martedì 15 giugno 2021

Con l’America a casa, Facebook, Google fa le mosse per conquistare di più sul mercato dei giochi

Il vicepresidente e direttore generale di Google Phil Harrison mostra il nuovo controller Stadia mentre parla durante la conferenza degli sviluppatori di giochi GDC di marzo 11, 2019 a San Francisco, in California.

Justin Sullivan | Getty Images

L’industria dei giochi è naturale promuovere il distanziamento sociale durante la pandemia di coronavirus. Le società di videogiochi e tecnologia stanno, infatti, lavorando direttamente con l’Organizzazione mondiale della sanità in una campagna per tenere le persone separate. E i giganti della tecnologia che sono relativamente nuovi nel settore dei videogiochi, Facebook e Google, stanno facendo delle mosse che dimostrano che potrebbe essere saggio per loro sfruttare questa opportunità con così tante persone a casa per acquisire una quota maggiore del mercato dei giochi.

Facebook Questa settimana il gioco ha rilasciato una nuova funzione che consente agli utenti di creare tornei con amici e pubblico, giocando a vicenda – da casa – in giochi come “Fortnite” e “Call of Duty: Warzone” di Activision Blizzard

Creata originariamente per i giochi esports, la funzione, che funziona in modo simile alla creazione di un evento su Facebook, consente agli utenti di progettare tornei che aggiornano parentesi e classifiche e raccolgono denaro per cause benefiche, come COVID – 19 sollievo.

L’idea è buona per Facebook e i suoi consumatori, secondo Laurel Walzak, un professore della Ryerson University specializzato in giochi. “Facebook offre al pubblico l’opportunità di interagire tra loro”, mentre il colosso dei social media sta anche creando “maggiore fedeltà al marchio”.

Google di Alphabet , nel frattempo, ha annunciato mercoledì che offre ai consumatori due mesi gratuiti dal -end Stadia Pro , che fornisce l’accesso a nove giochi, tra cui il famoso cult Destiny 2. Google ha lanciato Stadia lo scorso novembre a recensioni contrastanti.

Ora puoi giocare gratuitamente

“Se le società di gioco forniranno alle persone prove gratuite, le integreranno in questi servizi, il che aiuta costruiscono relazioni con i clienti “, ha detto Walzak. “Non solo le persone che sono interessate ad esso. Ma le persone che sono alla ricerca di diverse forme di intrattenimento a cui partecipare.”

Amazon , che possiede Twitch, il sito più popolare per il livestream dei giocatori, offre agli abbonati Amazon Prime e agli utenti Twitch cinque giochi gratuiti che valgono collettivamente più di $ 100, fino al 1 maggio. I giochi includono “Turok , “una versione rimasterizzata del gioco di tiro 1990 e “Earthlock”, un gioco di ruolo indipendente. Twitch ha visto il suo aumento di utilizzo durante il coronavirus e mentre gli ordini di stare a casa negli Stati Uniti sono aumentati .

“È un’opportunità per le società di gioco mettere i loro marchi di fronte a più persone”, ha dichiarato Dan Rayburn, analista dei media e dello streaming. “L’idea che stanno offrendo servizi, in modo che i consumatori possano vedere come sono, si spera che porterà a una conversione in nuovi abbonati o clienti.”

Verizon ha riferito enormi aumenti di utilizzo del gioco, fino a 50% , dall’inizio dell’epidemia di coronavirus negli Stati Uniti

In Italia un’importante società di telecomunicazioni ha segnalato una lotta per tenere il passo con 70% picco sulla sua rete e citò Fortnite interpretando la causa principale.

Non sono solo i giganti della tecnologia a cogliere l’opportunità tra il blocco senza precedenti degli americani. Anche i vecchi media stanno raccogliendo grandi guadagni, con Disney che riporta mercoledì il suo nuovo servizio di streaming Disney + è sopra 50 milioni di abbonati .

Video tradizionale le società di giochi stanno cercando di acquisire una quota maggiore del mercato dei giochi con nuove offerte durante la pandemia.

Ubisoft, ad esempio, offriva download gratuiti del suo gioco per PC “Rayman Legends” su la fine di marzo, che tradizionalmente vende per $ 19. 99. Rockstar Games di Take-Two Interactive ha annunciato a fine marzo che avrebbe donato Il 5% delle sue entrate online dalle sue franchise Grand Theft Auto e Red Dead Redemption a comunità locali e imprese che sono state colpite dall’epidemia di coronavirus.

