziarsi”, ha affermato Roberta Goss, amministratore delegato senior e responsabile del prestito bancario e del prestito garantito piattaforma di obblighi presso Pretium Partners LLC…”

Advertisement

20 dicembre – Reuters (Shankar Ramakrishnan e David French): “Le compagnie petrolifere e del gas private statunitensi si rivolgono sempre più a una struttura di finanziamento di nicchia che cartolarizza la loro produzione, fornendo una via di finanziamento per produttori e proprietari man mano che le fonti tradizionali diventano più costose o semplicemente si esauriscono Conosciute come cartolarizzazioni garantite da attività PDP (addominali), questo prodotto prende le entrate generate dalle società comprovate, in via di sviluppo e pr produrre (PDP) operazioni nel settore del petrolio e del gas e utilizza tale flusso di cassa come garanzia per un’obbligazione che viene venduta agli investitori. Con le banche sottoposte alle pressioni delle parti interessate affinché limitino i prestiti al settore petrolifero e del gas a causa del suo impatto ambientale, i produttori privati ​​di energia – che dipendono maggiormente dalle linee bancarie rispetto ai colleghi quotati – sono in grado di mantenere l’accesso a finanziamenti esterni attraverso questo prodotto di nicchia”.

Orologio cinese:

18 dicembre – Bloomberg: “I pesanti rimborsi da parte degli investitori al dettaglio cinesi stanno spingendo i gestori di prodotti finanziari della nazione a tagliare le loro partecipazioni obbligazionarie come mai prima d’ora. Alcuni analisti affermano che la svendita del debito è tutt’altro che finita. I gestori di fondi comuni di investimento nazionali e prodotti di gestione patrimoniale scaricati 1,3 trilioni di yuan ($ 186 miliardi) di obbligazioni dal mercato interbancario il mese scorso, il massimo mai registrato, secondo… dati che risalgono al 2017. Il deflusso è quasi il doppio delle vendite di obbligazioni cinesi da parte dei fondi globali finora quest’anno e mostra la crescente influenza dei singoli investitori nel mercato del debito della nazione… Per moderare lo shock dei riscatti, si dice che le autorità di regolamentazione abbiano chiesto ai desk di negoziazione proprietaria e agli assicuratori di alcune banche di acquistare obbligazioni.

18 dicembre – Reuters (Liangping Gao, Ryan Woo e Joe Cash): “La fiducia delle imprese cinesi è scesa al minimo dal gennaio 2013, ha mostrato un sondaggio di World Economics…, riflettendo l’impatto dell’aumento dei casi di COVID-19 sull’attività economica con il brusco revoca di molte misure di controllo della pandemia.L’indice è sceso a 48,1 a dicembre da 51,8 a novembre, ha mostrato l’indagine di World Economics sui responsabili delle vendite presso oltre 2.300 aziende condotta dall’1 al 16 dicembre.L’indice è stato il più basso dall’inizio dell’indagine nel 2013 .”

Advertisement

21 dicembre – Bloomberg: “Le autorità cinesi hanno intensificato i loro appelli per dare priorità alla crescita il prossimo anno e aiutare il settore immobiliare a riprendersi dal suo peggior crollo mai registrato, in ulteriori segnali l’economia sarà al primo posto nel 2023. Il Consiglio di Stato, la banca centrale e I principali osservatori di titoli si sono incontrati nei giorni scorsi per studiare la riunione di politica economica che ha stabilito l’agenda della scorsa settimana… Le letture di quelle riunioni hanno dettagliato un impegno per le politiche intese a salvare l’economia e metterla su un binario verso la stabilità. misure di stimolo annunciate, affermando che le politiche esistenti possono essere più efficaci…”

16 dicembre – Bloomberg: “La Cina si è impegnata a rilanciare i consumi e sostenere le imprese private, mentre Pechino si sposta verso il rilancio della crescita dopo aver abbandonato la sua politica Covid Zero. I massimi leader, incluso il presidente Xi Jinping, hanno affermato che il ripristino e l’espansione dei consumi dovrebbero ‘avere la precedenza’ come hanno concluso un incontro che stabilisce le priorità di politica economica per il 2023… Hanno anche promesso di incoraggiare la crescita del settore privato e sostenere le aziende di piattaforme affinché svolgano un ruolo di primo piano nello sviluppo. dovrebbe iniziare con il miglioramento delle aspettative sociali e l’aumento della fiducia nello sviluppo.’”

