Entra in contatto con noi

Mercati americani

Cosa cercare dopo il 20° Congresso del Partito cinese

Pubblicato

il

Notizie su Kevin Frayer/Getty Images

Il 20th Il Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese (PCC) si è aperto a Pechino il 16 ottobre 2022 e l’evento di una settimana si è concluso con il presidente Xi Jinping che ha intrapreso il suo terzo mandato. Nel complesso, il rapporto del presidente Xi è stato coerente con il indicazioni politiche che abbiamo visto dalla Cina negli ultimi anni, sottolineando lo sviluppo come una priorità assoluta per il Partito. In questa nota, esploriamo i messaggi chiave del rapporto politico di Xi e le sue potenziali implicazioni sulla politica cinese di Covid-19 e le prospettive per vari settori.

Delos Gioielli
Delos Gioielli

Punti chiave

  • Il rapporto politico del presidente Xi ai 20th Il Congresso Nazionale ha delineato la visione e le ideologie a lungo termine per il Partito Comunista Cinese, dove lo sviluppo rimane una priorità assoluta a lungo termine. Consideriamo la volontà di fissare obiettivi di crescita a lungo termine un segnale positivo del fatto che questa generazione di leader continua a concentrarsi sulla crescita.
  • Mentre non ci sono stati segni di deviazioni dalla politica zero-Covid della Cina al 20th Congresso del Partito, molto è cambiato con le 20 misure per ottimizzare la politica di prevenzione e controllo della pandemia e le proteste che chiedevano la riapertura. La riapertura totale richiederà tempo, ma nuovi segnali indicano che avverrà più velocemente di quanto inizialmente previsto.
  • Infine, dal punto di vista settoriale, attendiamo politiche più concrete nei prossimi trimestri, ma prevediamo che la maggior parte dei settori beneficerà della maggiore attenzione della Cina per lo sviluppo, la sicurezza e l’autosufficienza.

Lo sviluppo economico rimane la massima priorità per il partito

Con le numerose incertezze globali e interne di quest’anno, il discorso del presidente Xi pronunciato all’apertura del Congresso del Partito è stato accolto con molta attesa. Tuttavia, gli osservatori alla ricerca di indizi sulla futura direzione politica della Cina potrebbero essere rimasti delusi. La cosa fondamentale da notare è che il discorso di Xi al Congresso del Partito era un “rapporto politico”, consegnato una volta ogni cinque anni, che si concentra sulle ideologie e sugli obiettivi a lungo termine del Partito Comunista Cinese. Al contrario, molti si aspettavano un “rapporto di lavoro” che affrontasse le sfide a breve termine della Cina e fornisse soluzioni per il futuro.

La distinzione è importante. Sebbene i rapporti di lavoro includano anche segnalazioni politiche, sono più diretti nella loro risposta a politiche e obiettivi specifici e sono più orientati alle sfide attuali. Con questo contesto in mente, ha senso il motivo per cui eventi attuali come la crisi immobiliare e le future politiche COVID potrebbero non essere stati affrontati direttamente. Tuttavia, la retorica indica un’ampia direzione di pensiero da cui possiamo dedurre potenziali risultati.

Nel complesso, il rapporto di Xi è stato coerente con la direzione politica che abbiamo visto dalla Cina negli ultimi anni. Lo sviluppo rimane una priorità assoluta per il Partito, promosso sotto il tema della ‘modernizzazione in stile cinese’. Xi ha invitato il Partito a superare lo “sviluppo squilibrato e inadeguato” in tutto il Paese per soddisfare meglio “i bisogni delle persone per una vita migliore”. Lo vediamo strettamente correlato all’attenzione della Cina sulla “prosperità comune” e ci aspettiamo che il Partito elabori maggiormente questa idea nei futuri incontri politici.

