giovedì 05 agosto 2021

Con le conserve portiamo un po’ di estate anche sulla tavola invernale

Con le verdure dell’orto si possono preparare tanti piatti buoni, sani e gustosi, soprattutto se la provenienza è a Km0, ma se il raccolto è stato abbondante e si preferisce lasciare qualcosa per l’inverno, il cibo sottolio o sotto aceto è senza dubbio la soluzione migliore, soprattutto se preparato in casa con le nostre mani

Che sia sottolio o sottaceto, poco importa, il sapore delle verdure di  stagione ben conservate sarà sempre unico e ricco e, se fatto bene,  potrete assaporare la sua perfezione tutto l’anno anche nelle triste giornate invernali. Le conserve di verdura sono semplici e facili da preparare, con pochi  passaggi e un’attenta sterilizzazione dei contenitori per realizzare in tutta sicurezza deliziose e gustose conserve. Le carote sott’aceto, ad esempio. sono delle conserve buone e gustose, le carote sane e salutari si trovano in commercio tutto l’anno, ricche di vitamina C e betacarotene – sono un toccasana per la pelle e soprattutto per gli occhi.

Altre verdure di cui si possono fare conserve (comode e soprattutto adatte a numerosissime ricette oppure semplicemente come salva cena quando si è in ritardo o non si ha voglia di cucinare) sono cetrioli, zucca, melanzane e peperoni sono le verdure più famose, di solito cotte in olio o aceto. Possono essere utilizzate per fortificare insalate, panini o anche per condire ottime bruschette.

Per fare sottolio e sottaceto il trucco è sempre quello di scegliere prima un buon prodotto. Le materie prime sono fondamentali per la buona riuscita delle tue conserve quindi occorre scegliere verdura a km 0, ortaggi che siano luminosi, freschi e con colori brillanti quando possibili e magari coltivati senza pesticidi che possono fare male. Presta particolare attenzione alle estremità, che non devono essere morbide. Per prima cosa comprate dei vasetti che devono essere sterilizzati con molta cura. Se hai già dei vasetti di vetro, cambia le capsule e non usare quelle vecchie.