20 dicembre – Reuters (Kevin Yao): “La Banca mondiale ha tagliato le prospettive di crescita della Cina per quest’anno e il prossimo, citando l’impatto del brusco allentamento delle rigide misure di contenimento del COVID-19 e la persistente debolezza del settore immobiliare. Il… finanziatore… ha dichiarato si aspettava che l’economia cinese crescesse del 2,7% nel 2022, prima di risalire al 4,3% nel 2023 quando riaprirà dopo la peggiore pandemia.L’espansione prevista della banca per il 2022 sarebbe ben al di sotto dell’obiettivo ufficiale di circa il 5,5%.

23 dicembre – Financial Times (Qianer Liu, Cheng Leng, Sun Yu e Ryan McMorrow): “I funzionari cinesi stimano che circa 250 milioni di persone o il 18% della popolazione siano state infettate dal Covid-19 nei primi 20 giorni di dicembre… Le stime – che includono 37 milioni di persone che sono state infettate solo martedì, ovvero il 2,6% della popolazione – sono state rivelate da Sun Yang, vicedirettore del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie… Sun ha affermato che il tasso di diffusione del Covid nel Paese è ancora in aumento e ha stimato che più della metà della popolazione a Pechino e nel Sichuan fosse già infetta, hanno detto le persone informate sull’incontro”.

Advertisement

19 dicembre – New York Times (Chris Buckley, Alexandra Stevenson e Keith Bradsher): “Dopo aver microgestito la strategia del coronavirus per quasi tre anni, il leader del paese, Xi Jinping, ha improvvisamente lasciato la popolazione per improvvisare. La città sud-occidentale di Chongqing è stata la ultima linea del fronte della guerra “zero Covid” di Xi Jinping, fino a quando non è arrivata a incarnare il voltafaccia potenzialmente devastante della Cina che ha incrinato l’edificio di controllo assoluto del Partito Comunista. il leader nazionale, il signor Xi, ha ordinato ai funzionari di continuare i test di massa, i blocchi e le quarantene.Chen Min’er, il segretario del partito di Chongqing, ha obbedito devotamente, chiudendo i quartieri e ordinando la costruzione immediata di un ospedale di quarantena progettato per contenere fino a 21.000 “Siate risoluti nel combattere e vincere questa guerra di annientamento contro la pandemia”, ha detto ai funzionari il signor Chen, un protetto del signor Xi, il 27 novembre. y di ritardo.’ Ma 10 giorni dopo, la Cina ha improvvisamente abbandonato la strategia “zero Covid” su cui il signor Xi aveva puntato la sua reputazione. Ora il Paese deve affrontare un’ondata di infezioni e il signor Xi ha lasciato i funzionari alle prese con il compito di gestire il disordine e l’incertezza”.

22 dicembre – Bloomberg: “La Cina sta probabilmente subendo 1 milione di infezioni da Covid e 5.000 morti per virus ogni giorno mentre è alle prese con quello che dovrebbe essere il più grande focolaio che il mondo abbia mai visto, secondo una nuova analisi. La situazione potrebbe peggiorare ulteriormente per il paese di 1,4 miliardi di persone.Questa ondata attuale potrebbe vedere il tasso di casi giornalieri salire a 3,7 milioni a gennaio, secondo Airfinity Ltd., una società di ricerca con sede a Londra che si concentra sull’analisi predittiva della salute e ha monitorato la pandemia da quando è è emerso per primo. Probabilmente ci sarà quindi un’altra ondata di contagi che spingerà il picco giornaliero a 4,2 milioni a marzo, ha stimato il gruppo”.