Advertisement

Strettamente allineati allo sviluppo sono gli obiettivi impliciti di crescita a lungo termine, che sembrano rimanere intatti. Xi ha sottolineato l’importanza di una crescita più inclusiva e di alta qualità, piuttosto che concentrarsi sugli obiettivi di crescita del PIL. Tuttavia, ha anche riconosciuto che è necessario un tasso di crescita ragionevole, mantenendo l’obiettivo a lungo termine che entro il 2035 il PIL pro capite della Cina raggiunga quello di un “paese di medio livello sviluppato”. L’analisi iniziale suggerisce che per raggiungere questo obiettivo, la Cina dovrà raggiungere un tasso di crescita medio annuo di circa il 4,7% nel periodo 2021-2035.1 Tuttavia, dati i venti contrari strutturali in atto, come il declino del settore immobiliare, l’invecchiamento della popolazione e le tensioni geopolitiche, nei prossimi anni i responsabili politici potrebbero dover adottare una posizione politica più favorevole alla crescita. Tuttavia, riteniamo che la volontà di fissare obiettivi di crescita a lungo termine sia un segnale positivo del fatto che questa generazione di leader continuerà ad avere la crescita tra le massime priorità.

Altrove, la sicurezza e l’autosufficienza sono diventate sempre più importanti, ma non prevalgono sugli obiettivi di sviluppo. Le principali aree di interesse includono cibo, energia e sicurezza della catena di approvvigionamento, mentre sono state riconosciute anche altre aree, come dati, infrastrutture, finanza e cultura.

Infine, in termini di ideologia, gli investitori possono esprimere preoccupazione per la concentrazione del processo decisionale. Con Xi che inizia il suo terzo mandato e promuove quattro nuovi membri nel Comitato permanente del Politburo (PSC) a sette seggi, il PSC ha ora una quota maggiore di protetti di Xi. Questa configurazione solleva interrogativi sui controlli e gli equilibri in atto e sui potenziali rischi di errori politici. In alternativa, potrebbe portare solidarietà al più alto livello e consentire un’esecuzione politica più efficace e riforme più audaci. Monitoreremo da vicino le prossime sessioni politiche con il PSC per determinare la capacità del comitato di stabilire politiche future.

Man mano che si verifica un graduale allentamento, iniziano a comparire cambiamenti nella messaggistica

Importanti eventi politici, un inverno freddo che favorisce le infezioni e i movimenti di massa del capodanno cinese ci hanno portato a credere che la riapertura sarà un processo graduale che difficilmente culminerà prima della seconda metà del 2023. Gli eventi chiave includono la Central Economic Work Conference di dicembre 2022 e il Congresso nazionale del popolo nel marzo 2023. Poco dopo il Congresso del partito, sembrava improbabile che il Partito cambiasse radicalmente il suo messaggio zero-COVID. La situazione sta iniziando a cambiare dopo una serie di proteste alla fine di novembre, quando il governo inizia a usare termini come “zero-COVID dinamico (dongtai qingling)” sempre meno. Anche la discussione su come le varianti più recenti di COVID siano molto meno letali viene sempre più tollerata.

Advertisement

Subito dopo le 20th Congresso del Partito, ci sono stati i primi segnali di una graduale riapertura:

  • Una riapertura più rapida del previsto di Hong Kong;
  • Il governo cinese ha ripreso i visti elettronici e i viaggi di gruppo per i turisti della terraferma a Macao per la prima volta in quasi tre anni;
  • Ripresa della Maratona di Pechino il 6 novembre dopo essere stata annullata negli ultimi due anni; e
  • Le compagnie aeree cinesi hanno annunciato a metà ottobre che aumenteranno i voli internazionali nei prossimi due mesi.

Nel tempo trascorso dal Congresso del Partito, stanno emergendo ancora più segnali:

  • Le 20 misure per ottimizzare la politica zero-COVID hanno ridotto i tempi di quarantena, i requisiti di test ed eliminato il meccanismo di interruzione del circuito per i voli in entrata;
  • I media statali e i documenti governativi sembrano evitare il termine “zero-COVID dinamico”;
  • All’inizio di dicembre, una serie di annunci da parte dei governi locali ha reso i requisiti di test e quarantena molto meno rigorosi;
  • Gli annunci dei governi locali sono stati presto seguiti dall’annuncio del governo centrale di 10 nuove regole COVID, che richiedono un maggiore allentamento delle restrizioni.

Mentre questi segnali continuano ad arrivare, prevediamo di vedere ulteriori progressi verso un graduale allentamento nei prossimi due trimestri piuttosto che un improvviso cambiamento dall’oggi al domani, soprattutto perché l’attenzione rimane sulla costruzione di infrastrutture sanitarie legate al COVID e sull’aumento delle vaccinazioni. Mentre si verifica questo rilassamento, il graduale cambiamento nella messaggistica potrebbe continuare, con maggiore enfasi su come le varianti più recenti siano meno pericolose.

