martedì 30 novembre 2021

Con il Covid più disuguaglianze, ma l’Italia tiene. Lo dice Bankitalia

AGI – La sostenibilità dei conti pubblici italiani non è a rischio, ma la pandemia di Covid ha accentuato le disuguaglianze. Lo afferma la Banca d’Italia nel rapporto sulla stabilità finanziaria, precisando però che, “anche dopo la scadenza delle misure di sostegno e delle moratorie, l’impatto della crisi sulle famiglie più vulnerabili non dovrebbe determinare forti rischi”. 

Secondo il Rapporto di Palazzo Koch, le misure di sostegno alla liquidità e all’accesso al credito delle imprese “sono ancora necessarie”, mentre a livello globale permangono elevati rischi per la stabilità finanziaria, malgrado i vaccini per l’incertezza sanitaria.​ Monito infine di Bankitalia alle banche sul deterioramento dei prestiti.

Sostenibilità dei conti pubblici non è in discussione

“Le misure adottate per contrastare gli effetti economici della pandemia hanno natura temporanea e non mettono in discussione la sostenibilità delle finanze pubbliche italiane”, scrive Bankitalia nel rapporto, che spiega: “Tuttavia la stabilizzazione del debito su livelli molto elevati lascerebbe il Paese esposto a rischi derivanti da tensioni sui mercati finanziari”. In prospettiva per ricondurre il rapporto tra debito e prodotto su un sentiero di diminuzione, si legge nel dossier sulla Stabilità finanziaria, “serviranno il ritorno alla crescita, condizioni finanziarie distese e, quando la situazione macroeconomica lo consentirà, un graduale e progressivo aggiustamento di bilancio”.

​Famiglie, pandemia ha accentuato le disuguaglianze

L’impatto della pandemia s

LEGGI TUTTO L’ARTICOLO SU AGI

Questo contenuto è di proprietà di AGI
Finanza News 24 non detiene alcun diritto su tale contenuto, ma si limita soltanto a diffonderlo