venerdì 23 ottobre 2020

Con un numero maggiore di studenti cinesi nei campus statunitensi, le scuole stanno rispondendo al coronavirus

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

Con 11 casi confermati di coronavirus negli Stati Uniti e 260 sotto inchiesta da mercoledì, le università stanno intensificando gli sforzi per proteggere studenti, docenti e personale dalla malattia potenzialmente mortale, in particolare le scuole che hanno una grande popolazione di studenti dalla Cina.

Vedi anche: CDC afferma che gli americani non dovrebbero indossare maschere per prevenire il coronavirus – la maggior parte delle persone per usarli correttamente comunque, un esperto avverte

Alla Princeton University, dove c’erano 623 studenti provenienti dalla Cina lo scorso anno accademico, la scuola sta seguendo un raccomandazione del Dipartimento della Salute del New Jersey che studenti e docenti di K – 12 scuole e college che sono recentemente tornati da Chi na “auto-quarantena” per due settimane se sono a rischio moderato o elevato di contrarre potenzialmente la malattia.

I funzionari della scuola hanno chiesto informazioni 100 gli studenti devono essere valutati per il loro livello di rischio presso il centro sanitario della scuola seguendo Guida NJDOH, ha dichiarato Michael Hotchkiss, portavoce dell’università. “Tutti quelli che l’università ha valutato finora sono a basso rischio”, il che significa che non è necessario che si auto-mettano in quarantena, ha affermato Hotchkiss. “Stiamo valutando gli studenti finali – meno di cinque – e prevediamo di essere in grado di chiarire di più oggi”, ha detto martedì.

Prima dell’inizio delle lezioni questa settimana , l’università ha incaricato chiunque abbia visitato la Cina nelle ultime due settimane di “completare questo modulo di registrazione in modo che l’università possa fornirti assistenza. ” L’università ha dichiarato sul sito che “il servizio di ristorazione sarà fornito a quegli studenti che hanno scelto di autoisolarsi e hanno compilato questo modulo.”

Più studenti internazionali vengono negli Stati Uniti dalla Cina che da qualsiasi altro paese

Questo è solo un esempio delle azioni che le università stanno intraprendendo in risposta al coronavirus in un momento in cui più studenti internazionali vengono negli Stati Uniti dalla Cina che da qualsiasi altro paese. Nel 2018-2019 anno accademico, c’erano più di 369, 000 studenti cinesi che studiano nei college statunitensi, secondo l’Istituto di istruzione internazionale .

Con grandi gruppi di persone che condividono spazi abitativi, aule, biblioteche e sale da pranzo, i college affrontano sfide uniche nella gestione delle malattie contagiose. “Le università sono spesso le più globali e spesso siamo in prima linea in queste situazioni”, ha affermato la dott.ssa Sarah Van Orman, vicepresidente associato per la salute degli studenti presso l’Università della California del sud. La scuola ha 6 studenti 626 studenti cinesi, il secondo- la più grande popolazione di studenti provenienti dalla Cina negli Stati Uniti, secondo l’IIE.

La California, dove due casi di coronavirus sono stati confermati dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, è lo stato con il maggior numero di studenti provenienti dalla Cina nei suoi college e università. Alcuni 30. 1% di studenti internazionali che studiano lì, oppure 42, 693, studenti provenienti dalla Cina, mostrano dati IIE.

USC ha iniziato a monitorare gli studenti che visitano il centro sanitario universitario per i sintomi del coronavirus più di tre settimane fa, ha affermato Van Orman. L’università, ha aggiunto, “non prende decisioni da sola” quando si tratta di isolamento, quarantena o attivazione di uno dei suoi piani di malattia di emergenza ). “Stiamo prendendo le decisioni con le autorità locali e hanno giurisdizione sull’evento.”

Il centro sanitario universitario, ha detto, ha subito un picco nelle visite di recente. La maggior parte degli studenti che temono di aver contratto il coronavirus finiscono per essere diagnosticati con l’influenza, che secondo lei è abbastanza comune in questo periodo dell’anno.

Le scuole stanno lavorando per tenere informati gli studenti

Come gli studenti sono tornati nei campus dopo le vacanze invernali, le scuole che hanno una grande popolazione di studenti provenienti dalla Cina – tra cui la New York University, la Columbia University, la University of Michigan e la Purdue University a West Lafayette, Ind. – hanno inviato avvisi via e-mail alle comunità del campus. Molti hanno fornito informazioni sui sintomi del coronavirus e le precauzioni da prendere nel caso in cui un individuo manifesti o entri in contatto con questi sintomi. L’Università dell’Illinois ha ospitato un forum pubblico nel campus sulla malattia dopo che uno studente si è presentato al centro sanitario della scuola con possibili sintomi di coronavirus ma non aveva la malattia.

USC ha pubblicato un aggiornamento per consulenza coronavirus poco dopo la notizia che un individuo aveva contratto il virus a Los Angeles. L’avviso ha assicurato agli studenti che “non esiste alcun legame noto tra le persone colpite e USC.”