Un prerequisito per la riapertura della Cina è una vaccinazione di richiamo più efficace per raggiungere la massa critica contro la variante prevalente. Tuttavia, i tassi di vaccinazione, in particolare le dosi di richiamo, rimangono bassi in tutta la popolazione, in particolare per gli anziani. Il declino dell’immunità dopo diversi mesi significa che è necessaria una dose di richiamo affinché la popolazione mantenga la sua difesa contro la pandemia.

Tuttavia, la pipeline di nuove vaccinazioni e trattamenti Covid-19 mostra qualche promessa. Ad oggi, quattro vaccini Covid-19 hanno ottenuto l’approvazione per il mercato in Cina come regime di vaccinazione primaria, mentre altri tre hanno ottenuto l’approvazione per l’uso di emergenza. Sette candidati al vaccino mRNA sono in fase di sperimentazione clinica in Cina, con il vaccino mRNA del CSPC Pharmaceutical Group che sembra essere il candidato più promettente. In termini di farmaci terapeutici, la National Medical Products Administration (NMPA) cinese ha rilasciato l’approvazione condizionata per il “Paxlovid” di Pfizer e la pillola “Azvudine” di Henan Genuine Biotech per alcuni pazienti adulti. Anche il cocktail di anticorpi neutralizzanti Covid-19 di Brii Biosciences è stato approvato come terapia anticorpale.

Prospettive e ultimi aggiornamenti del settore dopo il congresso del partito

La tecnologia dell’informazione si muove verso l’innovazione e l’autosufficienza Il rapporto politico del presidente Xi menziona la continua ricerca cinese dell’autosufficienza tecnologica. Abbiamo già assistito a diversi round di supporto alle politiche che richiedono una maggiore localizzazione nell’intera catena di fornitura dell’hardware e nell’industria del software. Più specificamente per il software, c’è ancora un divario nelle capacità tecnologiche e nella stabilità delle prestazioni del software tra fornitori nazionali ed esteri in sottosettori come software di base (sistemi operativi, middleware e database), software industriale, pianificazione delle risorse aziendali (ERP) di fascia alta, ecc. Tuttavia, le società di software nazionali hanno investito molto nel talento negli ultimi dieci anni per migliorare le loro capacità di ricerca e sviluppo (R&S).

Advertisement

La tecnologia e i prodotti si stanno evolvendo a una velocità senza precedenti. Con una maggiore enfasi sull’autosufficienza, prevediamo una sostituzione accelerata ai prodotti software nazionali, a partire dalle istituzioni governative, poi alle imprese statali e infine ad altre imprese. Guardando oltre le sfide macroeconomiche a breve termine che ostacolano i budget IT del governo e delle imprese, prevediamo che una quota crescente della spesa in software da parte dell’intera nazione per digitalizzare continuamente e migliorare l’efficienza operativa.

In tutto il discorso di Xi, la sicurezza nazionale è stata sottolineata in parti dedicate e separate. Con l’economia cinese in fase di trasformazione digitale accelerata, la sicurezza informatica rimarrà probabilmente uno dei settori software strategicamente più critici per aiutare a salvaguardare le risorse digitali dagli attacchi. Sono già state rilasciate linee guida normative più granulari, come MLPS 2.0 (Multi-Level Protection Scheme). Lo schema classifica i rischi per la sicurezza delle informazioni in cinque livelli che vanno dalle minacce agli interessi individuali alle minacce alla sicurezza nazionale e richiede alle imprese e ai governi locali di investire in tecnologie/prodotti pertinenti. Poiché la tecnologia della sicurezza informatica si evolve rapidamente, è probabile che i principali attori del settore continueranno a investire nello sviluppo di tecnologie all’avanguardia.

C’era poca menzione delle società Internet nel rapporto del Congresso del partito di Xi e prevediamo che la maggior parte delle normative del settore pesante siano in gran parte alle nostre spalle. L’enfasi sulla “crescita di alta qualità” per l’economia cinese dovrebbe significare una concorrenza leale per tutte le piattaforme Internet e potenzialmente una maggiore attenzione alla redditività invece di crescere a tutti i costi.