20 dicembre – Reuters (Bernard Orr e Xinghui Kok): “Le città di tutta la Cina si sono affrettate a installare letti d’ospedale e costruire cliniche per il controllo della febbre martedì, quando le autorità hanno segnalato altri cinque decessi e la preoccupazione internazionale è cresciuta per la decisione a sorpresa di Pechino di lasciare che il virus scorra libero… ‘ Ogni nuova ondata epidemica in un altro paese comporta il rischio di nuove varianti, e questo rischio è tanto maggiore quanto maggiore è l’epidemia, e l’attuale ondata in Cina si preannuncia grande”, ha dichiarato Alex Cook, vicepresidente per la ricerca presso il National Saw Swee Hock School of Public Health dell’Università di Singapore”.

21 dicembre – Reuters (Casey Hall, Martin Quin Pollard e Joe Cash): “Mentre la massiccia ondata cinese di infezioni da COVID-19 inizia la sua marcia attraverso un paese grande all’incirca come l’Europa, l’effetto a catena sul business sta accelerando. Dal suo epicentro originario nel nord, compresa la capitale Pechino, le infezioni da COVID-19 si stanno diffondendo in tutto il paese e i casi stanno ostacolando la forza lavoro nelle cinture di produzione… Le attività commerciali e di servizi finanziari sono state duramente colpite dalla carenza di personale, con i produttori non molto indietro, secondo il un’organizzazione aziendale internazionale che opera in Cina. “I settori della vendita al dettaglio e del contatto con i clienti sono in gravi difficoltà. Ovviamente, hanno personale limitato che è disponibile a lavorare a causa della malattia, quindi molti dei nostri rivenditori su larga scala non aprono nemmeno i battenti, ‘, ha dichiarato Noah Fraser, amministratore delegato del Canada-China Business Council.”

Advertisement

23 dicembre – Bloomberg: “Le crescenti infezioni da Covid in Cina stanno trattenendo le persone a casa e causando un crollo dei viaggi e dell’attività economica, secondo gli ultimi dati ad alta frequenza. Diverse misure di mobilità tra cui la congestione del traffico nelle principali città, l’utilizzo della metropolitana e il numero di i voli nazionali sono tutti crollati.Negli ultimi giorni il numero di passeggeri della metropolitana è crollato in città tra cui Shanghai, Guangzhou, Shenzhen, Xi’an e Nanjing a causa dell’aumento delle infezioni, mentre a Pechino… è ancora circa l’80% al di sotto del livello dello stesso periodo del 2019. I livelli di congestione in 15 grandi città sono del 56% al di sotto del livello del gennaio 2021…”

18 dicembre – Financial Times (Eleanor Olcott, Qianer Liu, Gloria Li e Cheng Leng e Joe Leahy): “Il coronavirus che si sta diffondendo in Cina sta causando una diffusa interruzione delle attività mentre la carenza di personale minaccia di chiudere le linee di produzione in fabbrica e i camionisti si ammalano, portando Caos nelle catene di approvvigionamento. La variante Omicron del virus ha iniziato a dilagare in diverse grandi città dopo l’improvvisa inversione a U sulla precedente politica di contenimento anti-Covid del presidente Xi Jinping all’inizio di questo mese. L’aumento delle infezioni è maggiore nella capitale Pechino, dove più della metà dei 22 milioni di abitanti è infetta, secondo alcune stime. Molti impiegati hanno iniziato a lavorare da casa, ma alcune fabbriche stanno perdendo personale a causa dei lavoratori che si ammalano. Imprenditori e dirigenti affermano che ciò sta causando crescenti disagi a filiere produttive e di approvvigionamento”.

21 dicembre – Bloomberg (Jinshan Hong): “Il traffico nelle maggiori città della Cina è sceso al minimo dalla pausa del capodanno lunare nella prima parte dell’anno… Una misura dei livelli di congestione in 15 grandi città è del 45% inferiore a gennaio 2021… L’unico altro periodo in cui è stato più basso quest’anno è stato all’inizio di febbraio, quando il periodo del capodanno lunare ha visto chiudere le fabbriche, chiudere i ristoranti e le persone lasciare le grandi metropoli per tornare a casa”.

19 dicembre – Financial Times (William Langley e Ryan McMorrow): “I media statali cinesi hanno promesso un ritorno alla ‘normalità’ entro pochi mesi e hanno rifiutato le critiche occidentali mentre i suoi censori cercano di ritrarre un’”ondata di uscita” di casi di coronavirus che stanno investendo il paese come parte di una strategia pre-pianificata. “Gli esperti di virus si aspettano la normalità entro la primavera”, si legge in un titolo del China Daily…, insieme ad altri articoli con titoli come “Esperti: Omicron ha un minor rischio di causare malattie gravi”.

