Entra in contatto con noi

Attualità

Cosa fare se la ditta edile non completa i lavori?

Pubblicato

il

(Money.it) Per l’esecuzione di lavori, specie se piuttosto imponenti, incaricare una ditta edile sembra la soluzione più efficace in termini di qualità e tempistiche dello svolgimento. Cosa succede, però, se la ditta non completa i lavori? Ovviamente la legge prevede dei mezzi di tutela per il committente, che vanno dall’intimazione ad adempiere al risarcimento del danno per l’inadempimento.

Quando ci si può difendere se la ditta edile non completa i lavori

Se la ditta edile interrompe i lavori o non li termina entro il periodo previsto è necessario adire le vie legali, promuovendo una causa civile necessaria a quantificare l’inadempimento e predisporre, poi, le risoluzioni. A tal fine, il contratto sottoscritto dalle parti è senza dubbio una prova definitiva dell’obbligo in capo alla ditta, ma non è indispensabile. In particolare, è sufficiente qualsiasi prova documentale, ad esempio il preventivo dell’appaltatore, purché provi che i lavori sono stati affidati in un unico momento, e non in tempi diversi.

Advertisement

La dimostrazione che la commissione alla ditta edile comprendesse anche i lavori non eseguiti è indispensabile per determinare l’inadempimento, basato quindi sulla differenza fra le opere previste e quelle mancanti. Nel dettaglio, presupponendo la natura indivisibile della prestazione si configura un inadempimento totale anche nel caso di inadempimento parziale. In altre parole, se la ditta ha già eseguito alcuni lavori ma li abbandona senza completarli, è imputabile per l’inadempimento totale, in quanto la commissione prevedeva la realizzazione unitaria del pr


© Money.it

Advertisement

Leggi l’articolo completo su Money.it

Advertisement