Le batterie e l’energia pulita potrebbero continuare a beneficiare di politiche favorevoli Dopo il Congresso del Partito, non prevediamo alcun rischio politico a livello di settore per il settore delle batterie e dell’energia pulita. Gli obiettivi di sviluppo nei prossimi cinque anni includevano una crescita di alta qualità, progressi nell’autosufficienza tecnologica e un’ulteriore apertura per catene di approvvigionamento sicure nel mercato globale. La Cina ha sottolineato molte volte l’importanza della produzione ad alta tecnologia, compresa la catena del valore dei veicoli elettrici (EV) e la transizione energetica attraverso l’eolico e il solare sulla scia della neutralità del carbonio. Pertanto, riteniamo che la batteria e l’energia pulita continueranno a beneficiare di politiche favorevoli a medio e lungo termine.

Advertisement

Di fatto, la Cina è diventata il più grande mercato di batterie e solare in termini di domanda e produzione, dominando molti segmenti lungo la catena di fornitura, come anodi, separatori, polisilicio, wafer, celle, ecc. vantaggi nelle tecnologie delle batterie e dell’energia pulita, costo e scala di produzione. Le spedizioni di batterie prodotte in Cina probabilmente aumenteranno grazie all’accelerazione della penetrazione dei veicoli elettrici con modelli di auto più popolari e policy ta ilwinds. I principali produttori di batterie consolidano la loro competitività irrompendo nelle catene di approvvigionamento delle case automobilistiche globali ed espandendo la produzione locale all’estero. Il settore dello stoccaggio di energia ha assistito a una rapida crescita quest’anno grazie all’accelerazione dell’energia pulita in Europa a seguito della recente crisi energetica. La domanda di accumulatori di potenza ed energia rimane solida guardando al 2023.

Anche la domanda di energia solare ed eolica sta crescendo rapidamente nonostante l’aumento dei costi delle materie prime. È probabile che le installazioni solari domestiche superino almeno i 75 GW entro la fine dell’anno, mentre i progetti D/G residenziali e commerciali sono le principali fonti di domanda per una migliore redditività.2 Prevediamo che la domanda da progetti di parchi solari su larga scala aumenterà il prossimo anno quando la carenza di polisilicio si attenuerà.

Gli obiettivi di produzione passano dalla scala alla sofisticazione La produzione continua a essere uno dei principali segmenti di pane e burro in Cina, con il paese al primo posto a livello mondiale in termini di scala di produzione e in base al valore dei beni scambiati. Nell’ultimo rapporto del Congresso del Partito, la principale direzione di crescita rilevante era incentrata sull’innovazione e sulla sicurezza della catena di approvvigionamento. Coerentemente con il desiderio di uno sviluppo nazionale di qualità superiore, la Cina vuole aggiornare i propri standard di produzione, passando gradualmente dalla produzione in scala alla produzione avanzata.

L’innovazione continua è la chiave per una produzione avanzata, che deve essere svolta a livello aziendale. Il termine “Piccoli giganti” è stato introdotto per la prima volta nel 2018 e poi ulteriormente classificato nel 2021 in piccole e medie imprese (PMI) specializzate, raffinate, differenziate e innovative. A settembre 2022, ci sono 8.997 aziende nell’universo completo di “Little Giants”.3 Molte di queste società sono state selezionate dalle autorità cinesi e appaiono strategicamente importanti per la Cina in termini di sostenibilità della crescita e sicurezza nazionale. A queste entità aziendali vengono offerti vari incentivi politici, inclusi incentivi fiscali, incentivi fiscali, disponibilità di finanziamenti, allocazione delle risorse e reclutamento di talenti. Riteniamo che queste forme di supporto siano essenziali per l’innovazione e continueranno nei prossimi anni.

Advertisement

Anche la sicurezza della catena di approvvigionamento e la sicurezza nazionale sono elementi chiave menzionati nella relazione. Con i blocchi indotti dalla pandemia e le accresciute tensioni geopolitiche, la gestione della supply chain è diventata più importante e impegnativa. È fondamentale per la Cina raggiungere un certo grado di indipendenza della catena di approvvigionamento e assicurarsi che le parti e i componenti principali possano essere localizzati. Quindi, vediamo un forte appetito per i prodotti cinesi per guadagnare gradualmente quote di mercato da parte di attori stranieri, anche in applicazioni avanzate come robotica, parti di veicoli e software industriale.