Advertisement

22 dicembre – Reuters (Zoey Zhang e Bernard Orr): “Un ospedale di Shanghai ha detto al suo staff di prepararsi per una ‘tragica battaglia’ con il COVID-19 poiché prevede che metà dei 25 milioni di persone della città saranno infettate entro la fine del prossimo settimana, mentre il virus si diffonde in Cina in gran parte senza controllo… La Cina non ha riportato nuovi decessi COVID per il secondo giorno consecutivo per mercoledì, anche se i lavoratori delle pompe funebri affermano che la domanda per i loro servizi è aumentata notevolmente nell’ultima settimana”.

21 dicembre – Bloomberg: “Mesi dopo che Shanghai ha subito un brutale blocco per fermare la diffusione di Covid, il virus sta iniziando a farsi strada praticamente senza controllo attraverso i 25 milioni di abitanti della megalopoli. Gli ospedali stanno lottando per far fronte al numero di pazienti infetti , le farmacie respingono i clienti a mani vuote, le attività commerciali chiudono perché il personale è assente per malattia, la maggior parte delle scuole ha chiuso e l’utilizzo dei trasporti pubblici sta crollando”.

19 dicembre – Bloomberg: “La polizia e le guardie di sicurezza erano di stanza fuori da un crematorio di Pechino, secondo quanto riferito, designato per gestire le vittime di Covid, mentre le domande sul bilancio delle vittime del virus in Cina aumentavano. una fila di circa una dozzina di minivan neri è entrata nel sito alla periferia orientale di Pechino, utilizzata per preparare ed elaborare i corpi per la cremazione”.

19 dicembre – Financial Times (Sun Yu): “Le banche del sangue cinesi stanno combattendo la carenza di approvvigionamento poiché un’ondata di casi di Covid-19 tiene lontani i donatori, mettendo ulteriormente a dura prova un sistema medico già teso. Almeno sette governi provinciali e municipali hanno segnalato un calo delle donazioni di sangue nelle ultime settimane che ha ridotto il loro inventario fino al 16% dei livelli rispetto allo scorso anno… L’epidemia ha portato molti potenziali donatori di sangue a diventare non idonei dopo essere risultati positivi al Covid o riluttanti ad avventurarsi fuori per paura di infezione. ”

Advertisement

21 dicembre – Financial Times (Sun Yu): “Un’ampia misura del deficit di bilancio della Cina ha raggiunto un livello record nei primi 11 mesi di quest’anno a causa del tracollo immobiliare e la politica zero-Covid del presidente Xi Jinping ha pesato sul secondo più grande La spesa fiscale totale di tutti i livelli di governo ha superato le entrate di 7,8 trilioni di Rmb (1,1 trilioni di dollari) da gennaio a novembre… La cifra è stata più del doppio rispetto ai 3,7 trilioni di Rmb riportati nello stesso periodo dell’anno scorso. il deficit evidenzia il danno economico derivante dalla politica di eliminazione del Covid-19 firmata da Xi Jinping… così come la repressione della speculazione immobiliare da parte del suo governo”.

21 dicembre – Bloomberg (John Cheng e Alice Huang): “Nonostante un disastro Quest’ultimo anno per il settore immobiliare cinese, i mercati sono passati dall’estremo pessimismo all’euforia nel giro di poche settimane grazie al bazooka politico di Pechino. Ora ci sono segnali crescenti che il rally sta vacillando. Le azioni immobiliari sono entrate in una correzione tecnica dopo un aumento dell’88% nelle sei settimane fino all’inizio di dicembre. La debole fiducia degli acquirenti di case e una ripresa economica incerta minacciano di prevalere sulle misure di sostegno della politica, tra cui l’espansione di un programma chiave di finanziamento obbligazionario per gli sviluppatori privati ​​e la revoca del divieto di rifinanziamento azionario”.