E le società di giochi sportivi, come 2K Games (anch’essa di proprietà di Take-Two Interactive), che produce il famoso franchise NBA 2K, e Electronic Arts, che realizza il gioco del calcio Madden, hanno collaborato con ESPN della Disney e Fox Sports per creare tornei televisivi con atleti famosi, come il giocatore di Brooklyn Nets Kevin Durant e l’ex quarterback del pro bowl Michael Vick – le vincite di questi tornei andranno a COVID – 19 beneficenza.

L’OMS e i giocatori

L’Organizzazione mondiale della sanità ha collaborato con diversi grandi aziende nel mercato dei giochi, promuovendo una campagna intitolata “Gioca a parte insieme”. Supportato da Activision Blizzard, Amazon’s Twitch, Riot Games, Alphabet’s YouTube Gaming e altri grandi giocatori, come Microsoft e Sega, la campagna incoraggia i giocatori a praticare il social distanza in casa offrendo eventi speciali gratuiti, esclusive e premi per i giochi amati.

L’industria dei giochi è uno dei pochi che ha funzionato bene sul mercato durante la pandemia. I fondi negoziati in borsa a tema di gioco stanno sovraperformando ampi indici azionari.

E i giochi continuano a essere venduti in tutto il mondo.

L’ultima puntata del franchise di Nintendo Animal Crossing, intitolata “New Horizon”, ha venduto 1,8 milioni di copie durante i suoi primi tre giorni di disponibilità in Giappone dopo in uscita marzo 19 . E l’ambito gioco di guerra “Call of Duty: Warzone”, lanciato a marzo 10, accumulato 30 milioni di giocatori in 07 giorni . In alcuni luoghi, venivano realizzate vendite fisiche e allineamento dei clienti, nonostante le raccomandazioni del pubblico sul distanziamento sociale.

I giocatori si schierano per una copia del videogioco Animal Crossing al di fuori di un negozio di giochi EB su Yonge St ., nel centro di Toronto, nonostante le richieste di auto-distanza e di rimanere a casa.

Andrew Francis Wallace | Toronto Star via Getty Images

“Giochi in il generale è abbastanza a prova di recessione “, ha dichiarato Daniel Ahmad, analista senior di Niko Partners, che si aspetta anche che la pandemia dia 2019 le vendite di entrate un ulteriore impulso. “Sempre più persone impegnate nei giochi nel corso dell’anno aumentano i profitti.”

Ma ciò non significa che il settore dei giochi manchi di sfide con coronavirus.

Ahmad ha affermato che una delle maggiori sfide a breve termine che l’industria deve affrontare è la continua produzione, soprattutto perché gli sviluppatori di contenuti sono bloccati a lavorare da casa – e limitati dalle loro risorse remote.

“Stiamo già iniziando a vedere i ritardi nelle versioni principali dei giochi”, ha detto Ahmad.

Sony Interactive Entertainment ha annunciato la scorsa settimana che “The Last of Us: Part Two” e i giochi Iron Man VR della Marvel sono stati rimandati Avviso. Altri ritardi includono la versione portatile di “The Outer Worlds” per Nintendo Switch (ora prevista per giugno) e “Minecraft Dungeons” di proprietà di Microsoft.

“Il pubblico è abituato a certi tipi di contenuti “, ha detto Walzak. Le aziende devono essere creative e assicurarsi che qualunque tecnologia venga utilizzata sia conforme agli standard che i giocatori si aspettano, ha detto.

Rayburn ha detto oltre a soddisfare gli elevati standard di i giocatori principali, i recenti abbonamenti e le acquisizioni dei clienti non sono una cosa certa che durerà ben oltre la fine del distanziamento sociale. Soprattutto con l’arrivo dell’estate, “le persone vorranno uscire, vedere i loro amici e andare a vivere eventi”, ha detto.

Mantenere le iscrizioni ai giochi potrebbe non avere senso quando si concludono le prove gratuite, soprattutto perché il reddito disponibile negli Stati Uniti diminuisce per molti lavoratori tra perdita di posti di lavoro, tirocinanti, salari e riduzioni dei bonus e, in generale, maggiore stress finanziario.

Rayburn ritiene che eventuali variazioni delle quote di mercato durature non saranno note per almeno un quarto o due quando la situazione economica potrebbe iniziare a normalizzarsi.

“Non sappiamo se le persone acquistano questi servizi per un tempo limitato”, ha detto Rayburn. “Tutti vogliono discutere”, ha detto, ma alla fine la conversazione riguarderà il numero di nuovi abbonati o clienti che queste aziende ottengono e mantengono.

Articolo originale di CNBC