Le università stanno cercando di aiutare gli studenti con la famiglia in Cina

L’università ha un responsabilità di assicurarsi che gli studenti o la facoltà che sono recentemente tornati da Wuhan – che si ritiene sia l’epicentro dell’epidemia – cercare cure adeguate se si verificano sintomi di coronavirus, Van Orman ha detto. La scuola dovrebbe riferire possibili casi alle autorità sanitarie locali, ha detto.

Allo stesso tempo, la scuola sta lavorando per sostenere gli studenti cinesi con la famiglia che sono ancora a Wuhan . “Alcuni studenti hanno una famiglia a Wuhan e hanno paura per le loro famiglie e i loro amici. Ha un impatto sullo studio degli studenti “, ha affermato Van Orman. “Pensiamo che sia altrettanto importante per noi come una comunità supportarli.”

Van Orman ha affermato di preoccuparsi anche che le persone nel campus USC possano preoccuparsi eccessivamente al punto dove potevano pensare: “Oh, non voglio sedermi con qualcuno o avvicinarmi a qualcuno” che temono possa essere entrato in contatto con il virus. Per aiutare a scongiurare questa possibilità, la scuola sta tenendo aggiornati gli studenti sulle ultime informazioni sul virus con avvisi via e-mail, ha detto.

C’è anche la questione di aiutare gli studenti a continuare il loro lavoro accademico. La NYU, che attualmente ha il maggior numero di studenti internazionali nel paese, è stata in contatto diretto con studenti che non sono stati in grado di tornare al campus dalla Cina a causa dei divieti di viaggio, ha detto un portavoce.

L’università è stata “impegnata nella pianificazione accademica per aiutare gli studenti che non potevano tornare a New York a causa delle restrizioni di viaggio a partecipare alla lezione”, John Beckman, vice presidente senior per gli affari pubblici alla New York University hanno detto.

L’università ha fornito a questi studenti un “kit di strumenti” di opzioni tecnologiche raccomandate per consentire allo studente di partecipare alla lezione “ed è stato in contatto con presidi di le loro scuole per aiutare la facoltà a implementarle, ha detto.

NYU, ha ritardato l’inizio delle lezioni del semestre primaverile nel campus di Shanghai, che verrà insegnato a distanza utilizzando la tecnologia a partire da febbraio 17. Come USC, l’università ha inviato diversi avvisi sul virus e ha creato una pagina dove pubblica regolarmente aggiornamenti.

In linea con le indicazioni del CDC e dell’Organizzazione mondiale della sanità, la NYU ha “comunicato direttamente con tutti gli studenti delle aree colpite, fornendo loro consigli sui sintomi della malattia, e [is] chiedendo loro di andare al centro sanitario se stanno dimostrando i sintomi “, ha detto Becker.

Le università pubbliche si affidano a studenti internazionali iscrizione

L’epidemia di coronavirus arriva quando alcuni campus statunitensi hanno visto un calo significativo del tasso di studenti provenienti dalla Cina dopo una tendenza al rialzo decennale, creando preoccupazioni finanziarie per alcune scuole, l’Associated Press ha riferito .

Circa un terzo degli studenti internazionali negli Stati Uniti proviene dalla Cina, secondo l’AP.

Soprattutto nei college pubblici, le iscrizioni internazionali sono diventate una fonte critica di finanziamento con l’inasprimento dei bilanci statali. A differenza della maggior parte degli studenti statunitensi, questi studenti devono pagare l’intero prezzo dell’autoadesivo per la loro istruzione .

I leader dell’istruzione superiore hanno avvertito che Trump la posizione di politica estera dell’amministrazione ha reso gli Stati Uniti una destinazione meno desiderabile per gli studenti internazionali di studiare.

Questo, dicono, ha contribuito a contribuire a un forte calo delle iscrizioni di studenti provenienti dalla Cina all’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign a 2018. Per proteggersi dalla caduta, il college ha pagato $ 425, 000 per una polizza assicurativa che contribuirebbe a coprire potenziali perdite finanziarie dovute a un calo delle iscrizioni dalla Cina.

Correlato: I college pubblici stanno attirando gli studenti internazionali per far fronte ai tagli del bilancio statale

Sebbene non vi siano stati casi confermati di coronavirus nel Michigan, Michigan State University, che ha il 25 il numero più alto di studenti internazionali negli Stati Uniti, ha aggiornato la comunità universitaria sul virus.

Come diverse università che hanno programmi in Cina, MSU “ha sospeso il viaggio sponsorizzato dall’università in Cina per le prossime otto settimane”, ha dichiarato Dan Olsen, vice portavoce dell’università, in una dichiarazione. “Continueremo ad accogliere e lavorare con i nostri studenti, visitatori e studiosi dalla Cina – sono essenziali per il continuo rifornimento di scoperte e borse di studio e, soprattutto, la vivacità della nostra comunità spartana”, ha detto.

Non sono stati segnalati decessi negli Stati Uniti per coronavirus. In Cina, almeno 490 le persone sono morte per malattia e più di 17, 000 le persone sono state infettate da mercoledì.

Questa storia è stata originariamente pubblicata il gennaio 29 ed è stato aggiornato .

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

Articolo originale di Marketwatch.com