Orologio del banchiere centrale:

22 dicembre – Bloomberg (Andrew Langley): “Il vicepresidente della Banca centrale europea, Luis de Guindos, ha affermato che gli aumenti dei tassi di interesse, come il movimento di mezzo punto visto alla riunione di questo mese, potrebbero diventare lo standard mentre i funzionari continuano a lottare contro l’aumento dell’inflazione. Nonostante le previsioni per una recessione invernale nella zona euro a 19 nazioni, l’inasprimento della politica monetaria deve continuare, ha detto Guindos a Le Monde francese… “Aumenti di 50 punti base potrebbero diventare la nuova norma nel breve termine”, ha detto Guindos. tariffe a questo ritmo per un periodo di tempo.’”

Advertisement

Orologio bolla globale:

23 dicembre – Bloomberg (Alice Kantor): “I prezzi degli immobili in tutto il mondo si sono raffreddati poiché i costi di indebitamento più elevati tengono in disparte molti acquirenti. La Corea del Sud ha avuto la peggio, poiché la Bank of Korea ha aumentato i tassi di interesse per frenare l’inflazione. Casa media i prezzi sono diminuiti del 7,5% nel terzo trimestre rispetto all’anno precedente. Anche Hong Kong, Perù, Cina e Nuova Zelanda hanno registrato un calo. Complessivamente, i prezzi degli immobili in 56 paesi e territori sono aumentati a un tasso dell’8,8% nel terzo trimestre, in calo dal 10,9% al picco nei primi tre mesi dell’anno, secondo… Knight Frank.”

20 dicembre – Bloomberg (Samson Ellis): “Gli ordini di esportazione di Taiwan sono crollati al massimo dall’apice della crisi finanziaria globale più di un decennio fa, segno di un peggioramento della domanda globale di prodotti tecnologici. Gli ordini esteri alle aziende taiwanesi sono diminuiti del 23,4% in Novembre rispetto all’anno precedente, secondo una dichiarazione del ministero dell’Economia di martedì. È stato quasi il doppio del calo del 12,8% che gli economisti avevano previsto in un sondaggio Bloomberg ed è stato il calo più netto dal marzo 2009”.

Orologio Europa:

Advertisement

23 dicembre – Wall Street Journal (Chelsey Dulaney): “Gli investitori si stanno preparando affinché i governi europei, guidati dalla Germania, inondino il mercato con nuovo debito l’anno prossimo mentre spendono molto per proteggere le loro economie dagli alti costi energetici. I governi in Europa sono attesi aumentare l’emissione di obbligazioni del 10% a 1,2 trilioni di euro nel 2023, pari a circa 1,27 trilioni di dollari, secondo… di circa 70 miliardi di euro da quest’anno”.

18 dicembre – Bloomberg (Alice Gledhill e Libby Cherry): “Gli obbligazionisti europei stanno facendo i conti con il fatto che le perdite devastanti di quest’anno potrebbero continuare nel 2023. L’anno peggiore di sempre per le obbligazioni della regione si sta concludendo con uno dei le vendite più brutali degli ultimi mesi… Con i trader che già scommettono su altri 130 punti base di aumenti, contro un aumento di appena mezzo punto della Federal Reserve, una nuova ondata di vendite sembra essere in serbo. determinazione a reprimere l’inflazione a due cifre abbondantemente chiara negli ultimi giorni, dopo essere stata a lungo considerata una delle più accomodanti del mondo.Questo è uno shock per i trader che si erano ammassati negli asset malconci della regione con un falso senso di sicurezza dati i timidi segnali che l’inflazione era picco”.

18 dicembre – Financial Times (Jasmine Cameron-Chileshe): “La Gran Bretagna si sta preparando per una delle settimane di sciopero più dirompenti della storia recente dopo che il governo ha segnalato la sua determinazione ad affrontare i sindacati nonostante le richieste di trattative salariali da parte dei leader sanitari e alcuni parlamentari conservatori. Infermieri, operatori delle ambulanze, personale della dogana e dell’immigrazione, impiegati delle poste e delle ferrovie se ne andranno tutti nei prossimi giorni. Il primo ministro Rishi Sunak deve affrontare una sfida crescente nell’affrontare gli scioperi”.

