Entra in contatto con noi

Mercati americani

Cosa sanno gli investitori più intelligenti sulle azioni Netflix

Pubblicato

il

Netflix (NFLX 0,81%)insieme a molti dei suoi rivali in streaming, ha dimostrato un’enorme crescita nel 2020 e nel 2021, ma l’anno scorso è stato preoccupante per l’azienda poiché il mondo si è in gran parte ripreso dai blocchi dovuti al COVID-19. Per la prima volta in più di un decennio, Netflix ha perso abbonati, portando a un forte calo del prezzo delle sue azioni.

Lo streamer ha reagito rapidamente, annunciando un piano supportato dalla pubblicità e impegnandosi a reprimere la condivisione delle password. Ma nonostante questi sforzi, le azioni di Netflix sono ancora in calo di quasi il 40% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Questa non è l’intera storia e gli investitori esperti sanno che l’azienda ha alcune strategie audaci per sbloccare la crescita futura. Diamo un’occhiata.

Prime lotte pubblicitarie

Netflix ha lanciato il suo livello supportato dalla pubblicità nel novembre 2022. Soprannominato Basic with Ads, il piano da $ 6,99 al mese consente agli utenti di guardare la maggior parte (ma non tutta) della libreria di contenuti dell’azienda con l’annuncio occasionale.

Advertisement

Prima del suo lancio, Wall Street era ampiamente ottimista su Basic with Ads. Evercore L’analista di ISI Mark Mahaney ha citato come positivo il prezzo relativamente basso del prodotto, mentre John Blackledge di Cowen previsto che il livello potrebbe vedere Netflix aggiungere 4,3 milioni di abbonati nel 2023. Ma dal suo arrivo, ci sono segnali Basic with Ads non è il successo immediato molti se lo aspettavano.

Secondo la società di analisi Antenna, solo il 9% delle nuove iscrizioni a Netflix nel novembre 2022 ha optato per Basic with Ads. E se si deve credere a un rapporto di Digiday, lo streamer ha restituito denaro ad alcuni dei suoi partner di marketing perché non abbastanza persone visualizzano annunci sulla sua piattaforma.

La strategia della rampa

Parlando durante un panel al recente Consumer Electronics Show di Las Vegas, Jeremi Gorman, President of Worldwide Advertising di Netflix, ha suggerito che lo streamer non è interessato alle tariffe di iscrizione di Basic with Ads. “[W]Siamo contenti della crescita che stiamo vedendo”, ha osservato l’esecutivo, senza rivelare numeri.

A prima vista, le parole di Gorman potrebbero essere lette come discorsi di pubbliche relazioni, intese a respingere gentilmente i rapporti su Basic with Ads senza confutarli direttamente. Ma potrebbe esserci anche un’altra prospettiva: forse Netflix è “soddisfatto della crescita” perché vede il livello pubblicitario come un alimentatore per i suoi piani più costosi.

Advertisement

Allo stato attuale, Basic with Ads limita gli utenti, consentendo loro solo di guardare i contenuti su un singolo dispositivo alla volta, cosa che può rivelarsi difficile quando ci sono più persone in una famiglia. I livelli Standard e Premium più costosi di Netflix non hanno tali restrizioni e consentono inoltre agli utenti di visualizzare flussi di qualità superiore e di scaricare contenuti per la visualizzazione offline: funzionalità tutte mancanti da Basic con annunci.

Giocare a lungo

Alcuni osservatori del mercato hanno lanciato la possibilità che Basic with Ads possa cannibalizzare gli altri piani di Netflix, incoraggiando gli utenti a passare all’offerta più economica. Ma come ha spiegato Greg Peters, Chief Operating Officer e Chief Product Officer di Netflix, durante la chiamata sugli utili del terzo trimestre della società, questo è un rischio con cui lo streamer è a suo agio.

“Stiamo cercando di adottare un approccio pro-consumatore e una sorta di let [customers] trovare e atterrare sul piano giusto per loro”, ha osservato l’esecutivo. “[T]Di conseguenza, l’economia e le entrate andranno bene, anche se alcuni di questi consumatori cambiano piano”.

L’apparente facilità di Netflix con il tasso di adozione di Basic with Ads e la potenziale minaccia per gli altri suoi livelli dovrebbero fornire alle parti interessate un certo conforto. Anche se alcuni dei 223 milioni di clienti dello streamer passano a Basic with Ads, ciò dovrebbe aumentare la sua posizione presso gli esperti di marketing poiché più persone vedono gli annunci. E man mano che le visualizzazioni degli annunci aumentano, Netflix può quindi aumentare le tariffe che addebita agli inserzionisti.

Advertisement

La società non ha rivelato il numero di registrazione per Basic with Ads, quindi sarà qualcosa che gli investitori dovranno tenere d’occhio quando la società pubblicherà i risultati del quarto trimestre il 19 gennaio. sono migliori di quanto indicato dai rapporti: gli investitori possono avere più fiducia che la società stia iniziando a capire lo spazio supportato dalla pubblicità e come trasformarlo in un vero motore di entrate a lungo termine.

Tom Wilton non detiene alcuna posizione in nessuno dei titoli citati. The Motley Fool ha posizioni e raccomanda Netflix. Il Motley Fool ha un politica di divulgazione.

Advertisement

Trending