L’allocazione delle risorse e la commercializzazione diventano priorità per le biotecnologie Il settore sanitario cinese, in particolare i sottosettori CRO (Organizzazione per la ricerca clinica) e CDMO (Organizzazione per lo sviluppo clinico e la produzione), ha registrato una netta correzione a seguito dell’ordine esecutivo (EO) del governo degli Stati Uniti su biotecnologie e bioproduzione. Il 12 settembre, il governo degli Stati Uniti ha approvato un mandato di acquisto con l’obiettivo di 1) aumentare la sua capacità di produzione biologica nazionale e garantire le catene di approvvigionamento, 2) incoraggiare la ricerca e lo sviluppo per promuovere scoperte mediche e 3) costruire e proteggere l’ecosistema biotecnologico statunitense, compresa la raccolta di dati, sicurezza dei dati e condivisione dei dati con i partner.

Giorni dopo, la Casa Bianca ha rilasciato maggiori dettagli su un budget di finanziamento specifico con oltre 2 miliardi di dollari per far avanzare l’iniziativa di biotecnologia/bioproduzione per abbassare i prezzi, creare posti di lavoro e rafforzare le catene di approvvigionamento. Il finanziamento maggiore è stato assegnato all’espansione della bioproduzione interna con il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

A nostro avviso, l’EO non è neanche lontanamente potente quanto l’investimento di 52 miliardi di dollari nel “CHIPS and Science Act”. Riteniamo che l’OE abbia un impatto limitato sull’industria della bioproduzione cinese in questa fase poiché non ci sono restrizioni specifiche sulla Cina, né menziona alcuna restrizione specifica su prodotti biologici, biotecnologie, catene di approvvigionamento o materie prime chiave.

Advertisement

Con una base elevata nel 2022 per le società CRO/CDMO con ricavi COVID, è probabile che il mercato sia più ottimista fino a quando non ci sarà maggiore visibilità sulla consegna dei ricavi nel 2023. La maggior parte delle aziende vede un impatto limitato dall’inflazione, che può trasferire ai clienti a valle, e la visibilità del portafoglio ordini rimane molto elevata. Inoltre, l’espansione della capacità rimane in corso, guidata da una forte domanda da parte dei clienti.

Per le aziende biotecnologiche, riteniamo che la ridefinizione delle priorità delle pipeline per ottimizzare l’allocazione e la commercializzazione delle risorse diventerà la prossima area di interesse. Abbiamo visto i primi segni di aziende che ridefiniscono le priorità e sono agili nel panorama competitivo in evoluzione per le loro risorse. Per le aziende più affermate, la ripresa delle vendite post-lockdown da COVID sarà probabilmente l’obiettivo principale dopo l’apertura.

La performance discrezionale dei consumatori dipende da una possibile riapertura I consumi cinesi sono stati fortemente influenzati dalla politica zero-Covid nel 2022, soprattutto quando le principali città come Shanghai hanno subito blocchi in tutta la città ad aprile e maggio. Da allora, abbiamo assistito a una graduale ripresa, ma la fiducia dei consumatori rimane bassa sotto la politica zero-COVID, che è diventata più severa in ottobre prima della riunione del CPC.

Sebbene la politica zero-COVID possa essere qui per restare, prevediamo un graduale allentamento verso la riapertura nei prossimi trimestri. Abbiamo già visto alcuni progressi con il governo che ha ridotto le restrizioni a Hong Kong e Macao prima del previsto, mentre la Maratona di Pechino riprenderà per la prima volta dalla pandemia. Questi piccoli cambiamenti dovrebbero migliorare gradualmente la fiducia dei consumatori e portare a una ripresa dei consumi. I settori discrezionali e dei servizi dovrebbero trarne i maggiori benefici, soprattutto dove la politica zero-COVID ha avuto un impatto sulla domanda e, di conseguenza, la domanda repressa è elevata.

Advertisement

Con la conferma dei nuovi membri del Politburo, ci aspettiamo che il governo si concentri nuovamente sulla crescita, poiché lo sviluppo economico è la chiave per risolvere molte questioni sociali. Prevediamo di vedere più politiche di allentamento per stimolare i consumi interni nei prossimi trimestri.