21 dicembre – Reuters (David Milliken): “L’indebitamento pubblico britannico è balzato inaspettatamente il mese scorso raggiungendo il massimo mai registrato in novembre, riflettendo il costo crescente dei sussidi energetici, gli interessi sul debito e l’inversione di un aumento delle tasse sui salari, dati ufficiali mostrati … I prestiti sono saliti a 22,0 miliardi di sterline ($ 26,7 miliardi) dagli 8,1 miliardi di sterline dell’anno precedente, prima che la Gran Bretagna fosse colpita dall’impennata dei prezzi del gas naturale che ha costretto il governo a sovvenzionare i costi di riscaldamento ed elettricità per milioni di famiglie e imprese. un aumento molto minore a 13,0 miliardi di sterline.”

Advertisement

Monitoraggio della crisi dei mercati emergenti:

19 dicembre – Reuters (Alexander Villegas e Marco Aquino): “Nella nazione sudamericana, la rabbia degli elettori è ribollita da tempo vicino alla superficie in anni di politica tumultuosa che ha visto sei presidenti in cinque anni. La maggior parte degli ex leader è stata incarcerata o indagata per corruzione. La situazione è esplosa nelle ultime due settimane. I manifestanti hanno bloccato autostrade, incendiato edifici e preso il controllo di aeroporti in seguito alla cacciata di Castillo il 7 dicembre, ore dopo che ha tentato illegalmente di chiudere il Congresso per evitare un voto di impeachment temevano di perdere. Almeno 18 persone sono morte. Molti dei manifestanti – alcuni sostenitori di Castillo e altri semplicemente arrabbiati – hanno detto di sentirsi ignorati dai leader politici. Castillo, ex insegnante e figlio di contadini, era stato almeno uno di loro , hanno detto, nonostante i suoi molti difetti.”

22 dicembre – Reuters (Nevzat Devranoglu): “Il salario minimo mensile della Turchia sarà di 8.506,80 lire ($ 455) nel 2023, ha dichiarato la presidenza… – un aumento del 55% rispetto al livello stabilito a luglio e un aumento del 100% rispetto a gennaio… Il presidente Tayyip Erdogan ha affermato che il salario minimo potrebbe essere nuovamente aumentato durante tutto l’anno, se necessario. L’inflazione annuale è salita oltre l’85% negli ultimi mesi, ma ha iniziato a diminuire leggermente”.

Orologio giapponese:

Advertisement

20 dicembre – Bloomberg (Toru Fujioka e Masaki Kondo): “Il governatore della Banca del Giappone Haruhiko Kuroda sta affrontando crescenti critiche per la sua ultima decisione politica shock, con diversi eminenti economisti che la definiscono un duro colpo per la credibilità della BOJ e gli operatori che si affrettano a testare la nuova politica della banca centrale linea rossa sui rendimenti obbligazionari. Gli osservatori della BOJ, tra cui Shinichiro Kobayashi di Mitsubishi UFJ Research & Consulting, affermano che Kuroda ha commesso un errore sembrando fare marcia indietro sulle recenti indicazioni politiche senza preavviso. Gli operatori di swap stanno già scommettendo che la BOJ sarà costretta ad abbandonare il suo nuovo limite di rendimento dello 0,5% su Obbligazioni a 10 anni, che segnalano un tasso dello 0,8% possono essere possibili in qualsiasi momento. Il crescente scetticismo nei confronti delle comunicazioni della banca centrale può complicare gli sforzi di Kuroda e del suo successore per evitare forti ondate di pressione del mercato basate sulla speculazione piuttosto che sulla guida politica”.

23 dicembre – Reuters (Leika Kihara): “L’inflazione core al consumo in Giappone ha raggiunto un nuovo massimo di quattro decadi mentre le aziende hanno continuato a trasferire l’aumento dei costi alle famiglie…, un segno che gli aumenti dei prezzi si stanno ampliando e potrebbero tenere la banca centrale sotto pressione massiccio stimolo… Indice dei prezzi al consumo core del Giappone (PCI)… è aumentato del 3,7% a novembre rispetto all’anno precedente…, in linea con le previsioni del mercato e riprendendosi da un aumento del 3,6% a ottobre. È stato il più grande aumento dal balzo del 4,0% visto nel dicembre 1981, quando l’inflazione era ancora alta a causa dell’impatto dello shock petrolifero del 1979 e di un’economia in forte espansione”.

