venerdì 30 ottobre 2020

Comprare la azioni Disney potrebbe essere vantaggioso al momento

In vista delle prossime riaperture dei parchi, comprare la azioni del gigante Disney potrebbe essere molto vantaggioso

Dopo aver chiuso tutti i suoi parchi per rallentare la diffusione del Coronavirus, Disney (DIS) sta iniziando a riaprire. Il suo parco di Shanghai ha permesso agli ospiti di ricominciare a visitare a maggio, con capacità limitata, e biglietti esauriti in pochi minuti. Inoltre, ha annunciato che riaprirà Disney World in Florida l’11 luglio e Disneyland in California il 17 luglio.

Tuttavia, la Florida sta segnalando un aumento dei casi COVID-19 e c’è la possibilità che la Disney possa decidere di posticipare l’apertura delle porte a Disney World. Inoltre, i sindacati di Los Angeles riferiscono che i lavoratori si sentono in ansia per il ritorno al lavoro a Disneyland in un numero crescente di casi a Los Angeles e nella Contea di Orange.

Se c’è un annuncio per ritardare la riapertura di un parco, probabilmente il prezzo delle azioni verrà abbassato. Diamo un’occhiata al motivo per cui sarebbe un’opportunità di acquisto per gli investitori a lungo termine che desiderano acquistare azioni Disney.

I parchi Disney sono una grande risorsa

Nel 2019 il segmento che comprende parchi ha generato il 45% del reddito operativo totale per l’azienda. Tuttavia, le prospettive a breve termine di questo segmento rimangono altamente incerte. Dato l’aumento delle infezioni nelle aree di Orlando e Los Angeles, è probabile che il mercato stia valutando alcune probabilità di un ritardo nella riapertura.

Se ciò accade, non avrà un impatto quasi negativo sulle entrate rispetto alla chiusura iniziale. Questo perché i parchi saranno gestiti a un livello di capacità limitato per qualche tempo per consentire il distanziamento sociale. Ad esempio, a Shanghai, il parco consente solo il 30% della capacità totale. La perdita di entrate derivante dal ritardo di un parco che prevede di riaprire al 30% sarà dal 30% allo 0%. Molto meno dello shock una chiusura iniziale, quando la capacità è passata dal 100% allo 0%.

La Disney ha dimostrato potere di determinazione dei prezzi e può flettere questo potere all’indomani di COVID. Nel 2018, il prezzo di un biglietto per Disney World era di $ 119. Lo stesso biglietto nel 2006 costava $ 67. Tuttavia, con una capacità limitata disponibile e la domanda repressa, può probabilmente continuare ad aumentare i prezzi senza perdere troppi clienti.

Lo streaming è la chiave della crescita della Disney a lungo termine

A partire dal suo aggiornamento più recente, Disney + ha 54,5 milioni di abbonati e Hulu ha 32 milioni di abbonati. Inoltre, è ancora nel mezzo dell’espansione internazionale dei servizi. Disney + è stato lanciato in Giappone a giugno e quest’anno si sta espandendo nei paesi nordici, in Portogallo, in Belgio e in America Latina.

Nel frattempo, Hulu non è ancora disponibile da nessuna parte al di fuori degli Stati Uniti. Durante la teleconferenza del primo trimestre, il CEO di allora Bob Iger, in risposta a una domanda dell’analista, disse: “Quindi non abbiamo dettagli specifici se non pianifichiamo per iniziare a lanciare Hulu. Direi probabilmente nel 2021 a livello internazionale dopo il lancio di Disney + “.

L’abbonato medio di Hulu paga $ 12,06 al mese, che è molto più alto dell’abbonato medio Disney +, che paga $ 5,63. Al contrario, l’abbonato Netflix medio paga $ 10,87. Per darti un’idea del potenziale di mercato, Netflix ha 182 milioni di abbonati in tutto il mondo.

Inoltre, i servizi gli consentono di raccogliere grandi quantità di dati sulle abitudini di visualizzazione delle persone. Disney può quindi utilizzare questi dati per ottimizzare le sue offerte in tutti i suoi segmenti, un vantaggio che non è disponibile per Netflix.