Con un graduale processo di riapertura, il consumo complessivo potrebbe rimanere debole per i prossimi 3-6 mesi, ma molto di questo è già scontato. Nel complesso, riteniamo che ciò rappresenti una buona opportunità di acquisto per investire in società di consumo di alta qualità nei prossimi trimestri man mano che otteniamo maggiore visibilità sul percorso verso la riapertura e il sostegno del governo per stimolare la domanda interna e guidare la crescita economica.

Il supporto per i semiconduttori e l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare a compensare i venti contrari del controllo delle esportazioni I semiconduttori e l’intelligenza artificiale (AI) rimangono aree di interesse strategico chiave nello sviluppo tecnologico della Cina. La più ampia direzione politica che raccogliamo dal Congresso del Partito rimane coerente con le politiche precedenti: 1) concentrare le risorse sulla tecnologia all’avanguardia e sviluppare l’indipendenza nella catena di approvvigionamento principale e 2) creare un ecosistema competitivo per incoraggiare l’innovazione e attrarre talenti.

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha pubblicato una nuova serie di controlli sulle esportazioni di apparecchiature informatiche avanzate e semiconduttori in Cina. In breve, le nuove regole mirano principalmente a limitare le capacità produttive della Cina in logica avanzata (16 nm o inferiore) e chip di memoria (128 strati NAND, 18 nm DRAM o più avanzati), nonché l’accesso ai semiconduttori di calcolo ad alte prestazioni delle società statunitensi.

Advertisement

Ci aspettiamo che il governo cinese introduca politiche favorevoli a sostegno dei semiconduttori e dell’IA, e maggiori dettagli emergeranno man mano che ci avvicineremo alle due sessioni di marzo 2023. Ad esempio, il governo di Shenzhen ha recentemente elaborato una nuova serie di politiche per fornire sussidi in chiave sanzionata sottosettori dei semiconduttori. I sussidi vanno da 5 milioni di RMB per gli individui a 15 milioni di RMB per aziende/progetti.4

Note a piè di pagina

1. Hancock, T. (2022, 29 ottobre). La Cina ha un nuovo sistema di crescita opzionale bersagli. Bloomberg.

2. Xu, M. e Stanway, D. (2022, 23 febbraio). La capacità di energia solare della Cina è prevista per un aumento record nel 2022 – ente di settore. Reuters.

3. Feng, C. (2022, 9 settembre). Tecnologia/Politica: la Cina ha nominato quasi 9.000 “piccoli giganti”. spingere a preferire le tecnologie sviluppate in casa da aziende più piccole. South China Morning Post (SCMP).

Advertisement

4. Commissione municipale per lo sviluppo e la riforma di Shenzhen. (2022, 11 ottobre). Invito a presentare commenti: avviso dello sviluppo municipale di Shenzhen e Commissione di riforma sulla sollecitazione pubblica di pareri su “diverse misure per promuovere lo sviluppo di alta qualità dell’industria dei semiconduttori e dei circuiti integrati a Shenzhen (Bozza per commenti)”.

Informazioni fornite da Global X Management Company LLC.

L’investimento comporta dei rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. La diversificazione non garantisce un profitto né una garanzia contro una perdita.

Questo materiale rappresenta una valutazione dell’ambiente di mercato in un momento specifico e non intende essere una previsione di eventi futuri o una garanzia di risultati futuri. Queste informazioni non sono intese come consulenza fiscale o di investimento individuale o personalizzata e non devono essere utilizzate per scopi commerciali. Si prega di consultare un consulente finanziario o un professionista fiscale per ulteriori informazioni riguardanti il ​​proprio investimento e/o la propria situazione fiscale.

Advertisement

Nota dell’editore: I punti riassuntivi per questo articolo sono stati scelti dagli editori di Seeking Alpha.

Questo articolo è stato scritto da

Fondata nel 2008, Global X è uno sponsor di fondi negoziati in borsa (ETF). Ci distinguiamo per i nostri ETF Thematic Growth, Income e International. Esplora i nostri approfondimenti sulle tendenze e sui temi che modellano i mercati globali, dalla tecnologia alle materie prime alle economie emergenti, su globalxfunds.com/research. Global X ETFs è membro del Mirae Asset Global Investments Group. Comunicazioni importanti: globalxfunds.com/privacy

Advertisement
Advertisement

Trending