22 dicembre – Bloomberg (Yoshiaki Nohara, Isabel Reynolds e Erica Yokoyama): “Il Giappone ricorrerà nuovamente all’emissione di obbligazioni per aiutare a finanziare un altro anno di spese record, con la mossa politica a sorpresa della Banca del Giappone questa settimana destinata a fare pressione sui costi di indebitamento in corso Il governo cercherà di emettere obbligazioni per un valore superiore a 35,6 trilioni di yen (270 miliardi di dollari) per finanziare un budget iniziale di oltre 114,4 trilioni di yen per l’anno che inizia ad aprile…”

20 dicembre – Reuters (Kaori Kaneko): “Il Giappone presterà molta attenzione alla situazione del COVID-19 in Cina, oltre ai rischi derivanti da un rallentamento economico globale, aumenti dei prezzi e limitazioni dell’offerta, secondo il suo rapporto mensile di dicembre. il rapporto dell’Ufficio di gabinetto arriva mentre il Giappone… lotta con una crescita globale lenta e costi di importazione elevati che hanno pesato sulle sue esportazioni e attività manifatturiere… ho visto all’inizio di quest’anno “, ha detto un funzionario del Gabinetto”.

Advertisement

Monitoraggio dell’instabilità sociale, politica, ambientale e della sicurezza informatica:

22 dicembre – Wall Street Journal (Julie Wernau e Jon Kamp): “L’aspettativa di vita negli Stati Uniti è scesa di nuovo l’anno scorso al livello più basso dal 1996…, dopo che il Covid-19 e le overdose da oppioidi hanno fatto aumentare il numero di morti. Il Covid-19 è stato la terza causa di morte per il secondo anno consecutivo nel 2021… I decessi per overdose sono quintuplicati negli ultimi due decenni.Il tasso di mortalità per la popolazione statunitense è aumentato del 5%, riducendo l’aspettativa di vita alla nascita a 76,4 anni nel 2021 da 77 anni nel 2020… Prima della pandemia, nel 2019, l’aspettativa di vita alla nascita negli Stati Uniti era di 78,8 anni. Il calo nel 2020 è stato il più grande dalla seconda guerra mondiale”.

21 dicembre – Reuters (Mohammad Yunus Yawar e Charlotte Greenfield): “Le studentesse universitarie in Afghanistan sono state allontanate dai campus mercoledì dopo che l’amministrazione gestita dai talebani aveva dichiarato che le donne sarebbero state sospese dall’istruzione terziaria. La decisione di escludere le donne è stata annunciata martedì sera in una lettera alle università del ministero dell’Istruzione superiore, attirandosi la condanna dei governi stranieri e delle Nazioni Unite”.

Osservazione sulla speculazione con leva:

Advertisement

20 dicembre – Financial Times (Ortenca Aliaj, Katie Martin e Laurence Fletcher): “Un trade noto come ‘widow maker’ per la sua capacità di infliggere enormi perdite ai trader ha finalmente dato i suoi frutti dopo che la Banca del Giappone ha scioccato gli investitori con una modifica a il modo in cui controlla il suo mercato dei titoli di stato.I trader di società come BlueBay Asset Management, Neuberger Berman e l’hedge fund Caygan Capital hanno scommesso che la BoJ avrebbe allentato il tetto sui rendimenti obbligazionari… Di conseguenza, molte società di investimento hanno scommesso che le obbligazioni giapponesi sarebbero scese, spingendo i rendimenti più in alto. “Avevamo raggiunto il punto in cui quella politica non era più giustificata”, ha detto Mark Dowding, chief investment officer di BlueBay… “Era una questione di quando, non se”.

Orologio geopolitico:

18 dicembre – Wall Street Journal (Eric Lipton, Michael Crowley e John Ismay): “La prospettiva di crescenti minacce militari sia dalla Cina che dalla Russia sta guidando il sostegno bipartisan per un aumento della spesa del Pentagono… Il Congresso è sulla buona strada nella prossima settimana per dare approvazione finale di un budget militare nazionale per l’anno fiscale in corso che dovrebbe raggiungere circa 858 miliardi di dollari, ovvero 45 miliardi di dollari in più rispetto a quanto richiesto dal presidente Biden.Se approvato a questo livello, il budget del Pentagono sarà cresciuto del 4,3% all’anno nel corso degli ultimi due anni – anche dopo l’inflazione – rispetto a una media di meno dell’1% annuo in dollari reali tra il 2015 e il 2021… Salto del 47% per gli acquisti di armi della Marina.”

22 dicembre – Reuters (Hyonhee Shin): “La Corea del Sud e gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di organizzare la loro prima dimostrazione congiunta di fuoco vivo su larga scala in sei anni nel 2023 tra le crescenti minacce militari della Corea del Nord, ha affermato il ministero della Difesa di Seoul… Le esercitazioni sono state fluttuato mentre la Corea del Sud e gli Stati Uniti discutono dei preparativi per il 70° anniversario della loro alleanza il prossimo anno, ha detto il portavoce del ministero Jeon Ha-gyu”.

Advertisement

21 dicembre – Reuters (Yimou Lee): “Taiwan ha lanciato aerei da combattimento per mettere in guardia 39 aerei cinesi che sono entrati nella sua zona di difesa aerea sud-orientale, ha detto il ministero della difesa dell’isola… Taiwan si è lamentata delle ripetute missioni dell’aviazione cinese negli ultimi due anni … L’incursione di giovedì comprendeva 21 caccia e quattro bombardieri H-6, oltre a velivoli di allerta precoce, antisommergibile e di rifornimento aereo…”

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Questo articolo è stato scritto da

Ho circa 30 anni perseverando come “orso professionista”. La mia occasione fortunata arrivò alla fine del 1989, quando fui assunto da Gordon Ringoen come trader per il suo hedge fund a San Francisco. Lavorando come trader short-side, an Analista e gestore di portafoglio durante il grande mercato rialzista degli anni Novanta – per una delle persone più brillanti che abbia mai incontrato – è stata un’esperienza di apprendimento entusiasmante, impegnativa e, alla fine, estenuante e assolutamente inestimabile. Più tardi, negli anni Novanta, ho lavorato alla Fleckenstein Capital e alla East Shore Partners. Nel gennaio 1999, ho iniziato la mia corsa di 16 anni con PrudentBear (che si è conclusa alla fine del 2014), lavorando come strategist e portfolio manager con David Tice a Dallas fino alla vendita dei fondi bear nel dicembre 2008. All’inizio degli anni novanta, ho divenne un appassionato lettore di The Richebacher Letter. Il grande Dr. Richebacher mi ha aperto gli occhi sull’economia austriaca e ha consolidato la mia passione per l’economia e l’analisi macro. Ho avuto la fortuna di assistere il Dr. Richebacher con la sua pubblicazione dal 1996 al 2001. Prima di lavorare negli investimenti, ho lavorato come analista di tesoreria presso la sede americana della Toyota. Stava lavorando alla Toyota durante il periodo della bolla giapponese e il crollo del mercato azionario del 1987, dove ho riconosciuto per la prima volta il mio amore per l’analisi macro. Appena uscito dal college, ho lavorato come CPA di Price Waterhouse. Mi sono laureato con lode presso l’Università dell’Oregon (Major in Contabilità e Finanza, 1984) e successivamente ho conseguito un MBA presso l’Università dell’Indiana (1989). Verso la fine degli anni Novanta, ero convinto che si stessero verificando sviluppi epocali nella finanza, nei mercati e nel processo decisionale che non venivano riconosciuti dall’analisi convenzionale e dai media. Sono stato ispirato ad aprire il mio blog, che è diventato il Credit Bubble Bulletin, dal desiderio di far luce su questi sviluppi. Credo che ci sia un grande valore nell’analisi contemporanea, e indicherò i brillanti scritti di Benjamin Anderson nel “Chase Economic Bulletin” durante i ruggenti anni Venti e l’era della Grande Depressione. Ben Bernanke ha definito la comprensione delle forze che hanno portato alla Grande Depressione il “Santo Graal dell’economia”. Credo che “Il Graal” sarà invece scoperto attraverso la conoscenza e la comprensione dell’attuale straordinario periodo di bolla globale.

Advertisement
Advertisement

Trending